• No ai pesci giganti in acquario
  • No ai pesci rossi nella boccia
  • I pesci pulitori non esistono!
  • No ai pesci colorati artificialmente
  • No ai pesci combattenti nei vasi
  • No alle tartarughe nelle mini vaschette

Danio

Informazioni e notizie sulla tassonomia e sulle specie appartenenti al genere Danio

Danio sp. 'Hikari' - Foto © Peter Maguire

La Tassonomia

In base ad una riclassificazione sistematica, quello che era il genere Brachydanio è stato eliminato, e tutti i suoi appartenenti sono stati spostati nei generi Danio, Devario, Barilius, Rhodeus. Nel 2009, in seguito ad un'ulteriore revisione, quella che era conosciuta prima come Microrasbora sp "Galaxy", poi come Celestichthys margaritatus, è stata ascritta al genere Danio, diventando Danio margaritatus; infine Kottelat nel 2013 ha rivalidato Celestichthys margaritatus.

Il genere Danio appartiene alla Famiglia dei Cyprinidae (dal greco kyprinos = pesce rosso), una grande ed eterogenea famiglia di pesci, che comprende attualmente più di 300 generi, per per un totale che supera le 2400 specie, presenti sia in acqua dolce che in acqua salmastra, molte delle quali diffuse in ambito acquariofilo.
In natura sono distribuiti in Nord America, Africa, ed Eurasia.
La famiglia dei Cyprinidae appartiene all'Ordine dei Cypriniformes, che a sua volta comprende attualmente queste famiglie:

  1. Balitoridae
  2. Catostomidae
  3. Cobitidae
  4. Cyprinidae
  5. Gyrinocheilidae

Il raggruppamento putativo dei Danioninae ha subito qualche significativo rimpasto tassonomico negli ultimi anni, in seguito alla pubblicazione di una serie di studi filogenetici. Le filogenesi molecolari più vecchie tendevano a concordare sul fatto che rappresentava un gruppo monofiletico costituito da due grandi clade: il gruppo (o clade) di "Danio devario" che contiene le specie più grandi e più profonde di corpo, e il gruppo (o clade) di "Danio rerio" che comprende le specie più piccole e più snelle.

Tuttavia nel 2003, Fang ha condotto uno studio più dettagliato sulla base di caratteri morfologici che comprendeva membri di altri generi correlati, e i risultati proposti per la prima volta furono che il genere Danio come precedentemente considerato rappresenta un raggruppamento polifiletico, vale a dire in cui non tutti i membri sono derivati da un singolo antenato comune. Il nome di genere Devario è stato ammesso solo per le specie più grandi, mentre il nome di genere Danio viene applicato solo per i pesci più piccoli (con l'eccezione della specie tipo, Danio dangila che può crescere a circa 89 mm SL).

Recenti studi molecolari di Mayden et al. (2007) e Fang et al. (2009) hanno determinato ulteriori modifiche, con quest'ultimo studio che considera il genere Danio come composto da tre sottogruppi (o sottoclade). Questi sono stati poi divisi in generi distinti da Kottelat (2013), come segue: La prima specie Danio erythromicron, Danio margaritatus, Danio choprae e Danio flagrans sono raggruppati nel genere rinnovato Celestichthys Roberts, 2007. Questi mostrano un disegno della livrea unico, composto da barre verticali (Celestichthys erythromicron, Celestichthys choprae, Celestichthys flagrans) o punti luce (Celestichthys margaritatus) e possiedono sia barbigli molto brevi o del tutto assenti. Il genere Danio contiene solo le specie tipo, Danio dangila, separato sulla base delle sue grandi dimensioni e della forma della pinna caudale, che negli adulti è solo leggermente concava o anche tronca, una caratteristica che condivide solo con Tinca tinca tra gli altri ciprinidi. Le specie rimanenti, di cui si pensa che Danio rerio sia la più antica, sono state incluse nel genere rinnovato Brachydanio Weber & de Beaufort 1916, e quindi riascritte da Kottelat nel 2013 nel genere Danio.

  • Tutte le specie di Danio devono vivere in gruppo
  • Solo Danio rerio viene allevato per il commercio acquariofilo; le altre specie di Danio sono catturate in natura
Specie nel sito
Danio albolineatus catturato in natura, in Thailandia orientale - Foto © Nonn Panitvong (Siamensis.org)
Pearl danio
Aspettativa di vita: 5 - 10 anni
Dimensioni massime: 6.5 cm SL

Altro Danio abbastanza diffuso in commercio, il 'Pearl danio' ha una colorazione perlata iridescente che dà il meglio in acquari con la luce smorzata da molte piante e fondo scuro, mentre appare pallido e sbiadito se messo in vasche spoglie.

Danio rerio - Foto © Beta Mahatvaraj
Zebra danio; in Italia anche 'juventini' :)
Aspettativa di vita: 5 - 10 anni
Dimensioni massime: 4 cm SL

E' uno dei pesci più popolari, e meritatamente perché è pacifico, gran nuotatore, resistente e poco costoso. Purtroppo essendo stato allevato e riprodotto in gran numero ai fini commerciali per molti anni, i continui incroci tra consanguinei hanno portato ad un peggioramento delle condizioni degli esemplari in vendita, che sviluppano spesso deformità e malattie.

Tutto Quello Che Avreste Sempre Voluto Sapere Ma Non Avete Mai Osato Chiedere...
i messaggi più interessanti tratti da it.hobby.acquari

Aggiungi un commento

Avviso per chi vuole lasciare un commento: Questo è un sito amatoriale, che vuole diffondere una maggiore conoscenza e consapevolezza sulle specie allevate in acquario, ed è gestito da una sola persona. Se avete qualche commento da fare riguardo al sito o a questa pagina siete i benvenuti, ma per richieste d'aiuto e/o consigli per il vostro acquario è meglio rivolgervi dove ci sono più persone in grado di rispondervi, come i forum dedicati, posso consigliarvi i miei preferiti, acquariofiliafacile.it e acquarioacquadolce.it, per serietà ed attendibilità, ma ce ne sono molti altri :)

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.

Sui Pesci Rassicuranti (P.V. Loiselle)

Spiegazione precisa e dettagliata su cosa si intende per pesci rassicuranti (dither fish) e sul perchè siano di grande beneficio negli acquari dedicati ai ciclidi; inoltre viene spiegata la differenza tra pesci rassicuranti e pesci bersaglio (target fish), termini spesso confusi tra loro - traduzione in italiano di un articolo di Paul V. Loiselle

Viaggio alla ricerca di Puntius denisonii

Madan e i suoi amici in un'estenuante viaggio nel weekend alla ricerca dell'inafferrabile Puntius denisonii, una splendida specie della quale si conosce pochissimo. La descrizione particolareggiata del loro habitat e le belle foto sono tra le pochissime, forse uniche, cose che si trovano in rete su questa specie - traduzione in italiano di un articolo di Madan Subramanian

Torrente nelle foreste della Thailandia meridionale

Descrizione dell'allestimento di un acquario riproducente un biotopo di un torrente delle foreste della Tailandia meridionale, prospettandone tre ambienti tipici (zone soleggiate, ombreggiate e rapide) con abbondanza di foto - traduzione in italiano di un articolo di Rhett A. Butler

Fiume Indo/birmano

Indicazioni per cercare di ricostruire idealmente in acquario un biotopo simile a quello che si ritrova in un fiume indo/birmano, con l'indicazione di tutte le specie di piante e pesci nativi di quelle zone, e belle foto degli habitat acquatici naturali dell'India e della Birmania - traduzione in italiano di un articolo di Rhett A. Butler