• No ai pesci giganti in acquario
  • No ai pesci rossi nella boccia
  • I pesci pulitori non esistono!
  • No ai pesci colorati artificialmente
  • No ai pesci combattenti nei vasi
  • No alle tartarughe nelle mini vaschette

Badidae

Informazioni e notizie sulla tassonomia e sulle specie appartenenti alla famiglia dei Badidae, i Badis e i Dario

Badis badis maschio (quello più scuro) con due femmine - Foto di Maurizio Grannonio

La Famiglia dei Badidae è stata istituita, separandola dalla famiglia dei Nandidae, solo da qualche anno, a causa delle differenze morfologiche e comportamentali, oltre alla bocca molto più piccola e i colori molto più vivi dei Badidae.

La Tassonomia

Fino al dicembre 2002 a questa famiglia apparteneva un unico genere, con la specie Badis badis, priva di labirinto.
Da quella data una revisione sistematica ha fatto si che nella famiglia Badidae siano state descritte 10 nuove specie e un nuovo genere (IEF N.4 Vol.13 S.O. Kullander and R.Britz DEC 2002).

Distribuzione: Bassopiani dei bacini di Gange, Brahmaputra e Mahanadi, in Nepal, India, e Bangladesh; le specie di Dario nell'Irrawaddy in Myanmar e in Cina.

E' accesa la disputa se i Badidae siano da considerare appartenenti al gruppo dei Labirintidi o meno; in realtà non hanno l'organo del labirinto, ma hanno talmente tante affinità fisiche e comportamentali con i labirintidi da essere a volte considerati tali; in alcuni siti il Badis badis è definito come l'antenato di tutti i Labirintidi, in quanto sono correlati molto strettamente.
Sono pesci dalla colorazione molto bella e dal comportamento molto interessante, ma difficili da alimentare (spesso accettano solo cibo vivo, a volte anche congelato, e a volte accettano il secco solo molto malvolentieri). Spesso soffrono anche la concorrenza alimentare degli altri pesci.

Prima del 2002 la famiglia Badidae comprendeva solo cinque specie, di cui solo Badis badis e, in misura minore, Badis dario (denominato Badis bengalensis da alcune fonti) erano popolari nell'hobby acquariofilo. Un ampio documento di revisione di Kullander e Britz pubblicato quell'anno ha portato invece alla costruzione di non meno di dieci nuove specie, insieme al nuovo genere Dario in cui è stato spostata e designata specie tipo Badis dario. Il genere Dario attualmente contiene solo tre membri, che sono facilmente distinguibili da quelli dei Badis per le ridotte dimensioni degli adulti (di solito meno di 2.5 cm), la colorazione prevalentemente rossa, primi raggi delle pinne dorsali/pettorali estesi nei maschi, taglio dritto (vs. arrotondato) della pinna caudale, mancanza di linea laterale visibile e comportamento dei genitori meno coinvolti nella cura della prole.

Le specie di Badis attualmente sono quindici con diverse nuove specie descritte recentemente e altre in attesa di descrizione. Alcuni di loro non sono sempre facili da identificare correttamente. Ad esempio Badis badis, Badis chittagongis, Badis ferrarisi, Badis kanabos, Badis khwae, Badis ruber, Badis siamensis e Badis tuivaiei mostrano tutti una macchia scura cleitrale appena sopra la base della pinna pettorale. Tuttavia Badis khwae, Badis ruber e Badis siamensis hanno tutti una macchia supplementare sul peduncolo caudale, e Badis badis può essere distinto da Badis kanabos possedendo una serie di macchie scure nella pinna dorsale e/o alla sua base (vs una sola macchia nella parte anteriore della pinna) e solo barre verticali deboli o indistinte sui fianchi (vs una serie di scure barre strette). Badis badis, Badis chittagongis, Badis dibruensis, Badis tuivaiei e Badis ferrarisi differiscono solo in alcuni conteggi morfologici, anche se quest'ultimo ha un disegno della livrea molto particolare, mostrando una serie di barre verticali nere lungo il centro dei fianchi.

I Badidae sono stati storicamente considerati membri della famiglia Nandidae o Pristolepididae e solo nel 1968 Barlow ha proposto un gruppo separato per loro. Condividono alcune caratteristiche con gli Anabantoidei, Nandidae e Channidae; in particolare per ciò che riguarda gli acquariofili, l'abbraccio tipico durante la deposizione delle uova in cui il maschio avvolge il corpo intorno a quello della femmina. Studi più recenti hanno concluso che questa procedura è un antico tratto ereditato da un antenato comune a tutte queste famiglie.
Nel documento di revisione del 2002 è stato dedotto che tutte le specie di Badis, Dario e Nandus condividono un carattere unico, una spina biforcuta sulla penultima vertebra della colonna vertebrale, e gli autori ipotizzano che questo possa rappresentare la prova della monofilia di questo gruppo. Propongono inoltre che la famiglia Nandidae venga limitata all'inclusione solo delle specie del genere Nandus, mentre gli altri generi (Polycentrus, Monocirrhus, Afronandus, Polycentropsis) vengano raggruppati nella famiglia Polycentridae. Seguendo questo sistema, le famiglie Nandidae e Badidae verrebbero separate solo da differenze nella morfologia e nella struttura delle uova, sebbene le relazioni filogenetiche tra loro sono ancora completamente da studiare.

Elenco dei Generi compresi nella Famiglia

Badidae

1 - Badis

Badis badis 'Kolli Hills' raccolto nel torrente Kolli, a Tamil Nadu, India - Foto © Fishplore.com
-

Informazioni e notizie sulla tassonomia e sulle specie appartenenti al genere Badis, i pesci camaleonte

2 - Dario

Dario sp. "Myanmar" - Foto © Choy Heng Wah (Hexazona.com)
-

Informazioni e notizie sulla tassonomia e sulle specie appartenenti al genere Dario, che sono tra i più piccoli percoidei esistenti.

  • Specie territoriali
  • Le specie di Dario rimangono piccole, fino a 1,5 cm, non sono adatte alla maggior parte degli acquari di comunità
  • Specie predatorie, anche se piccole, possono predare uova/avannotti
  • Nonostante sia possibile riprodurli in cattività, se allevati nelle giuste condizioni, sia i Badis badis che soprattutto i Dario dario in commercio provengono quasi sempre dalla cattura in natura, così come le altre specie di Badidae. Chiedete al vostro negoziante se i pesci che state per comprare sono d'allevamento o di cattura.

Elenco delle Specie presenti nel sito e appartenenti alla Famiglia

Badis assamensis - Foto © Hayath

Aspettativa di vita: 5-6 anni
Dimensioni massime: 7 cm. SL (coda esclusa)

Come per la maggior parte delle specie della famiglia Badidae non si ha molta documentazione su questa specie che non è molto popolare in acquariofilia. Come tutti i Badis il suo allevamento deve avvenire in vasche appositamente pensate ed allestite, non nei comuni acquari di comunità.

Temperatura in natura: 15 - 25°C - Specie soggetta a variazioni di temperatura stagionali
Valori pH in natura: 6.5 – 7.5
Badis badis, maschio adulto - Foto © Fishplore.com
Badis, Pesce camaleonte
Aspettativa di vita: 5 - 6 anni
Dimensioni massime: 6 cm TL

E' a volte venduto con il nome commerciale di "pesce camaleonte", grazie alla sua capacità di cambiare rapidamente la colorazione, in particolare quando è in riproduzione o quando è stressato, ed ha una gamma di comportamenti molto interessanti da osservare, anche se non è adatto in genere alle comuni vasche di comunità.

Temperatura in natura: 15 - 25°C - Specie soggetta a variazioni di temperatura stagionali
Valori pH in natura: 6.0 - 7.5
Badis blosyrus - Foto © Aquarium Glaser GmbH

Aspettativa di vita: 5-6 anni
Dimensioni massime: 5 cm SL

Come la maggior parte dei Badidae, questa specie è scarsamente documentata e deve ancora trovare significativa popolarità in acquariofilia, le sue esigenze sono molto simili a quelle del più famoso Badis badis, quindi non adatte ai comuni acquari di comunità.

Temperatura in natura: 15 - 25°C - Specie soggetta a variazioni di temperatura stagionali
Valori pH in natura: 6.0 – 7.5
Badis corycaeus, maschio - Foto © Stefan van der Voort (Fishbase.org)

Aspettativa di vita: 5-6 anni
Dimensioni massime: 4 cm SL

Come per la maggior parte dei Badidae c'è pochissima documentazione su questa specie, che non ha una significativa popolarità nell'hobby acquariofilo. Essendo così raro da trovare, chi ha la fortuna di averne una coppia la dovrebbe allevare in un acquario monospecifico, cercando di favorirne la riproduzione.

Temperatura in natura: 15 - 25°C - Specie soggetta a variazioni di temperatura stagionali
Valori pH in natura: 6.0 – 7.5
Badis ferrarisi, maschi - Foto © Stefan van der Voort

Aspettativa di vita: 5-6 anni
Dimensioni massime: 3.5 cm SL

Come per la maggior parte dei Badidae c'è pochissima documentazione su questa specie, che non ha una significativa popolarità in acquariofilia. Essendo così raro da trovare, chi ha la fortuna di averne una coppia la dovrebbe allevare in un acquario monospecifico, cercando di favorirne la riproduzione.

Temperatura in natura: 15 - 25°C - Specie soggetta a variazioni di temperatura stagionali
Valori pH in natura: 6.0 – 7.5
Badis juergenschmidti - Foto © Jerome Picard

Aspettativa di vita: 5-6 anni
Dimensioni massime: 3.5 cm SL

Specie pressoché sconosciuta in ambito acquariofilo, ha comportamenti ed esigenze paragonabili a quelle del più famoso congenere, Badis badis.

Temperatura in natura: 15 - 25°C - Specie soggetta a variazioni di temperatura stagionali
Badis kanabos (aqualife.tv)

Aspettativa di vita: 5-6 anni
Dimensioni massime: 3.5 cm SL

Come per molte altre specie della famiglia dei Badidae, c'è pochissima documentazione su questi pesci, che comunque hanno comportamenti ed esigenze comparabili a quella dei congeneri più famosi, i Badis badis.

Badis khwae, maschio - Foto © Nonn Panitvong

Aspettativa di vita: 5-6 anni
Dimensioni massime: 5 cm SL (coda esclusa)

Come per la maggior parte dei Badidae, c'è pochissima documentazione relativa a questa specie, che non è ancora significativamente importante per quanto riguarda l'ambito acquariofilo, anche se data la sua ristretta distribuzione naturale è molto improbabile che sia mai disponibile in gran numero.

Temperatura in natura: 22 - 26°C
Valori pH in natura: 6.5 – 7.5
Badis kyar, femmina - Foto © Stefan van der Voort (Fishbase.org)

Aspettativa di vita: 5-6 anni
Dimensioni massime: 5 cm SL (femmina 4 cm SL)

Come molte altre dei Badidae, anche la specie di Badis kyar è scarsamente documentata nella letteratura acquariofila e non ha ancora una significativa popolarità in acquariofilia, anche se data la sua limitata distribuzione naturale è improbabile che sia mai disponibile in gran numero.

Temperatura in natura: 15 - 25°C - Specie soggetta a variazioni di temperatura stagionali
Valori pH in natura: 6.0 – 7.5
Badis pyema, maschio - Foto © Stefan van der Voort (Hexazona.com)

Aspettativa di vita: 5-6 anni
Dimensioni massime: 4 cm SL

Anche questa specie, come molte dei Badidae, ha una scarsissima documentazione che la riguarda, ma nonostante la sua rarità è stata più volte riprodotta in acquario.

Temperatura in natura: 15 - 25°C - Specie soggetta a variazioni di temperatura stagionali
Valori pH in natura: 6.5 – 7.5
Badis ruber - Foto © Nonn Panitvong

Aspettativa di vita: 5-6 anni
Dimensioni massime: 5.0 cm SL

Quella di Badis ruber è tra le più note specie del genere Badis nel commercio acquariofilo, noto con vari nomi commerciali, tra cui "Burmese badis" e "red badis". Comportamento ed esigenze sono similari a quelle del congenere Badis badis.

Temperatura in natura: 15 - 25°C - Specie soggetta a variazioni di temperatura stagionali
Valori pH in natura: 6.5 – 7.5
Badis siamensis, colore della livrea neutro - Foto © Nonn Panitvong

Aspettativa di vita: 5-6 anni
Dimensioni massime: 4 cm SL

Come la maggior parte dei Badidae, questa specie è scarsamente documentata e deve ancora trovare significativa popolarità in acquariofilia; fino ad oggi è stata esportata solo in numero molto limitato.

Temperatura in natura: 22 - 26°C
Valori pH in natura: 6.5 – 7.5
Badis singenensis - Foto © Beta Mahatvaraj

Aspettativa di vita: 5-6 anni
Dimensioni massime: 3,7 cm. SL (pinne escluse)

Un'altra specie della famiglia Badidae di cui c'è scarsissima documentazione, e che difficilmente troveremo in commercio, essendo stato esportato rarissime volte.

Badis tuivaiei - Photo © Aquarium Glaser GmbH

Aspettativa di vita: 5-6 anni
Dimensioni massime: 5.6 cm SL

Questo pesce non è ancora praticamente apparso nel commercio acquariofilo ed è stato esportato solo in numero estremamente limitato fino ad oggi; le sue esigenze e comportamenti comunque dovrebbero esere molto simili a quelli del più famoso Badis badis.

Temperatura in natura: 20 - 24°C.
Valori pH in natura: 6.5 – 7.5
Coppia di Dario dario - Foto © Nonn Panitvong
Scarlet dario, Dario scarlatto
Aspettativa di vita: 3-5 anni
Dimensioni massime: 2 cm TL il maschio, 1.3 cm TL la femmina

In acquariofila questa specie è tra quelle dei Badidae più note, in quanto è una scelta sempre più popolare per i piccoli acquari. Non è adatto alle comuni vasche di comunità, ma a causa della sua territorialità e del temperamento aggressivo, non è adatto neanche a vasche troppo piccole.

Temperatura in natura: 18 - 26°C
Dario dayingensis - Foto © Zhou Hang

Aspettativa di vita: 3-5 anni
Dimensioni massime: 2.5 cm SL (femmina 2.1 cm SL)

Questa specie ad oggi non è ancora presente nel commercio acquariofilo, anche se è stato allevato da un po' di appassionati privati.

Temperatura in natura: 15 - 25°C. Specie soggetta a variazioni di temperatura stagionali
Valori pH in natura: 6.0 – 7.5
Dario hysginon - Foto © Sumer Tivali (Streamlined Sparkles)
Red melon Dario, Flame red Dario
Aspettativa di vita: 3 - 5 anni
Dimensioni massime: 2.1 cm SL

Questa piccola specie si trova sporadicamente in commercio con svariati nomi comuni, e dopo Dario dario è la seconda più piccola specie del genere.

Temperatura in natura: 15 - 25°C. Specie soggetta a variazioni di temperatura stagionali
Dario kajal - Foto © Beta Mahatvaraj

Aspettativa di vita: 3 - 5 anni
Dimensioni massime: 2.0 cm SL

Prima della sua descrizione scientifica, questa specie era indicata come Dario sp. "Jaintia Hills" o Dario sp. "Bangladesh", ed è abbastanza rara da trovare in commercio.

Temperatura in natura: 16 - 24°C
Valori pH in natura: 6.5 – 7.5
Dario sp. "Myanmar" - Foto © Choy Heng Wah
Black tiger dario
Aspettativa di vita: 3 - 5 anni
Dimensioni massime: 3,5 cm SL

Da non molto disponibile per gli acquariofili, è chiamato anche Dario sp. "pyjamas" o "Black tiger dario" che anche se è stato ufficialmente riconosciuto come una forma di colore di Dario hysginon da Kullander e Britz (2002), presenta tante differenze con questa specie che molte fonti continuano a considerarle a sé stanti.

Temperatura in natura: 15 - 25°C. Specie soggetta a variazioni di temperatura stagionali
Valori pH in natura: 6.0 – 7.5
Dario urops - Foto © Beta Mahatvaraj

Aspettativa di vita: 3 - 5 anni
Dimensioni massime: 2.4 cm SL

Questa specie non è ancora entrata nel commercio acquariofilo, ma ne sono stati allevati diversi esemplari da un gruppo di acquariofili privati.

SL (Standard Lenght)
Lunghezza standard, è la lunghezza del pesce calcolata dalla punta del muso al peduncolo caudale (esclusa quindi la coda)
TL (Total Lenght)
Lunghezza totale, è la lunghezza del pesce calcolata dalla punta del muso alla punta della coda (quindi coda compresa)
Demerso
specie che vive in prossimità del fondo del mare. I pesci demersi si dividono principalmente in due tipi: Bentonici e Bentopelagici
Bentonica
specie che vive e che è legata al fondo
Bentopelagica
specie che vive sia sul fondo o vicino ad esso, sia nel livello medio dell'acqua
Pelagica
specie che vive lontano dal fondo, in acque aperte
Diadroma
specie che migrano tra acque salate e acque dolci
Anadroma
specie che che vive per la maggior parte del tempo in acque salate e si riproduce in acque dolci
Catadroma
specie che vive in acque dolci e si riproduce in acque salate
Anfidroma
specie che si muove indifferentemente da acque dolci ad acque salate
Potamodroma
specie che migra all'interno di acque dolci
Oceanodroma
specie che migra all'interno di acque salate

Aggiungi un commento

Avviso per chi vuole lasciare un commento: Questo è un sito amatoriale, che vuole diffondere una maggiore conoscenza e consapevolezza sulle specie allevate in acquario, ed è gestito da una sola persona. Se avete qualche commento da fare riguardo al sito o a questa pagina siete i benvenuti, ma per richieste d'aiuto e/o consigli per il vostro acquario è meglio rivolgervi dove ci sono più persone in grado di rispondervi, come i forum dedicati, posso consigliarvi i miei preferiti, acquariofiliafacile.it e acquarioacquadolce.it, per serietà ed attendibilità, ma ce ne sono molti altri :)

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.