• No ai pesci giganti in acquario
  • No ai pesci rossi nella boccia
  • I pesci pulitori non esistono!
  • No ai pesci colorati artificialmente
  • No ai pesci combattenti nei vasi
  • No alle tartarughe nelle mini vaschette
Tempo di lettura
6 minuti
Letto finora

Raccolta nel bacino idrografico del Paranà, Argentina (Bishop) - Parte 3

Mar, 12/Ago/2008 - 00:00
Posted in:
0 comments

Terza e ultima parte di una serie di articoli sulle raccolte effettuate dagli autori nel loro ambiente nativo intorno al fiume Paranà, nel nord Argentina

Traduzione dell'articolo:
"Collecting in the Paraná River Basin, Argentina, (Part 3)" di Carlos & Noemi Bishop - A cura di Allan James
su www.scotcat.com che potete leggere al link seguente nella versione originale in inglese.

La Ensenada, bacino del Paranà, Argentina - Foto di Carlos & Noemi Bishop

Questo è il terzo di una serie di articoli sulle raccolte effettuati dagli autori nel loro ambiente nativo intorno al fiume Paraná nel nord Argentina, vicino alla città omonima (Paraná City), e anche nella vicina provincia di Misiones, vicino alla città di Posadas, nella zona sud-ovest della provincia, vicino alla frontiera con il Paraguay. In questo articolo la raccolta è iniziata solo a circa 3 km dalla loro casa nella città di Paraná, in una insenatura chiamata La Ensenada.

Bacino del fime Paranà - Foto di Carlos & Noemi Bishop

Bacino del fime Paranà

SudAmerica

SudAmerica

SudAmerica

Bacino del Paranà (cerchiato) in Argentina (in verde)

 

Rineloricaria sp. "Paraná 11"

Rineloricaria sp. Paraná 11 - Foto di Carlos & Noemi Bishop

Rineloricaria sp. Paraná 11 - Foto di Carlos & Noemi Bishop

Come si può vedere, nelle foto sotto ci sono due pesci, e non siamo sicuri se appartengano alla stessa specie o siano due specie diverse. Entrambi i pesci sono stati catturati in un torrente a circa 3 km da casa nostra, questo torrente è chiamato La Ensenada. Questi pesci qui sono molto comuni, l'ambiente è d'acqua chiara, il pH è tra 7.0 e 7.5 e l'acqua è dura; non ne sappiamo esattamente il valore, ma ci sono ovunque segni di calcare (CaCO3).

Ed: nota, ci sono quasi 10 specie di Rineloricaria nel bacino idrografico del Paraná che devono ancora essere identificate e le abbiamo classificate come vengono raccolte, "Paraná 1" e 11 ecc. La specie qui di seguito ha un filamento in cima al lobo della pinna caudale ed è di colorazione marrone chiaro. Ha anche macchie irregolari sulla testa e per tutta la lunghezza del corpo e una testa più smussata di "Paraná 1" o "Paraná 111" ed ha anche pinne dorsale e pettorali più arrotondata.

Rineloricaria sp. Paraná 11 - Foto di Carlos & Noemi Bishop

Rineloricaria sp. "Paraná 11" - Foto di Carlos & Noemi Bishop

Rineloricaria sp. Paraná 11 - Foto di Carlos & Noemi Bishop

Rineloricaria sp. "Paraná 11" - Foto di Carlos & Noemi Bishop

Rineloricaria sp. Paraná 11 - Foto di Carlos & Noemi Bishop

Rineloricaria sp. "Paraná 11" - Foto di Carlos & Noemi Bishop

Rineloricaria sp. Paraná 11 - Foto di Carlos & Noemi Bishop

Rineloricaria sp. "Paraná 11" - Foto di Carlos & Noemi Bishop

Rineloricaria sp. Paraná 11 - Foto di Carlos & Noemi Bishop

Rineloricaria sp. "Paraná 11" - Foto di Carlos & Noemi Bishop

Ci sono siti con fondale di terra ed altri con fondale roccioso, per lo più rocce calcaree. Questi pesci sono sempre sui fondali rocciosi e mai sui fondali terrosi, quando si passa la rete bisogna prendere alcune rocce del fondo, e tra le rocce sono giovani pesci insieme ad avannotti di Hypostomus plecostomus che sono circa 5 o 6 cm di lunghezza totale.

Rineloricaria sp. "Paraná 111"

Rineloricaria sp. Paraná 111 - Foto di Carlos & Noemi Bishop

Rineloricaria sp. "Paraná 111" - Foto di Carlos & Noemi Bishop

Nelle foto c’è un pesce adulto che è stato con noi per circa due anni, e un pesce semi-adulto che è stato con noi per circa un anno. Sono entrambi pesci riservati, ma il più grande (e il più robusto con una grande testa) è più timido, potevamo vederlo solo quando gli davamo da mangiare. Il grande è 14 cm di lunghezza totale e il piccolo circa 12 cm di lunghezza totale.

Rineloricaria sp. Paraná 111 - Foto di Carlos & Noemi Bishop

Rineloricaria sp. "Paraná 111" - Foto di Carlos & Noemi Bishop

Rineloricaria sp. Paraná 111 - Foto di Carlos & Noemi Bishop

Rineloricaria sp. "Paraná 111" - Foto di Carlos & Noemi Bishop

Rineloricaria sp. Paraná 111 - Foto di Carlos & Noemi Bishop

Rineloricaria sp. "Paraná 111" - Foto di Carlos & Noemi Bishop

Rineloricaria sp. Paraná 111 - Foto di Carlos & Noemi Bishop

Rineloricaria sp. "Paraná 111" - Foto di Carlos & Noemi Bishop

La Ensenada

La Ensenada, bacino del Paranà, Argentina - Foto di Carlos & Noemi Bishop

La Ensenada, bacino del Paranà, Argentina - Foto di Carlos & Noemi Bishop

Qui di seguito ci sono delle foto della località La Ensenada. Come detto prima, in precedenza l'ambiente è quasi totalmente d'acqua chiara, con pH tra 7.0 e 7.5 e acqua è dura.

La Ensenada, bacino del Paranà, Argentina - Foto di Carlos & Noemi Bishop

La Ensenada, bacino del Paranà, Argentina - Foto di Carlos & Noemi Bishop

La Ensenada, bacino del Paranà, Argentina - Foto di Carlos & Noemi Bishop

La Ensenada, bacino del Paranà, Argentina - Foto di Carlos & Noemi Bishop

Siamo tornati a pescare domenica scorsa, ma non abbiamo avuto fortuna, il fiume è troppo basso e non ci sono pesci, abbiamo catturato solo un piccolo Gymnogeophagus, pensiamo che si tratti di Gymnogeophagus balzanii ma in questo momento è troppo piccolo per dirlo, solo il tempo ci dirà la sua identità. L'elenco dei pesci a ventosa che ci cattura nella nostra zona sono:

Delle due specie di Rineloricaria, abbiamo la foto di una sola, non abbiamo le foto dell’altra specie in quanto ne abbiamo catturato solo due esemplari che hanno vissuto solo pochi giorni, ma erano molto simili a Rineloricaria simillima. Vi sono altre specie di loricaridi, dei quali possiamo soltanto vedere i corpi sulla riva del fiume, sono circa 45 cm di lunghezza totale. Ci sono anche altre specie nei torrenti che sono difficili da tenere in acquario, sono molto comuni, e molto simili alle ultime Rineloricaria di cui abbiamo inviato le foto per l’identificazione, solo il colore è più scuro e il muso più appuntito.

Più a nord, nella provincia di Misiones, abbiamo catturato Ancistrus sp., Corydoras polystictus e una diversa specie di loricaria, senza nessun prolungamento della pinna caudale. Dobbiamo citare i grandi pesci gatto di questi luoghi, ci sono diverse specie di "Bagre", hanno la pelle nuda, lunghi “baffi” e dure spine nelle pinne pettorali e dorsale, che possono causare gravi infezioni se urtate con le dita. Non li abbiamo mai mangiati, ma molti dicono che hanno un buon sapore. Le dimensioni vanno da 30 cm a 60 cm di lunghezza totale. Abbiamo anche i "Paty", che sono "bagre" argentati di circa 80 cm di lunghezza totale, anche loro hanno un buon sapore. I "Surubí" possono raggiungere circa 150 - 160 cm di lunghezza totale, e sono un buon bottino per i pescatori sportivi. Non li abbiamo mai mangiati, ma la gente li mangia fritti, e dicono siano deliziosi.

C’è un pesce gatto corazzato chiamato "Armado", può raggiungere 80 cm di lunghezza totale ed è abbastanza comune. La carne non ha alcun sapore, ma la gente la prepara con diverse verdure e spezie. C’è inoltre una grande specie chiamata "Manguruyú". Non lo abbiamo mai visto, ma si dice che se abbocca è un pesce molto difficile, si dice anche che raggiunga 2 metri e più di lunghezza. Ci sono molte altre specie, non siamo esperti su questo tema, ma queste presentate sono le specie più comuni. Tutte queste specie interesse solo come alimento o per la pesca sportiva.

"El Barco encallado"

El Barco encallado, bacino del Paranà, Argentina - Foto di Carlos & Noemi Bishop

1 - "El Barco encallado", bacino del Paranà, Argentina - Foto di Carlos & Noemi Bishop

Le foto qui di seguito sono state scattate nel fiume Paraná, in un sito da 4 a 5 km a sud dalla città di Diamante. La prima foto è stata scattata dalla cima di un dirupo, prima di scendere sulla riva del fiume. Le altre foto mostrano il fiume e le isole di questa zona. La foto 05 mostra una piccola barca, per darvi un'idea delle dimensioni del fiume. Le foto sono state scattate da una vecchia nave arenata che dà il nome al posto ("El Barco encallado" che tradotto significa "La nave arenata"). In questo sito abbiamo catturato Corydoras paleatus, Rineloricaria sp. e giovani Hypostomus plecostomus. In questa zona, se si scende giù dalla gola, vi è una bassa pianura, larga circa 500 m, e quindi gli argini. Il substrato è un misto tra sabbia e terra. Questa volta il livello del fiume era troppo basso, ma per la maggior parte del tempo le rive sono ricche di erba e piante galleggianti, come potete vedere nella sponda opposta nella foto 04. Abitualmente, i piccoli alberi che si possono vedere nella foto 05, sono in una piccola isola, ma in questo periodo sono uniti alla riva del fiume.

El Barco encallado, bacino del Paranà, Argentina - Foto di Carlos & Noemi Bishop

2 - "El Barco encallado", bacino del Paranà, Argentina - Foto di Carlos & Noemi Bishop

El Barco encallado, bacino del Paranà, Argentina - Foto di Carlos & Noemi Bishop

3 - "El Barco encallado", bacino del Paranà, Argentina - Foto di Carlos & Noemi Bishop

El Barco encallado, bacino del Paranà, Argentina - Foto di Carlos & Noemi Bishop

4 - "El Barco encallado", bacino del Paranà, Argentina - Foto di Carlos & Noemi Bishop

El Barco encallado, bacino del Paranà, Argentina - Foto di Carlos & Noemi Bishop

5 - "El Barco encallado", bacino del Paranà, Argentina - Foto di Carlos & Noemi Bishop

"Valle Maria"

Le foto qui di seguito sono state scattate nello stesso fiume Paraná, ma circa 30 km più a nord della parte del fiume dove abbiamo scattato le foto al "El Barco encallado". Questa località è chiamata "Valle Maria" e ci abbiamo catturato Hypoptopoma inexpectatum, Hemiloricaria sp. "provisional parva", Otocinclus flexilis, Otocinclus vittatus e Hypostomus plecostomus. Altri pesci sono Herichthys facetum, Crenicichla sp. e diverse specie di Caracidi.

Valle Maria, bacino del Paranà, Argentina - Foto di Carlos & Noemi Bishop

1 - "Valle Maria", bacino del Paranà, Argentina - Foto di Carlos & Noemi Bishop

Le foto 01 e 02 mostrano una piccola laguna a circa 300 m dalla riva del fiume, quando il fiume è in piena la laguna viene riempita completamente. C’è qualche pesce in questo momento, per la maggior parte caracidi ed alcuni vivipari (crediamo del genere Gambusia). Sullo sfondo si possono vedere le gole del Paraná, sono circa 20 - 30 m di altezza nel punto più alto. Se si guarda la foto 002 si può vedere, intorno all'acqua, qualcosa che sembra erba: bene, non è erba, ma piante acquatiche fluttuanti che coprono una grande parte di questa laguna. Si possono distinguere grazie al colore, l'erba è verde vivo mentre le piante galleggianti sono verde brunastro vicino al bordo dell’acqua.

Valle Maria, bacino del Paranà, Argentina - Foto di Carlos & Noemi Bishop

2 - "Valle Maria", bacino del Paranà, Argentina - Foto di Carlos & Noemi Bishop

Valle Maria, bacino del Paranà, Argentina - Foto di Carlos & Noemi Bishop

3 - "Valle Maria", bacino del Paranà, Argentina - Foto di Carlos & Noemi Bishop

Valle Maria, bacino del Paranà, Argentina - Foto di Carlos & Noemi Bishop

4 - "Valle Maria", bacino del Paranà, Argentina - Foto di Carlos & Noemi Bishop

Valle Maria, bacino del Paranà, Argentina - Foto di Carlos & Noemi Bishop

5 - "Valle Maria", bacino del Paranà, Argentina - Foto di Carlos & Noemi Bishop

Le immagini sotto di Otocinclus vittatus e Otocinclus flexilis mostrano individui raccolti nel precedente habitat di "Valle Maria".

Otocinclus vittatus - Foto di Carlos & Noemi Bishop

Otocinclus vittatus - Foto di Carlos & Noemi Bishop

Otocinclus vittatus - Foto di Carlos & Noemi Bishop

Otocinclus vittatus - Foto di Carlos & Noemi Bishop

Otocinclus vittatus - Foto di Carlos & Noemi Bishop

Otocinclus vittatus - Foto di Carlos & Noemi Bishop

Otocinclus  flexilis - Foto di Carlos & Noemi Bishop

Otocinclus flexilis - Foto di Carlos & Noemi Bishop

Otocinclus  flexilis - Foto di Carlos & Noemi Bishop

Otocinclus flexilis - Foto di Carlos & Noemi Bishop

Otocinclus  flexilis - Foto di Carlos & Noemi Bishop

Otocinclus flexilis - Foto di Carlos & Noemi Bishop

Ci auguriamo che vi sia piaciuto questo ultimo articolo della serie e torniate di nuovo per ulteriori catture e foto delle località nella parte 4.

© Testi e foto di Carlos & Noemi Bishop - A cura di Allan James


Raccolta nel bacino idrografico del Paranà, Argentina

Raccolta nel bacino idrografico del Paranà, Argentina - Parte 2

Aggiungi un commento

Avviso per chi vuole lasciare un commento: Questo è un sito amatoriale, che vuole diffondere una maggiore conoscenza e consapevolezza sulle specie allevate in acquario, ed è gestito da una sola persona. Se avete qualche commento da fare riguardo al sito o a questa pagina siete i benvenuti, ma per richieste d'aiuto e/o consigli per il vostro acquario è meglio rivolgervi dove ci sono più persone in grado di rispondervi, come i forum dedicati, posso consigliarvi i miei preferiti, acquariofiliafacile.it e acquarioacquadolce.it, per serietà ed attendibilità, ma ce ne sono molti altri :)

By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.