• No ai pesci giganti in acquario
  • No ai pesci rossi nella boccia
  • I pesci pulitori non esistono!
  • No ai pesci colorati artificialmente
  • No ai pesci combattenti nei vasi
  • No alle tartarughe nelle mini vaschette
Tempo di lettura
2 minuti
Letto finora

I Badis badis (M.J. Parry)

Gio, 23/Ott/2003 - 21:31
Posted in:
0 comments

Sintetico articolo sull'allevamento e la riproduzione dei Badis badis. Al contrario di Robin Engelking, l'autore raccomanda di non allevarli con pesci lenti e tranquilli.

Traduzione dell'articolo:
"Badis badis" di M. J. Parry
su Aquarticles.com, al link seguente nella versione originale in inglese.

Badis badis, femmina - Foto di Vijendra Suryawanshi (kolkata-aquarium.com)

Il gruppo di pesci dei Nandidae [n.d.t. ora i Badis sono compresi nella famiglia separata dei Badidae], nativi dell’America del Sud, dell’Africa ed India, comprende diverse specie, delle quali molto poche sono conosciute dalla maggior parte degli acquariofili. Probabilmente il più comune della specie è Badis badis, un pesce indigeno dell’India, che raggiunge una lunghezza massima di 5 cm.

Badis badis

Non è un pesce facile da descrivere, poiché ha l'abilità, caratteristica dei camaleonti, di cambiare colore, anche se la sua usuale colorazione del corpo varia da un colore rosso cupo ad un nero-bluastro, attraversato solitamente da linee verticali ondulate.

È un pesce dall'umore estremamente mutevole e capriccioso, certamente non c’è da fidarsi nel farlo convivere con pesci più piccoli di lui, o con pesci che hanno pinne molto lunghe, ad esempio con i Pterophyllum scalare (pesce angelo), i Trichogaster leeri (Gourami perla) ed i Betta splendens (pesce combattente siamese).
È una specie quasi esclusivamente carnivora - tubifex, enchitrei, lombrichi tagliuzzati ed altri alimenti proteici, sono accettati di gran gusto.

È un pesce abbastanza semplice da riprodurre, la riproduzione avviene in un modo molto simile ai ciclidi. È possibile distinguere il maschio per mezzo del suo aspetto più snello e per la sua colorazione più intensa. Per ottenere risultati migliori, entrambi i pesci dovrebbero essere separati e messi in buone condizioni per un periodo di 7-10 giorni, con gli alimenti menzionati precedentemente; la vasca per la riproduzione deve essere allestita con acqua da neutra a leggermente acida, pH 6,8. Un vaso da fiori con la parte inferiore bucata o sbrecciata dovrebbe essere posto in uno degli angoli posteriori, probabilmente i pesci deporranno le uova in quello.

Dopo l'usuale corteggiamento preliminare, che corrisponde ad un vigoroso inseguimento da parte del maschio, la femmina finalmente si infilerà all'interno del vaso da fiori per deporvi le sue uova, che saranno fertilizzate dal maschio. Al termine della deposizione delle uova entrambi i genitori dovrebbero essere rimossi, e bisognerebbe aggiungere all'acqua alcune gocce di una soluzione acquosa al 5 % di blu di metilene, per essere d'aiuto nella lotta contro gli attacchi e gli sviluppi batterici.

La schiusa delle uova avviene entro le 72-80 ore, e dopo l'assorbimento del loro sacco vitellino gli avannotti dovrebbe essere alimentati con alimenti normali - infusori, artemia salina, dafnie, piccoli enchitrei, ed infine tubifex tagliuzzati.

Il risultato finale dovrebbe essere un buon numero di pesci vendibili, i quali, a loro volta, serviranno inoltre a diffondere la specie fra un numero sempre più grande di acquariofili.

© M. J. Parry - www.aquarticles.com

Specie nel sito
Badis badis, maschio adulto - Foto © Fishplore.com
Badis, Pesce camaleonte
Aspettativa di vita: 5 - 6 anni
Dimensioni massime: 6 cm TL

E' a volte venduto con il nome commerciale di "pesce camaleonte", grazie alla sua capacità di cambiare rapidamente la colorazione, in particolare quando è in riproduzione o quando è stressato, ed ha una gamma di comportamenti molto interessanti da osservare, anche se non è adatto in genere alle comuni vasche di comunità.

Temperatura in natura: 15 - 25°C - Specie soggetta a variazioni di temperatura stagionali
Valori pH in natura: 6.0 - 7.5

Aggiungi un commento

Avviso per chi vuole lasciare un commento: Questo è un sito amatoriale, che vuole diffondere una maggiore conoscenza e consapevolezza sulle specie allevate in acquario, ed è gestito da una sola persona. Se avete qualche commento da fare riguardo al sito o a questa pagina siete i benvenuti, ma per richieste d'aiuto e/o consigli per il vostro acquario è meglio rivolgervi dove ci sono più persone in grado di rispondervi, come i forum dedicati, posso consigliarvi i miei preferiti, acquariofiliafacile.it e acquarioacquadolce.it, per serietà ed attendibilità, ma ce ne sono molti altri :)

By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.