• No ai pesci giganti in acquario
  • No ai pesci rossi nella boccia
  • I pesci pulitori non esistono!
  • No ai pesci colorati artificialmente
  • No ai pesci combattenti nei vasi
  • No alle tartarughe nelle mini vaschette
Tempo di lettura
2 minuti
Letto finora

Botia dario (B. Janiczak)

Lun, 12/Apr/2010 - 18:29
Posted in:
0 comments

Articolo con belle foto, con la descrizione di alcuni Botia dario allevati dall'autore

Traduzione dell'articolo:
"Botia dario (Queen Loach)" di Bogdan Janiczak
che era stato pubblicato da Loaches Online, il sito dedicato ai Cobitidi

I riferimenti tassonomici nell'articolo sono ovviamente relativi a quanto si sapeva negli anni in cui è stato scritto; per avere un'idea dalla tassonomia attuale delle famiglie di Botiidae e Cobitidae visitate queste pagine.

Botia dario - Foto di Bogdan Janiczak

I Botia dario nelle foto (due dei sei attualmente allevati nel mio acquario) sono lunghi circa 6 cm.
La prima foto mostra un dario in un forte fascio di luce esterna, in modo da rendere un po' più evidente la sua consueta colorazione.

L'altra lo ha immortalato su di un pezzo di legno scuro, e dimostra il suo piacevole adattamento all'ambiente. Il disegno delle strisce nere e giallastre del secondo pesce è più irregolare se confrontato con primo esemplare ritratto, ed anche con i pesci mostrati sul vostro Web site.

Da una mia osservazione risulta che in questa specie sono sempre presenti sei bande trasversali nere con una settima banda, non così chiara, sovrapposta al peduncolo caudale ed alcune tracce di dell’ottava nelle vicinanze dell’opercolo (una simile regolarità del disegno è presente nelle specie Botia striata e Botia rostrata).
Quello che ho anche trovato di interessare in questa specie è la testa relativamente grande dei pesci osservata attentamente nelle foto sotto.
Questa specie (anche Botia striata) ama riposarsi nascosto fra le foglie di piante molto fitte.
La sua provenienza è l'India.

Botia dario - Foto di Bogdan Janiczak
Botia dario - Foto di Bogdan Janiczak

© Bogdan Janiczak - Data: 6 Maggio 2001

Mi sto chiedendo davvero quanto può diventare grande questo cobitide, tante fonti differenti specificano taglie completamente differenti (abbastanza di recente l'edizione inglese dell'Atlante di Baensch riporta che questa specie arriva soltanto a 6 cm, mentre uno dei distributori indiani locali sostiene di offrire esemplari lunghi 20 cm (?).)

Il pesce nelle foto sottostanti ha circa due anni e mezzo, ed è circa 12,5 cm. di lunghezza (guardate la femmina adulta di Puntius pentazona lunga 5 cm. sopra il Botia dario per fare un confronto). Con l’età le sue bande scure diventano più larghe, se confrontati con gli esemplari giovanili.

È un Botia estremamente pacifico e a volte un po’ troppo timido. Ma, tuttavia, a mio parere è una specie bellissima.
Così ecco qui due scatti di un Botia dario ben sviluppato, “The Queen Loach”, la regina dei Botia.

Botia dario - Foto di Bogdan Janiczak
Botia dario - Foto di Bogdan Janiczak
Botia dario e Puntius pentazona- Foto di Bogdan Janiczak
Botia dario - Foto di Bogdan Janiczak

© Bogdan Janiczak - Data: 14 agosto 2002

Specie nel sito
Botia dario - Foto © Emma Turner (Loaches.com)
Queen Loach
Aspettativa di vita: 5 - 8 anni
Dimensioni massime: 15 cm TL

I Botia dario non sono molto facili da reperire in commercio qui da noi, a volte si trovano venduti come Botia lohachata, con cui hanno una lieve somiglianza nel disegno della livrea nella fase giovanile. Sono tra i botia più piccoli, e devono essere mantenuti in branchi numerosi.

Temperatura in natura: 23 - 28°C
Valori pH in natura: 6.8-7.5

Aggiungi un commento

Avviso per chi vuole lasciare un commento: Questo è un sito amatoriale, che vuole diffondere una maggiore conoscenza e consapevolezza sulle specie allevate in acquario, ed è gestito da una sola persona. Se avete qualche commento da fare riguardo al sito o a questa pagina siete i benvenuti, ma per richieste d'aiuto e/o consigli per il vostro acquario è meglio rivolgervi dove ci sono più persone in grado di rispondervi, come i forum dedicati, posso consigliarvi i miei preferiti, acquariofiliafacile.it e acquarioacquadolce.it, per serietà ed attendibilità, ma ce ne sono molti altri :)

By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.