• No ai pesci giganti in acquario
  • No ai pesci rossi nella boccia
  • I pesci pulitori non esistono!
  • No ai pesci colorati artificialmente
  • No ai pesci combattenti nei vasi
  • No alle tartarughe nelle mini vaschette
Tempo di lettura
2 minuti
Letto finora

L'Anatomia della Caridina multidentata

Mar, 06/Gen/2009 - 22:30
Posted in:
0 comments

Descrizione con schema dell'anatomia delle Caridine

Anatomia della Caridina japonica - Immagine di Dave C.

La Caridina multidentata (ex Caridina japonica) è caratterizzata dall'avere il corpo quasi trasparente, che lascia intravedere gli organi interni. Sul dorso diventa leggermente più scura ed è presente una linea bianco crema che va dalla testa alla coda a ventaglio. Lateralmente sono presenti delle file di puntini rosso ruggine, che sono quasi perfettamente tondi nei maschi, mentre sono leggermente allungati, simili quasi a dei trattini, nelle femmine.
Sono provviste di piccolissime chele, che usano per afferrare il cibo e per portarne i frammenti alla bocca.

Qui sopra potete vedere una bella immagine in "sezione" di una caridina, in cui si possono vedere le caratteristiche della sua struttura corporea, suddivisa in due parti: la parte anteriore, il cefalotorace, è costituito dalla fusione tra testa e torace, mentre la parte posteriore, l'addome, è suddiviso in vari segmenti.
Nel cefalotorace, protetti dal carapace, una robusta corrazza contenente chitina (una sostanza organica azotata, talvolta impregnata di sali minerali e sostanze coloranti), si concentrano gli organi vitali del crostaceo: cervello, cuore, stomaco, vescica natatoria, testicoli nel maschio e sacca ovarica nelle femmine. La sacca ovarica, di colore scuro, è ben visibile dietro la testa delle femmine come una grande macchia scura, ed è uno dei segnali di dimorfismo sessuale.
Il carapace ha un prolungamento anteriore, sopra gli occhi e la bocca, chiamaro rostro.

Sia i segmenti toracici che quelli addominali sono provvisti oguno di un paio di appendici; nel torace esse hanno una funzione deambulatoria, ed il primo paio è trasformato in piccole chele, dette massillipedi, di cui il gamberetto si serve per raccogliere il cibo e portarlo alla bocca.
Le appendici addominali hanno invece una prevalente funzione natatoria, e vengono chiamate infatti appendici natatorie o pleopodi.
All'interno dell'addome è presente l'intestino, che va dallo stomaco nel carapace all'ano subito prima della coda a ventaglio, o telson, e che cambia colore a seconda degli alimenti che vengono mangiati. Questi cambiamenti nella colorazione sono visibili, grazie alla trasparenza del corpo della caridina.
Nella parte della bassa dell'addome vi sono le appendici natatorie, tra le quali vengono trattenute dalla femmina le uova fecondate.

La Caridina japonica può raggiungere in acquario, dove si nutre anche dei resti del mangime degli altri pesci (quando non riesce a fregarselo e papparselo tutto lei) dimensioni intorno ai 6 cm.
Se l'alimentazione invece è costituita da sole alghe e detriti vegetali, come in genere in natura, in genere non vengono superate le dimensioni di 5 cm.

La loro aspettativa di vita, se ben allevate e nutrite, è di due o tre anni. Sembra da questo articolo che diventando anziane le caridine tendano a colorarsi di arancione, per diventare di un arancione vivo poco prima di morire.

 

Elenco delle Specie presenti nel sito e appartenenti al Genere

Caridina multidentata (ex Caridina japonica) in acquario
Sawtooth caridina
Aspettativa di vita:
Dimensioni massime:

Più conosciuta con il vecchio nome di Caridina japonica, è stata una tra le prime caridine apparse in gran numero in commercio.

Neocaridina heteropoda che pascolano nel muschio di giava - gennaio 2005
Red cherry shrimp
Aspettativa di vita:
Dimensioni massime: fino a 2,5 cm la femmina, 2 il maschio

Piccole e belle caridine rosse, rimangono più piccole delle Caririna multidentata, ma hanno un comportamento molto simile.

Temperatura in natura: 21 - 27°C

Aggiungi un commento

Avviso per chi vuole lasciare un commento: Questo è un sito amatoriale, che vuole diffondere una maggiore conoscenza e consapevolezza sulle specie allevate in acquario, ed è gestito da una sola persona. Se avete qualche commento da fare riguardo al sito o a questa pagina siete i benvenuti, ma per richieste d'aiuto e/o consigli per il vostro acquario è meglio rivolgervi dove ci sono più persone in grado di rispondervi, come i forum dedicati, posso consigliarvi i miei preferiti, acquariofiliafacile.it e acquarioacquadolce.it, per serietà ed attendibilità, ma ce ne sono molti altri :)

By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.