• No ai pesci giganti in acquario
  • No ai pesci rossi nella boccia
  • I pesci pulitori non esistono!
  • No ai pesci colorati artificialmente
  • No ai pesci combattenti nei vasi
  • No alle tartarughe nelle mini vaschette
Tempo di lettura
3 minuti
Letto finora

Come identificare il Botia rostrata (B. Janiczak)

Ven, 29/Ago/2003 - 00:00
Posted in:
0 comments

Le splendide foto di Bogdan per esemplificano le differenze e le somiglianze tra esemplari giovanili ed adulti di Botia rostrata, e come distinguere questa specie da quelle simili.

Traduzione dell'articolo:
"Botia rostrata identification" di Bogdan Janiczak
su Loaches Online, che potete leggere al link seguente nella versione originale in inglese.

I riferimenti tassonomici nell'articolo sono ovviamente relativi a quanto si sapeva negli anni in cui è stato scritto; per avere un'idea dalla tassonomia attuale delle famiglie di Botiidae e Cobitidae visitate queste pagine.

Botia rostrata - Esemplare di 6 mesi - Foto di Bogdan Janiczak

I pesci pulitori NON ESISTONO!

I pesci non vanno comprati per la loro presunta funzione di pulitori, ma perché piacciono e perché sono interessanti da osservare. Dobbiamo essere noi a rispettare le loro esigenze, non loro a dover svolgere un lavoro in vece nostra: i pesci non sono attrezzi, e non possono sopravvivere solo con gli scarti degli altri...

Questa e' una descrizione un po' piu' estesa di quello che si sa sulla specie di Botia rostrata, che può essere considerata come secondo capitolo della storia originaria cominciata alla fine del 2002. Proverò a minimizzare al massimo le osservazioni per lasciare preferibilmente parlare le foto.

Recentemente, mentre passavo in rassegna brevemente il forum di Loaches Online, mi sono reso conto che ci sono ancora molti problemi e confusione riguardo all'adeguata identificazione della specie di Botia rostrata.

Sotto trovate un insieme di foto che mostrano un paio di pesci di questa specie, ad età e taglia differenti. Mostrano bene il processo di formazione tipico, per questa specie, di pinne e disegno del corpo.
Gli esemplari giovanili mostrano che 6 mesi fa avevano tutte le pinne incolori tranne la caudale. Con l’età i pesci cominciano a sviluppare il disegno caratteristiche.
Dalle mie personali osservazioni risulta che il Botia rostrata adulto ha tipicamente un insieme di quattro disegni identici sulla pinna caudale, mentre gli esemplari più giovani hanno un numero di disegni identici correlati con la loro età e maturità. Naturalmente, è un calcolo statistico, a causa del ritmo individuale di sviluppo dei diversi esemplari (anche all'interno dello stesso gruppo). Questo significa che probabilmente esistono delle eccezioni alla regola.
All’età di 6 mesi il Botia rostrata avrà solitamente un insieme di 2 disegni identici sulla pinna caudale e una lunghezza totale tipica di 5 cm (foto 1 & foto 2), mentre un esemplare di un anno (foto 4), nella maggior parte dei casi, solitamente ha già il disegno della pinna caudale dei pesci adulti, ed è all'interno del range di lunghezza totale di 6-7 cm.
La foto 3 mostra un altro esemplare più giovane di due mesi. I disegni sulle pinne pelviche e dorsale, tuttavia, non sono ancora completamente sviluppati. La figura delle bande scure verticali ed orizzontali così come distribuzione ed il numero dei reticoli luminosi ovali sono inoltre in fase di costruzione. I secondi richiederanno molto più tempo per comparire in abbondanza, tuttavia, si può trovare occasionalmente un esemplare molto vecchio con un disegno enormemente reticolare.

I pesci adulti (come la femmina indicata in una delle foto) possono raggiungere una lunghezza totale leggermente superiore ai 10 cm; i maschi sono solitamente un poco più piccoli e snelli.
Ma persino un Botia rostrata pienamente sviluppato, una volta confrontato alla specie strettamente collegata di Botia histrionica, può inizialmente apparire come un fratello molto più giovane (vedere la foto).

Credo che le mie osservazioni forniscano ulteriori suggerimenti per le persone che hanno problemi con l'identificazione di Botia rostrata.

Botia rostrata, esemplare di 6 mesi - Foto di Bogdan Janiczak
Botia rostrata, esemplare di 6 mesi - Foto di Bogdan Janiczak
Botia rostrata, esemplare di 10 mesi - Foto di Bogdan Janiczak
Botia rostrata, esemplare di 1 anno - Foto di Bogdan Janiczak
Botia rostrata, femmina adulta - Foto di Bogdan Janiczak
Botia rostrata, femmina adulta - Foto di Bogdan Janiczak
Botia rostrata, esemplare adulto - Foto di Bogdan Janiczak
Botia rostrata, maschio adulto - Foto di Bogdan Janiczak
Botia rostrata, coppia di esemplari adulti - Foto di Bogdan Janiczak
Botia rostrata VS Botia histrionica - Foto di Bogdan Janiczak

© Bogdan J. Janiczak - 07 Febbraio 2003

Specie nel sito
Giovane Botia histrionica - Foto © Mark Duffill (Seriouslyfish.com)
Gold Zebra Loach
Aspettativa di vita: 6 - 8 anni
Dimensioni massime: 12 cm SL

I Botia histronica sono dei membri relativamente pacifici del genere Botia, e arrivano ad una lunghezza di 13 cm. Gregari e curiosi, possono essere adatti alle vasche di comunità, ma dovrebbero essere allevati in non meno di 5 esemplari.

Temperatura in natura: 25 - 28°C
Valori pH in natura: 6.5 - 7.2
Botia rostrata - Foto di Emma Turner (Loaches Online)
Gangetic loach
Aspettativa di vita: 10 - 15 anni
Dimensioni massime: 25 cm TL secondo Fishbase, 11-12 cm secondo Seriouslyfish... ma c'è discordanza anche tra i vari studiosi sulle eventuali sottospecie raggrupate in questa specie, sono necessari ulteriori studi.

Botia rostrata è un cobitide pacifico e tollerante, che si trova raramente in commercio; considerata prima specie a sé stante, dal 2004 il tassonomista Dott. Kottelat l'ha considerata come una sottospecie di Botia almorhae.

Temperatura in natura: 20 - 27°C
Valori pH in natura: 6.5-7.5

Aggiungi un commento

Avviso per chi vuole lasciare un commento: Questo è un sito amatoriale, che vuole diffondere una maggiore conoscenza e consapevolezza sulle specie allevate in acquario, ed è gestito da una sola persona. Se avete qualche commento da fare riguardo al sito o a questa pagina siete i benvenuti, ma per richieste d'aiuto e/o consigli per il vostro acquario è meglio rivolgervi dove ci sono più persone in grado di rispondervi, come i forum dedicati, posso consigliarvi i miei preferiti, acquariofiliafacile.it e acquarioacquadolce.it, per serietà ed attendibilità, ma ce ne sono molti altri :)

By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.