Introduzione ai Pesci Arcobaleno (A.R. Tappin)

Storia di come i Pesci Arcobaleno, dalle lontanissime Australia e Nuova Guinea, si stiano sempre più espandendo nel commercio acquariofilo, e disamina dei motivi per cui non sono molto richiesti, nonostante le loro splendide colorazioni.

Traduzione dell'articolo:
"Rainbowfish - Introduction" di Adrian R. Tappin
pubblicato in passato sul sito di Home of the Rainbowfish.

Melanotaenia splendida australis - Foto © Hristo Hristov

Melanotaenia splendida australis - Foto © Hristo Hristov

Il primo pesce arcobaleno, o rainbowfish, è stato descritto nel 1843 da una collezione di pesci di acqua dolce acquisita nel Territorio Settentrionale, in Australia, nei primi mesi del 1840. Un singolo esemplare finito nel British Museum di Londra dove John Richardson lo descrisse come una nuova specie della famiglia Atherinidae, con il nome di Atherina nigrans.

Le differenze tra Atherina nigrans e gli altri appartenenti al genere Atherina furono sufficienti all'americano Thomas Gill per creare nel 1862 il genere Melanotaenia per quest'unica specie, ancora all'interno della famiglia Atherinidae. Il passo successivo è stato la creazione di una sottofamiglia Melanotaeniinae fatta da Gill nel 1894, a sottolineare ancora di più le differenze con gli Atherina. Tuttavia, sono dovuti passare altri 70 anni prima che nel 1964 Ian Munro trattasse per la prima volta i rainbowfish come famiglia indipendente. Anche se da allora sono stati identificati scientificamente una maggiore varietà di rainbowfish australiani, sono ancora da scoprire molti altri pesci arcobaleno della Nuova Guinea. Gerald Allen, mentre lavorava per il Western Australian Museum, intraprese nel 1980 una completa classificazione generale della famiglia dei pesci arcobaleno.

I pesci arcobaleno australiani sono allevati negli acquari domestici almeno dall'inizio del secolo scorso. Già nel 1915, Albert Gale nel suo libro "Aquarian Nature Studies & Economic Fish Farming" rese nota la passione per l'allevamento dei pesci d'acqua dolce australiani. Questo libro tratta molti temi relativi all'allevamento e alla cura in cattività di un gran numero di specie. Una sezione del libro esplora anche le possibilità di riproduzione commerciale dei pesci d'acqua dolce australiani per l'hobby dell'acquariofilia.

Albert Gale è stato membro della Royal Zoological Society del Nuovo Galles meridionale e ha scritto regolarmente articoli sui pesci d'acqua dolce australiani per "Aquatic Life", una rivista mensile internazionale dedicata allo studio, alla cura e alla riproduzione di pesci sia nativi che esotici, altri animali e piante in acquario e terrario.

Agli esordi dell'acquariofilia, i pesci arcobaleno erano noti come sunfish, pesci sole. Quando esattamente questo gruppo è stato chiamato rainbowfish nessuno lo sa con certezza. Tuttavia, credo che l'onore vada a Amandus Rudel, uno dei membri fondatori della Aquarium & Terrarium Society of Queensland. E' stato anche responsabile della prima introduzione dei pesci arcobaleno nell'acquariofia internazionale quando ha inviato esemplari di Melanotaenia duboulayi in Germania nel 1927. Parlando di Melanotaenia duboulayi, Amandus ha detto: "Sono stato sorpreso dalla bellezza di questo pesce dalla prima volta che l'ho visto. Sembra un arcobaleno vivente, non vi è nessun altro pesce che possa reggere il confronto con la sua bellezza. Naturalmente è sempre stato il mio preferito".

Nel gennaio 1934, il National Geographic Magazine (pp 93-109) ha pubblicato un articolo scritto da Walter H. Chute, allora direttore del Shedd Aquarium di Chicago, negli Stati Uniti, intitolato "Tropical Fish Immigrants Reveal New Nature Wonders" in cui apparve il riferimento ai Rainbowfish australiani. Tuttavia, la prima menzione del nome rainbowfish che sono stato in grado di trovare è in una relazione sull'escursione all' “Aquarium and Terrarium Society of Queensland”. E' stato scritto dall'allora segretario, Amandus Rudel, e riferisce di un viaggio di raccolta del 6 marzo 1932. Dopo tale data, tutte le relazioni di escursioni si riferiscono al genere con il nome rainbowfish. Con il nome comune di Sunfish è stato designato Rhadinocentrus ornatus (Moreton Island Sunfish).

Nel corso del 1950 e del 1960, la maggior parte dei pesci arcobaleno venduti nel commercio acquariofilo erano un assortimento incolore di pesci allevati nelle fishfarm del Sud-Est asiatico, che non avevano nulla delle specie selvatiche, e che non sono mai stati molto popolari tra gli acquariofili. Tuttavia, durante la fine del 1970 e l'inizio del 1980 l'allevamento dei pesci arcobaleno iniziò a crescere in popolarità. Questo è stato dovuto soprattutto agli sforzi di Gerald Allen. Il suo libro "Rainbowfishes of Australia and Papua New Guinea" pubblicato nel 1982 diede l'impulso che serviva all'allevamento dei pesci arcobaleno. Nel 1982 è stata costituita l'associazione ANGFA, l'Australia New Guinea Fishes Association; per promuovere ulteriormente l'allevamento dei rainbowfish.

Durante la metà del 1980, Heiko Bleher, un intrepido collettore di pesci d'acquario iniziò la raccolta delle specie recentemente scoperte in Nuova Guinea, l'allevamento e la loro diffusione internazionale nell'hobby acquariofilo. Questa tendenza è continuata, sviluppandosi fianco a fianco con l'aumento delle scoperte di numerose nuove specie. Sono state scoperte più di 68 specie ed è quasi certo che nel prossimo decennio questo numero aumenterà.

Oggi, gli appassionati dei rainbowfish viaggiano in lontani luoghi dell'Australia e della Nuova Guinea per caturarne nuove e diverse varianti. Molti dei pesci arcobaleno disponibili oggi nel mercato acquariofilo sono il risultato delle attività degli appassionati del collezionismo. Questi stessi hobbisti hanno anche fornito una notevole quantità di dati sulle condizioni dei loro habitat, sui luoghi di raccolta, sulle varietà di colorazione e sulla biologia riproduttiva.

Allevare i pesci arcobaleno in acquario può essere un'affascinante attività per tutta la famiglia, con qualche vantaggio rispetto a tenere gli animali domestici più convenzionali. Richiedono relativamente poco spazio; un acquario può essere esteticamente gradevole, e i pesci sono puliti, tranquilli e non impegnativi, avendo poche semplici richieste. Hanno inoltre tutte le caratteristiche che cerchiamo nei pesci d'acquario; si riproducono facilmente, sono robusti, hanno splendidi colori, carattere pacifico, e non distruggono le piante o spostano la ghiaia in giro per l'acquario. Sono disponibili in una grande varietà di dimensioni per essere adatti a quasi ogni acquario.

I pesci arcobaleno hanno abitudini riproduttive, fabbisogno alimentare e necessità di condizioni dell'acqua molto simili. Tutti sono di buon temperamento e vivono armoniosamente l'uno con l'altro.

Uno dei principali problemi che riguardano la popolarità dei pesci arcobaleno è che essi in genere non mostrano il meglio della loro colorazione quando sono in vendita nei negozi. La maggior parte dei negozi li tiene in vasche nude e affollate. Questo principalmente per motivi economici e per facilitare la loro cattura e vendita. Tuttavia, i pesci arcobaleno mantenuti in queste condizioni si stressano e perdono la bella colorazione per cui sono rinomati. In più, molte specie sono offerte in vendita a piccole dimensioni, prima di aver sviluppato la loro colorazione adulta. A meno che chi li guarda non sappia come diventeranno quei pesci una volta a casa e adulti, in genere si passa oltre verso altre specie più appariscenti.

I Blue-eyes (Pseudomugilidae), parenti stretti dei pesci arcobaleno, sono un gruppo di piccoli pesci colorati adatti per gli acquari domestici. Nonostante le loro ridotte dimensioni sono molto resistenti e si adattano bene alla cattività, mostrando sempre la loro colorazione. Sono colorati splendidamente, alla pari di qualsiasi tetra sudamericano, e sono molto più facili da allevare e riprodurre. Purtroppo, non sono prolifici come i rainbowfish ed è per questo motivo che la maggior parte dei riproduttori commerciali li ignorano e quindi non sono generalmente disponibili nei negozi di vendita al dettaglio di animali da compagnia.

© Adrian R. Tappin - Home of the Rainbowfish

Elenco delle Specie presenti nel sito e appartenenti all'Ordine

  • Bedotia madagascariensis - Foto © Peter Cottle (Arkive.org)

    Importata in acquariofilia già dal 1950, questa specie continua ad essere erroneamente identificata e scambiata come Bedotia geayi, e come quest'ultima delve vivere in gruppo e in acquari grandi.

    Aspettativa di vita: 5 anni
    Dimensioni max: 9 cm SL
  • Glossolepis incisus in combattimento - Foto © Hristo Hristov
    Red rainbowfish

    E' senz'altro la specie di Glossolepis più diffusa in commercio, ma l'eccessiva riproduzione ai fini del commercio acquariofilo ha fatto sì che sia sempre più difficile trovare la spettacolare colorazione degli esemplari in natura.

    Aspettativa di vita: 10 anni
    Dimensioni max: 12 cm SL
    Temperatura in natura: 27 - 30°C
    Valori pH in natura: 7.6 - 8.2
  • Glossolepis wanamensis - Foto © Hippocampus-bildarchiv.com
    Lake Wanam rainbowfish

    Specie che nonostante le ridotte dimensioni non è adatta agli acquari piccoli, perchè deve stare in gruppo ed è molto attiva, ha bisogno di nuotare. Sta rischiando l'estinzione nel suo habitat, costituito unicamente dal lago Wanam, in Papua Nuova Guinea.

    Aspettativa di vita: 10 anni
    Dimensioni max: 9 cm SL
    Temperatura in natura: 26 - 30°C
    Valori pH in natura: 7.0-8.0
  • Iriatherina werneri - Foto © Gunther Schmida
    Threadfin rainbowfish

    Anche se questa specie è ampiamente commercializzata, in realtà è piuttosto delicata ed ha alcuni requisiti di cura piuttosto specifici, quindi non è adatta ai principianti. Come tutti i pesci arcobaleno mostra la migliore colorazione e i filamenti più lunghi solo una volta raggiunta la maturità, dopo diversi mesi di allevamento in acquario.

    Aspettativa di vita: 2-3 anni
    Dimensioni max: 4 cm SL
    Temperatura in natura: 26 - 30°C
    Valori pH in natura: 6.0 - 8.0
  • Melanotaenia affinis - photo © Norbert Gunwald
    New Guinea rainbowfish

    Melanotaenia affinis è stata una delle prime specie di pesce arcobaleno ad essere importata per il commercio acquariofilo. Ci sono diverse varianti geografiche, tre delle quali diffuse in ambito acquariofilo. Sono pesci molto attivi che devono vivere in branco ed hanno bisogno di spazio perché nuotano instancabilmente.

    Aspettativa di vita: 5 - 8 anni
    Dimensioni max: 11.5 cm SL
  • Melanotaenia australis - Foto © Gunther Schmida
    Western rainbowfish

    E' tra i pesci arcobaleno più diffusi in Australia, e tra i più belli, anche se come tutti i pesci arcobaleno ha il difetto di mostrare la colorazione più bella solo dopo alcuni mesi di allevamento in acquario, perchè gli esemplari in vendita solo sempre giovanissimi e quindi poco colorati.

    Aspettativa di vita: 5 - 8 anni
    Dimensioni max: 11 cm SL
    Temperatura in natura: 22 - 28°C
    Valori pH in natura: 6.5 - 8.0
  • Melanotaenia boesemani, maschi in parata - Foto © Gunther Schmida
    Boeseman's rainbowfish

    Questa specie dalla colorazione unica è uno dei pesci arcobaleno più popolari in acquariofilia e si trova facilmente in commercio nella forma giovanile, anche se i migliori colori saranno mostrati in età adulta. Nonostante le dimensioni abbastanza ridotte, non è adatto ad acquari piccoli perché deve vivere in gruppo ed ha bisogno di nuotare e muoversi molto.

    Aspettativa di vita: 5 - 8 anni
    Dimensioni max: 11 cm SL i maschi, 8 cm SL le femmine
    Temperatura in natura: 27 - 30°C
    Valori pH in natura: 7.0 - 8.0
  • Melanotaenia fluviatilis [Emu Creek, Condamine River] - photo © Gunther Schmida

    Non è così comune in acquariofilia come alcuni dei suoi stretti parenti, ma è comunque una bella specie di pesce arcobaleno, che si può facilmente confondere con la specie molto simile Melanotaenia duboulayi.

    Aspettativa di vita: 5 - 8 anni
    Dimensioni max: 11 cm SL i maschi, 7 cm SL le femmine
    Temperatura in natura: 22 - 25°C
    Valori pH in natura: 7.0 - 8.0
  • Melanotaenia herbertaxelrodi - Foto © Hristo Hristov
    Lake Tebera rainbowfish

    E' una delle specie di pesce arcobaleno più splendidamente colorate, quando diventa adulta, ed è a rischio di sovra-sfruttamento nelle zone d'origine, ma nonostante le ridotte dimensioni non è adatto ad acquari piccoli, perché deve vivere in gruppo, è molto attivo ed ha bisogno di nuotare molto.

    Aspettativa di vita: 5 - 8 anni
    Dimensioni max: 9 cm SL
    Temperatura in natura: 20 - 26°C
    Valori pH in natura: 7.5 - 7.8
  • Melanotaenia irianjaya - Foto © Michael Wagner
    Irian Jaya rainbowfish

    Pesce arcobaleno australiano, non molto presente in commercio attualmente, che come tutti gli altri dà il meglio di sé solo da adulto dopo qualche mese di allevamento in acquario.

    Aspettativa di vita: 5 - 8 anni
    Dimensioni max: 8.5 cm SL
    Temperatura in natura: 23 - 26°C
    Valori pH in natura: 6.0 - 7.0
  • Melanotaenia lacustris - Foto © Neil Armstrong
    Lake Kutubu rainbowfish

    Pesci molto attivi che devono vivere in branco ed hanno bisogno di spazio perchè nuotano instancabilmente, sono purtroppo in pericolo nelle loro zone d'origine, per la pesca ai fini acquariofili ma anche per il degrado del loro ambiente per mano dell'uomo.

    Aspettativa di vita: 10 anni
    Dimensioni max: 10 cm SL
  • Melanotaenia maccullochi [Skull Creek, Jardine River Catchment] - photo © Gunther Schmida
    Dwarf rainbowfish

    Una tra le più piccole specie di pesce arcobaleno, in passato era tra i più diffusi pesci d'acquario, non solo in Australia ma nel mondo, ora è stata soppiantata da altre specie, più popolari.

    Aspettativa di vita: 5 - 8 anni
    Dimensioni max: 7 cm SL

Tutto Quello Che Avreste Sempre Voluto Sapere Ma Non Avete Mai Osato Chiedere...
i messaggi più interessanti tratti da it.hobby.acquari

Riferimenti & Link

Aggiungi un commento

Avviso per chi vuole lasciare un commento: Questo è un sito amatoriale, che vuole diffondere una maggiore conoscenza e consapevolezza sulle specie allevate in acquario, ed è gestito da una sola persona. Se avete qualche commento da fare riguardo al sito o a questa pagina siete i benvenuti, ma per richieste d'aiuto e/o consigli per il vostro acquario è meglio rivolgervi dove ci sono più persone in grado di rispondervi, come i forum dedicati, posso consigliarvi i miei preferiti, acquariofiliafacile.it e acquarioacquadolce.it, per serietà ed attendibilità, ma ce ne sono molti altri :)

  • Pesci da non comprare

In Evidenza

  • No ai pesci giganti in acquario
  • No ai pesci rossi nella boccia
  • I pesci pulitori non esistono!
  • No ai pesci colorati artificialmente
  • No ai pesci combattenti nei vasi
  • No alle tartarughe nelle mini vaschette

You may also like