• No ai pesci giganti in acquario
  • No ai pesci rossi nella boccia
  • I pesci pulitori non esistono!
  • No ai pesci colorati artificialmente
  • No ai pesci combattenti nei vasi
  • No alle tartarughe nelle mini vaschette
Tempo di lettura
6 minuti
Letto finora

Riprodurre l'Axolotl, Ambystoma mexicanum

Gio, 30/Nov/2006 - 00:00
Posted in:
0 comments

Gli "Axies" depongono facilmente. I giovani hanno bisogno di cibo vivo e moltissimo spazio in acquario.

Traduzione dell'articolo:
"Breeding the Axolotl Ambystoma mexicanum" di Andrew e Julie Boyd
su Aquarticles.com, che potete leggere al link seguente nella versione originale in inglese. Pubblicato per la prima volta in Tank Talk, Canberra and District Aquarium Society, Australia.
Le foto a corredo dell'articolo sono di Manuel di www.anfibitalia.it

Axolotl, forma albina - Foto © Manuel www.anfibitalia.it

Allevare correttamente gli adulti:

Prima di poter sperare di riprodurre i vostri Axolotl dovrete sapere come farli rimanere in vita. Questo non è facile quanto sembra.
Hanno bisogno di spazio sufficiente (i nostri riproduttori, quattro in numero, vivono in una vasca da 100x60 cm per 30 cm di profondità), di cibo decente (le camole della farina vanno bene), di acqua di buona qualità e di qualcosa dietro cui nascondersi per farli sentire al sicuro, come legni o rocce cavi, senza bordi taglienti. L'acqua non deve essere né troppo calda né troppo fredda (15-20°C. sono l'ideale).

Preparazione per la Riproduzione:

Se non state alimentando gli adulti con cibo vivo, potrebbe non essere una cattiva idea cercare qualche verme, lombrico, larva acquatica, o anche pesciolini comuni e prolifici come guppy e pesci rossi per alimentare bene le femmine (vigilate però i pesci che date come alimento, per accertarvi che non banchettino con le piumate branchie degli Axolotl).
Fate questo in inverno, in preparazione alla stagione riproduttiva che in genere è l'estate, anche se negli anni abbiamo avuto deposizioni anche in autunno. Quando sono pronte a deporre, le femmine si riempiranno di uova, mentre i maschi (quelli con la testa più lunga e più stretta) sembrano gonfiarsi intorno all'ano.

La Deposizione:

Quando la coppia è correttamente condizionata, la deposizione dovrebbe essere faccenda di ordinaria amministrazione. A volte, tuttavia, avranno bisogno di un piccolo aiuto. Un buon cambio d'acqua è spesso funzionale, ma se prevedete un cambio di più del 30% allora è meglio usare acqua invecchiata. Non abbiamo mai avuto alcuna difficoltà nel convincere i nostri a deporre le uova, anche quando sono stati alimentati solo con mangime in granuli.

Uova di Axolotl tra le foglie di Egeria densa - Foto di Manuel (anfibitalia.it)

Uova di Axolotl tra le foglie di Egeria densa sono le piante preferite per la deposizione - Foto di Manuel www.anfibitalia.it

Dopo aver danzato intorno alla femmina, il maschio deposita gli spermatofori (pacchetti di sperma) sulle rocce o sui legni. La femmina quindi li prende e presto comincerà a cercare un posto per deporre le uova. Vengono preferite piante folte, come il muschio di Giava (che sembra anche crescere meglio di altre piante alle temperature e alla luce basse richieste dagli axolotl), ma può essere usata qualsiasi superficie disponibile. Le pareti della vasca, la ghiaia, il filtro, le rocce, tutto può venire cosparso di uova.

Gruppo di uova con embrioni in avanzato stadio di sviluppo - Foto di Manuel (anfibitalia.it)

Gruppo di uova con embrioni in avanzato stadio di sviluppo - Foto di Manuel www.anfibitalia.it

Uova di axolotl albino vicine alla schiusa l'embrione presenta già le branchie formate - Foto di Manuel (anfibitalia.it)

Uova di axolotl albino vicine alla schiusa l'embrione presenta già le branchie formate - Foto di Manuel www.anfibitalia.it

Le uova crescono durante la notte, approssimativamente raddoppiando le dimensioni. Solitamente la prima indicazione che avrete del fatto che hanno deposto è quella di vedere l'acquario al mattino e trovarlo letteralmente cosparso di strisce di uova!

Quando hanno finito di crescere (a circa 8-10 mm) possono essere rimosse e messe in un acquario apposito per la schiusa e la crescita delle larve. Non preoccupatevi se dovrete attendere un paio di giorni per allestire l'acquario per la schiusa; i genitori possono mangiare casualmente un uovo o due, ma non cercano attivamente di mangiarle, almeno fino a quando non si siano schiuse. La schiusa può avvenire al più presto dopo una settimana, al più tardi dopo un mese, a seconda della temperatura dell'acqua.

Aggiungere blu di metilene come disinfettante nell'acquario di schiusa non sembra servire. Disponete semplicemente le uova nella loro vasca, con filtrazione molto delicata e togliete quelle che sembrano ammuffire. Le uova morte/non fecondate diventano opache abbastanza rapidamente e dovrebbero essere rimosse non appena possibile.
Le uova di Axolotl sono chiare, per cui è possibile osservare lo sviluppo degli embrioni. È interessante vedere la cellula dividersi tramite meiosi in molte cellule nel corso dei giorni, ed infine diventare riconoscibile come larva in sviluppo. Quando arrivano vicino alla schiusa cominciano a spingere, strappando infine la membrana esterna dell'uovo.

I Girini

Le larve di Axolotl sembrano avere bisogno di cibo entro un giorno dalla schiusa.

Axolotl, giovani larve - Foto di Manuel (anfibitalia.it)

Axolotl - giovani larve
Foto di Manuel www.anfibitalia.it

v
Axolotl - giovani larve - Foto di Manuel (anfibitalia.it)

Axolotl - giovani larve
Foto di Manuel www.anfibitalia.it

Larve di axolotl subito dopo l'alimentazione con naupli di artemia - Foto di Manuel (anfibitalia.it)

Larve di axolotl subito dopo l'alimentazione con naupli di artemia salina - Foto di Manuel www.anfibitalia.it

Larve di axolotl - compaiono sia wild che leucistici e golden nella stessa nidiata - Foto di Manuel (anfibitalia.it)

Larve di axolotl - compaiono sia wild che leucistici e golden nella stessa nidiata - Foto di Manuel www.anfibitalia.it

Abbiamo provato tutte le specie di primo cibo nel corso degli anni, ed abbiamo trovato che il migliore sono i cyclops, che ci vengono forniti cortesemente dalla diga della nostra azienda agricola.

Abbiamo provato con cuore tagliuzzato (inquina molto l'acqua), mangime in polvere per trota (idem inquina l'acqua), naupli appena schiusi di artemia salina (muoiono troppo velocemente nell'acqua più fredda e sembrano sempre cercare la luce nella parte superiore della vasca, il che li porta fuori dalla portata delle giovani e pigre larve di axolotl) ed alimenti congelati di vari tipi che non sembrano funzionare bene come i Cyclops. Non abbiamo mai ucciso una covata con malattie portate dal prelievo dei cyclops in natura, ma supponiamo che un certo rischio ci sia. È probabile che non porteremo mai in vasca una malattia che interessi gli axolotl, a causa del decremento degli anfibi che vivono in natura, ma il rischio rimane. Forse se i cyclops fossero allevati in uno stagno nel cortile...

Per le larve più vecchie vanno bene i blackworms, se la vostra vasca è è priva di substrato di fondo (ghiaia) e prenderanno il via a tre mesi dell'età, quando possono passare ai vermi della farina. I Blackworms sono stretti parenti dei tubifex, ma sono molto più puliti nelle loro abitudini e corrispondentemente più facili da allevare. A tre - quattro mesi, se avete fatto bene il vostro lavoro, le larve sono pronte per essere collocate nelle loro nuove case. Non possiamo consigliare di mettere i giovani con uno o più adulti grandi più di tre volte il loro corpo, perché avrete solo fornito una costosa prima colazione per l'Axolotl più vecchio.

L'altro requisito quando fate crescere le larve di Axolotl è lo spazio. Passano infatti attraverso una fase fortemente cannibale, fra le sei settimane e i tre mesi. Devono essere divise in base alle loro dimensioni. Non è troppo ridicolo prevedere una superficie di circa 30 cm di lato per ogni larva, altrimenti vi ritroverete un intero gruppo di Axolotl senza gambe (il che li espone alle infezioni da fungo), perché mordono ogni cosa che si muove, e quindi anche le gambe dei fratelli. La cosa di per sé non è grave (anche se non certamente piacevole per le larve interesate) ma può essere molto difficile convincere un futuro compratore che le membra mancanti ricresceranno di nuovo.

Se non potete allevare/comprare i blackworms, i giovani possono essere fatti crescere anche soltanto con le dafnie fino all'età di tre mesi, ma dovete essere preparati ad un paio di viaggi a settimana alla diga (sono meno nutrienti). Lo stesso vale per gli altri vari vermi d'acqua, che possono essere forniti a tutte le età, anche in quella adulta.
Anche i chironomus vanno bene, ma è difficile trovarne in numero sufficiente per alimentare cento bocche affamate.
Le larve di zanzara tendono a muoversi troppo velocemente, così si rischia di riempire la stanza dei pesci (o la casa di famiglia) di moscerini ronzanti.
Se foste realmente disperati potreste triturare i lombrichi con un frullatore, come il cuore di bue su menzionato l'acqua si inquinerebbe molto rapidamente.
Un paio di anni fa abbiamo fatto crescere ottanta giovanotti con mangime granulare per trote, ma questo ha significato sifonare fuori della vasca il cibo non mangiato mezzo marcio per un'ora al giorno, tutti i giorni, e credetemi, la novità è stata presto abbandonata.


Può a volte accadere che alcuni dei vostri giovanotti perdano le loro piumate branchie esterne, che la loro coda diventi più stretta, e che i loro occhi inizino a sporgere ai lati della testa. Questi esemplari stanno metamorfosando nella forma "adulta" delle salamandre, in effetti sono correttamente chiamate Salamandre messicane.

Axolotl in metamorfosi - Foto di Manuel (anfibitalia.it)

Axolotl in metamorfosi: scorcio delle branche in riassorbimento anche gli arti e il costato si stanno irrubustendo - Foto di Manuel www.anfibitalia.it

Axolotl in metamorfosi - Foto di Manuel (anfibitalia.it)

Axolotl in metamorfosi: la dorsale è ormai quasi totalmente riassorbita e la coda sta diventando fusiforme - Foto di Manuel www.anfibitalia.it

Axolotl in metamorfosi - Foto di Manuel (anfibitalia.it)

Axolotl in metamorfosi: anche il capo si sta modificando - Foto di Manuel www.anfibitalia.it

Esemplare ormai completamente metamorfosato - Foto di Manuel (anfibitalia.it)

Esemplare ormai completamente metamorfosato con piena respirazione polmonare - Foto di Manuel www.anfibitalia.it

Questo ci è accaduto quest'anno per la prima volta, ed è stata abbastanza una sorpresa. Stavamo allevando le larve di quest'anno in alcuni tini di vetroresina all'esterno. Sono cadute dagli alberi dei vicini molte foglie in un particolare tino, il che ha reso l'acqua molto acida. Quando ce ne siamo accorti le larve erano già quasi allo stadio adulto.

Hanno bisogno di respirare ossigeno atmosferico per sopravvivere, così devono essere sistemate diversamente, con acqua meno profonda e rocce su cui muoversi all'asciutto. Stiamo costruendo loro un paludario in modo da poter godere nel modo migliore di entrambi i mondi, acquatico e terrestre.
Non ci sono molti riferimenti alla forma metamorfosata nella letteratura, per cui stiamo sperimentando per trovare loro l'alloggiamento migliore. Continuano ad alimentarsi in acqua, per cui al momento li stiamo alimentando con insetti e vermi acquatici.

Axolotl, maschio leucistico con mascherina - Foto di Manuel (anfibitalia.it)

Axolotl - maschio leucistico con mascherina: maschio riproduttore per eccelenza presenta macchie sparse su tutto il corpo è la base per la selezione del pezzato - Foto di Manuel www.anfibitalia.it

Far crescere gli Axolotl non è un'operazione facile. Hanno bisogno dello stesso livello di cure o quasi degli avannotti della maggior parte dei pesci tropicali. Ma non lasciatevi scoraggiare. Se avete disponibilità di cibo vivo, avete spazio sufficiente in vasca e vi applicate, potete riprodurre e allevare gli Axolotl.

© Testo di Andrew e Julie Boyd - www.aquarticles.com

© Foto di Manuel - www.anfibitalia.it

Elenco delle Specie presenti nel sito e appartenenti al Genere

Axolotl leucistico - Foto © Stephen Dalton (Arkive.org)
Axolotl
Aspettativa di vita: 15 - 20 anni
Dimensioni massime: 30 cm

Gli axolotl sono splendide e mitiche creature, che sembrano vivere la loro intera vita da giovani, in quanto è molto difficile che raggiungano lo stadio di vita adulto, dopo la metamorfosi.

Ambystoma tigrinum - Foto © Carla Isabel Ribeiro (Wikipedia.org)
Tiger Salamander
Aspettativa di vita: 15 - 20 anni
Dimensioni massime: 33 cm TL

Parenti stretti degli Axolotl, se ne differenziano soprattutto perchè raggiungono facilmente la metamorfosi, si trasformano cioè in individui adulti, polmonati, e quindi una volta adulti non va più bene l'acquario ma ci vuole un terrario.

Aggiungi un commento

Avviso per chi vuole lasciare un commento: Questo è un sito amatoriale, che vuole diffondere una maggiore conoscenza e consapevolezza sulle specie allevate in acquario, ed è gestito da una sola persona. Se avete qualche commento da fare riguardo al sito o a questa pagina siete i benvenuti, ma per richieste d'aiuto e/o consigli per il vostro acquario è meglio rivolgervi dove ci sono più persone in grado di rispondervi, come i forum dedicati, posso consigliarvi i miei preferiti, acquariofiliafacile.it e acquarioacquadolce.it, per serietà ed attendibilità, ma ce ne sono molti altri :)

By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.