• No ai pesci giganti in acquario
  • No ai pesci rossi nella boccia
  • I pesci pulitori non esistono!
  • No ai pesci colorati artificialmente
  • No ai pesci combattenti nei vasi
  • No alle tartarughe nelle mini vaschette

I pesci pulitori NON ESISTONO!

I pesci non vanno comprati per la loro presunta funzione di pulitori, ma perché piacciono e perché sono interessanti da osservare. Dobbiamo essere noi a rispettare le loro esigenze, non loro a dover svolgere un lavoro in vece nostra: i pesci non sono attrezzi, e non possono sopravvivere solo con gli scarti degli altri...

Tempo di lettura
5 minuti
Letto finora

Stelle e meduse - Gli Ancistrus (D. Stevens)

Mar, 03/Dic/2013 - 20:52
Posted in:
0 comments

Elenco con foto delle specie di Ancistrus più diffuse in ambito acquariofilo, con un tentativo di identificazione di queste specie, molto simili le une alle altre.

Traduzione dell'articolo:
"Starlights and medusas – The bristlenoses" di Darren Stevens
sul sito della FNZAS, Federation of New Zealand Aquatic Societies, che potete leggere al link seguente nella versione originale in inglese.
Pubblicato la prima volta su Aquarium World, maggio 2011

Golden Black-eyed Ancistrus - Foto di Geoff Haglund (FNZAS.org.nz)

Le specie di Ancistrus chiamate "Bristlenose comune" e "Golden black-eyed Ancistrus" (GBA) sono due dei pleco più comunemente disponibili in acquariofilia.

Sono piccoli, arrivando ad una lunghezza di circa 12 cm, tollerano una vasta gamma di condizioni dell'acqua, e si riproducono facilmente. Sono entrambi tipi di Ancistrus, e con gli altri parenti simili sono comunemente chiamati "Bristlenose" cioè muso barbuto, setoloso, a causa dei grandi "tentacoli" carnosi presenti sulla metà anteriore della testa dei maschi adulti. La funzione di queste grandi setole non è nota, ma si suppone che imitino piccoli ancstrus pronti a lasciare il nido, in quanto sembra che le femmine preferiscano deporre le uova nei nidi dei maschi che stanno già sorvegliano dei giovani, perché questo dimostra che sono dei buoni genitori.

Ci sono oltre 60 specie di Ancistrus descritte scientificamente, e molte altre in attesa di un nome scientifico. Il nome Ancistrus deriva dalla parola greca "agkistron" che significa gancio, in riferimento alle spine uncinate odontali sulle guance. Gli ancistrus sono diffusi nei fiumi e delle pianure alluvionali in tutto il sistema del Rio delle Amazzoni.

Le specie di Ancistrus comuni, come le due citate all'inizio, sono relativamente resistenti e tranquille, anche se i maschi adulti sono territoriali e possono litigare per questo. La maggior parte degli Ancistrus sono adatti alle vasche di comunità, ma hanno bisogno di un sacco di ripari, in particolare legni, che si pensa costituiscano una parte essenziale della loro dieta. Tuttavia, alcune specie di Ancistrus come i Pleco Medusa (Ancistrus ranunculus L034 e Ancistrus sp. L255) sono molto sensibili e sono adatti solo ad acquariofili esperti.
Tutti gli ancistrus apprezzano una buona corrente d'acqua e alti livelli di ossigeno disciolto.

Insieme ai legni, alimentate i vostri ancistrus con una dieta variata, costituita da verdure, wafer di alghe, e altri cibi carnosi (gamberetti, larve di zanzara, ecc.). La maggior parte delle persone nutrono gli ancistrus solo con zucchine e cetrioli, ma si possono provare anche altre verdure, come piselli sgranati, fagiolini, broccoli, biete, spinaci, ecc. A volte ci mettono un po' di tempo per abituarsi a una nuova verdura, per cui provate un paio di volte prima di rinunciare. Gli alimenti carnosi dovrebbero essere dati solo occasionalmente e in piccole quantità. Una dieta ricca di proteine ​​può causare la morte prematura dei vostri Ancistrus.

L'ancistrus comune e il GBA sono facili da riprodurre, anche se altre specie sono più difficili. Ci sono ottimi articoli su come tentare di ottenerla su Planet Catfish.

Ci sono specie di Ancistrus dall'aspetto molto simile, e di conseguenza c'è spesso confusione sulla loro identità. Sembra inoltre che alcune specie si ibridino se viene data loro questa possibilità. Pertanto, l'identità della maggior parte delle specie di Ancistrus disponibili non è ben nota e dovrebbe essere considerata come provvisoria. Le specie seguenti sono alcuni degli Ancistrus più comunemente disponibili, insieme con il loro tentativo di identificazione.

Ancistrus cfr. cirrhosus (Bristlenose comune)

Ancistrus cirrhosus - Foto © MarkLB (FNZAS.org.nz)

L'Ancistrus cfr. cirrhosus o Ancistrus comune è un pesce piccolo (raggiunge i 12,5 cm di lunghezza SL, coda esclusa) di colore marrone da chiaro a scuro, con macchie marrone chiaro. Ci sono un certo numero di varietà con colori selezionati dall'uomo, tra cui albino, pezzato, calico, rosso e forme verdi, e tutti sono disponibili con pinne a velo. Gli Ancistrus comuni hanno origini sconosciute. Per decenni sono stati ingiustamente chiamati Ancistrus dolichopterus, che invece è il nome scientifico del comunemente chiamato Starlight bristlenose. Più recentemente sono stati indicati come Ancistrus sp.
Recentemente, il guru dei pleco Ingo Seidel ha concluso che assomigliano agli Ancistrus cirrhosus dal fiume Paraná, Argentina, una delle prime specie di Ancistrus importate in Europa. Alla luce di questa somiglianza vengono attualmente indicati come Ancistrus cf. cirrhosus, il che significa che sono molto simili agli Ancistrus cirrhosus, e probabilmente della stessa specie. Gli Ancistrus comuni sono stati catturati nei corsi d'acqua dell'America Centrale e in Florida, presumibilmente perchè abbandonati da acquariofili. Sono adatti alla maggior parte delle vasche di comunità con pH di 5,8-7,2 e temperatura di 21-26,5° C. Sono facili da riprodurre.

Ancistrus sp. (Golden black-eyed Ancistrus o GBA)

Golden Black-eyed Ancistrus - Foto © Geoff Haglund (FNZAS.org.nz)

Gli Ancistrus golden black-eyed (o GBA) sono piccoli pesci (circa 12,5 cm di lunghezza SL, senza contare la coda) dorati, dagli occhi neri. Sono amelanistici, cioè non hanno pigmento nero (melanina), e sono di origine sconosciuta, anche se si pensa derivino dagli Ancistrus comuni. Sono spesso indicati erroneamente come Ancistrus sp. L144, una specie del Paraquan che ha un aspetto a chiazze e sembra molto raro in campo acquariofilo. Indipendentemente dalla loro origine possono essere allevati nelle stesse condizioni degli Ancistrus comuni e sono facili da riprodurre. Sono disponibili anche con lunghe pinne a velo.

Ancistrus "Macchiato" (Ancistrus sp.)

Spotted bristlenose - Foto © Phoenix44 (FNZAS.org.nz)

L'Ancistrus "macchiato" o "spotted" è una specie marrone chiaro con piccole macchie marrone pallido. Si tratta di una recente importazione di identità ignota, anche se è stato provvisoriamente identificato come Ancistrus "Rio Ucayali", Ancistrus peruviano proveniente dal Rio Ucayali. Questa specie cresce fino a 12 cm circa di lunghezza, ed è adatta alla maggior parte delle condizioni dell'acqua. Sono stati recentemente riprodotti.

Ancistrus dolichopterus, L183 (Bristlenose Starlight)

Ancistrus starlight - Foto © Hayley Ahem (FNZAS.org.nz)

Gli Ancistrus dolichopterus, o Bristlenose Starlight (musi a spazzola luce stellare, che bel nome :) sono bellissimi piccoli pleco (10 cm di lunghezza SL, esclusa la coda) marrone scuro, coperti da piccole macchie bianche e con un sottile margine bianco sulla pinna dorsale (in alto) e sulla coda. Ci sono un certo numero di specie di Ancistrus dal disegno della livrea simile, ma a quanto pare solo gli Ancistrus dolichopterus hanno un raggio della pinna dorsale duro e nove morbidi. Provengono dal bacino del Rio delle Amazzoni superiore e medio e dai bacini del Rio Negro, Trombetas inferiore, Tefé, Madeira e Tapajós.
Si tratta di una specie relativamente delicata che sta meglio in vasche con acqua nera (l'acqua della vasca è di colore scuro grazie ai tannini rilasciati da materiale vegetale) con pH di 6,0-7,0 e temperature di 23-28° C. Sono stati riprodotti occasionalmente.

Ancistrus claro, LDA08 (Gold-marbled bristlenose)

Gold Marbled Ancistrus - Foto © Jacob Bates (FNZAS.org.nz)

L'Ancistrus claro, detto Gold-marbled bristlenose, è un bellissimo piccolo pleco (7 cm SL, esclusa la coda) marrone scuro coperto da una rete di macchie e strisce irregolari marrone chiaro. Proviene dai Rio Claro e Coxipó in Brasile.
E' adatto alla maggior parte delle vasche di comunità con pH di 6,2-7,6 e temperatura di 24-28° C. Sono stati riprodotti occasionalmente.

Spotted Medusa Pleco - Foto © Darren Stevens (FNZAS.org.nz)

Ci sono anche altre specie di Ancistrus che vengono occasionalmente importate. Tuttavia molte specie sono molto simili tra loro e spesso è difficile ottenere un'identificazione precisa. Uno degli Ancistrus più caratteristici è l'Ancistrus sp. L255 (detto spotted medusa pleco) con il suo corpo molto largo e appiattito. E' quasi identico all'Ancistrus ranunculus, L034 (detto medusa pleco), ma conserva le macchie bianche anche quando diventa adulto. Questa bella specie è delicata e non è raccomandata per i principianti.

Ringrazio Firenzenz e Krazy Geoff per i loro commenti e per le migliorie sulle versioni precedenti di questo articolo.

© Darren Stevens - FNZAS - Federation of New Zealand Aquatic Societies

  • Planet Catfish
  • Wikipedia
  • Jonathan Armbrusters Loricariidae website
  • Sabaj, M.H.; Armbruster, J.W.; Page, L.M. (1999): Spawning in Ancistrus (Siluriformes: Loricariidae) with comments on the evolution of snout tentacles as a novel reproductive strategy: larval mimicry. Ichthyol. Explor. Freshwaters 10 (3): 217–229.
  • Seidel, I. (2008). Back to nature guide to L-Catfishes. Fohrman Aquaristik AB, Sweden. 208 p.

Aggiungi un commento

Avviso per chi vuole lasciare un commento: Questo è un sito amatoriale, che vuole diffondere una maggiore conoscenza e consapevolezza sulle specie allevate in acquario, ed è gestito da una sola persona. Se avete qualche commento da fare riguardo al sito o a questa pagina siete i benvenuti, ma per richieste d'aiuto e/o consigli per il vostro acquario è meglio rivolgervi dove ci sono più persone in grado di rispondervi, come i forum dedicati, posso consigliarvi i miei preferiti, acquariofiliafacile.it e acquarioacquadolce.it, per serietà ed attendibilità, ma ce ne sono molti altri :)

By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.