• No ai pesci giganti in acquario
  • No ai pesci rossi nella boccia
  • I pesci pulitori non esistono!
  • No ai pesci colorati artificialmente
  • No ai pesci combattenti nei vasi
  • No alle tartarughe nelle mini vaschette

Poecilia sphenops

Valenciennes, 1846

Tra i più diffusi pesci d'acquario di comunità, sono in realtà tra quelli meno conosciuti e più bistrattati: sono pesci d'acqua salmastra, che diventano abbastanza grandi (le femmine possono arrivare ai 12 cm)

Coppia di Black Molly, Poecilia sphenops - Foto © Hristo Hristov

nome comune
Black Molly
sinonimi
Poecilia boucardii; Poecilia caudata; Poecilia chisoyensis; Poecilia dovii; Poecilia spilonota; Poecilia spilurus; Poecilia tenuis; Poecilia thermalis; Poecilia vandepolli arubensis; Poecilia vetiprovidentiae
etimologia

Poecilia: dal greco poikilos = con tanti colori

dimensioni massime in natura
8 cm TL i maschi, 12 cm TL le femmine
aspettativa di vita
5-6 anni

I molly, e in particolare i Black Molly, sono diffusissimi pesci d'acquario, hanno la fama di essere robusti e "facili", sono ovovivipari, cioè partoriscono piccoli già formati come gli altri appartenenti al genere Poecilia, e appartengono in genere alla specie Poecilia sphenops, anche se in commercio spesso si trova sotto lo stesso nome anche la varietà melanica (totalmente pigmentata di nero) anche di Poecilia mexicana.

In natura vivono in grandi lagune salmastre, presso la foce dei fiumi e sono stati ritrovati anche in acque completamente marine. Sono quindi pesci d'acqua salmastra, anche se vengono venduti come pesci d'acqua dolce. Vivere in acqua dolce non dà loro problemi, se si tratta di un periodo, ma a lungo andare provoca loro problemi di salute che riducono drasticamente la loro aspettativa di vita: soprattutto le fungosi possono diventare dirompenti e provocarne anche la morte, se non curate nell'unico modo in cui è possibile curarle: allevare i pesci rispettando le loro esigenze, in acqua salmastra.

Sento talvolta asserire che essendo stati riprodotti da generazioni in acqua dolce, quelli in commercio sono ceppi ormai adattati alla vita in acqua dolce... la cosa mi sembra abbastanza assurda: per fare un esempio, ci sono popolazioni umane che vivono a temperature proibitive, come gli eschimesi: da generazioni e generazioni vivono tra i ghiacci, eppure non escono mica dagli igloo in pantaloncini e maglietta, ma devono vestirsi di tutto punto, proprio come dovrei fare io se ci andassi... non dovrebbero secondo questa teoria essersi ormai adattati al gelo?
I pesci purtroppo non si possono nè vestire nè scoprire, nè mettersi due bombole d'acqua salata come noi le bombole da sub... dipendono da noi, che li chiudiamo tra quattro vetri per il solo piacere di osservarli, e quindi abbiamo il dovere di assicurare loro un'esistenza per lo meno dignitosa, rispettando le loro esigenze, senza farli correre nudi sulla neve :-D

Un altro aspetto che viene spesso sottovalutato è legato alle abitudini alimentari: i black molly, come gli altri molly, si nutrono principalmente di alghe e detriti vegetali, e questo fa sì che se vengono alimentati sempre con il comune mangime per pesci tropicali, in genere molto proteico perchè pensato per la maggior parte dei pesci, che sono onnivori/carnivori, tendono ad aver problemi di digestione e di fegato, che portano ad un accorciamento della loro aspettativa di vita. Per loro è da preferire un mangime a base vegetale, con i granelli di colore verde. Questo implica che non andrebbero allevati con altri pesci tropicali, perchè sarebbe impensabile fornire ad alcuni un tipo di mangime e ad altri un altro tipo, perchè i pesci si avventano sulla prima cosa che vedono, indipendentemente dal colore.

Sono disponibili molte forme di Poecilia sphenops create tramite incroci per il commercio acquariofilo, tra cui l'onnipresente Black Molly. Ci sono anche le varietà oro, verde, coda a lira, argento e dalmata. Alcuni di queste forme sono state ottenute da incroci tra Poecilia sphenops e Poecilia latipinna. Le due specie possono anche incrociarsi facilmente in acquario, per cui è preferibile tenere solo una di queste specie per vasca al fine di evitarlo. Esiste anche una grottesca varietà 'balloon' il cui corpo è malformato e arrotondato, il che dà loro un aspetto simile ad un palloncino. Sarebbe meglio evitare di comprare pesci con questa forma, perchè causa problemi digestivi e alla vescica natatoria e e può portare alla morte prematura dei pesci. Nella forma selvatica questo pesce è molto resistente, ma anni di incroci e di sovrapproduzione hanno portato al verificarsi del fenomeno dell'"imbreeding", cioè degli eccessivi incroci tra consanguinei, che porta ad un indebolimento del patrimonio genetico dei pesci, per cui molti dei molly oggi disponibili in commercio sono molto deboli e geneticamente inclini alle malattie. Ciò è particolarmente vero per la comune forma nera.
Anche se spesso viene consigliato ai principianti come un pesce da acquario di comunità, tutte le forme stanno molto meglio se allevate in condizioni leggermente salmastre e sono molto più inclini alle malattia quando vengono allevate in acqua dolce. In realtà questa specie è una scelta popolare per avviare il ciclo dell'azoto negli acquari marini appena allestiti e può vivere una vita felice in piene condizioni marine.

Poecilia sphenops - Foto di Roman Slaboch (FishBase.org)

Poecilia sphenops - Foto di Roman Slaboch (FishBase.org)

distribuzione

America Centrale e Sudamerica: dal Messico alla Colombia e al Venezuela.

habitat

Ambiente: bentopelagico; non migratori; acqua dolce e acqua salmastra; Clima: tropicale
Attualmente i pesci selvatici sono rari nel commercio acquariofilo, la stragrande maggioranza di quelli in vendita sono riprodotti e allevati commercialmente in Estremo Oriente e nell'Europa dell'Est.

temperatura in natura
18 - 28°C
valore pH in natura
7.5 - 8.2
valori acqua in natura
dH: 11.0 - 30.0
allevamento

Dimensioni minime dell'acquario: 90 cm di lunghezza per un gruppo di minimo 5-6 esemplari
Per farli vivere sani e a lungo bisogna allevarli in acqua salmastra, mentre in acqua dolce sviluppano malattie (principalmente fungosi) e vivono meno, anche se l'acqua è dura e basica.

Comportamento e compatibilità: è tranquillo e pacifico ma deve essere allevato ovviamente solo con pesci che hanno bisogno delle stesse condizioni d'acqua salmastra, quindi non è adatto alle comuni vasche di comunità. Buoni compagni di vasca possono includere altri Poecilia e alcuni pesci arcobaleno.

alimentazione

Onnivoro; alimentazione basata principalmente su parti di vegetali e alghe, solo occasionalmente vermi, crostacei, insetti. In acquario andrebbe alimentato mantenendo questa base vegetariana, fornendo cioè mangimi a base vegetale (di colore verde) e non il comune mangime per pesci tropicali (di colore rosso). Molto utile l'integrazione con vegetali freschi (spinaci, lattuga, zucchine, cetrioli, piselli, ecc. affettati e/o sbollentati)

  • Specie d'acqua salmastra
  • Specie che va allevata in gruppo, con 2-3 femmine per ogni maschio
  • Specie che diventa abbastanza grande: la femmina può raggiungere i 12 cm
  • Specie riprodotta in cattività, talvolta attraverso tanti incroci tra consanguinei da indebolire il loro patrimonio genetico e la loro stessa salute.
comportamento riproduttivo
Specie ovovivipara, fecondazione interna.
dimorfismo sessuale
Il maschio è più piccolo, più snello ed ha la pinna anale trasformata in gonopodio.
riproduzione

La riproduzione è molto facile se viene allevato con le condizioni dell'acqua corrette. Si riproduce nel modo comune ai pesci vivipari.
Come per altre specie i maschi possono essere un po' stressanti nella loro ricerca delle femmine, per cui è sempre consigliabile allevare diverse femmine per ogni maschio per suddividere tra loro le sue attenzioni. Aiuteranno anche aree fittamente piantumate.
La gestazione dura circa 8 settimane e non sono infrequenti grandi nidiate, fino a 120 avannotti. I pesci adulti, genitori compresi, predano i piccoli, per cui il metodo migliore per farne crescere un buon numero è quello di rimuovere la femmina gravida in un acquario separato e permetterle di partorire lì prima di rimetterla nell'acquario principale. L'utilizzo di sale parto o sale nido non è raccomandabile, in quanto le loro piccole dimensioni non sono adatte per l'allevamento degli avannotti.
Gli avannotti sono abbastanza grandi e accetteranno naupli d'artemia, gamberetti o mangime in fiocchi polverizzato già dalla nascita.

Aggiungi un commento

Avviso per chi vuole lasciare un commento: Questo è un sito amatoriale, che vuole diffondere una maggiore conoscenza e consapevolezza sulle specie allevate in acquario, ed è gestito da una sola persona. Se avete qualche commento da fare riguardo al sito o a questa pagina siete i benvenuti, ma per richieste d'aiuto e/o consigli per il vostro acquario è meglio rivolgervi dove ci sono più persone in grado di rispondervi, come i forum dedicati, posso consigliarvi i miei preferiti, acquariofiliafacile.it e acquarioacquadolce.it, per serietà ed attendibilità, ma ce ne sono molti altri :)

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.

Cinque pesci quasi perfetti: Ottimi per gli acquari di comunità, tranne che per un piccolo particolare (N.Monks)

Presentazione di cinque pesci considerati in genere pesci da acquario di comunità, ma con un occhio particolare alle loro esigenze, che non ne fanno certo dei "perfetti" pesci da comunità - traduzione in italiano di un articolo di Neale Monks

Allevamento in acquario di Poecilia spp. 'molly' (S. Teseo)

Tra i più noti pesci d'acquario, il molly si presta bene alla vita in cattività a causa della sua elevata prolificità ed alla sua spiccata tolleranza alle più diverse condizioni ambientali. Anche se spesso si tende a considerarlo un pesce "da principianti", esso può riservare grandi soddisfazioni anche all'acquariofilo esperto - articolo di Serafino Teseo