• No ai pesci giganti in acquario
  • No ai pesci rossi nella boccia
  • I pesci pulitori non esistono!
  • No ai pesci colorati artificialmente
  • No ai pesci combattenti nei vasi
  • No alle tartarughe nelle mini vaschette
Tempo di lettura
7 minuti
Letto finora

Stagni salmastri, Halocaridina rubra ed altre...

Lun, 02/Apr/2012 - 18:29
Posted in:
2 comments

Studio sulle caridine d'acqua salmastra delle Hawaii, del loro ambiente naturale e delle minacce a cui è sottoposto

Traduzione in italiano di Marina dell'articolo: "Strategia di conservazione dell’ampia fauna selvatica delle Hawaii 10/6/2005" per il sito di Invertebrati.info

Halocaridina rubra nel loro ambiente (invertebrati.info)

Gamberetti d’acqua salmastra:

  • Antecaridina lauensis
  • Calliasmata pholidota
  • ‘Ōpae ‘ula o Halocaridina rubra
  • Halocaridina palahemo
  • Metabetaeus lohena
  • Procaris hawaiana
  • Palaemonella burnsi
  • Vetericaris chaceoru

Stato delle specie:

  • Tutte elencate nella lista federale tranne Halocaridina
  • Tutte elencate nella lista dello Stato tranne Halocaridina
  • Lista Rossa IUCN – Non considerata
  • Tutte endemiche tranne Antecaridina, Calliasmata, Metabeteus

Il risultato è che solamente la Halocaridina rubra può essere liberamente sportata e commercializzata e quindi la moltitudine delle altre specie di gamberetti provenienti dalle Hawaii, sono quasi per nulla conosciuti.

Informazione sulle specie:

esemplari

esemplari di Metabetaus lohena

Questo gruppo di specie vive in ambienti sottorranei e in bacini di acqua salmastra composti da un mix di acqua dolce e acqua salata, proveniente da collegamenti sotterranei con il mare. Tutte le specie, eccetto A. lauensis, C. pholidota, e M. lohena, sono endemiche delle Hawaii. La Ōpae ula (Halocaridina rubra) raggiunge la lunghezza di 1.5 cm ed è una specie erbivora che pascola sulle patine d’alghe, di batteri e diatomee che crescono sulle rocce e altri substrati duri. Sono anche in grado di filtrare il cibo attraverso e sulla superficie dell’acqua. Le altre specie sono molto più grandi (raggiungono i 5 centimetri o 2 pollici di lunghezza) ed alcune sono predatrici. M. lohena si ciba dei suoi simili e soprattuto delle ‘ōpae ‘ula.
C. pholidota si ciba di crostacei e policheti, mentre P. hawaiana è stata vista cibarsi di gamberi.

esemplari di Calliasmata pholidota

esemplari di Calliasmata pholidota

Sono tutte di colore rosso e hanno poche appendici. Le Ōpae ‘ula trasportano circa 12 uova fecondate sotto la pancia, per un periodo di incubazione di circa 38 giorni. Si riproducono una o due volte l’anno ed hanno un’aspettativa di vita, in cattività, di circa 20 anni. Per quanto riguarda le altre specie, abbiamo meno informazioni, ma sono relativamente longeve per la loro classe. La A. lauensis e la M. lohena vivono anche sei anni. La C. pholidota è cieca. La A. lauensis, la ‘ōpae ‘ula e la M. lohena vivono in acque con concentrazioni saline da 2 a 36 ppt. Le specie più rare sono state trovate in bacini con un’altissima concentrazione di sali, di solito, sopra 15 ppt. Tutte vivono in acque con temperature superiori ai 20 C°. Inoltre l’ Ōpae ‘ula mostra una gran quantità di variabili intraspecifiche, quantificate da luogo a luogo, che suggeriscono che la preservazione della diversità genetica potrebbe essere un problema. Analisi genetiche, non pubblicate, indicano che le H. palahemo e le ‘ōpae ‘ula potrebbero non essere due specie diverse, ma far parte di un solo gruppo criptico geneticamente vario.

Distribuzione:

Halocaridina rubra nel loro ambiente

Halocaridina rubra nel loro ambiente

La distribuzione storica include dalle 600 alle 700 pozze salmastre a O’ahu, Maui, Moloka’i, e sull’isola Hawai’i e una quantità sconosciuta di canali sotterranei. Al momento, queste specie, si trovano in pochi bacini salmastri a Maui e Hawai’i, le ‘ōpae ‘ula si trovano in un bacino salmastro artificiale appositamente creato a Kaho’olawe, e in habitat naturali e artificiali a O’ahu e Moloka’i. Sono state trovate anche nell’oceano, in prossimità di una foce d’acqua dolce.

Soltanto due di queste specie (V. chaceorum e H. palahemo) si possono trovare ognuna in una singola pozza (a Hawai’i). Solo le ‘ōpae ‘ula e le M. Lohena hanno una distribuzione più vasta. Le altre quattro specie si trovano ciascuna in non più di quattro bacini. Sei di queste otto specie si possono trovare sia nella Riserva Naturale di Ahihi-Kina’u (Maui) sia in quella di Manuka (Hawai’i).

Alcune specie si trovano a Wainapanapa, Maui; nel Bacino Riserva di Waikoloa (North Kona Hawai’i), nell’area di Ka Lae vicino a South Point Hawai’i in una proprietà demaniale e nel Parco Nazionale Storico di Kaloko – Honokohau, e nel Parco Nazionale dei Vulcani delle Hawaii. Le ‘opae ‘ula si trovano a Barbers Point, a Flat Island, a Waianae e in un impianto di acquacultura a Kahuku, tutte località di O’hau.

Abbondanza:

Halocaridina rubra nel loro ambiente

Halocaridina rubra nel loro ambiente

L’abbondanza dei gamberetti d’acqua salmastra nell’area di Waikolao è stata costante, eccetto che per un incremento delle ‘ōpae ‘ula dal 1996. L’ ‘opae ‘ula è la specie di gamberetto salmastro più diffusa in assoluto, e in un buon habitat, la densità può raggiungere le centinaia di individui per metro quadrato. Di V. chaceorum non se ne sono mai visti più di una manciata. Nelle recenti indagini non sono stati avvistati esemplari di H. palahemo.

Dato che molte di queste specie vivono nelle fessure interstiziali dei fondali, è difficile determinare l’esatto ammontare della popolazione o l’estensione territoriale, né fare una valutazione quantitativa dell'abbondanza. La popolazione generale potrebbe essersi abbassata a causa dell’inserimento di pesci nei bacini.

Siti e condizioni dell'habitat ideale:

Tipico paesaggio Hawaiano vulcanico dove si raccoglie l'acqua salmastra e dove è possibile trovare questi gamberetti anchialini

Tipico paesaggio Hawaiano vulcanico dove si raccoglie l'acqua salmastra e dove è possibile trovare questi gamberetti anchialini

I gamberetti d’acqua salmastra si trovano nelle acque marine sotterranee e nei bacini salmastri situati in quelle aree geologicamente giovani vicino alla costa, composte da depositi lavici. Il deposito lavico, in queste aree, ha delle fessure che collegano le pozze salmastre all’oceano. Quindi questi bacini sono sempre vicino al mare, hanno vari livelli di salinità e sono influenzati dalle maree. La maggior parte di questi hanno una superficie minore di 100 metri quadrati (1000 piedi quadrati) ed una profondità di meno di 1.5 metri (5 piedi).

I gamberetti dei bacini salmastri, si possono trovare a qualsiasi livello della colonna d’acqua e sul substrato, così come negli interstizi dei canali che fanno parte del sistema di collegamenti con l’oceano, che influenza l’acqua dei bacini. Molti bacini sono stati riempiti, o ospitano, specie non originarie del luogo. Un bacino fu accidentalmente creato a Kaho’olawe dall’enorme esplosione di una bomba e successivamente colonizzato dalle ‘ōpae ‘ula attraverso un meccanismo sconosciuto, dato che i bacini più vicini sono a 10 kilometri di distanza (sei miglia). Tra le varie possibilità, quella di esservi state trasportate dagli uccelli, oppure che fosse già presente una colonia sotterranea.

Fu creato un altro bacino da usare nell’industria dell’acquacultura e fu colonizzato da ‘ōpae ‘ula che risultarono appartenere ad un unico gruppo genetico, questo suggerì che i gamberetti provenissero da una sconosciuta, ma vicina, risorsa sotterranea. Quindi, non è ancora chiaro, quanto siano necessari i bacini salmastri alla sopravvivenza delle ‘ōpae ‘ula. I bacini possono essere una fonte di ulteriore incremento della produttività dei gamberetti salmastri e della comunità che vi ruota attorno, visto che l’habitat sotterraneo è probabilmente meno produttivo in assenza di questi collegamenti.

Minacce:

  • La distruzione ambientale ha ridotto gli habitat disponibili per i gamberetti d’acqua salmastra. Sulle isole Hawai’i c’è stato un forte sviluppo nella principale area di bacini salmastri tra Kawaihae e Kailua-Kona che ha portato al riempimento di molte pozze. Un sistema di monitoraggio è stato messo a punto a Waikaloa per valutare l’impatto ambientale di tale sviluppo;
  • un gran numero di specie di pesci introdotte negli stagni competono con i gamberetti per il cibo, o li predano come tale. I pesci (Tilapia, Koi, gambusie e guppies) e i gamberi taitiani introdotti, costituiscono la maggiore minaccia, ed alterano le abitudini ambientali dei gamberetti. Più del 90% dei bacini salmastri della costa hawaiana di Kona, sono stati “contaminati” da queste specie non indigene. La presenza di questi pesci spinge i gamberetti a ritirarsi nelle fessure del substrato, quindi il bacino si riempie di alghe ed il risultato è che le scorie si accumulano molto più in fretta, con conseguente deperimento dello stagno. Questo indica che le ‘ōpae ‘ula sono la chiave di volta;
  • l’inquinamento degli stagni causato dai rifiuti e dall’uso che l’uomo fa dell’acqua;
  • i bacini salmastri stessi possono, agire da conduttori di agenti inquinanti e predatori, e impattano sulle aree sotterranee che dovrebbero essere gli habitat primari di queste specie.
  • gli appassionati che catturano le ‘ōpae ‘ula per rivenderle ai commercianti ad uso ornamentale o come cibo vivo, minacciano alcuni bacini.
Prelievo di alcuni esemplari di Halocaridina rubra per studi scientifici

Prelievo di alcuni esemplari di Halocaridina rubra per studi scientifici

Prelievo di alcuni esemplari di Halocaridina rubra per studi scientifici

Prelievo di alcuni esemplari di Halocaridina rubra per studi scientifici

Interventi di conservazione:

In aggiunta ai comuni interventi di conservazione previsti dallo Stato e dall’isola, altri interventi specifici includono:

  • recintare gli stagni nella Riserva Naturale di ‘Ahihi Kina’u, e possibilmente anche altrove;
  • sensibilizzare le persone riguardo al valore degli stagni, alle minacce a cui sono soggetti e agli interventi di conservazione necessari per preservarli;
  • ripristino dell’habitat attraverso la rimozione delle varie specie di pesci introdotte;
  • prendere in considerazione la creazione di bacini artificiali;
  • mantenere una popolazione sana con un’appropriata regolamentazione della pesca, nonché con un’adeguata formazione dei pescatori;
  • Proposta di chiusura e deviazione di un tratto di strada adiacente a 49 stagni nella Riserva Naturale di Manuka.

Monitoraggio:

  • Indagini continue sulla popolazione e sulla sua distribuzione negli habitat conosciuti e in quelli possibili;
  • sviluppo di metodi d’indagine quantitativa

Priorità della ricerca:

  • Approfondire la conoscenza della storia dei gamberetti d’acqua salmastra, inclusa l’importanza degli stagni contrapposti agli habitats sotterranei per quanto riguarda l’esistenza e l’abbondanza della popolazione dei gamberetti stessi;
  • capire l’importanza ecologica dell’interazione con gli antagonisti e i predatori introdotti;
  • fare ricerche sulla storia dei suddetti antagonisti e predatori per sviluppare strategie di rimozione o controllo;
  • collaborare con l’Agenzia per la Protezione Ambientale per sviluppare alternative o metodologie accettabili, riguardo all’uso del “rotenone” ( insetticida e acaricida naturale, a largo spettro d'azione, estratto dalle radici di piante tropicali della famiglia delle leguminose) nella rimozione dei pesci introdotti.

Traduzione in italiano di Marina dell'articolo: "Strategia di conservazione dell’ampia fauna selvatica delle Hawaii 10/6/2005" per il sito Invertebrati.info

Bibliografia:

  • Bailey-Brock JH, Brock RE. 1993. Feeding, reproduction, and sense organs of the Hawaiian anchialine shrimp, Halocaridina rubra. Pacific Science. 47(4):338-345.
  • Bailey-Brock JH, Brock V, Brock RE. 1999. Intrusion of anchialine species in the marine environment: the appearance of an endemic Hawaiian shrimp, Halocaridina rubra on the south shore of Oahu (Hawaiian Islands). Pacific Science 53: 367-369.
  • Brock RE. 2004. Anchialine resources in two Hawaii state NARs: A report prepared for US Fish and Wildlife Service. Honolulu, HI: Environmental Assessment, LLC.
  • Brock RE, Bailey-Brock JH. 1998. An unique anchialine pool in the Hawaiian Islands. International Reviews in Hydrobiology 83:65-75.
  • Chai DL, Cuddihy C, Stone C. 1989. An inventory and assessment of anchialine pools in Hawaii Volcanoes National Park from Waha’ula to Ka’aha, Puna and Ka’u, Hawaii. Technical Report #69. Cooperative National Park Resources Studies Unit. 37 pp. National Park Service Contract No. CA 8015-2-0001.
  • Maciolek J. 1983. Distribution and biology of Indo ]Pacific insular hypogeal shrimps. Bulletin of Marine
  • Science 33:606-618.
  • Santos, Scott. Auburn University. Personal communication.
  • Yamamoto M, Tagawa A. 2000. Hawaii’s native and exotic freshwater animals. Honolulu, HI: Mutual

Commenti

Salve, lo scorso anno ho comprato un mini acquario (ecosistema apribile per il cambio aria) con dentro 5 Halocaridina Rubra..me ne sono morte 3 su 5 nel giro di due mesi..a questo punto sarei interessata ad ampliare l'acquario, prendendo una sfera o una vasca aperta più grande conACQUA SALATA come quella che mi è arrivata per le Halocaridina Rubra. Avrei intenzione di aggiungere altre specie di gamberetti assieme a loro e mi piacerebbe aggiungerne della tipologia "Blie Pearl" o i "Tiger blue (occhi arancioni)", ma purtroppo non so se vanno bene assieme a loro e soprattutto non riesco a trovare informazioni per capire se quelle due specie vadano bene in acqua salmastra. URGENTE PER NATALE!! qualcuno può aiutarmi? Grazie a tutti. Elisabetta

Ciao, come scritto sopra il tuo commento, questo è solo il mio sito, non ci sono esperti pronti a rispondere, ci sono solo io. Prova a porre la tua domanda nei forum indicati, o comunque in qualche forum acquariofilo frequentato, ce ne sono anche dedicati proprio alle caridine, come caridine.it; troverai sicuramente qualcuno che le alleva e ti sa dire qualcosa...

Aggiungi un commento

Avviso per chi vuole lasciare un commento: Questo è un sito amatoriale, che vuole diffondere una maggiore conoscenza e consapevolezza sulle specie allevate in acquario, ed è gestito da una sola persona. Se avete qualche commento da fare riguardo al sito o a questa pagina siete i benvenuti, ma per richieste d'aiuto e/o consigli per il vostro acquario è meglio rivolgervi dove ci sono più persone in grado di rispondervi, come i forum dedicati, posso consigliarvi i miei preferiti, acquariofiliafacile.it e acquarioacquadolce.it, per serietà ed attendibilità, ma ce ne sono molti altri :)

By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.