• No ai pesci giganti in acquario
  • No ai pesci rossi nella boccia
  • I pesci pulitori non esistono!
  • No ai pesci colorati artificialmente
  • No ai pesci combattenti nei vasi
  • No alle tartarughe nelle mini vaschette
Tempo di lettura
5 minuti
Letto finora

Aquariophylia... :(

Gio, 07/Feb/2013 - 19:15
Posted in:
2 comments

Si possono consigliare i Chromobotia macracanthus come mangia-lumache in un acquario del quale non si sa nulla, o considerare come piccoli e mansueti pesci adatti a qualsiasi acquario di comunità?

Esemplare adulto di Chromobotia macracanthus di 30 cm di lunghezza - Foto di Emma Turner (Loaches Online)

E' uscito il nuovo numero di Aquariophylia... ma non vi metterò nè sommario nè link, non più. Va bene che la rivista è gratis, ma questo non giustifica la pubblicazione di articoli approssimativi, grossolani e fuorvianti. Perchè non si paga non si ha diritto ad avere informazioni corrette e veritiere?
L'oggetto del mio disappunto è un articolo sui Chromobotia macracanthus, che dopo essere stati consigliati a cuor leggero nelle risposte della posta di qualche edizione fa come mangia-lumache in un acquario del quale non si sapeva nulla, adesso vengono descritti come piccoli (15 cm) e mansueti pesci adatti a qualsiasi acquario di comunità... peccato che i Chromobotia macracanthus siano invece pesci vivaci e dal temperamento aggressivo e turbolento, e soprattutto possano superare anche i 40 cm di lunghezza in natura, arrivando tranquillamente ai 30 cm anche in acquario, sempre che vengano allevati in acquari delle dimensioni adatte, e non nei 120 litri consigliati nell'articolo... che oltretutto ha anche le idee molto confuse sulla tassonomia, su cosa sia un genere e una specie... 13 specie de che?? di Chromobotia? di Botia? se nemmeno la fatica di cercare su testi aggiornati si vuole fare, ci si dedichi ad altro e non a confondere le idee a quei poveri acquariofili che stanno invece cercando di schiarirsele!

Se si scrive/pubblica un articolo ci si informa prima, magari da chi li ha allevati per anni in acquari grandi e dedicati ("pensate che esistono anche appassionati che realizzano acquari appositamente per loro" dice stupitissimo l'autore), o dalle centinaia di acquariofili sprovveduti che magari si sono fidati di articoli come questo per inserirli incautamente nella loro vasca e poi tempestano i vari forum del web con richieste d'aiuto perchè divenuti ingestibili: i Chromobotia macracanthus se stressati per essere allo stretto o con compagni inadatti possono davvero diventare un problema, dall'attaccare e morsicare a volte fino al peduncolo le code dei guppy (a cui sono peraltro affiancati nelle foto dell'articolo) al "risucchiare" e cavare dalle orbite gli occhi dei neon (con loro in un'altra foto dell'articolo)... mi chiedo sinceramente per quanti tempo li abbia allevati l'autore dell'articolo, se li ha davvero allevati...

Per non parlare della minaccia finale "Altri pesci sono caduti nel dimenticatoio e cercheremo di presentarveli in futuri numeri: consideriamo questa una nostra personale missione da acquariofili": spero caldamente che a fare le spese della vostra missione personale non siano altri pesci del tutto inadatti alla vita nei normali acquari di comunità domestici.

Consiglio caldamente a chi leggerà questo sfogo e sta pensando di comprare dei botia, di leggere il manifesto curato da Loaches Online, e di informarsi bene (provate a scrivere "botia aiuto" su google, per farvi un'idea di quanti sono soddisfatti di averli introdotti in una vasca di comunità).

Per quanto riguarda Aquariophylia, mi comportarò come con i grandi portali acquariofili, che basta far quantità pubblicano qualsiasi nefandezza: se leggerò qualche articolo approfondito e veritiero lo segnalerò nelle pagine del sito sull'argomento, ma non la consiglierò più "in toto", vista la presenza di articoli così grossolani... per carità, errare è umano, anch'io in questo sito ho fatto diverse volte ammenda ed ho corretto cose che avevo scritto e si sono rivelate errate, ma santo cielo, sono anni che tanti appassionati cercano di far passare il messaggio che certi pesci non sono assolutamente adatti alla vita nei comuni acquari di comunità, che bastava veramente poco per accorgersi che non era proprio il caso di pubblicarlo... chi lo ha scritto non conosce i Chromobotia, questo è poco ma sicuro: può averli "tenuti", non allevati, e di certo non ne ha mai visto uno adulto.

Visto che siamo in argomento, dirò anche qualcosa in più, anche se non direttamente legato all'articolo: noto spesso in riviste e siti una tendenza a presentare tutti i pesci come tranquilli e adatti alle vasche di comunità, quasi come a rassicurare i lettori e spiegare che l'acquariofilia non è "difficile" come a volte si dipinge, e che basta veramente poco per tenere dei pesci, addirittura va bene anche una boccia con un pesce rosso... Non so se sia un modo per tentare di convolgere di più le persone, di cercare di attirare nuovi "adepti", ma senz'altro è un modo sbagliato, ovviamente secondo me, di affrontare l'argomento. Oltretutto chi mette un gruppo di Chromobotia in 120 litri con guppy e neon, o un pesce rosso in una boccia, è destinato con il tempo ad avere problemi, e quindi ad allontanarsi, e non ad avvicinarsi al mondo dell'acquariofilia.

L'acquariofilia non dovrebbe consistere in un acquario da riempire a proprio gusto, cambiando pesci con la stessa facilità con cui si cambia il copridivano, ma dovrebbe essere considerata come l'allevamento di specie animali, nel nostro caso mute e pinnute, invece che pelose e abbaianti o miagolanti o altro...

L'allevamento di una specie animale comporta come sua normale conseguenza la predisposizione di un ambiente adatto e l'introduzione di altre specie compatibili, la consapevolezza che i pesci possono vivere più di 10, 20, 40 anni a seconda della specie, e che quelli in vendita nei negozi in genere sono ancora "cuccioli", per cui bisogna sapere la differenza tra specie che quando nel proprio acquario cresceranno rimarranno piccole, e quelle che invece cresceranno tanto, a volte anche troppo... nè più nè meno degli altri animali, che non pretendiamo certo rimangano sempre piccoli... chi riporta al negoziante un pesce perchè troppo cresciuto per la sua vasca, dovrebbe essere considerato come chi porta in canile il cucciolo diventato adulto... Come mai ha comprato un pesce grande se non aveva lo spazio per farlo?
Sono un po' troppo drastica? certamente sì, lo ammetto, ma vedere quante creature viventi sono considerate nè più nè meno che degli oggetti d'arredamento mi fa davvero chiedere se non abbiano ragione quelli che considerano gli acquari solo delle prigioni, neanche tanto dorate.

Specie nel sito
Chromobotia macracanthus, Clown loach: i botia pagliaccio da giovani e da adulti
Clown Loach, Botia Pagliaccio
Aspettativa di vita: 30 - 40 anni
Dimensioni massime: 40 cm TL

Questa specie è senza dubbio una delle più mal conosciute in acquariofilia, dal momento che è del tutto inadatta per gli acquari piccoli, nonostante sia praticamente onnipresente nei negozi. La maggior parte dei rivenditori vendono i Chromobotia senza fornire quelle che dovrebbe essere considerate informazioni essenziali riguardanti la loro cura a lungo termine, con la conseguenza che la maggior parte degli esemplari in cattività muore molto prima di quanto consentirebbe la loro aspettativa di vita.

Temperatura in natura: 24 - 30°C

Commenti

In realtà ci sarebbe poco da scrivere perché concordo con tutto quanto è riportato nella vostra homepage. L'articolo in questione è stato un errore. Voglio però sottolineare che si è trattato di un errore mio personale, non dell'autore, come già riportato nella rubrica lettere dell'ultimo numero della rivista. Infatti, per una serie di motivi che non starò qui ad elencare (sarebbe superfluo) ho bypassato il nostro consiglio scientifico e, dopo aver dato una lettura superficiale all'articolo proposto (si era già in fase di impaginazione) ho inserito all'ultimo momento il pezzo. In questo modo l'autore non ha avuto, come tutti gli altri nostri autori, la possibilità di essere giudicato da un gruppo di esperti. Colpa mia dunque, in toto. È ovvio che farò in modo che queste cose non abbiano più ad accadere, per tutti i motivi che avete ben spiegato nella vostra homepage. Questo però non giustifica. Ne' posso assicurare che in futuro non si verifichino errori, di tipo diverso, a causa di stupidi errori personali, come in questo caso. Quello che posso assicurare è che continueremo a lavorare in piena trasparenza e, dunque, anche ad accollarci le giuste colpe, quando necessario. Sarebbe stato sufficiente avere un tempo maggiore, per leggere con cura il pezzo ed evitare all'autore la pubblicazione di una cosa inesatta. Ma anche questo non è stato fatto poiché io stesso ho letto il pezzo con estrema superficialità e fretta, dovuta ai tempi stretti di pubblicazione ed al particolare momento editoriale. Fortunatamente il danno è relativo, perché le lettere di protesta ricevute (e pubblicate) serviranno ad avvertire gli altri lettori di questo malaugurato disguido di cui, ripeto, devo personalmente prendere tutta la responsabilità.

Apprezzo sinceramente il fatto che abbiate pubblicato i commenti dei lettori e abbiate rettificato, siamo tutti esseri umani e una "svista" può capitare a chiunque, ma quel numero della rivista rimarrà sempre con quell'articolo, e chi non legge il numero successivo non saprà mai che le informazioni lì contenute non erano corrette... Sarebbe stata senz'altro migliore una rivista con un articolo in meno, ma gli altri accurati, piuttosto che con un articolo in più ma non attendibile, ed è questo che più mi spiace, vedere la “corsa” alla pubblicazione di qualsiasi cosa, pur di pubblicare qualcosa... meglio pochi ma buoni :)

Aggiungi un commento

Avviso per chi vuole lasciare un commento: Questo è un sito amatoriale, che vuole diffondere una maggiore conoscenza e consapevolezza sulle specie allevate in acquario, ed è gestito da una sola persona. Se avete qualche commento da fare riguardo al sito o a questa pagina siete i benvenuti, ma per richieste d'aiuto e/o consigli per il vostro acquario è meglio rivolgervi dove ci sono più persone in grado di rispondervi, come i forum dedicati, posso consigliarvi i miei preferiti, acquariofiliafacile.it e acquarioacquadolce.it, per serietà ed attendibilità, ma ce ne sono molti altri :)

By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.