• No ai pesci giganti in acquario
  • No ai pesci rossi nella boccia
  • I pesci pulitori non esistono!
  • No ai pesci colorati artificialmente
  • No ai pesci combattenti nei vasi
  • No alle tartarughe nelle mini vaschette
Tempo di lettura
11 minuti
Letto finora

Botia... Un Articolo Introduttivo (M. Ophir)

Mar, 13/Apr/2004 - 00:00
Posted in:
0 comments

Introduzione alle caratteristiche generali dell'ex genere Botia, a cui appartevano, prima della revisione di Kottelat, più di 40 specie originarie dell'Indocina, con caratteristiche comuni. Mike dà informazioni utili sull'allevamento, la scelta dei compagni di vasca, l'alimentazione, e sfata la leggenda metropolitana dei botia pesci 'pulitori'.

Traduzione dell'articolo:
"Botias ... An Introductory Article" di Michael Ophir
la versione originale in inglese era presente sul sito dell'autore, non più online.

I riferimenti tassonomici nell'articolo sono ovviamente relativi a quanto si sapeva negli anni in cui è stato scritto; per avere un'idea dalla tassonomia attuale visitate queste pagine.
L'articolo è stato scritto prima della revisione di Kottelat che ha eretto la sottofamiglia Botiinae al rango di famiglia vera e propria, quella dei Botiidae, separandola quindi nettamente dalla famiglia dei Cobitidae. Quindi dove è scritto 'Cobitidae' o 'Botiinae' è da leggere 'Botiidae'.

Yasuhikotakia modesta (ex Botia modesta) - Foto © Mike Ophir

I pesci pulitori NON ESISTONO!

I pesci non vanno comprati per la loro presunta funzione di pulitori, ma perché piacciono e perché sono interessanti da osservare. Dobbiamo essere noi a rispettare le loro esigenze, non loro a dover svolgere un lavoro in vece nostra: i pesci non sono attrezzi, e non possono sopravvivere solo con gli scarti degli altri...

Cinque anni fa, ero in un negozio locale di pesci e stavo osservando le vasche dei pesci. Ho avuto una breve visione di quello che era un piccolo Botia morleti (Skunk Botia), che subito sparì rapidamente tra le piante. Ho scrutato la vasca dappertutto, e non ero ancora riuscito a trovarlo, quando era giunta l'ora di andarsene. Circa una settimana più tardi, ero di nuovo nel negozio, ed ero determinato a trovare quel pesce che avevo visto così brevemente la settimana prima. Finalmente lo trovai sotto un pezzo di legno, e lo comprai.

Presi quell'esemplare solitario e lo destinai in un mio acquario di comunità a casa. Dopo quello, mi venne il pallino dei Botia. Ho cominciato a cercare più specie, ed ho comprato un Botia macracantha, così come un Botia Lohachata.
Questo fu l'inizio della mia lunga ricerca sul genere Botia, che tanta gente tende ad ignorare e disprezzare.

Il Botia proviene dalla famiglia dei Cipriniformi, dei quali circa 40 specie appartengono al genere Botia. Provengono dalla Tailandia, dall'India, dal Pakistan, dalla Cina, dal Bangladesh e da alcune delle isole indonesiane; i Botia sono prevalentemente abitanti del fondo e passano molto del loro tempo cercando cibo, o esplorandole zone a loro circostanti.
Quello dei Botia è probabilmente il gruppo di pesci più vario nell'hobby, sia nelle loro livree sia nei loro comportamenti. Vanno dall'estremamente pacifico Botia histrionica, all'aggressivo Botia beauforti. I disegni della livrea variano dai corpi semplicemente grigiastri dell'interessante Botia lecontei, al giallo, rosso, arancione e nero luminoso del Botia macracantha.
La maggior parte del Botia preferisce un'acqua leggermente acida, in un range da 6,6 a 7,0, ma qualche specie può tollerare condizioni dell'acqua fino a 7,3!

Pulitori?? Non questi pesci

Molti hobbisti acquariofili considerano i Botia spazzini del fondo che non devono essere alimentati con nessun altro tipo di cibo, quali pastiglie affondanti, chironomus, o altri alimenti del genere.
Definizione di pulitore: uno che mangia mangimi andati a male o scartati. Anche se i Botia mangiano il mangime lasciato dai pesci che abitano gli strati superficiali della vasca, questo non è abbastanza per mantenerli sani e felici. Io alimento i miei Botia con chironomus congelati, mangime in fiocchi, pastiglie da fondo e, occasionalmente, dafnie. Alcune specie di Botia accettano persino le verdure come zucchini e cetrioli. Il modo di nutrirli con queste verdure, è quello di mettere una piccola pietra o pezzi di ghiaia su di esse per impedir loro di galleggiare verso l'alto. Entro un giorno più o meno, il pezzo di cetriolo sarà mangiato interamente.

I Botia sono inoltre sterminatori molto efficaci delle lumache. Molti spesso comprano un Botia per eliminare la popolazione di lumache che hanno nelle loro vasche. D'altra parte vedo raramente una lumaca nelle miei vasche, poiché allevo tante specie differenti di Botia.

Le specie migliori che mangiano volentieri e subito le lumache sono: Botia dario, Botia lohachata, Botia macracantha e Botia rostrata. Come avete capito, effettivamente alimentare i Botia non è proprio difficile.

Allevare i Botia nel vostro acquario

Le fasi giovanili dei Botia sono spesso molto attive e piene d'azione, ma quando maturano, i Botia hanno bisogno spesso di posti per nascondersi, o per riposarsi durante il giorno. Senza una quantità sufficiente di posti per nascondersi, il Botia diventerà lentamente meno attivo e non in buona salute. Fornite caverne, rocce e legni per dar modo ai Botia di nascondersi prima ancora di inserire i pesci nella vasca.

Il substrato riveste inoltre un aspetto molto importante per i Botia, poiché è come un pesce gatto [corydoras]. La pancia del Botia è senza squame e per buon motivo. Se questi pesci avessero squame, esse molto probabilmente si scheggerebbero a causa del contatto con la ghiaia. Un substrato soffice è la cosa migliore, come ghiaia fine o sabbia. Vi prego perciò di assicurarvi che non ci siano bordi taglienti sul substrato che state usando, perché può danneggiare i barbigli dei Botia.

Un comportamento per cui il Botia è famoso è quello di riposarsi giacendo sui fianchi. Ingannano spesso i loro proprietari facendo loro credere di essere morti, e non appena si infila il retino per tirarli fuori, tranquillamente nuotano via. Questo è un modo molto comune di riposarsi per il Botia, e lo trovo molto interessante e divertente allo stesso tempo.

La scelta dei compagni di vasca per i Botia

Il procedimento di scelta dei compagni di vasca per i Botia può essere facile o difficile, in base alle specie di Botia che state progettando di allevare.
Per esempio, se desiderate allevare Botia pacifici nel vostro acquario, allora potete aggiungere pesci di comunità alla vasca. Buoni esempi di questi potrebbero essere: Xiphophorus helleri (swordtails), tetra, Ciclidi nani, Nannostomus marginatus (pencilfish), scalari, platy, corydoras, ecc.
Se state progettando di allevare una specie di Botia semi aggressiva o aggressiva, allora suggerirei Gourami, Rainbowfish e Ciclidi sudamericani come compagni adatti.
Naturalmente potete scegliere altri pesci da allevare, ma questo dà un'idea generale di che cosa sarebbe adatto ai Botia.

Le Specie di Botia

Ci sono stati molti Botia identificati erroneamente durante questi ultimi anni, dando loro nomi scientifici errati, ed in questa sezione dell'articolo, spero di chiarirvi questo, come pure vi darò una lista di tutti i Botia di cui ho sentito parlare e allevare. Vi darò in primo luogo il nome corrente dei pesci, e dopo il vecchio nome, che è rimasto come sinonimo.

Qui c'è una lista di tutti i Botia che conosco:

Botia almorhae Botia hymenophysa Botia rostrata
Botia beauforti Botia lecontei Botia sidthimunki
Botia berdmorei Botia longidorsalis Botia superciliaris
Botia birdi Botia longiventralis Botia striata
Botia caudipunctata Botia macracanthus Botia robusta
Botia dario Botia morleti Botia pulchra
Botia eos Botia modesta Botia purpurea
Botia helodes Botia nigrolineata Botia splendida
Botia histrionica Botia reversa Botia curata
    Botia dayi
    Botia Lucas Bahi
    Botia hirdi

Sono elencate qui 30 specie, ma sono sicurissimo che ce ne sono molte di più, che non sono ancora state scoperte. Amo tutta le specie di Botia che attualmente possiedo, e sono sempre sull'attenti per saperne sempre di più. Molti Botia rassomigliano nei comportamenti agli esseri umani, riposandosi sui fianchi, difendendosi, ed essendo il pesce più astuto e simpatico delle vasche.

Riproduzione dei Botia

La riproduzione dei Botia negli acquari domestici è stata ottenuta soltanto casualmente, ma ho delle testimonianze di un certo tipo di corteggiamento fra i miei grandi Botia modesta. Escono alla notte ed iniziano a nuotare in cerchio intorno ad uno e all'altro. Dopo di che, iniziano a nuotare insieme all'indietro. Questo modo di comportarsi dura circa 10-15 minuti e quindi si arresta. Ho avuto testimonianze di questo in parecchie occasioni durante l'anno.

In Thailandia e Florida si stanno incominciando ad allevare i Botia in scala commerciale, attraverso iniezioni di ormoni. In natura, questi pesci si accoppiano durante la stagione secca, e le loro covate di avannotti si schiudono quando sta incominciando la stagione delle piogge. Molti cambi d'acqua, e molta aerazione possono produrre l'effetto desiderato nella riproduzione di questo genere.

Nuove specie di Botia

E' stata recentemente importata una grande quantità di specie differenti di Botia negli ultimi 2 anni. Le nuove specie importate ora sono: Botia dario, Botia rostrata, Botia longiventralis, Botia caudipunctata, Botia nigrolineata, Botia histrionica e Botia superciliaris. Queste sono tutte grandi specie pacifiche di Botia da allevare, ma Botia superciliaris tende diventare abbastanza cattivo e pericoloso quando invecchia.

Conclusione

Ogni mese ed ogni anno i Botia stanno guadagnando sempre più popolarità nell'hobby acquariofilo. In genere si usa qualche specie di Botia più piccola, come ad esempio Botia rostrata, come sostituti dei Corydoras in acquari da 40 litri.

Non potete trovare tutti i tipi di Botia per tutto l'anno, perché questi pesci arrivano in grande quantità soltanto durante la stagione della riproduzione, che è Ottobre - Marzo. A causa di questo, gli hobbisti ottengono grandissima soddisfazione nell'allevare una tale varietà di Botia nelle loro abitazioni.

Potete imparare sempre qualcosa su questi pesci, non importa per quanto a lungo li avete allevati. Anche tutti questi esempi del comportamento e degli esemplari di Botia, sono cose che li rendono e li renderanno più popolari in avvenire.

Elenco delle Specie presenti nel sito e appartenenti alla Famiglia

Ambastaia nigrolineata - Foto © Emma Turner (Loaches Online)
Black-Lined Loach
Aspettativa di vita: 8 - 12 anni
Dimensioni massime: 10 cm

Relativamente rara nel commercio acquariofilo, dopo essere stata separata dal genere Botia e assegnata al nuovo genere Yasuhikotakia, nel 2012 è stata separata anche da questo genere dall'ittiologo Dr. Kottelat che l'ha assegnata a un nuovo genere, Ambastaia, che comprende oltre ad Ambastaia nigrolineata anche Ambastaia sidthimunki

Temperatura in natura: 15 - 25°C
Valori pH in natura: 6.0 - 7.0
Ambastaia sidthimunki - Foto di Emma Turner (Loaches Online)
Dwarf Loach, Sid The Monkey
Aspettativa di vita: 8 - 12 anni
Dimensioni massime: 6 cm

Questa specie era scomparsa per diversi anni dal commercio acquariofilo verso della fine del secolo in quanto in pericolo di estinzione; quando è riapparsa, riprodotta commercialmente tramite stimolazione ormonale, aveva un costo molto elevato. Ora in genere è disponibile, e senza essere particolarmente economica comunque è notevolmente meno costosa.

Temperatura in natura: 24 - 28°C
Valori pH in natura: 6.0 -7.5
Botia-almorhae - Photo by JJPhoto (Fishbase.org)
Reticulate loach
Aspettativa di vita: 10 - 15 anni
Dimensioni massime: 15,5 cm SL

C'è una grandissima confusione nell'identificazione dei "Botia yo-yo", in bilico tra le due specie Botia lohachata e Botia almorhae, confusione non solo in ambito acquariofilo ma anche tra gli studiosi, che di volta in volta separano le due specie o le considerano sinonimi...

Temperatura in natura: 20 - 27°C
Valori pH in natura: 6.5-7.5
Botia dario - Foto © Emma Turner (Loaches.com)
Queen Loach
Aspettativa di vita: 5 - 8 anni
Dimensioni massime: 15 cm TL

I Botia dario non sono molto facili da reperire in commercio qui da noi, a volte si trovano venduti come Botia lohachata, con cui hanno una lieve somiglianza nel disegno della livrea nella fase giovanile. Sono tra i botia più piccoli, e devono essere mantenuti in branchi numerosi.

Temperatura in natura: 23 - 28°C
Valori pH in natura: 6.8-7.5
Giovane Botia histrionica - Foto © Mark Duffill (Seriouslyfish.com)
Gold Zebra Loach
Aspettativa di vita: 6 - 8 anni
Dimensioni massime: 12 cm SL

I Botia histronica sono dei membri relativamente pacifici del genere Botia, e arrivano ad una lunghezza di 13 cm. Gregari e curiosi, possono essere adatti alle vasche di comunità, ma dovrebbero essere allevati in non meno di 5 esemplari.

Temperatura in natura: 25 - 28°C
Valori pH in natura: 6.5 - 7.2
Botia kubotai - Foto © Nonn Panitvong (Siamensis.org)
Polkadot botias
Aspettativa di vita: 12 15 anni
Dimensioni massime: 15 cm SL

Quando nel 2004 Kottelat ha descritto scientificamente questa nuova specie di Botia, era da tempo che gi appassionati avevano capito che questi botia dall'ineguagliabile livrea costituivano una specie non ancora descritta scientificamente, ribattezzata con il nome provvisorio di "Botia sp. Myanmar" prima e "Botia angelicus" poi.

Temperatura in natura: 24 - 28°C
Valori pH in natura: 6.8-7.5
Esemplare giovanile di Botia lohachata, si noti la livrea a 'YoYo' - 02 marzo 2004
Yo-Yo Loach; Pakistani Loach
Aspettativa di vita: 10 - 15 anni
Dimensioni massime: 11 cm SL

Botia lohachata ha il soprannome inglese di "yoyo loach", dovuto al disegno della livrea giovanile, che sembra disegnare lettere Y e O alternate. C'è una grandissima confusione nell'identificazione di Botia lohachata e Botia almorhae, a causa della livrea simile...

Temperatura in natura: 24 - 30°C
Valori pH in natura: 6.0 - 8.0
Botia rostrata - Foto di Emma Turner (Loaches Online)
Gangetic loach
Aspettativa di vita: 10 - 15 anni
Dimensioni massime: 25 cm TL secondo Fishbase, 11-12 cm secondo Seriouslyfish... ma c'è discordanza anche tra i vari studiosi sulle eventuali sottospecie raggrupate in questa specie, sono necessari ulteriori studi.

Botia rostrata è un cobitide pacifico e tollerante, che si trova raramente in commercio; considerata prima specie a sé stante, dal 2004 il tassonomista Dott. Kottelat l'ha considerata come una sottospecie di Botia almorhae.

Temperatura in natura: 20 - 27°C
Valori pH in natura: 6.5-7.5
Esemplare giovanile di Botia striata - Foto di Emma Turner (Loaches Online)
Zebra Loach
Aspettativa di vita: 10 - 15 anni
Dimensioni massime: 10 cm

Botia striata è un botia abbastanza piccolo, tranquillo ed attivo, che deve essere allevato in gruppi, non meno di 5 esemplari, perché possano interagire tra di loro e costruirsi una naturale struttura sociale.

Temperatura in natura: 23 - 26°C
Valori pH in natura: 6.0 - 8.0
Esemplare adulto di Botia udomritthiruji - Foto di Kampol Udomritthiruj (Loaches Online)
Emperor botia, Botia imperatore
Aspettativa di vita: 10 - 15 anni
Dimensioni massime: 15 cm

Questa nuova specie, il cui primo esemplare è stato catturato per la prima volta già nel 1993, è stata descritta scientificamente solo nell'ottobre del 2007 dal Dott. Heok Hee Ng, che l'ha chiamata così in onore di Kamphol Udomritthiruj, ben conosciuto sul forum di Loaches Online, il quale ha raccolto in natura gli esemplari affinchè Ng potesse fare la sua descrizione.

Temperatura in natura: 22 - 28°C
Valori pH in natura: 6.0-6.5
Chromobotia macracanthus, Clown loach: i botia pagliaccio da giovani e da adulti
Clown Loach, Botia Pagliaccio
Aspettativa di vita: 30 - 40 anni
Dimensioni massime: 40 cm TL

Questa specie è senza dubbio una delle più mal conosciute in acquariofilia, dal momento che è del tutto inadatta per gli acquari piccoli, nonostante sia praticamente onnipresente nei negozi. La maggior parte dei rivenditori vendono i Chromobotia senza fornire quelle che dovrebbe essere considerate informazioni essenziali riguardanti la loro cura a lungo termine, con la conseguenza che la maggior parte degli esemplari in cattività muore molto prima di quanto consentirebbe la loro aspettativa di vita.

Temperatura in natura: 24 - 30°C
Sinibotia pulchra adulto, probabilmente una femmina - Foto © Zhou Hang (Seriouslyfish.com)

Aspettativa di vita: 8 - 10 anni
Dimensioni massime: 8.8 cm SL

Insieme a Sinibotia robusta è il membro del genere Sinibotia che si trova più comunemente in commercio, e le due specie sono spesso importate in lotti misti, presumibilmente perché condividono gli stessi habitat e sono quindi catturati insieme in natura. Come la maggior parte dei congeneri ha un corpo sinuoso molto flessibile che lo rende molto interessante da osservare.

Sinibotia robusta - Foto © Emiliano Spada
Botia robusta
Aspettativa di vita: 8 - 10 anni
Dimensioni massime: 10 cm TL

Il Botia robusta, che dal gennaio del 2004 ha assunto il nuovo nome di Sinibotia robusta, è una specie rara da trovare in commercio. Proveniente dalla Thailandia, dall'India e da una parte della Cina, ha una livrea molto simile a quella del Botia histrionica, con il quale viene spesso confuso.

Temperatura in natura: 20 - 24°C
Valori pH in natura: 7.0- 7.8
Esemplare adulto di Syncrossus beauforti con il tipico disegno della livrea © Nonn Panitvong/Siamensis.org
Tiger Botia
Aspettativa di vita: 8 - 10 anni
Dimensioni massime: 18 cm - sembra che le dimensioni di 25 cm talvolta registrate siano errate e da riferire a Syncrossus berdmorei.

Il Syncrossus beauforti è il più piccolo dei "Botia tigre", raggiungendo i 18-20 cm di lunghezza, ma non per questo è meno aggressivo e mordace degli altri Syncrossus: è famoso per essere un pesce violento, aggressivo, che morde le pinne degli altri pesci, e molto territoriale.

Temperatura in natura: 24 - 28°C
Valori pH in natura: 6.0 - 6.5
Syncrossus berdmorei dalla livrea fortemente maculata © Nonn Panitvong/Siamensis.org
Tiger Botia
Aspettativa di vita: 8 - 12 anni
Dimensioni massime: 25 cm SL

Il Syncrossus (ex Botia) berdmorei è una specie molto rara in commercio, anche perché è stata importata solo recentemente. E' l'appartenente al gruppo dei 'botia tigre' dalla colorazione più spettacolare, lungo fino a 25 cm e può essere molto aggressivo verso gli atri pesci.

Temperatura in natura: 25 - 30°C
Valori pH in natura: 6.5 - 7.5
Syncrossus helodes (ex Botia helodes), Banded tiger loach - Foto © Robert Beke (Beke.co.nz)
Tiger Botia
Aspettativa di vita: 8 - 12 anni
Dimensioni massime: 30 cm SL

Syncrossus helodes è un'altra specie della famiglia Botiidae che viene raggruppato tra i "Botia Tigre" per il comportamento sempre aggressivo e "mordace", anche se non così marcato come in altri botia, come ad esempio Syncrossus beauforti.

Temperatura in natura: 24 - 30°C
Valori pH in natura: 6.0 - 6.5
Syncrossus hymenophysa - Foto di Emma Turner (Loaches Online)
Tiger Botia
Aspettativa di vita: 8 - 12 anni
Dimensioni massime: 21 cm

Altro grande appartenente al gruppo dei "Botia tigre", Syncrossus hymenophysa manifesta come i cugini un'indole molto aggressiva e combattiva, che unita alle dimensioni ragguardevoli (25 cm) non lo rendono adatto alle comuni vasche di comunità.

Temperatura in natura: 25 - 30°C
Valori pH in natura: 6.0 - 7.0
Yasuhikotakia caudipunctata (Botia caudipunctata) - Foto di Bogdan J. Janiczak
Speckletail loach, Botia coda puntinata
Aspettativa di vita: 15 - 25 anni
Dimensioni massime: 10 cm SL

Yasuhikotakia caudipunctata (era Yasuhikotakia caudipunctata) è uno tra i botia abbastanza difficili da trovare, in genere arriva nei negozi mescolato a grandi gruppi di Yasuhikotakia morleti. Nonostante le dimensioni contenute ha un'indole spiccatamente aggressiva e territoriale...

Temperatura in natura: 26 - 30°C
Valori pH in natura: 6.5-7.5
Yasuhikotakia eos (ex Botia eos) che ha appena finito il pasto (come si può vedere dalla pancia bella piena) - Foto di Bogdan J. Janiczak
Sun Loach, Botia sole
Aspettativa di vita: 15 - 25 anni
Dimensioni massime: 11 cm TL

Yasuhikotakia eos (ex Botia eos) è un botia aggressivo, che andrebbe tenuto in gruppo numeroso perché si formi una naturale gerarchia, in un grande acquario monospecifico o in compagnia di botia dal carattere parimenti aggressivo...

Temperatura in natura: 24 - 28°C
Valori pH in natura: 6.0 - 7.5
Yasuhikotakia lecontei (Botia lecontei) con livrea giovanile (le barre verticali scompariranno con la crescita) - Foto di Bogdan J. Janiczak
Silver loach
Aspettativa di vita: 15 - 25 anni
Dimensioni massime: 15 cm

Yasuhikotakia lecontei è un botia che raggiunge ragguardevoli dimensioni (25 cm di lunghezza) per cui, insieme al fatto che deve essere allevato in gruppi di non meno di 5 esemplari, necessita di acquari molto grandi, anche se non è aggressivo come altri congeneri.

Temperatura in natura: 26 - 30°C
Valori pH in natura: 6.0 - 6.5

Aggiungi un commento

Avviso per chi vuole lasciare un commento: Questo è un sito amatoriale, che vuole diffondere una maggiore conoscenza e consapevolezza sulle specie allevate in acquario, ed è gestito da una sola persona. Se avete qualche commento da fare riguardo al sito o a questa pagina siete i benvenuti, ma per richieste d'aiuto e/o consigli per il vostro acquario è meglio rivolgervi dove ci sono più persone in grado di rispondervi, come i forum dedicati, posso consigliarvi i miei preferiti, acquariofiliafacile.it e acquarioacquadolce.it, per serietà ed attendibilità, ma ce ne sono molti altri :)

By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.