• No ai pesci giganti in acquario
  • No ai pesci rossi nella boccia
  • I pesci pulitori non esistono!
  • No ai pesci colorati artificialmente
  • No ai pesci combattenti nei vasi
  • No alle tartarughe nelle mini vaschette
Tempo di lettura
5 minuti
Letto finora

Gli spettacolari paesaggi subacquei dei laghi artici - 2

Gio, 21/Feb/2008 - 00:00
Posted in:
0 comments

Seconda parte dell'articolo dedicato agli splendidi paesaggio che si possono trovare al freddo delle acque artiche.

Traduzione dell'articolo
"Spectacular underwater landscapes of arctic lakes - Part 1" di Ole Pedersen e Klaus Peter Brodersen
pubblicato in passato sul sito della Tropica Aquarium Plants.

Non è uno spettacolo splendido? Alcuni sottili steli di Hippuris vulgaris mescolati elegantemente con Potamogeton praelongus su un folto tappeto di muschi acquatici. Sullo sfondo sono visibili un paio di spinarelli. Foto del lago Ferguson.

Laghi profondi, freddi e poveri di nutrienti

Molti dei laghi nella zona di Kangerlussuaq ancora non hanno un nome. Uno dei più interessanti di questi laghi senza nome è un lago nel gruppo di quelli che la gente locale chiama “I Laghi lunghi”. Alcuni anni fa, questi laghi potevano essere raggiunti soltanto grazie agli elicotteri. Tuttavia è stata costruita una nuova strada per servire da test di prova per la fabbrica di automobili tedesca Volkswagen, li che ora rende più facile accedervi. Come nome di riferimento conveniente, abbiamo chiamato uno dei laghi Niko, dal nome di Niko Willemse, uno scienziato olandese che studiò questo lago alcuni anni fa.

Il lago Niko è profondo, freddo ed orientato da est verso ovest, che è la direzone prevalente del vento nella zona. Di conseguenza, non sviluppa probabilmente mai una stratificazione termica stabile e le temperature massime estive sono intorno ai 5°C. Il lago è estremamente povero di nutrienti e la vegetazione dominante è un fitto tappeto di muschi acquatici a profondità maggiori di 2 metri, dove non arriva il ghiaccio durante l'inverno. In acqua meno profonda sono sporadicamente presenti popolazioni sparse di Potamogeton filiformis e Hippuris vulgaris, principalmente vicino a grandi massi che forniscono un po' di riparo dalle ingiurie del ghiaccio.

Il lago Niko ospita una folta popolazione di gamberetti (Branchinecta paludosa), un crostaceo grande 1 cm che nuota rovesciato sul dorso mentre filtra l'acqua. Sono estremamente abbondanti appena sopra il fondale, il che probabilmente indica che il lago Niko non ha popolazioni significative di spinarelli o salmerini artici.

Una prova curiosa dell'estrema povertà di nutrienti dell'acqua fredda del lago Niko è il vigoroso sviluppo di microalghe intorno a quello che rimane di una renna abbandonato nell'acqua dai cacciatori. Dopo averle colpite con i fucili solitamente le renne vengono tagliate a pezzi sul posto e le parti di nessun valore vengono abbandonate nei dintorni. I rifiuti organici possono finire nell'acqua e questo stimola i produttori primari, pricipalmente microalghe, mentre la materia organica viene decomposta e le sostanze nutritive vengono rilasciate lentamente nei dintorni.

I resti di una zampa di renna - Foto di Tropica Aquarium Plants

I resti di una zampa di renna

I resti di una zampa di renna. L'acqua del lago Niko è estremamente povera di nutrienti e persino in piena estate non si forma nessun biofilm significativo sulle pietre e sulle superfici delle piante. In questo caso, tuttavia, quando il tessuto si decompone vengono liberate delle sostanze nutritive inorganiche e le microalghe verdi prosperano nelle vicinanze immediate delle ossa. La scarsa vegetazione di piante acquatiche è dominata dalle Potamogeton filiformis.

Laghi salini

La zona intorno a Kangerlussuaq è ben nota per i laghi di oligosalini costituiti da un equilibrio negativo tra evaporazione/precipitazioni. Spesso i laghi sono riconoscibili facilmente dalla linea fossile con la caratteristica vegetazione (per esempio la crocifera Braya linearis Rouy) e una conducibilità dell'acqua fra i 2000-4000 µS cm 1. I laghi sono permanentemente stratificati a causa di una forte stratificazione termica e chimica e il fondo del lago nelle zone profonde è coperta da batteri viola sulfurei ben adattati alle condizioni anossiche dell'acqua negli strati più bassi.

Tuttavia recentemente i laghi sono stati esposti ad un aumento significativo del livello dell'acqua e questo ha causato una situazione dove l'acqua di superficie è abbastanza torbida, a causa della vegetazione terrestre, ora sommersa, in decomposizione. Inoltre gli argini si stanno seriamente corrodendo in parecchi punti, il che causa oltretutto l'intorbidimento dell'acqua quando le fini particelle di argilla sono in sospensione nella colonna d'acqua.

Nella maggior parte dei laghi, l'acqua è estremamente pulita - Foto di Tropica Aquarium Plants

Nella maggior parte dei laghi, l'acqua è estremamente pulita. In questo caso, la foto proviene dal lago Jean e potrebbe quasi sembrare presa sopra la superficie dell'acqua.

Una pianta, tuttavia, riesce a trarre beneficio da questa situazione, ed è l'anfibia Triglochin palustris L., che, per esempio, intorno a Braya forma un folto prato a cominciare da una profondità di 30 cm e per coprire tutto fino a 20 cm sopra il livello dell'acqua. Le foglie sommerse hanno una forma molto più a falce e sono più tenere delle foglie emerse, e in acque molto poco profonde forma persino popolazioni di fiori sommersi. La vera vegetazione acquatica probabilmente soffre per la luce offuscata e soltanto Myriophyllum spicatum forma qualche cespuglio in acqua poco profonda.

Nella maggior parte dei laghi, l'acqua è estremamente pulita - Foto di Tropica Aquarium Plants

Non è uno spettacolo splendido? Alcuni sottili steli di Hippuris vulgaris mescolati elegantemente con Potamogeton praelongus su un folto tappeto di muschi acquatici. Sullo sfondo sono visibili un paio di spinarelli. Foto del lago Ferguson.

Kangerlussuaq è la porta della Groenlandia, così come piace chiamarlo ai locali. Andandoci in buone condizioni atmosferiche, si nota che l'intera zona è cosparsa di centinaia di stagni e laghi. Si possono riconoscere almeno tre tipi di acque dall'aspetto, senza bisogno distrumenti per testarle e macchina fotografica subacquea: i laghi grigi e melmosi vicino ai ghiacciai interni, i laghi freddi, limpidi e blu profondo, e gli stagni e laghi verdastri in cui le alte temperature estive permettono lo sviluppo di una biomassa significativa di autotrofi acquatici. Se andrete mai in Groenlandia, non mancate l'occasione di rimanere alcuni giorni nella zona di Kangerlussuaq, e se possedete una macchina fotografica subacquea, dovrebbe sempre fare parte del pacchetto giornaliero.

Hippuris vulgaris. Coda di Mare, la pianta acquatica più comune in Groenlandia

Questa pianta molto competitiva è presente in quasi ogni corpo d'acqua in Groenlandia, dalle acque più fredde e lattiginose ai piedi dei ghiacciai, agli stagni caldi e temporanei nell'Artide inferiore. Parte del motivo di questo grande successo ecologico è probabilmente il fatto che Hippuris vulgaris è una vera pianta anfibia, che prospera sommersa tanto bene come emersa. Nei numerosi stagni temporanei continua a crescere anche quando l'acqua evapora tutta durante l'estate.

Più vicino allo strato di ghiaccio, la pianta semplicemente non sviluppa le tipiche foglie sommerse, a causa delle condizioni di luce molto sfavorevoli nell'acqua fangosa e torbida. Invece, le rigide foglie emerse si regolano con internodi estremamente lunghi, che servono ad innalzare la pianta sopra il livello d'acqua pre prendere al meglio tutta la luce possibile.

fioritura emersa di Hippuris vulgaris - Foto di Tropica Aquarium Plants

fioritura emersa di Hippuris vulgaris

Sui getti emersi spuntano piccoli fiori poco evidenti. I singoli fiori sono molto piccoli ma un ramo emerso molto folto di Hippuris vulgaris può comunque apparire di un bel colore rosso quando tutti i getti fioriscono, a luglio ed agosto.

Foto subacquea della varietà verde e rossa di Hippuris vulgaris - Foto di Tropica Aquarium Plants

Foto subacquea della varietà verde e rossa di Hippuris vulgaris

Abbiamo trovato il H. vulgaris sommerso in due varietà di colore. una varietà verde e una rossa. E' poco chiaro se il colore abbia un'importanza ecologica, ma è stato ipotizzato che il colore rosso, che più probabilmente è dovuto ad un elevato contenuto di antocianina, possa svolgere un ruolo attivo nell'assorbimento delle radiazioni UV nocive presenti in quantità elevate nella limpida atmosfera artica. Non abbiamo mai osservato nessuna delle forme verdi nelle popolazioni emerse, il che indica davvero che la forma rossa ha un tasso migliore di sopravvivenza dovuto alla sua più alta idoneità all'ambiente terrestre.

Gli autori

Ole Pedersen (opedersen@zi.ku.dk) lavora come professore associato al Laboratorio Biologico d'acqua dolce (www.fbl.ku.dk), Università di Copenhaghen, in cui lavora all'ecologia e alla fisiologia delle piante acquatiche. Anche Klaus Peter Brodersen (kpbrodersen@zi.ku.dk) è professore associato al Laboratorio Biologico d'acqua dolce e lavora alla paleo limnologia. All'attuale progetto nella Groenlandia sud-occidentale studia i fossili rimasti nei sedimenti lacustri di capsule dalle minuscole larve acquatiche per valutare nel tempo i cambiamenti climatici ed ecologici dall'ultima era glaciale ad oggi; un progetto scientifico promosso dalla National Danish Science Foundation.

© Ole Pedersen e Klaus Peter Brodersen - Tropica Aquarium Plants

Vai alla prima parte dell'articolo

Riferimenti
Riferimenti & Link

Aggiungi un commento

Avviso per chi vuole lasciare un commento: Questo è un sito amatoriale, che vuole diffondere una maggiore conoscenza e consapevolezza sulle specie allevate in acquario, ed è gestito da una sola persona. Se avete qualche commento da fare riguardo al sito o a questa pagina siete i benvenuti, ma per richieste d'aiuto e/o consigli per il vostro acquario è meglio rivolgervi dove ci sono più persone in grado di rispondervi, come i forum dedicati, posso consigliarvi i miei preferiti, acquariofiliafacile.it e acquarioacquadolce.it, per serietà ed attendibilità, ma ce ne sono molti altri :)

By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.