• No ai pesci giganti in acquario
  • No ai pesci rossi nella boccia
  • I pesci pulitori non esistono!
  • No ai pesci colorati artificialmente
  • No ai pesci combattenti nei vasi
  • No alle tartarughe nelle mini vaschette
Tempo di lettura
4 minuti
Letto finora

Bedotia geayi, il pesce arcobaleno del Madagascar (B. McKinnon)

Sab, 08/Feb/2014 - 15:43
Posted in:
0 comments

Racconto di un'esperienza di allevamento e di riproduzione dei Bedotia geayi, pesci arcobaleno provenienti dal Madagascar

Traduzione dell'articolo:
"The Madagascar Rainbow: Bedotia geayi" di Birgit McKinnon
sul sito Aquarticles.com, che potete leggere al link seguente nella versione originale in inglese.

Bedotia geayi - Foto © Frank Schafer (Aquarium Glaser)

La specie Bedotia geayi è un pesce nativo del Madagascar, dove abita le acque di impetuosi torrenti di montagna. Anche se non ha colori elaborati come molti dei pesci arcobaleno provenienti dall'Australia e dalla Nuova Guinea, presenta un gradevole contrasto di rosso, nero e oro.

Il maschio ha due strisce nere parallele alla linea laterale, una a decorrere dalla bocca attraverso l'occhio, fino all'inizio della pinna caudale, e l'altra inferiore dalla gola al retro della pinna anale. Allo stesso modo, la pinna caudale ha una mezzaluna nera circoscritta all'interno della pinna caudale, che lascia i lobi esterni della pinna di un rosso brillante. La pinna dorsale divisa e la pinna anale sono ben bordati di nero e rosso, ma la colorazione più vivace si trova nella parte posteriore della pinna dorsale e della pinna anale, che sono una miscela quasi iridescente di oro e arancio. La femmina ha solo i disegni neri con un piccolo bordo rosso nella coda.

Quando ho acquistato i miei sei pesci nell'autunno del 1995 erano lunghi circa 2,5 cm e stavano appena iniziando a mostrare un po' di colorazione rossa. Inizialmente pensavo di avere quattro femmine e due maschi, ma quando i pesci sono maturati, è stato chiaro che erano quattro maschi e due femmine. Non avendo un acquario vuoto da poter dedicare solo ai pesci arcobaleno del Madagascar, li ho messi in un acquario da 60 litri con sei Melanotaenia maccullochi. L'acquario è stato fortemente piantumato con Cryptocoryne, che mi hanno permesso di lasciare libero lo spazio sopra le piante per il nuoto. Per la filtrazione ho utilizzato un filtro a spugna ed era presente un mop da deposizione di nylon verde legato a un tappo di sughero, inizialmente per le attività di riproduzione delle Melanotaenia maccullochi.

I pesci erano molto attivi e sono cresciuti rapidamente con una dieta a base di artemia, mangime in scaglie, e, occasionalmente, vermi bianchi. Sono dei terribili questuanti, stanno sempre nella parte anteriore della vasca ad elemosinare il cibo come se non mangiassero da una settimana, il che rende difficile non sovralimentarli. Effettuavo cambi d'acqua del 50% ogni 10 giorni circa, in quanto questa specie è sensibile alla qualità dell'acqua. L'acqua standard del rubinetto di Calgary con un pH di 7,6 e durezza di 240 ppm va abbastanza bene per loro.

Quando i pesci erano solo circa 3 cm di lunghezza totale, ho cominciato a trovare uova nel mop. Le uova erano abbastanza grandi per essere uova di pesce arcobaleno; circa 1,5 mm di diametro, rispetto alle uova di Melanotaenia maccullochi che non erano nemmeno 1 mm di diametro. A differenza di Melanotaenia maccullochi o di Melanotaenia boesemani, che possono deporre da 50 a 100 uova al giorno, le Bedotia del Madagascar deponevano solo 5-10 uova al giorno. Attualmente, i pesci variano da 5 cm a 7,5 cm di lunghezza, e la produzione di uova è più o meno la stessa. Non li ho mai visti radunarsi presso il mop per mangiare le uova, ma è una possibilità, anche se i libri di riferimento sostengono che ignorano uova e avannotti. Ho smesso di raccogliere le uova dal mop dopo averne accumulato circa 60, e da allora non ho mai visto avannotti nell'acquario, per cui sono ragionevolmente certo che si mangino avannotti. Quando occasionalmente controllo il mop, ci sono molte poche uova, il che indica che anche le uova vengono mangiate.

Le uova sono state raccolte dal mop e poste in un piccolo contenitore con acqua pulita. Sono molto robuste e possono essere maneggiate senza danneggiarle. Il blu di metilene non era necessario in quanto pochissime uova erano infertili. Gli occhi erano visibili dopo due o tre giorni e gli avannotti sono nati dopo circa nove giorni. Gli avannotti sono molto grandi rispetto alla maggior parte degli avannotti dei pesci arcobaleno, e nuotano con la testa leggermente inclinata verso il basso per il primo giorno o due. Gli avannotti sono in grado mangiare naupli di artemia salina come primo alimento, il che li rende poi estremamente facili da far crescere. Ho trasferito gli avannotti dal piccolo contenitore ad un acquario da 20 litri dotato di filtro ad angolo riempito con uno strato di carbone tra due strati di lana di perlon. Ho inserito un ciuffo di muschio di Giava per creare riparo e l'ho spinto verso il basso, in modo che il terzo superiore dell'acquario rimanesse disponibile per il nuoto. Gli avannotti sono cresciuti rapidamente dando da mangiare due volte al giorno naupli di artemia salina, e quando hanno raggiunto una lunghezza di 1,2 cm è stato necessario integrare con cibo in scaglie, in quanto avrebbero mangiato tutti i miei naupli e altro ancora! Ora, a poco meno di due mesi di età, gli avannotti sono 2,5 cm di lunghezza totale e si sta incominciando a vedere del colore rosso sulle pinne caudali dei maschi più vecchi.

Siccome gli avannotti crescevano e cominciavano a diventare troppo grandi per l'acquario da 20 litri, avevo deciso di metterne un paio nella vasca con gli adulti per evitare il sovraffollamento. Sono rimasto sorpreso quando gli adulti hanno ucciso due degli avannotti, anche se erano più di 1 cm di lunghezza. È interessante notare che alcuni avannotti di Melanotaenia maccullochi delle stesse dimensioni che avevo introdotto allo stesso modo, erano rimasti indisturbati. Ho ripreso gli avannotti di Bedotia rimasti e li ho trasferiti insieme agli altri in un acquario da 60 litri allestito in modo simile alla vasca per l'allevamento da 20 litri, e tutti stanno bene.

Sono disponibili ben pochi pesci del Madagascar per gli acquariofili. Questa d'altro canto è una specie colorata, attiva, di facile allevamento, e facile da riprodurre. In realtà, mi sento di raccomandare questo pesce anche a chi è agli inizi, sia per la facilità di indurre la deposizione delle uova, sia per la facilità con cui si fanno crescere gli avannotti.
Visto che nei suoi habitat naturali Bedotia geayi è classificato come minacciato di pericolo di estinzione, bisognerebbe fare tutti uno sforzo per allevarlo e riprodurlo, in modo che non sparisca. Vi assicuro che questa specie ripagherà i vostri sforzi con la sua bellezza.

© Birgit McKinnon - Aquarticles

Aggiungi un commento

Avviso per chi vuole lasciare un commento: Questo è un sito amatoriale, che vuole diffondere una maggiore conoscenza e consapevolezza sulle specie allevate in acquario, ed è gestito da una sola persona. Se avete qualche commento da fare riguardo al sito o a questa pagina siete i benvenuti, ma per richieste d'aiuto e/o consigli per il vostro acquario è meglio rivolgervi dove ci sono più persone in grado di rispondervi, come i forum dedicati, posso consigliarvi i miei preferiti, acquariofiliafacile.it e acquarioacquadolce.it, per serietà ed attendibilità, ma ce ne sono molti altri :)

By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.