• No ai pesci giganti in acquario
  • No ai pesci rossi nella boccia
  • I pesci pulitori non esistono!
  • No ai pesci colorati artificialmente
  • No ai pesci combattenti nei vasi
  • No alle tartarughe nelle mini vaschette
Tempo di lettura
1 minuto
Letto finora

Un Titano tra i nani

Dom, 27/Set/2015 - 09:25
Posted in:
0 comments

Raccolta di Apistogramma kullanderi in una pozza tranquilla a Serra do Cachimbo, Brasile - Foto © Reef2rainforest.com

"Un Titano tra i nani": sembra che siano state queste le parole usate dai ricercatori Henrique Varella e Mark H. Sabaj Pérez per descrivere Apistogramma kullanderi, una nuova specie recentissimamente descritta, attualmente la più grande specie conosciuta del genere Apistogramma. Chi ha avuto la fortuna di vederli dal vivo sostiene infatti che oltre ad una splendida colorazione abbiano anche un corpo molto più robusto rispetto alle altre specie di Apistogramma. Sia i maschi che le femmine della specie sono splendidi, in particolare le femmine, che con le loro strisce verticali scure, differiscono dalle femmine di molte altre specie del genere.

La specie era già parzialmente conosciuta con il nome informale di Apistogramma “gigas” oApisto­gramma sp. by Sabaj Pérez, e data la lunghezza standard che raggiungono i maschi (8cm) è quasi difficile immaginarli nel gruppo dei ciclidi nani. Gli autori spiegano che essendo la specie endemica in corpi d'acqua isolati da grandi cascate e poveri della presenza di altri ciclidi, le opportunità ecologiche, la riduzione della concorrenza e la selezione sessuale hanno contribuito all'evoluzione di queste grandi dimensioni corporee.

Mappa della regione a ovest di Rio Xingu, in una remota area del Brasile - Foto © Reef2rainforest.com

Mappa della regione a ovest di Rio Xingu, in una remota area del Brasile - Foto © Reef2rainforest.com

La specie è stata chiamata così in onore del grande scienziato svedese Sven O. Kullander, grande studioso e conoscitore dei ciclidi nani, e proviene da aree geograficamente isolate del Rio Curuá superiore (bacino del Rio Xingu) nella Serra do Cachimbo (stato di Para) nel Brasile centrale. Come evidente dalla foto di copertina, gli esemplari studiati sono stati raccolti in una pozza d'acqua tranquilla lungo un torrente d'acqua nera senza nome che scorre nella Serra do Cachimbo, dove si rifugiano tra la fitta vegetazione protettiva che cresce lungo gli argini.

Ad oggi non è disponibile in commercio, soprattutto perché si trova in una zona molto remota, lontano dalle zone di raccolta dei collezionisti di pesci d'acquario, per cui per trovarli bisognerà attendere che vengano riprodotti su larga scala.

Ecco le foto di due esemplari appena raccolti, sopra il maschio e sotto femmina:

apistogramma-kullanderi-male-amazonasmagazine.jpg

 

apisto-kullanderi-female-amazonasmagazine.jpg

 

Tratto e tradotto da Reef To Raiforest Media

Aggiungi un commento

Avviso per chi vuole lasciare un commento: Questo è un sito amatoriale, che vuole diffondere una maggiore conoscenza e consapevolezza sulle specie allevate in acquario, ed è gestito da una sola persona. Se avete qualche commento da fare riguardo al sito o a questa pagina siete i benvenuti, ma per richieste d'aiuto e/o consigli per il vostro acquario è meglio rivolgervi dove ci sono più persone in grado di rispondervi, come i forum dedicati, posso consigliarvi i miei preferiti, acquariofiliafacile.it e acquarioacquadolce.it, per serietà ed attendibilità, ma ce ne sono molti altri :)

By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.