• No ai pesci giganti in acquario
  • No ai pesci rossi nella boccia
  • I pesci pulitori non esistono!
  • No ai pesci colorati artificialmente
  • No ai pesci combattenti nei vasi
  • No alle tartarughe nelle mini vaschette
Tempo di lettura
6 minuti
Letto finora

Betta incubatori orali della Thailandia (N. Panitvong)

Mar, 26/Feb/2008 - 00:00
Posted in:
0 comments

Nonn Panitvong descrive e fotografa le cinque specie finora conosciute di Betta incubatori orali della Thailandia, meno conosciuti ma dai comportamenti non meno interessanti dei loro cugini Betta costruttori di nidi di bolle. Nonn dà preziose indicazioni per il loro allevamento e riproduzione, ed esortando a provare a riprodurli in cattività: per alcune specie potreste essere i primi al mondo a riuscirci :-)

Traduzione dell'articolo:
"Mouth Brooding Betta of Thailand" di Nonn Panitvong
su Siamensis.org che potete leggere al link seguente nella versione originale in inglese.

Maschio di Betta simplex con la bocca piena di uova - Foto di Nonn Panitvong (www.siamensis.org)

Il Betta splendens o pesce combattente siamese (Pla Kat) è uno dei pesci più popolari nel mondo acquariofilo. E’ originario della Thailandia e del Sud Est asiatico.
Nelle loro terre d’origine sono molto popolari tra la gente di tutte le età, che li allevano per sia piacere di osservarli che per i combattimenti tra pesci. Non è eccessivo dire che i Plakat fanno parte della stessa cultura tailandese. È triste comunque che i loro cugini Betta incubatori orali, che hanno comportamenti molto interessanti, non ottengano tutte le attenzioni che si meriterebbero.

In generale si conoscono i Betta che fanno i nidi di bolle, ma c’è un altro gruppo di Betta che covano le uova e custodiscono i piccoli in bocca. Queste specie vivono in habitat in cui la superficie dell'acqua non è ferma, il che rende impossibile la costruzione del nido di bolle. Attualmente esistono 4 specie descritte e 1 non descritta di Betta incubatori orali, in Thailandia:

Betta pi TAN, 1998

Betta pi: questa foto mostra la macchia a forma di "pi greco" sotto il mento - Foto di Nonn Panitvong - www.siamensis.org

Betta pi: la foto mostra la macchia a forma di "pi greco" sotto il mento di questa specie - Foto di Nonn Panitvong (www.siamensis.org)

E' la più grande specie di Betta incubatori orali della Thailandia. Possono raggiungere una lunghezza di 12 cm.
I Betta pi provengono dalle aree paludose (Pru in tailandese) nella parte meridionale del paese chiamato Pru Toe-daeng, l'unica zona del mondo in cui si trovano. Nel loro habitat, vivono in acque ricche di tannino che hanno il pH intorno a 5-6.

Anche se in acquario non vengono tenuti a pH più alto, dubito che si riprodurranno in tale acqua. In acquario il tannino può essere aggiunto per mezzo di prodotti commerciali o con l’utilizzo di foglie di quercia secche. In Thailandia, utilizziamo foglie secche della quercia indiana (Terminalia catappa), altrimenti foglie secche di banano serviranno ugualmente allo scopo. Per maggior tranquillità, normalmente faccio bollire le foglie per estrarre loro l'acqua. Non metto direttamente le foglie in vasca. Questo mi evita inoltre il fastidio di dover preoccuparmi delle foglie che marciscono in acquario.

Una coppia di Betta pi: nella vasca da riproduzione - Foto di Nonn Panitvong - www.siamensis.org

Una coppia di Betta pi: nella vasca da riproduzione - Foto di Nonn Panitvong (www.siamensis.org)

Un altro metodo che secondo me funziona bene è quello di mettere in vasca un pezzo di legno. Al legno può essere fissato della felce di Giava (Microsorum sp.) e del muschio di Giava (Fontinalis sp.) che aiuteranno assorbendo i nitriti dall'acqua e fungeranno inoltre da riparo per i pesci. In alternativa, vanno bene per i pesci anche i vasi da fiori rovesciati.

Il nome Betta pi deriva dal fatto che questo pesce ha una lettera pi (pi è una lettera greca e un simbolo matematico per 3.124) sul mento. Essendo così grande nei confronti delle altre specie di Plakat, viene chiamato "Plakat Chang" dai nativi. Chang in tailandese significa elefante. L'habitat del Betta pi è costantemente sotto la pressione delle zone agricole circostanti (gomma, palma da olio) per cui prego chi li alleva di provare a riprodurli. Non ho mai sentito parlare da nessuna parte di riproduzione in cattività dei Betta pi. Potreste essere i primi!

Betta pugnax (Cantor, 1850)

Maschio di Betta pugnax - Foto di Nonn Panitvong - www.siamensis.org

Maschio di Betta pugnax - Foto di Nonn Panitvong (www.siamensis.org)

Il Betta pugnax è un altro grande betta incubatore orale dalla Tailandia. Possono raggiungere una lunghezza di 7-8 cm.
Il Betta pugnax si trova nei torrenti degli altopiani della Thailandia meridionale, fino ad arrivare all'isola di Singapore. L'acqua nei torrenti è abbastanza chiara con pH quasi neutro (7.1-7.5). E’ riportato che il fondo è costituito da ghiaia e i betta possono essere trovati nella fitta vegetazione lungo la linea della riva, in cui la corrente dell'acqua è meno forte.

Femmina di Betta pugnax, si noti la differenza nella colorazione e nella struttura della testa - Foto di Nonn Panitvong - www.siamensis.org

Femmina di Betta pugnax, si noti la differenza nella colorazione e nella struttura della testa - Foto di Nonn Panitvong (www.siamensis.org)

Il Betta pugnax è uno dei betta incubatori orali più facili da allevare e riprodurre. È caldamente raccomandato ai principianti.

Maschi e femmine incubatori orali si possono distinguere dai seguenti punti:

  • La femmina tende ad avere una struttura del capo più piccola
  • La femmina tende ad avere una corporatura complessiva più piccola
  • La femmina tende ad avere una colorazione meno evidente
  • La femmina tende ad avere le pinne più corte

Betta simplex KOTTELAT, 1994

Maschio di Betta simplex con la bocca piena di uova - Foto di Nonn Panitvong - www.siamensis.org

Maschio di Betta simplex con la bocca piena di uova - Foto di Nonn Panitvong (www.siamensis.org)

L'unico habitat conosciuto del Betta simplex ad ora è un corso d’acqua nella provincia di Krabi, nella parte meridionale della Thailandia. Sono Plakat di dimensioni medie che raggiungono circa 5 cm di lunghezza. Il corso d’acqua dove vive il Betta simplex ha pH neutro e fondo fangoso che talvolta è ricoperto da un tappeto di Cryptocoryne crispatula.

Femmina di Betta simplex con colori molto sbiaditi rispetto al maschio - Foto di Nonn Panitvong - www.siamensis.org

Femmina di Betta simplex con colori molto sbiaditi rispetto al maschio - Foto di Nonn Panitvong (www.siamensis.org)

Nella foto, il maschio ha la bocca piena di uova. Nei Betta incubatori orali, è il maschio che tiene le uova in bocca per 7-10 giorni prima di rilasciare gli avannotti. Questi avannotti enormi, in confronto a quelli costruttori di nidi di bolle, possono normalmente nutrirsi già di naupli d’artemia salina o microworm subito.

Betta prima KOTTELAT, 1994

Betta prima mostrerà  al meglio i suoi colori in acquari scuri e fittamente piantumati - Foto di Nonn Panitvong - www.siamensis.org

Betta prima mostrerà al meglio i suoi colori in acquari scuri e fittamente piantumati - Foto di Nonn Panitvong (www.siamensis.org)

Il Betta prima è un incubatore orale dall’aspetto piuttosto normale. Possono raggiungere una lunghezza di circa 5 cm.

Vengono trovati a foraggiare lungo le rive fitte di vegetazione nei corsi d’acqua dove il pH è neutro e il fondo di ghiaia. Il range di distribuzione conosciuto ad ora è nella pianura centrale della parte orientale della Thailandia, e qualche posto in Cambogia.

Habitat di Betta prima nella provincia di Jantaburi in Tailandia - Foto di Nonn Panitvong - www.siamensis.org

Habitat di Betta prima nella provincia di Jantaburi in Thailandia - Foto di Nonn Panitvong (www.siamensis.org)

Si riproducono facilmente e mostrano al meglio i loro colori - blu iridescente e verde cangiante - in acquari scuri con fitta vegetazione. Come tutti gli altri Plakat, il Betta prima mangia volentieri cibo vivo come larve di zanzara, dafnie, chironomus, tubiflex e artemie. Se usate le artemie, assicuratevi di risciacquarle bene in acqua dolce, in quanto il sale fa molto male ai reni dei pesci d'acqua dolce.

Betta sp. "Southern Thailand"

Maschio dell'incubatore orale Betta sp. "Thailandia meridionale" - Foto di Nonn Panitvong - www.siamensis.org

Maschio dell'incubatore orale Betta sp. "Thailandia meridionale" - Foto di Nonn Panitvong (www.siamensis.org)

Per ovvie ragioni, l'habitat esatto di questo pesce è tenuto segreto da quelli che lo hanno trovato. E' attualmente in fase di descrizione da parte del sig. Kottelat. La carta sarà presto pronta, o è appena stata pubblicata, non sono sicuro. In ogni modo, si dice provengano dalla zona meridionale della Thailandia.

Questo pesce assomiglia molto al Betta prima, ma la differenza principale è che il raggio mediano della loro pinna caudale è esteso fino a dare una forma appuntita mentre nel Betta prima la coda è piuttosto arrotondata.

Maschio di Betta sp. "Thailandia meridionale" le 3 linee sul corpo sono meno visibili in questa secie, in confronto a quelle di Betta prima - Foto di Nonn Panitvong - www.siamensis.org

Maschio di Betta sp. "Thailandia meridionale" le 3 linee sul corpo sono meno visibili in confronto a quelle di Betta prima - Foto di Nonn Panitvong

Nei Betta incubatori orali è la femmina che inizia il processo di deposizione delle uova. Lei è quella che protegge la zona circostante mentre il maschio - che non mangia nulla durante il periodo dell’incubazione - rimane molto basso e poco mobile. Sembrerà per tutto il tempo come se avesse difficoltà a respirare.
Normalmente rimuovo la femmina una volta che le uova sono state deposte e cerco di lasciare il maschio da solo il più possibile. Se importunato troppo potrebbe mangiarsi le uova.
Questo maschio in particolare ha sputato almeno 7 avannotti dopo l’ottavo giorno di incubazione. Probabilmente il primo rapporto di riproduzione riuscita in cattività della sua specie al mondo!!!:-D

Maschio e femmina incubatori orali, come questa coppia, farà una specie di "danza" fianco a fianco durante il corteggiamento. La femmina con le pinne tutte spiegate inoltre danza intorno al maschio per richiamare la sua attenzione. Lei difenderà il territorio riproduttivo. Questa femmina in particolare ha dovuto sopportare la molesta vicinanza di Betta bellica.

Accoppiamento di Betta sp. Thailandia meridionale - Foto di Nonn Panitvong - www.siamensis.org

Accoppiamento di Betta sp. Thailandia meridionale - Foto di Nonn Panitvong (www.siamensis.org)

A lato una foto (piuttosto virata al blu) del loro accoppiamento. Il maschio è sempre quello sul fondo. La sua pinna anale è adatta a ricevere le uova. Dopo di che la femmina prenderà le uova in bocca e le sputerà nella sua. L’intero processo può durare parecchie ore.

© Nonn Panitvong - Siamensis.org

Specie nel sito
Betta pugnax dal fiume Lenggor, Malesia - Foto © Zhou Hang
Penang betta
Aspettativa di vita: 3 - 5 anni
Dimensioni massime: 6.7 cm SL

E' una specie che si può allevare in piccoli gruppi, e anzi è proprio così che mostra i comportamenti più interessanti; inoltre essendo anche in natura trovata in un'ampia varietà di habitat, è molto adattabile anche in acquario.

Temperatura in natura: 24 - 28°C
Valori pH in natura: 7.1 - 7.6
Maschio adulto di Betta simplex, tipo 2 con livrea aggressiva - Foto © Zhou Hang

Aspettativa di vita:
Dimensioni massime: 8.0 cm TL

Una tra le più belle specie di Betta incubatori orali, in cui il maschio custodisce le uova in bocca fino alla schiusa.

Temperatura in natura: 22 - 26°C
Valori pH in natura: 7.0 - 8.0

Reference:

  • Goldstein, Robert J Ph.D.. 2001. Bettas A complete Pet Owner's Manual, Barron's, New York

Special Thanks to:

  • K. Mee and Noung of Ta Pien Tong fish store, Seven Days Plaza
  • Mr. Anuratana Tejavej
  • Mr. Arthit Prasartkul
  • and Pernille

Aggiungi un commento

Avviso per chi vuole lasciare un commento: Questo è un sito amatoriale, che vuole diffondere una maggiore conoscenza e consapevolezza sulle specie allevate in acquario, ed è gestito da una sola persona. Se avete qualche commento da fare riguardo al sito o a questa pagina siete i benvenuti, ma per richieste d'aiuto e/o consigli per il vostro acquario è meglio rivolgervi dove ci sono più persone in grado di rispondervi, come i forum dedicati, posso consigliarvi i miei preferiti, acquariofiliafacile.it e acquarioacquadolce.it, per serietà ed attendibilità, ma ce ne sono molti altri :)

By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.