• No ai pesci giganti in acquario
  • No ai pesci rossi nella boccia
  • I pesci pulitori non esistono!
  • No ai pesci colorati artificialmente
  • No ai pesci combattenti nei vasi
  • No alle tartarughe nelle mini vaschette
Tempo di lettura
6 minuti
Letto finora

Grandi incubatori orali gialli - Il gruppo di Betta waseri (S. Van Der Voort)

Mer, 20/Feb/2013 - 09:33
Posted in:
0 comments

Note sul gruppo di Betta waseri, che comprende sette specie di Betta solo recentemente descritte scientificamente. Come allevarli e riprodurli.

Traduzione dell'articolo:
"Big Yellow Mouthbrooders - The Betta waseri group" di Stefan Van Der Voort
sul sito di Aquarticles.com, che potete leggere al link seguente nella versione originale in inglese

Betta waseri - Foto © Thomas Weiblen

Le specie del gruppo Betta waseri che si trovano in Malesia, Sumatra e Thailandia vengono chiamate "Big yellow mouthbrooders" cioè "Grandi incubatori orali gialli"

La loro mancanza di colore non li rende particolarmente attraenti da allevare per molti acquariofili, ma si tratta in realtà di specie molto interessanti. In tutte le specie del gruppo non c'è quel colore iridescente sulle piastre branchiali, presente per esempio nei tipi correlati a Betta pugnax. Comunque tutte le specie del gruppo Betta waseri hanno qua e là sul corpo delle squame dorate. Attualmente sono sette le specie descritte, e senza dubbio ne seguiranno altre.

Ci sono già quattro nuove specie conosciute che non sono ancora state descritte, Betta sp. "Medas" dall'Indonesia, Betta sp. aff. waseri "Anjungan", Betta sp. aff. waseri "Pekanbaru" e Betta sp. aff. waseri "Pekan Nanas".

A seguire, vi fornirò alcune brevi informazioni su ogni specie di questo gruppo di Betta waseri, ancora per lo più sconosciute, ma comunque interessanti:

Betta chloropharynx Kottelat & Ng, 1994

Questo grande incubatore orale di 13 cm (TL), si trova nell'isola di Banka. Il nome della specie deriva dalle parole latine chloro, che significa verde, e pharynx, che significa gola: gola verde. Betta chloropharynx ha un simbolo nero a forma di "8" sulla gola e due punti verde chiaro sotto la mascella. Il corpo è di colore marrone, da chiaro a scuro, con qua e là dei riflessi viola.
Nell'isola di Banka questa specie vive nelle acque poco profonde di paludi di torba, a volte a solo pochi centimetri di profondità. Questi habitat sono costituiti principalmente da foglie morte, in cui gli abitanti si nascondono. Il pH va da 4,5 a 5,5, GH e KH sono tra 0 e 1. La temperatura misurata era 27,1° C. Questo Betta è sulla lista delle specie minacciate perché i suoi habitat vengono distrutti, per far posto ad esempio a piantagioni.

Betta hipposideros Ng & Kottelat, 1994

Betta hipposideros - Foto di Zhou Hang

Betta hipposideros - Foto di Zhou Hang

Anche questa specie abita i biotopi di acqua nera a Selangor e a Perak, in Malesia. Le misurazioni condotte hanno rivelato un pH compreso tra 3.5 e 3.7. Il GH purtroppo è sconosciuto, a parte il fatto che il valore è basso. Anche il nome di Betta hipposideros proviene dal latino, hipposideros è stato scelto con allusione alle macchie nere a ferro di cavallo sulla sua gola. Anche questo incubatore orale arriva a grandi dimensioni, circa 14 cm (TL). Ha un corpo di colore marrone chiaro con una barra orizzontale di colore più chiaro. La gola è verdastra, colore che qua e là si trova anche nelle pinne.
I suoi habitat a Selangor e Perak sono sotto una forte pressione, molti sono già stati distrutti e gli altri lo saranno presto, per far posto a piantagioni di palma.

Betta pi Tan, 1998

Betta pi: questa foto mostra la macchia a forma di "pi greco" sotto il mento - Foto di Nonn Panitvong - www.siamensis.org

Betta pi: la foto mostra la macchia a forma di "pi greco" sotto il mento di questa specie - Foto di Nonn Panitvong (www.siamensis.org)

Betta pi, 12 cm (TL), è l'unica specie del gruppo che non si trova in habitat d'acqua estremamente acida. La specie proviene dalla Thailandia, dalle paludi di torba vicino a Mae Nam Tod Deng a 12 km a sud ovest di Tak Bai. Anche Betta pi è una specie minacciata, il suo habitat naturale viene distrutto dall'arrivo di piantagioni di alberi della gomma. Del suo habitat naturale è noto solo il valore del pH, compreso tra 5 e 6. Perché questo grande incubatore orale giallo ha un simbolo a forma di pi greco sulla gola, è stato descritto come Betta pi. Per quanto riguarda la colorazione, questa specie è molto simile a Betta waseri, che è marrone.

Betta renata Tan, 1998

Betta renata - Foto di Stefan Van Der Voort (hexazona.com)

Betta renata - Foto di Stefan Van Der Voort

Questa specie è probabilmente la meno nota del gruppo dei grandi incubatori orali gialli, oltre a Betta hipposideros. Solo una manciata di persone hanno mai visto un Betta renata, tanto meno allevato. Ancora una volta questa specie è un abitante di acque nere, questa volta a Rantau Panjang; Jambi. Sempre per questo habitat è noto un solo valore, quello del pH a 4,1. Siccome sono paludi di torba possiamo sapere che GH e temperatura sono entrambi verso valori bassi. Le ultime indagini sul fatto se anche questa specie sia o meno minacciata, risalgono al 1994. A quel tempo Betta renata non era sulla lista, ma è molto probabile che il suo status sia cambiato. Si potrebbe pensare che questa specie è stata chiamata con il nome di una persona, ma in realtà non è vero. Il nome di specie renata proviene dal latino, e significa rene. Questo con allusione alla macchia nera a forma di rene sul suo collo. Anche questa specie raggiunge grandi dimensioni, circa 14 cm (TL).

Betta spilotogena Ng & Kottelat, 1994

Betta spilotogena - Foto di Zhou Hang

Betta spilotogena - Foto di Zhou Hang

Nell'arcipelago di Riau, in particolare nel Pulau Bintan settentrionale, si può trovare un altro grande Betta giallo, che è stato descritto come Betta spilotogena e raggiunge una lunghezza di 13 cm (TL). Purtroppo anche questa specie è sulla lista delle specie minacciate. Betta spilotogena prospera nelle paludi d'acqua dolce acida con un pH compreso tra 4,9 e 5,5, e GH sconosciuto, che si trova comunque a valori bassi, a causa della natura degli habitat.
Il nome scientifico si riferisce alle macchie nere sugli opercoli delle branchie. Sulla gola di questa specie ci sono 2 grandi macchie ovali che possono essere aderenti tra loro formando una macchia più grande. Il corpo di Betta spilotogena è più o meno marrone scuro, con qua e là le squame dorate menzionate in precedenza. Le pinne sono di colore bruno, con un bel colore viola-bluastro ai margini e talvolta anche al centro.

Betta tomi Ng & Kottelat, 1994

Betta tomi - Foto di Edward Miller

Betta tomi - Foto di Edward Miller

Betta tomi prende il nome dal professor Tom Lam Toong Jin dell'Università di Singapore, e raggiunge una lunghezza di 14 cm (TL). Anche questo Betta è marrone scuro, ma questo colore può variare fino ad una colorazione molto più chiara con a volte una striscia scura orizzontale, che si avvicina al nero. La parte iniziale di tutte le pinne e l'intera pinna dorsale, sono di un bel giallo luminoso. Nella maggior parte dei casi, i maschi mostrano anche un ampio margine verde nella pinna anale. Nella gola di Betta tomi vi sono due barre verticali in qualche modo parallele, che possono non arrivare al labbro inferiore.
La specie viene da Johor, Malaysia, ma viene ritrovata spesso anche a Singapore. Tuttavia, in quest'ultima località purtroppo la specie è estinta da molti anni. Questo incubatore orale vive in acqua dolce e acida, con un pH di 5,5. Purtroppo ora sono pesantemente minacciati.

Betta waseri Krummenacher, 1986

Betta tomi - Foto di Darulnaimanglers.com

Betta waseri - Foto di Darulnaimanglers.com

Betta waseri è stata la prima specie del gruppo ad essere scoperta e descritta, e proviene dalla zona di Kuantan, in particolare Pahang. Lì prosperano nei torrenti d'acqua nera forestali con un pH intorno a 4 - 5. L'acqua è anche estremamente tenera, ma non si conoscono le misure. Nei torrenti della foresta Betta waseri vive nella copertura fornita dalla lettiera di foglie, e tra le radici delle piante e degli alberi che crescono sulle rive. Il Kuantan è stato sotto pressione per molto tempo, e di conseguenza sempre più habitat di Betta waseri hanno cessato di esistere.
Il nome scientifico di questo grande incubatore orale deriva da Alfred Waser, lo scopritore originale della specie. Nella gola di questa specie vi sono due macchie a forma di lacrima. Il corpo è semplicemente di colore marrone scuro, che può far posto ad un colore molto più chiaro, con un motivo a righe orizzontali scuro, bruno-nerastro. Le pinne sono quasi trasparenti, con una colorazione marrone scuro nella parte iniziale.

La deposizione

Come già detto tutte le specie del gruppo Betta waseri sono incubatori orali. A causa delle loro dimensioni hanno bisogno vasche grandi, con una lunghezza minima di 100 cm. L'altezza è meno importante, in quanto questi Betta sono abituati a vivere in acque da poco profonde a molto basse, a volte solo pochi centimetri, quindi andrà bene un'altezza compresa tra 20 e 30 cm. Al fine di riprodurre una qualsiasi di queste specie è fortemente consigliato di piantumare pesantemente la vasca, in modo da creare molti nascondigli.

E' impossibile fare una descrizione generale di come depongono i grandi incubatori orali gialli, perché non tutte le specie richiedono le stesse condizioni. Una specie, Betta tomi, depone facilmente in presenza di altri esemplari, mentre altre richiedono un acquario dedicato solo a loro. Tuttavia, con ogni specie è importante mantenere i valori dell'acqua di cui sopra per ottimali risultati di riproduzione.

Durante la riproduzione può manifestarsi un interessante fenomeno - un comportamento che assomiglia a una sorta di gioco a palla. Dopo un abbraccio la femmina raccoglie le uova in bocca. Poi prende posizione proprio di fronte al maschio e sputa fuori le uova una alla volta nella sua direzione. Se il maschio è abbastanza veloce prende l'uovo, in caso contrario, lo riprende la femmina. Questo comportamento si ripete fino a quando il maschio è in possesso di tutte le uova.

Le covate di questi incubatori orali possono essere piuttosto grandi, in Betta spilotogena sono stati segnalati in una occasione 180 giovani, che erano tutti insieme nella bocca del maschio riproduttore. I giovani hanno una lunghezza di tutto rispetto quando vengono rilasciati dal maschio, in Betta spilotogena circa 6 mm. Tutte le specie del gruppo Betta waseri sono quasi certamente non cannibali, per cui è possibile far crescere i piccoli insieme al maschio e alla femmina. Dopo un po' di tempo l'acquario sarà popolato senza problemi da molti giovani di covate e di dimensioni diverse. Tuttavia, in questo caso è molto importante che l'acquario sia abbastanza grande e ben piantumato.

© Stefan Van Der Voort 2003 - Aquarticles.com

Aggiungi un commento

Avviso per chi vuole lasciare un commento: Questo è un sito amatoriale, che vuole diffondere una maggiore conoscenza e consapevolezza sulle specie allevate in acquario, ed è gestito da una sola persona. Se avete qualche commento da fare riguardo al sito o a questa pagina siete i benvenuti, ma per richieste d'aiuto e/o consigli per il vostro acquario è meglio rivolgervi dove ci sono più persone in grado di rispondervi, come i forum dedicati, posso consigliarvi i miei preferiti, acquariofiliafacile.it e acquarioacquadolce.it, per serietà ed attendibilità, ma ce ne sono molti altri :)

By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.