• No ai pesci giganti in acquario
  • No ai pesci rossi nella boccia
  • I pesci pulitori non esistono!
  • No ai pesci colorati artificialmente
  • No ai pesci combattenti nei vasi
  • No alle tartarughe nelle mini vaschette
Tempo di lettura
5 minuti
Letto finora

L'Arte Di Catturare gli Hillstream loaches: Suggerimenti per Commercianti e Acquariofili (M. Thoene)

Lun, 15/Mar/2004 - 00:00
Posted in:
0 comments

Descrizione delle modalità per catturare gli Hillstream loaches (balitoridi, gastromizontidi e nemacheilidae) senza stress né per noi né per loro, e soprattutto senza procurar loro dei danni ingiustificati, vista la loro particolare conformazione e l'abitudine di aderire alle superfici lisce come ventose.

Traduzione dell'articolo:
"The Art Of Catching Hillstreams: Suggestions for Fish Dealers and Aquarists" di Martin Thoene
sul sito di Loaches Online che potete leggere al link seguente nella versione originale in inglese.

Forma gialla non identificata di un pesce normalmente marroncino - Foto di Martin Thoene

Ho allevato e riprodotto varie specie di Hillstream Loach fin dal 1999, e durante questo periodo sono stato continuamente frustrato nel guardare i commessi dei vari negozi di pesci usare metodi inefficienti per pescare questi pesci. Questo provoca solitamente uno stress eccessivo per il commesso, ma molto più importante uno stress o un danno per i pesci. In entrambi i casi ciò è indesiderabile.

Un commesso, o il proprietario effettivo del negozio, possono dover pescare centinaia di pesci al giorno, possono avere dei clienti in attesa, e qualsiasi cosa che aumenti l’efficienza ridurrà la fatica e in definitiva aumenterà il profitto, che è il primo motivo per cui esiste il commercio, giusto?

I negozi si riforniscono di Hillstream loach perché sono disponibili e sono insoliti, il che significa che sono pesci che si vendono. Sono pesci specializzati sia nelle abitudini che nei requisiti dell'acquario, e mentre i rivenditori non possono controllare come vengono allevati una volta che lasciano il loro negozio, possono accertarsi che il soggiorno del pesce nel loro negozio e la loro cattura per metterli nel sacchetto per il cliente siano fatti in modo gentile ed efficiente. Lo stress e/o i danni procurati ai pesci possono provocarne la morte prematura e un cliente insoddisfatto... non è quello di cui ha bisogno nessuna attività commerciale. Inoltre bisogna ricordarsi che ci stiamo occupando di esseri viventi e che dovrebbero essere trattati con il massimo rispetto.

Pescare questi pesci in un acquario casalingo, se fosse necessario spostarli, non è una cosa facile, perché la maggior parte delle vasche ornamentali conterranno molte decorazioni o molte piante che forniranno posti in cui nascondersi e numerose uscite d'emergenza per i questi pesci dal movimento molto veloce e altamente evasivi.

I commercianti hanno normalmente vasche ben più nude e poiché i pesci sono generalmente in quelle vasche per un breve periodo tendono ad usare la loro abilità naturale di attaccarsi alle superfici regolari come il loro mezzo primario per evitare la cattura. La loro difesa migliore è il vetro dell'acquario in se stesso, e generalmente si risucchieranno su di esso con tutte le loro forze, e si rifiuteranno categoricamente di lasciarsi andare, anche se vengono fatti scivolare fuori dall'acqua.

Specie differenti variano nella caparbietà con cui manterranno questa tattica, ma generalmente le specie più appiattite sono le migliori per attaccarsi come incollate. Questa abilità naturale può essere usata per trarne vantaggio dalla persona che sta pescando i pesci.

Una volta attaccati al vetro, i pesci tendono a rimanere immobili o a muoversi appena, per scorrere lungo la superficie. Se provate ad infilare un retino sotto loro vi è un elevato rischio di danneggiare le pinne o il corpo del pesce, il che può provocare possibili infezioni. Un retino è davvero troppo spesso lungo i suoi bordi. I pesci solitamente possono essere incoraggiati a salire vicino alla superficie dell'acqua ed a questo punto, è il solo modo per farli cadere giù nel retino... ma non vorranno lasciarsi andare.

Ho trovato che far scorrere una carta di credito di plastica giù dal vetro da sopra, spingendo delicatamente contro le pinne del pesce, indurrà i pesci a perdere l'aspirazione e fiondarsi staccandosi del vetro verso il retino. È meglio posizionare il retino molto vicino alla parte anteriore dei pesci poichè tendono ad andare giù e in avanti allo stesso tempo. Tutto quello che dovrete fare è di spostare il retino verso l'alto mentre il pesce lascia la presa e si solleva dal vetro.

Come catturare i Balitoridi (Hillstream Loaches)

Usando questo metodo è possibile pescare i pesci rapidamente e senza danni. Questo significa che questi pesci, che sono spesso stressati dalla cattura in natura e dal trasporto, hanno un fattore in meno di stress di cui preoccuparsi. Ciò può portare ad un adattamento più veloce alle condizioni ambientali in cattività, ed eventualmente ad una vita più lunga.

Per il commerciante, significa che il suo personale avrà più soddisfazione dalla cattura più efficiente dei pesci, in più potranno essere prima a disposizione per servire il cliente successivo.
Gli Hillstream che il nuovo proprietario si porterà a casa saranno pesci meno stressati ed intatti, ed in più gli altri abitanti ancora nella vasca del commerciante non devono sopportare lo stress di un retino che sfreccia dappertutto nel loro acquario inseguendo altri pesci per un tempo inutilmente lungo.

Tutti vincono in questa situazione... non è una cosa sempre facile da realizzare nell’allevamento dei pesci.

Ci sono molte discussioni attualmente su determinate specie di pesci che sono importate e vendute per gli acquari domestici che richiedono un ambiente specializzato o accorgimenti specifici. Principalmente, queste discussioni sono orientate verso le specie che diventano eccessivamente grandi per gli acquari di misure "normali".

Gli Hillstream loaches non sono tra questi pesci fenomenali, solitamente rimangono sotto ai 7,5 cm. di lunghezza, ma richiedono cure specializzate.

Molti commercianti di pesci non sono ancora informati di questi requisiti e io li esorto per favore a leggere gli altri miei articoli su questi pesci:

Se avete incontrato delle difficoltà nel mantenere questi pesci nel vostro negozio, probabilmente queste informazioni vi permetteranno di migliorare il benessere delle vostre forniture di pesci, riducendo le perdite e riuscendo a dare istruzioni corrette ai vostri clienti in quanto ai loro fabbisogni.

© Martin Thoene, 13 gennaio 2004 - Loaches Online

Elenco delle Specie presenti nel sito e appartenenti alla Famiglia

Beaufortia kweichowensis - Foto © Martin Thoene (Loaches OnLine)
Hillstream loach, Pesce ventosa
Aspettativa di vita: 6 - 8 anni
Dimensioni massime: 8.0 cm TL

In molti paesi è la specie più comune di Gastromyzontidae nei negozi, ma si trova anche spesso in spedizioni miste contenenti membri di altri generi.

Temperatura in natura: 15 - 24°C
Valori pH in natura: 6.5 – 8.0
Gastromyzon ctenocephalus, notare le grandi macchie dorsali © Charles König (Seriouslyfish.com)
Hillstream loach, Pesce ventosa
Aspettativa di vita: 4 - 6 anni
Dimensioni massime: 4.5 cm SL

E' la specie di Gastromyzon che si trova più facilmente in commercio, anche se spesso confusa con altre specie di Gastromyzon e di Beaufortia.

Temperatura in natura: 20 - 24°C
Valori pH in natura: 6.0 - 7.5
Una coppia di Gastromyzon ocellatus, maschio in alto © Charles König (Seriouslyfish.com)
Hillstream loach, Pesce ventosa
Aspettativa di vita: 4 - 6 anni
Dimensioni massime: 4.5 cm SL

E' tra i membri del genere Gastromyzon che si trovano più comunemente in commercio, e che spesso si trovano in spedizioni miste che possono contenere altre specie di Gastromyzon o pesci correlati, come Beaufortia kweichowensis.

Temperatura in natura: 20 - 24°C
Valori pH in natura: 6.0 – 7.5
Gastromyzon stellatus -Foto © Mark Duffil
Hillstream loach, Pesce ventosa
Aspettativa di vita: 4 - 6 anni
Dimensioni massime: 5,2 cm SL

E' uno dei membri del genere Gastromyzon che si trova più comunemente in commercio, e che spesso si trova in spedizioni miste che possono contenere altre specie di Gastromyzon o pesci correlati, come Beaufortia kweichowensis.

Temperatura in natura: 20 - 24°C
Pseudogastromyzon cheni - Foto tratta da Loaches.com
Chinese Hillstream loach
Aspettativa di vita: 8 - 10 anni
Dimensioni massime: 5.0 TL

Specie molto spesso confusa con Pseudogastromyzon myersi

Temperatura in natura: 20 - 24°C
Valori pH in natura: 6.5 - 7.5
Pseudogastromyzon myersi - Foto © Choy Heng Wah
Sucker-belly loach, Pesce ventosa
Aspettativa di vita: 8 - 10 anni
Dimensioni massime: 6.0 cm TL

E' il membro del genere più comune da trovare in commercio, ma in passato è stato spesso erroneamente identificato come il congenere Pseudogastromyzon cheni, in quanto le due specie sono indistinguibili in termini di disegno della livrea.

Temperatura in natura: 19 - 24°C
Valori pH in natura: 6.0 – 7.5
Sewellia lineolata - Foto © Martin Thoene (Loaches OnLine)
Tiger Hillstream Loach, Pesce ventosa
Aspettativa di vita: 6 - 8 anni
Dimensioni massime: 6 cm SL

E' una tra le specie di hillstream loach più belle e più facili da riprodurre in acquario, se ne vengono rispettate le esigenze. Si è diffusa nel commercio acquariofilo solo a partire dalla metà degli anni 2000 e rapidamente si è affermata come uno dei gastromizontidi più popolari in acquariofilia.

Temperatura in natura: 20 - 24°C
Valori pH in natura: 6.0 – 7.5
Yaoshania pachychilus (ex Protomyzon pachychilus) - Foto © Frank Schäfer (Aquarium Glaser GmbH)
Panda Loach
Aspettativa di vita: 6 - 8 anni
Dimensioni massime: 5.8 cm SL

Questi pesci, dalle esigenze particolari e non adatti ai comuni acquari domestici, sono splendidi nella loro livrea giovanile bianca e nera, ma molto meno attraenti quando diventano adulti e perdono la bella colorazione.

Temperatura in natura: 20 - 23°C
Valori pH in natura: 6.5 – 7.5

Aggiungi un commento

Avviso per chi vuole lasciare un commento: Questo è un sito amatoriale, che vuole diffondere una maggiore conoscenza e consapevolezza sulle specie allevate in acquario, ed è gestito da una sola persona. Se avete qualche commento da fare riguardo al sito o a questa pagina siete i benvenuti, ma per richieste d'aiuto e/o consigli per il vostro acquario è meglio rivolgervi dove ci sono più persone in grado di rispondervi, come i forum dedicati, posso consigliarvi i miei preferiti, acquariofiliafacile.it e acquarioacquadolce.it, per serietà ed attendibilità, ma ce ne sono molti altri :)

By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.