• No ai pesci giganti in acquario
  • No ai pesci rossi nella boccia
  • I pesci pulitori non esistono!
  • No ai pesci colorati artificialmente
  • No ai pesci combattenti nei vasi
  • No alle tartarughe nelle mini vaschette

Melanotaenia boesemani

Allen & Cross, 1980

Questa specie dalla colorazione unica è uno dei pesci arcobaleno più popolari in acquariofilia e si trova facilmente in commercio nella forma giovanile, anche se i migliori colori saranno mostrati in età adulta. Nonostante le dimensioni abbastanza ridotte, non è adatto ad acquari piccoli perché deve vivere in gruppo ed ha bisogno di nuotare e muoversi molto.

Melanotaenia boesemani, maschi in parata - Foto © Gunther Schmida

nome comune
Boeseman's rainbowfish
etimologia

Melanotaenia: da greco, melan, -anos = 'nera' + dal latino, taenia = 'striscia'
boesemani: in onore del Dott. Marinus Boeseman, che raccolse l'esemplare tipo della specie.

dimensioni massime in natura
11 cm SL i maschi, 8 cm SL le femmine
aspettativa di vita
5 - 8 anni

Questa specie dalla colorazione unica è uno dei pesci arcobaleno più popolari in acquariofilia e possono essere trovati nella maggior parte dei negozi. Tuttavia, quasi tutti i pesci in commercio sono allevati in massa negli allevamenti di pesci dell'Estremo Oriente e dell'Europa dell'Est.
Melanotaenia boesmani è in realtà abbastanza raro in natura, ed è nella lista rossa IUCN delle specie minacciate di estinzione. Purtroppo questa è una specie su cui il commercio acquariofilo ha avuto un effetto dannoso in maniera massiccia, si stima che vengano catturati un milione di pesci all'anno per rifornire stock di riproduttori per il commercio.

Il colore della livrea dei maschi Melanotaenia boesemani è completamente diverso dalla maggior parte degli altri rainbowfish, in quanto da adulti mostrano un colore diverso per ogni metà anteriore/posteriore del corpo: la testa e la parte anteriore del corpo sono di un brillante bluastro-grigio, talvolta quasi nerastro, mentre le pinne e la parte posteriore del corpo sono sostanzialmente di un luminoso rosso arancione. Tra queste due aree, o approssimativamente appena dietro la pinna pettorale, si alternano barre verticali chiare e scure. La loro colorazione selvatica può sbiadire un po' in cattività, probabilmente a causa di qualcosa che manca nella dieta, o della natura della prigionia stessa. Possono raggiungere una lunghezza massima di 12 cm, ma sono di solito meno di 10 cm.

Se desiderate acquistare qualcuno di questi pesci arcobaleno, non cercate i pesci ritratti nelle foto! Gli esemplari adulti sono raramente in commercio, sono sempre offerti in vendita pesci che sono poco più di avannotti. Tuttavia, basta avere un po' di pazienza (con una buona dieta, il pieno sviluppo del colore si può avere nell'arco di 12 mesi), e sarete ricompensati con quella che è sicuramente una delle più belle specie d'acqua dolce tropicali disponibili in acquariofilia.

Morfologia: Spine dorsali (totale): 5 - 7; Raggi dorsali molli (totale): 10-14; Spine anali 1; Raggi anali molli: 17 - 23

distribuzione

Asia: noto solo nella regione dei laghi Ajamaru nella Penisola Vogelkop, Irian Jaya, Indonesia. Ritrovato anche nel lago Aitinjo, a 20 km a sud est dei laghi Ajamaru.

habitat

Ambiente: bentopelagico, acqua dolce; clima tropicale.
Ha una distribuzione molto limitata in natura, essendo stato ritrovato solo in una zona di tre laghi conosciuti come Ajamaru, nella remota penisola Vogelkop di Irian Jaya, e vicino ai laghi Hain e Aitinjo. I pesci arcobaleno tendono a raggrupparsi nelle limpide acque poco profonde dei laghi, dove la vegetazione acquatica cresce molto densamente. I laghi sono caratterizzati da acqua dura e alcalina (pH 8,0-9,0), anche se i pesci si trovano anche in alcuni affluenti circostanti con chimica dell'acqua molto diversa (pH 6,0-6,5).

Melanotaenia boesemani nel suo habitat naturale, torrente Framu vicino al lago Ayamaru - Foto © Marten Salossa (Save Ayamaru Lakes)

temperatura in natura
27 - 30°C
valore pH in natura
7.0 - 8.0
valori acqua in natura
dH range: 9 - 19
allevamento

Dimensioni minime dell'acquario: 120 cm di lunghezza per un gruppo di 8-10 esemplari, sono molto attivi ed hanno bisogno di nuotare molto.
Questa specie, come la maggior parte dei pesci arcobaleno, sembra più a suo agio in un acquario piantumato. Fornire aree di vegetazione fitta, insieme ad alcune aree aperte per il nuoto. L'altro arredamento non è particolarmente importante; la scelta delle piante deve riflettere le condizioni di acqua dura e alcalina preferite dai pesci. La filtrazione e la manutenzione dell'acquario devono essere molto efficienti per incoraggiare i pesci maschi a sviluppare la loro spettacolare colorazione.

Comportamento e compatibilità: E' un pesce molto tranquillo, ma può disturbare pesci più piccoli o lenti con i suoi movimenti rapidi e incessanti, e per le dimensioni relativamente grandi. Buoni compagni di vasca possono essere altri pesci arcobaleno di dimensioni analoghe, caracidi, Danio, Barbus, Corydoras. Può essere piuttosto timido ed è molto meglio allevarlo in un branco di almeno 6-8 pesci, preferibilmente di più. I maschi inoltre in compagnia dei conspecifici saranno incoraggiati a mostrare i loro migliori colori. Ovviamente per un grande gruppo è necessario un acquario di dimensioni adeguate.

alimentazione

L'alimentazione in acquario non presenta problemi, accettano di buon grado qualsiasi tipo di mangime secco, congelato e vivo. Una dieta che offre regolarmente questi due ultimi cibi assicura la loro migliore colorazione.

  • Specie che deve vivere in gruppo, non meno di 6-8 esemplari
  • Specie che diventa abbastanza grande: 11 cm di lunghezza totale, ma soprattutto è molto attiva e nuota molto
  • Specie riprodotta in genere in cattività per il commercio acquariofilo, anche se talvolta gli esemplari in commercio provengono dalla cattura in natura. Chiedete al vostro negoziante se i pesci che state per comprare sono d'allevamento o di cattura.
comportamento riproduttivo
Specie che rilascia le uova in acque aperte. Non si cura della prole.
dimorfismo sessuale
I maschi maturi sono più grandi e presentano una colorazione più brillante rispetto alle femmine. Inoltre hanno un corpo molto più profondo rispetto alle femmine.
riproduzione

Come le altre specie di Melanotaenia non è difficile da riprodurre in acquario, deponendo le uova in acque aperte, anche se gli avannotti possono essere un po' difficili da far crescere. L'acquario per la riproduzione deve essere lungo almeno 80 cm e contenere acqua leggermente dura e alcalina, con pH neutro e una temperatura di 24-26°C. Un piccolo filtro ad aria fornirà ossigenazione e corrente sufficienti. L'acquario deve essere pieno di piante a foglie sottili come muschio di giava, o di mop di nylon per la deposizione delle uova. Non è necessario nessun substrato.
E' meglio condizionare i pesci adulti in gruppo in un acquario separato, con abbondante cibo vivo e congelato. Quando saranno pronti le femmine appariranno gonfie di uova e i maschi saranno quasi costantemente in parata l'uno con l'altro. Selezionare la coppia più grassa e meglio colorata e introdurla nell'acquario per la deposizione, che può essere indotta da un piccolo aumento della temperatura. La coppia deporrà un po' di uova ogni giorno per un periodo di diverse settimane. Le uova rimangono attaccate alle superfici tramite un piccolo filamento. Gli adulti tendono a mangiarsi le uova, per cui è meglio far crescere gli avannotti in un acquario separato. Si consiglia di controllare le piante o i mop quotidianamente e rimuovere tutte le uova che vi si trovano, mettendole in un acquario di raccolta, contenente acqua prelevata dall'acquario principale.
Le uova si schiudono in 7-12 giorni, a seconda della temperatura, e i piccoli avannotti richiedono inizialmente cibo tipo infusori, prima di essere in grado di assumere microworm o naupli di artemia salina, dopo una settimana circa. Sono più adatti gli alimenti che galleggiano, perchè gli avannotti tendono a rimanere a stretto contatto con la superficie dell'acqua.

Tutto Quello Che Avreste Sempre Voluto Sapere Ma Non Avete Mai Osato Chiedere...
i messaggi più interessanti tratti da it.hobby.acquari

Aggiungi un commento

Avviso per chi vuole lasciare un commento: Questo è un sito amatoriale, che vuole diffondere una maggiore conoscenza e consapevolezza sulle specie allevate in acquario, ed è gestito da una sola persona. Se avete qualche commento da fare riguardo al sito o a questa pagina siete i benvenuti, ma per richieste d'aiuto e/o consigli per il vostro acquario è meglio rivolgervi dove ci sono più persone in grado di rispondervi, come i forum dedicati, posso consigliarvi i miei preferiti, acquariofiliafacile.it e acquarioacquadolce.it, per serietà ed attendibilità, ma ce ne sono molti altri :)

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.