• No ai pesci giganti in acquario
  • No ai pesci rossi nella boccia
  • I pesci pulitori non esistono!
  • No ai pesci colorati artificialmente
  • No ai pesci combattenti nei vasi
  • No alle tartarughe nelle mini vaschette
Tempo di lettura
7 minuti
Letto finora

Ciclidi Americani I - I Ciclidi nani

Lun, 09/Feb/2009 - 22:20
Posted in:
0 comments

di Horst Linke e Wolfgang Staeck, Edizioni Tetra.

Say hello to purple, pink and red - Foto © Marcus Wallinder (green.colorize.net)

Ciclidi Americani I - I Ciclidi nani

Un manuale per la classificazione, l'allevamento e la riproduzione dei Ciclidi nani, con foto, descrizioni dettagliate dei biotopi naturali, ed esperienze dirette di allevamento e riproduzione di ben 75 Ciclidi nani, tra Apistogramma, Apistogrammoides, Biotecus, Crenicara, Crenicichla, Dicrossus, Laetacara, Nannacara, Papiliochromis (ora Mikrogeophagus) Taeniacara, Teleocichla.

Molto interessante la prima parte, in cui viene descritto come va allestito un acquario dedicato ai Ciclidi nani, e fondamentale la seconda, con la descrizione di tutte le specie, molto approfondita, utilissima per il loro allevamento in acquario, e da non dimenticare le bellissime foto (anche se, a dir la verità, secondo molti non sono utilissime per la loro identificazione).
Naturalmente risente un po' della "vecchiaia", l'ultimo aggiornamento risale al 1992, per cui oggi molte specie si conoscono molto meglio, molte sono state anche riclassificate.


Ecco l'indice del volume :

I Ciclidi
Breve introduzione ai Ciclidi, con descrizione generale delle caratteristiche fisiche ed ambientali
Ciclidi nani del Sud America
Differenze tra le specie in base alla provenienza geografica
L'acquario biotopo per piccoli Ciclidi sudamericani
Prima una descrizione dettagliata dei biotopi naturali di provenienza, con valori dell'acqua registrati sul posto, poi consigli per l'allestimento e l'arredamento di una vasca dedicata ai Ciclidi nani
Genere Apistogramma
Apistogramma agassizi
E' questa la parte fondamentale del libro, la descrizione delle specie, delle quali vengono presentate, oltre a splendide foto, la descrizione, le caratteristiche tipiche della specie, i confronti con le specie più simili, l'habitat naturale, l'allevamento in acquario e la riproduzione.
Apistogramma bitaeniata
Apistogramma borellii
Apistogramma brevis
Apistogramma cacatuoides
Apistogramma caetei
Apistogramma commbrae
Apistogramma diplotaenia
Apistogramma elizabethae
Apistogramma eunotus
Apistogramma geislerigephyra
Apistogramma gibbiceps
Apistogramma gossei
Apistogramma guttata
Apistogramma hippolytae
Apistogramma hoignei
Apistogramma hongsloi
Apistogramma incospicua
Apistogramma iniridae
Apistogramma linkei
Apistogramma luelingi
Apistogramma macmasteri
Apistogramma meinkeni
Apistogramma moae
Apistogramma nijsseni
Apistogramma norberti
Apistogramma ortmanni
Apistogramma paucisquamis
Apistogramma personata
Apistogramma pertensis
Apistogramma piauiensis
Apistogramma pulchra
Apistogramma regani
Apistogramma resticulosa
Apistogramma roraimae
Apistogramma spec. (Apistogramma dalla fascia larga)
Apistogramma spec. (Apistogramma dalle guance gialle)
Apistogramma spec. (Apistogramma dalle pinne arancioni)
Apistogramma spec. (Apistogramma dalle fasce parallele)
Apistogramma spec. (Rio Caura)
Apistogramma spec. (Apistogramma dal cuneo rosso)
Apistogramma spec. (Apistogramma dai punti rossi)
Apistogramma spec. (Apistogramma Tucuruì)
Apistogramma staecki
Apistogramma steindachneri
Apistogramma taeniata
Apistogramma trifasciata
Apistogramma uaupesi
Apistogramma viejita
Genere Apistogrammoides
Apistogrammoides pucallpaensis
Genere Biotoecus
Biotoecus opercularis
Genere Crenicara
Crenicara latruncularium
Crenicara punctulatum
Genere Crenicichla
Crenicichla compressiceps
Crenicichla notophthalmus
Crenicichla regani
Genere Dicrossus
Dicrossus filamentosus
Dicrossus maculatus
Dicrossus spec. (Dicrossus dalle pinne rosse)
Genere Laetacara
Laetacara curviceps
Laetacara dorsigera
Laetacara flavilabris
Laetacara spec. (Laetacara dalla testa gibbosa)
Laetacara spec. (Laetacara dalle pinne arancioni)
Laetacara thayeri
Genere Nannacara
Nannacara anomala
Nannacara aureocephalus
Nannacara taenia
Genere Papiliochromis
Papiliochromis altispinosa
Papiliochromis ramirezi
Genere Taeniacara
Taeniacara candidi
Genere Teleocichla
Teleocichla cinderella
Teleocichla gephyrogramma
Teleocichla monogramma
FAQ - Domande e Risposte

Tutto Quello Che Avreste Sempre Voluto Sapere Ma Non Avete Mai Osato Chiedere...

Ed ecco qui di seguito che cosa pensano del libro i partecipanti al newsgroup it.hobby.acquari

Garagolo (13 gen 2000)
[O.TR.AC] Ciclidi nani
Ciao a tutti, Inizio questo nuovo thread perché tre giorni fa' ho ricevuto l'omonimo libro per posta.
Il "tomo" di W. Staeck e U. Baensch, edito da Tetra è un testo eccellente per chi voglia cimentarsi nell'allevamento di questi magnifici pesci.
Vi chiederete: e cosa ci combina con l'O.TR.AC.?
Bene, l'edizione che ho ricevuto (1999) è stata rivista ed ampliata ed è il primo testo dove ho trovato la descrizione dettagliata dell'ambiente biotopo per l'allevamento dei Ciclidi nani, il tutto farcito con una quantità enorme di dati analitici (in pratica l'analisi completa dell'acqua di cattura di ciascuna specie) e dei parametri da controllare per l'allevamento e riproduzione di ciascuna specie.
Forse non ci crederete ma gli autori (entrambe scienziati e non allevatori) per l'allevamento e la riproduzione suggeriscono:
1) visto che le varie specie di Ciclidi nani vivono in natura in ambienti caratterizzate da acque anche molto diverse tra loro, informarsi sull'habitat naturale delle specie da allevare (peraltro molto ben descritti nella trattazione sistematica) ed allestire un biotopo ricchissimo di vegetazione
2) NON fanno menzione su limiti minimi di KH per la formulazione dell'acqua e anzi, per specie endemiche del Rio Negro suggeriscono di usare acque estremamente tenere (GH & KH < 1) e acide (pH 5 - 6) IN QUANTO TALE AMBIENTE PREVIENE LE MALATTIE.... :)))))))))))
3) Incoraggiano la filtrazione su torba (sempre per le specie "acidofile")
4) viene riportato in modo chiaro il concetto trainante dell'O.TR.AC.: la conducibilità è alla base di tutto... la riproduzione si ha in concomitanza di una diminuzione di conducibilità e pH, corrispondente a quanto succede in natura durante la stagione delle piogge.
Mi manca solamente di trovare nel testo la raccomandazione di non sifonare e siamo a posto... :)))))))))
Non è che uno dei due autori è Alessandro P. sotto mentite spoglie?????
8o))))))))
Scherzi a parte, il testo mi è talmente piaciuto che ho ordinato anche il secondo volume (Grandi Ciclidi)....
Vi lascio e mi ri-immergo nel mio libro....
Simone Vicini
> Il "tomo" di W. Staeck e U. Baensch, edito da Tetra è un testo eccellente > per chi voglia cimentarsi nell'allevamento di questi magnifici pesci.
Sei proprio sicuro degli autori? Sapevo che era uscita nel 1999 una nuova edizione aggiornata del lavoro del 1984 e già più volte aggiornato di H. Linke e W.Staeck, ma non sapevo che fosse disponibile questo nuovo testo, ho cercato su www.tetra-fish.com ma non sono riuscito a trovarlo, dalla tua descrizione sembra inoltre che il libro sia molto simile a quello che io ho di H. Linke a di W. Staeck.
Michele Ralli
Potresti anche darci Tutti i dati, e magari le info su come ordinarlo, no?? :-))
Garagolo
Ho fatto un po' di casino con gli autori... sono Horst Linke e Wolfgang Staeck il volume è una riedizione Tetra del 1994 tratta da un trattato in tedesco degli autori del 1992.
Io l'ho ordinato tramite la rivista "il mio acquario" pagandolo 49K lire.
Si tratta del solito volume citato in questo thread da Simone e Gianmarco.
Comunque, più lo leggo e più mi piace.
Sarà forse per il taglio prettamente scientifico che gli autori hanno dato all'opera?
Sarà forse perchè è stato tradotto bene?
Chissà... ora aspetto il secondo volume e poi vediamo... :))))))))))
Non è che avete già visionato l'altro volume dell'opera (Grandi Ciclidi)?
E' all'altezza del primo?
Gianmarco Vanni
> Il "tomo" di W. Staeck e U. Baensch, edito da Tetra è un testo eccellente per chi voglia cimentarsi nell'allevamento di questi magnifici pesci.
io possiedo "I Ciclidi nani" Ciclidi Americani I di Linke Staeck della Tetra, credo quello di cui parla anche Simone, comperato proprio un anno fa 1a edizione italiana del 1994 basata su quella tedesca del 1992 e anche in questa sono elencati i biotopi di cattura di quasi tutti i tipi di Ciclidi nani elencati, e le foto sono tutte di esemplari tenuti in vasche arredate... sarà mica lo stesso volume riedito? il mio è in tutto di 232 pagine.
Per quello che riguarda l'o.tr.ac non volevi mica che chiamassero Rio Ucayali oligotropico acido.....:)
miomao (2 giu 1999)
>Premettendo una mia quasi totale ignoranza in materia "Ciclidi" cosa ne pensate dei libri della Tetra "Ciclidi nani"?
Secondo me è un libro interessante, pur tenendo conto che non è completo (mancano una esagerazione di specie e, soprattutto, è carente di fotografie, a mio avviso necessarie per distinguere anche le tante varietà presenti in commercio, basti pensare ai soli A. Cacatuoides o A. Agassizi).
Stessa cosa dicasi per i "Grandi ciclidi". La sua utilità è data dalle informazioni circa i valori chimici dell'acqua, spesso ricchi e dettagliati. A mio avviso, pero', ci sono discordanze con quanto accade in acquario, dove, se allevi un A. Nijsseni (che provengono da allevamenti) nelle stesse condizioni riportate dal testo di cui sopra, questi si "sciolgono" :-)))
Ovviamente sto esagerando, pero' ho notato che le condizioni chimiche riportate nel testo sono spesso estreme e complesse da mantenere in acquario dove, comunque, gli stessi pesci si riescono ad allevare e riprodurre in condizioni meno "complesse". Resta il fatto che, in lingua italiana, è probabilmente il testo piu' completo a riguardo. Personalmente lo vedo come un "buon inizio", sicuramente da approfondire e completare.
>"Ciclidi dell'Africa occidentale" e "C. dell'Africa orientale"?
Per quanto riguarda questi due testi, invece, sono meno "buono". Sono un poco "vecchiotti", se non dal punto di vista editoriale, sicuramente lo sono dal punto di vista etologico. Anche le informazioni circa le condizioni di allevamento sono un po' scarse e, a volte, sbagliate... almeno, secondo le piu' recenti indagini e recensioni (vedi Koenig, Busher, Azas). Resta comunque il fatto che sono le prime importanti pubblicazioni in lingua italiana inerenti i ciclidi africani. Le immagini sono belle, forse un po' "scarsine" per numero (sempre per il discorso delle tante varietà)....
>Conoscete in alternativa qualche altro libro valido sull'argomento, anche magari in volume unico?
Koenig ha fatto diverse pubblicazioni, anche molto interessanti. Alcune le trovi anche in lingua italica.
Simone Vicini (2 dic 1998)
Hai il libro I Ciclidi nani edito dalla Tetra? Se la risposta è negativa io lo comprerei, ti toglie un sacco di curiosità ed è il migliore e l'unico :-)) in italiano dedicato ai Ciclidi nani sudamericani.
Vale più di un messaggio di 1000 righe.
Roby
Ceeeerrttooo che c'e' l'ho!! :-))).
E' forse un po' datato (il libro...), ma e' sicuramente quanto di piu' valido si puo' trovare in italiano sull'argomento.
Simone Vicini
E' vero che è datato, ma più che datato il problema è che non presenta tutte le specie conosciute, ed inoltre pur avendo molte buone fotografie non è da considerare un buonissimo libro da questo punto di vista.
Aqualog - South american cichlids II (mi pare sia questo il volume) invece compensa la mancanza del primo infatti ha una incredibile quantità di fotografie.
Ti faccio un solo esempio per Apistogramma agassizi ci sono ben 13 fotografie comprendenti specie selvatiche e tutte le varianti di colore conosciute.
Le fotografie variano da ottima qualità a discreta qualità, ma è sicuramente uno dei libri migliori per l'identificazione delle specie, perfettamente allineato con la loro filosofia per cui realizzano questo tipo di libro-catalogo, è un ottimo acquisto.
Vedrai dei codici vicino ogni foto, questi servono per facilitare gli ordini dei grossisti che possono farsi un'idea di come sarà il pesce che gli arriverà, è questo principalmente il motivo per cui nacque la serie Aqualog
Purtroppo in questo prezioso libro non ci sono molte informazioni sulle esigenze delle singole specie per cui il libro Tetra rimane un prezioso manuale ed inoltre come in tutti i libri ci sono diversi errori, ne sono stati contati 10 ed anche più.
Quindi per la riproduzione il libro Tetra rimane un buon partner.
Livio Leoni (26 ago 1999)
>A proposito, volevo prendermi un libro che trattasse in modo specifico i Ciclidi nani e ho visto quello della Tetra che non mi pare male, tu cosa ne pensi?
Posso intromettermi.
Il libro tetra è un gran libro. E' scritto da degli ottimi autori ed è uno dei più recenti. Ottimo acquisto per me. E' ricco di informazioni ricavate in natura e anche di suggerimenti di allevamento.
Un altro bel libro, in inglese però, è quello pubblicato nel 1997:
South American Dwarf Cichlids - Mayland, Bork
Edito dalla Aqualog (mi pare o commercializzato)
Costosetto però
bikediablo (13 mar 2002)
> Volendo approfondire la conoscenza degli Apistogramma,
Trovi moltissimo nel libro sui Ciclidi nani di Linke e Staek, c'è una bella parte introduttiva dedicata al genere Apistogramma, ma anche sulla tassonomia in generale.
Se vuoi un riferimento internet, purtroppo in inglese, puoi visitare il sito di Kullander:
http://www.nrm.se/ve/pisces/svenpage.shtml.en
Marco Armondi (16 set 1997)
> Nella lista che segue i voti vanno da 0 (atroce) a 5 (imperdibile).
...
Ciclidi americani - I Ciclidi nani - Linke e Staeck - Ed. Tetra
L.55.000
Sicuramente quello riuscito meglio. La Bibbia degli Apistogramma.
Interessantissima la rubrica "specie simili" dove vengono specificati i particolari peculiari della specie prese in esame mettendole in confronto con le specie simili.
Voto:5

Aggiungi un commento

Avviso per chi vuole lasciare un commento: Questo è un sito amatoriale, che vuole diffondere una maggiore conoscenza e consapevolezza sulle specie allevate in acquario, ed è gestito da una sola persona. Se avete qualche commento da fare riguardo al sito o a questa pagina siete i benvenuti, ma per richieste d'aiuto e/o consigli per il vostro acquario è meglio rivolgervi dove ci sono più persone in grado di rispondervi, come i forum dedicati, posso consigliarvi i miei preferiti, acquariofiliafacile.it e acquarioacquadolce.it, per serietà ed attendibilità, ma ce ne sono molti altri :)

By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.