• No ai pesci giganti in acquario
  • No ai pesci rossi nella boccia
  • I pesci pulitori non esistono!
  • No ai pesci colorati artificialmente
  • No ai pesci combattenti nei vasi
  • No alle tartarughe nelle mini vaschette
Tempo di lettura
12 minuti
Letto finora

L'Almanacco dei Cobitidi: L'Ambiente Dell'Acquario

Lun, 08/Set/2003 - 00:00
Posted in:
0 comments

Descrizione dettagliata dell'ambiente da ricreare in una vasca dedicata ai Cobitidi, il piu' possibile simile al loro habitat naturale.

Traduzione dell'articolo:
"Tank Environment" con i contributi dei frequentanti il Forum di Loaches Online
dal "The Loach Almanac", progetto coordinato da Steve Burton sul sito di Loaches Online, che potete leggere al link seguente nella versione originale in inglese.

 

Ok, qui non ci troveranno mai!!! - Cobitidi... Foto di Doc (Loaches On Line)

Chimica Dell'Acqua

La chimica dell'acqua per la maggior parte dei cobitidi è giustamente ampia, e non sono troppo esigenti su come sono allevati, se si provvede ad acclimatarli lentamente per un periodo di tempo. Gli estremi di pH, durezza totale, durezza carbonatica, ecc, dovrebbero essere evitati.
L'ammoniaca, i nitriti ed i nitrati in concentrazioni variabili sono tutti tossici per i pesci. L'ammoniaca ed i nitriti in particolare dovrebbero essere evitati a tutti i costi - qualsiasi quantità misurabile di questi e le cause che ne stanno alla base dovrebbero essere studiate immediatamente - dovrebbe anche essere effettuato un cambio immediato del 40-50% dell'acqua (dove è praticabile).

I livelli di nitriti e dell'ammoniaca ci si aspetta che aumentino e diminuiscano durante il ciclo (maturazione) di un acquario di appena allestito - un cambio d'acqua a questo punto prolungherà soltanto il periodo della maturazione, poichè i batteri che si utilizzano per distruggere questi prodotti tossici ci metteranno più tempo per costituirsi e stabilizzarsi.
I livelli dei nitrati non sono così cruciali, ma dovrebbero mantenersi generalmente sotto ai 50 ppm.

Elevati livelli di COD possono anche causare a lungo termine problemi di salute, e quindi devono essere mantenuti entro livelli ragionevoli. Per quanto ne so, non sono disponibili kit per misurare i livelli del COD in questo momento, ma si può presupporre che i livelli del COD siano ridotti così come i livelli dei nitrati come risultato di un cambio dell'acqua.

Cambi D'Acqua

Dovrebbe essere effettuati regolarmente. La gente tende ad avere loro propri criteri per decidere quando un cambio dell'acqua diventa necessario. I libri inoltre hanno loro propri pareri circa i cambi d'acqua e la loro programmazione.

Personalmente cerco di sostituire circa il 25% d'acqua almeno ogni 15 giorni. L'importo cambiato dipenderà molto dalla quantità di abitanti della vasca, da quanto sporcano i pesci, dalla qualità di partenza dell'acqua del cambio, ecc. Non intendo realmente entrare nel merito su ogni quanto tempo, su che trattamenti delle acque dovrebbero essere usati, ecc, perché ripeterei soltanto quello che la maggior parte dei libri, degli articoli e degli esperti del settore hanno già dichiarato.
Quello che funziona per me è un cambio del 25% ogni quindicina di giorni, con acqua che è stata aerata pesantemente per almeno 2 giorni ed è stata portata fino alla temperatura della vasca prima del cambio.
Quello che io non ritengo realmente necessario è l'acqua da osmosi inversa, aggiungere oligoelementi, il filtraggio con torba, i prodotti che tolgono il cloro dall'acqua, i prodotti che contengono l'aloe vera, ecc.

Similmente, io non conto sui test in kit per farmi dire quando qualcosa non va nell'acqua - me lo diranno i pesci, comportandosi insolitamente, il loro ritmo respiratorio, ecc., così come l'odore, il colore e "il tatto" dell'acqua. Quello che dirò circa la preparazione dell'acqua per i cambi, è di scoprire la vera natura e le condizioni dell'acqua che userete prima di cominciare qualsiasi sistema di preparazione. L'acqua varia immensamente, se è acqua di rubinetto, di città, di pozzo, ecc.

Substrato

Immagine che riproduce un biotopo comune a molti cobitidi

I cobitidi, essendo per la maggior parte utilizzatori ed abitatori del fondo, apprezzeranno un soffice, sabbioso substrato (o piccolo ghiaietto) che essi possano scavare con i cuori soddisfatti. La sabbia argentata (la sabbia con cui giocano i bambini), la sabbia acquatica d'acqua dolce, il ghiaietto (fino a 3mm) sarebbero l'ideale - evitate la sabbia della spiaggia, la sabbia corallina, qualsiasi materiale con i bordi taglienti, o che possa influire sulla chimica dell'acqua. Se realmente avvertite l'esigenza di usare la ghiaia multicolore, fatelo, ma considerate che se qualcuno dovesse entrare nella vostra casa e verniciare le pareti viola a strisce arancioni fluorescenti e con pois giallo limone, voi probabilmente non ne sareste troppo felici. Non sto dicendo "non lo fate", ma io preferisco vedere i pesci in un ambiente naturale. Se la natura avesse voluto i letti dei fiumi blu neon e rosa confetto, allora sarebbero già quel colore!
I pesci saranno felici di scavare e sradicare qua e là per il substrato per qualsiasi pezzetto saporito di cibo che ci possa cadere. Qualche specie di cobitide, specialmente Acantopsis choirothynchus (horseface loaches) e Misgurnus anguillicaudatus (dojo/weather loaches), si coprono attivamente di sabbia fino a che spuntano fuori dal suolo soltanto i loro occhi.

Piante

Botia modesta che fa capolino da una caverna

Foto di Nancy and Paul Boden

Finte o di plastica, ai cobitidi veramente poco importa, ma ricordatevi che apprezzano un certo quantitativo di verdure nella loro dieta. Possono anche sradicare le piante e spostarle in giro fino a che non siano felici per il modo in cui la vasca è piantumata - che può essere un look radicalmente differente da quello che voi volevate dare alla vasca. Inoltre sono famosi per perforare le foglie delle piante (specialmente le specie di echinodorus), talvolta per mangiarle, talvolta per divertimento.

Le apparecchiature speciali per la crescita delle piante, quali l'addizione di CO2, il fertilizzante, gli additivi per il substrato, ecc, sono tutte cose non realmente indispensabili per avere un meraviglioso acquario verde, pieno di piante prosperose e di cobitidi felici. Ho personalmente ed il muschio di Java. L'hygrophila perché si sviluppa come le erbacce infestanti senza nessun mio intervento a suo favore, e il muschio di Java perché è fissato ad un grande legno, in modo tale che la manutenzione della vasca è resa più facile in quanto devo soltanto prendere il legno e spostarlo in giro nella vasca senza danneggiare le piante.

Hygrophila polysperma - Foto di Bjarne Sætrang (aquadigital.net)

Hygrophila polysperma - Foto di Bjarne Sætrang (aquadigital.net)

Vesicularia dubyana - Foto biggia

Vesicularia dubyana

 

Legno e costruzioni di roccia

immagine che vuol significare la passione che hanno molti cobitidi nello stare assieme, a stretto contatto nei loro stretti nascondigli

I cobitidi richiederanno quasi sempre posti per andare e nascondersi se spaventati - quindi fornite molti cantucci ed angolini, mucchi contorti di legni di torbiera, caverne, ecc. Può suonare insolito, ma più alto è il numero di nascondigli e rifugi che i vostri cobitidi hanno, più probabilità avete di vederli. Come sempre, assicuratevi che gli articoli che avete scelto per il vostro acquario siano adatti all'uso e che non influiscano sulla chimica dell'acqua. Dovrebbero essere prese precauzioni per accertarsi che nessuna costruzione di legno o di roccia possa crollare, schiacciando ogni cosa sottostante, o peggio, spezzando i vetri e provocando la rottura della vasca. Le grandi strutture di roccia dovrebbero essere evitate, o essere incollate sul posto con il silicone per impedire i crolli.
Ogni foro è irresistibile per ogni cobitide e spesso potranno incastrarcisi dentro, a volte anche in grande numero. Alcuni Botia sono famosi per fare a turno nel far capolino fuori dai loro nascondigli e guardare nuotar loro vicino il resto del mondo.. Un pesce che voi potrete ritenere incastrato in un foro probabilmente non lo è - verrà fuori a suo tempo e soltanto quando ne avrà voglia.

Legno di torbiera, legno mopani ed alcuni legni di fiume sono tutti adatti ad uso acquariofilo. Assicuratevi che non rilascino nessuna resine o altra sostanza nell'acqua. Alcuni legni possono galleggiare inizialmente, ma presto saranno impregnati d'acqua. Possono essere appesantiti legandoli ad una pietra pesante, fino a che il legno non sia saturo d'acqua, o essere incollati sul posto con il silicone. Alcuni legni possono anche rilasciare i tannini in loro presenti una volta impregnati d'acqua, e questo influirà sulla chimica dell'acqua, addolcendola, abbassando il pH, ecc. Inoltre daranno all'acqua un colore marroncino "tè", questo a me piace nei miei acquari, ma se causa preoccupazione, allora il colore può essere rimosso con frequenti cambi d'acqua o filtrando con carbone attivo.

Le rocce e le pietre dovrebbero essere scelte con attenzione, per evitare di influire sulla chimica dell'acqua o rilasciare metalli nell'acqua (evitate tutte quelle che mostrino tracce di minerali metalliferi). Le rocce ideali comprendono l'ardesia, il granito ed il quarzo. Le rocce inadatte potrebbero essere quelle calcaree, il marmo, e le rocce sedimentarie. Le rocce laviche, anche se estremamente leggere e molto facilmente modellabili, sono estremamente taglienti e possono provocare ferite ai vostri pesci. Sul mercato ci sono ora un vario numero di caverne di pietra finte adatte, e queste sono presumibilmente inerti e così adatte all'uso acquatico.

vaso di terracotta, ricoperto con ghiaino, utilizzato come caverna

Foto di James Forgan

I tubi in PVC inoltre costituiscono buone caverne - si prestano molto bene a fare una rete di caverne usando varie giunture, ecc. Non usate la colla apposita per cementare insieme i tubi. Se ritenete indispensabile unire insieme i tubi in modo permanente, usate un silicone sigillante per uso acquatico a questo fine. Normalmente, la giuntura dei connettori dovrebbe essere già abbastanza forte da sè. I tubi possono inoltre essere lasciati scoperti, o ricoperti con muschio di Java, o possono essere spalmati con silicone sigillante e quindi spruzzati con sabbia o piccola ghiaia quando il silicone è ancora fresco, allo stesso modo in cui sono stesi i brillantini sui cartoncini regalo. Anche i normali vasi di ceramica da giardino possono essere utilizzati in questo modo. Sarebbe meglio utilizzare i vasi nuovi di zecca, invece di quelli vecchi ed usati, in quanto i vasi vecchi possono essere stati trattati con prodotti chimici da giardinaggio che possono rivelarsi tossici per la vita acquatica.

Portata Dell'Acqua

La portata dell'acqua dovrebbe essere un po' superiore al normale, in virtù del fatto che la maggior parte dei cobitidi provengono da acqua corrente più veloce che altri pesci. Se diamo uno sguardo alla figura ed al disegno dei pesci, questo dovrebbe diventare evidente. Il mio Botia Dario ha tutto l'aspetto forgiato come un siluro molto aerodinamico, ciò indica che le acque da cui proviene scorrevano molto velocemente. Dovrebbe essere usato il buonsenso in quanto nessun pesce è in grado di apprezzare turbini d'acqua ridicolmente alti. I cobitidi possono essere trovati spesso a giocare nell'uscita del filtro, facendo giravolte per danzare controcorrente nel veloce movimento dell'acqua. Alcuni pesci che fanno questi movimenti avvicinandosi troppo si sono poi ritrovati all'nterno della parte principale del filtro, con conseguenze a volte disastrose. Talvolta qualche pesce risultava mancante, disperso, ed il proprietario, pieno di preoccupazione, riduceva la vasca in pezzi, solo per scoprire che i suoi pesci mancanti giocavano felicemente nella parte inferiore del filtro.

© Loaches Online
Illustrazioni artistiche di Martin Thoene

Elenco delle Specie presenti nel sito e appartenenti alla Famiglia

Ambastaia nigrolineata - Foto © Emma Turner (Loaches Online)
Black-Lined Loach
Aspettativa di vita: 8 - 12 anni
Dimensioni massime: 10 cm

Relativamente rara nel commercio acquariofilo, dopo essere stata separata dal genere Botia e assegnata al nuovo genere Yasuhikotakia, nel 2012 è stata separata anche da questo genere dall'ittiologo Dr. Kottelat che l'ha assegnata a un nuovo genere, Ambastaia, che comprende oltre ad Ambastaia nigrolineata anche Ambastaia sidthimunki

Temperatura in natura: 15 - 25°C
Valori pH in natura: 6.0 - 7.0
Ambastaia sidthimunki - Foto di Emma Turner (Loaches Online)
Dwarf Loach, Sid The Monkey
Aspettativa di vita: 8 - 12 anni
Dimensioni massime: 6 cm

Questa specie era scomparsa per diversi anni dal commercio acquariofilo verso della fine del secolo in quanto in pericolo di estinzione; quando è riapparsa, riprodotta commercialmente tramite stimolazione ormonale, aveva un costo molto elevato. Ora in genere è disponibile, e senza essere particolarmente economica comunque è notevolmente meno costosa.

Temperatura in natura: 24 - 28°C
Valori pH in natura: 6.0 -7.5
Botia-almorhae - Photo by JJPhoto (Fishbase.org)
Reticulate loach
Aspettativa di vita: 10 - 15 anni
Dimensioni massime: 15,5 cm SL

C'è una grandissima confusione nell'identificazione dei "Botia yo-yo", in bilico tra le due specie Botia lohachata e Botia almorhae, confusione non solo in ambito acquariofilo ma anche tra gli studiosi, che di volta in volta separano le due specie o le considerano sinonimi...

Temperatura in natura: 20 - 27°C
Valori pH in natura: 6.5-7.5
Botia dario - Foto © Emma Turner (Loaches.com)
Queen Loach
Aspettativa di vita: 5 - 8 anni
Dimensioni massime: 15 cm TL

I Botia dario non sono molto facili da reperire in commercio qui da noi, a volte si trovano venduti come Botia lohachata, con cui hanno una lieve somiglianza nel disegno della livrea nella fase giovanile. Sono tra i botia più piccoli, e devono essere mantenuti in branchi numerosi.

Temperatura in natura: 23 - 28°C
Valori pH in natura: 6.8-7.5
Giovane Botia histrionica - Foto © Mark Duffill (Seriouslyfish.com)
Gold Zebra Loach
Aspettativa di vita: 6 - 8 anni
Dimensioni massime: 12 cm SL

I Botia histronica sono dei membri relativamente pacifici del genere Botia, e arrivano ad una lunghezza di 13 cm. Gregari e curiosi, possono essere adatti alle vasche di comunità, ma dovrebbero essere allevati in non meno di 5 esemplari.

Temperatura in natura: 25 - 28°C
Valori pH in natura: 6.5 - 7.2
Botia kubotai - Foto © Nonn Panitvong (Siamensis.org)
Polkadot botias
Aspettativa di vita: 12 15 anni
Dimensioni massime: 15 cm SL

Quando nel 2004 Kottelat ha descritto scientificamente questa nuova specie di Botia, era da tempo che gi appassionati avevano capito che questi botia dall'ineguagliabile livrea costituivano una specie non ancora descritta scientificamente, ribattezzata con il nome provvisorio di "Botia sp. Myanmar" prima e "Botia angelicus" poi.

Temperatura in natura: 24 - 28°C
Valori pH in natura: 6.8-7.5
Esemplare giovanile di Botia lohachata, si noti la livrea a 'YoYo' - 02 marzo 2004
Yo-Yo Loach; Pakistani Loach
Aspettativa di vita: 10 - 15 anni
Dimensioni massime: 11 cm SL

Botia lohachata ha il soprannome inglese di "yoyo loach", dovuto al disegno della livrea giovanile, che sembra disegnare lettere Y e O alternate. C'è una grandissima confusione nell'identificazione di Botia lohachata e Botia almorhae, a causa della livrea simile...

Temperatura in natura: 24 - 30°C
Valori pH in natura: 6.0 - 8.0
Botia rostrata - Foto di Emma Turner (Loaches Online)
Gangetic loach
Aspettativa di vita: 10 - 15 anni
Dimensioni massime: 25 cm TL secondo Fishbase, 11-12 cm secondo Seriouslyfish... ma c'è discordanza anche tra i vari studiosi sulle eventuali sottospecie raggrupate in questa specie, sono necessari ulteriori studi.

Botia rostrata è un cobitide pacifico e tollerante, che si trova raramente in commercio; considerata prima specie a sé stante, dal 2004 il tassonomista Dott. Kottelat l'ha considerata come una sottospecie di Botia almorhae.

Temperatura in natura: 20 - 27°C
Valori pH in natura: 6.5-7.5
Esemplare giovanile di Botia striata - Foto di Emma Turner (Loaches Online)
Zebra Loach
Aspettativa di vita: 10 - 15 anni
Dimensioni massime: 10 cm

Botia striata è un botia abbastanza piccolo, tranquillo ed attivo, che deve essere allevato in gruppi, non meno di 5 esemplari, perché possano interagire tra di loro e costruirsi una naturale struttura sociale.

Temperatura in natura: 23 - 26°C
Valori pH in natura: 6.0 - 8.0
Esemplare adulto di Botia udomritthiruji - Foto di Kampol Udomritthiruj (Loaches Online)
Emperor botia, Botia imperatore
Aspettativa di vita: 10 - 15 anni
Dimensioni massime: 15 cm

Questa nuova specie, il cui primo esemplare è stato catturato per la prima volta già nel 1993, è stata descritta scientificamente solo nell'ottobre del 2007 dal Dott. Heok Hee Ng, che l'ha chiamata così in onore di Kamphol Udomritthiruj, ben conosciuto sul forum di Loaches Online, il quale ha raccolto in natura gli esemplari affinchè Ng potesse fare la sua descrizione.

Temperatura in natura: 22 - 28°C
Valori pH in natura: 6.0-6.5
Chromobotia macracanthus, Clown loach: i botia pagliaccio da giovani e da adulti
Clown Loach, Botia Pagliaccio
Aspettativa di vita: 30 - 40 anni
Dimensioni massime: 40 cm TL

Questa specie è senza dubbio una delle più mal conosciute in acquariofilia, dal momento che è del tutto inadatta per gli acquari piccoli, nonostante sia praticamente onnipresente nei negozi. La maggior parte dei rivenditori vendono i Chromobotia senza fornire quelle che dovrebbe essere considerate informazioni essenziali riguardanti la loro cura a lungo termine, con la conseguenza che la maggior parte degli esemplari in cattività muore molto prima di quanto consentirebbe la loro aspettativa di vita.

Temperatura in natura: 24 - 30°C
Sinibotia pulchra adulto, probabilmente una femmina - Foto © Zhou Hang (Seriouslyfish.com)

Aspettativa di vita: 8 - 10 anni
Dimensioni massime: 8.8 cm SL

Insieme a Sinibotia robusta è il membro del genere Sinibotia che si trova più comunemente in commercio, e le due specie sono spesso importate in lotti misti, presumibilmente perché condividono gli stessi habitat e sono quindi catturati insieme in natura. Come la maggior parte dei congeneri ha un corpo sinuoso molto flessibile che lo rende molto interessante da osservare.

Sinibotia robusta - Foto © Emiliano Spada
Botia robusta
Aspettativa di vita: 8 - 10 anni
Dimensioni massime: 10 cm TL

Il Botia robusta, che dal gennaio del 2004 ha assunto il nuovo nome di Sinibotia robusta, è una specie rara da trovare in commercio. Proveniente dalla Thailandia, dall'India e da una parte della Cina, ha una livrea molto simile a quella del Botia histrionica, con il quale viene spesso confuso.

Temperatura in natura: 20 - 24°C
Valori pH in natura: 7.0- 7.8
Esemplare adulto di Syncrossus beauforti con il tipico disegno della livrea © Nonn Panitvong/Siamensis.org
Tiger Botia
Aspettativa di vita: 8 - 10 anni
Dimensioni massime: 18 cm - sembra che le dimensioni di 25 cm talvolta registrate siano errate e da riferire a Syncrossus berdmorei.

Il Syncrossus beauforti è il più piccolo dei "Botia tigre", raggiungendo i 18-20 cm di lunghezza, ma non per questo è meno aggressivo e mordace degli altri Syncrossus: è famoso per essere un pesce violento, aggressivo, che morde le pinne degli altri pesci, e molto territoriale.

Temperatura in natura: 24 - 28°C
Valori pH in natura: 6.0 - 6.5
Syncrossus berdmorei dalla livrea fortemente maculata © Nonn Panitvong/Siamensis.org
Tiger Botia
Aspettativa di vita: 8 - 12 anni
Dimensioni massime: 25 cm SL

Il Syncrossus (ex Botia) berdmorei è una specie molto rara in commercio, anche perché è stata importata solo recentemente. E' l'appartenente al gruppo dei 'botia tigre' dalla colorazione più spettacolare, lungo fino a 25 cm e può essere molto aggressivo verso gli atri pesci.

Temperatura in natura: 25 - 30°C
Valori pH in natura: 6.5 - 7.5
Syncrossus helodes (ex Botia helodes), Banded tiger loach - Foto © Robert Beke (Beke.co.nz)
Tiger Botia
Aspettativa di vita: 8 - 12 anni
Dimensioni massime: 30 cm SL

Syncrossus helodes è un'altra specie della famiglia Botiidae che viene raggruppato tra i "Botia Tigre" per il comportamento sempre aggressivo e "mordace", anche se non così marcato come in altri botia, come ad esempio Syncrossus beauforti.

Temperatura in natura: 24 - 30°C
Valori pH in natura: 6.0 - 6.5
Syncrossus hymenophysa - Foto di Emma Turner (Loaches Online)
Tiger Botia
Aspettativa di vita: 8 - 12 anni
Dimensioni massime: 21 cm

Altro grande appartenente al gruppo dei "Botia tigre", Syncrossus hymenophysa manifesta come i cugini un'indole molto aggressiva e combattiva, che unita alle dimensioni ragguardevoli (25 cm) non lo rendono adatto alle comuni vasche di comunità.

Temperatura in natura: 25 - 30°C
Valori pH in natura: 6.0 - 7.0
Yasuhikotakia caudipunctata (Botia caudipunctata) - Foto di Bogdan J. Janiczak
Speckletail loach, Botia coda puntinata
Aspettativa di vita: 15 - 25 anni
Dimensioni massime: 10 cm SL

Yasuhikotakia caudipunctata (era Yasuhikotakia caudipunctata) è uno tra i botia abbastanza difficili da trovare, in genere arriva nei negozi mescolato a grandi gruppi di Yasuhikotakia morleti. Nonostante le dimensioni contenute ha un'indole spiccatamente aggressiva e territoriale...

Temperatura in natura: 26 - 30°C
Valori pH in natura: 6.5-7.5
Yasuhikotakia eos (ex Botia eos) che ha appena finito il pasto (come si può vedere dalla pancia bella piena) - Foto di Bogdan J. Janiczak
Sun Loach, Botia sole
Aspettativa di vita: 15 - 25 anni
Dimensioni massime: 11 cm TL

Yasuhikotakia eos (ex Botia eos) è un botia aggressivo, che andrebbe tenuto in gruppo numeroso perché si formi una naturale gerarchia, in un grande acquario monospecifico o in compagnia di botia dal carattere parimenti aggressivo...

Temperatura in natura: 24 - 28°C
Valori pH in natura: 6.0 - 7.5
Yasuhikotakia lecontei (Botia lecontei) con livrea giovanile (le barre verticali scompariranno con la crescita) - Foto di Bogdan J. Janiczak
Silver loach
Aspettativa di vita: 15 - 25 anni
Dimensioni massime: 15 cm

Yasuhikotakia lecontei è un botia che raggiunge ragguardevoli dimensioni (25 cm di lunghezza) per cui, insieme al fatto che deve essere allevato in gruppi di non meno di 5 esemplari, necessita di acquari molto grandi, anche se non è aggressivo come altri congeneri.

Temperatura in natura: 26 - 30°C
Valori pH in natura: 6.0 - 6.5
Riferimenti
Riferimenti & Link
FAQ - Domande e Risposte

Tutto Quello Che Avreste Sempre Voluto Sapere Ma Non Avete Mai Osato Chiedere...
i messaggi più interessanti tratti da it.hobby.acquari

Aggiungi un commento

Avviso per chi vuole lasciare un commento: Questo è un sito amatoriale, che vuole diffondere una maggiore conoscenza e consapevolezza sulle specie allevate in acquario, ed è gestito da una sola persona. Se avete qualche commento da fare riguardo al sito o a questa pagina siete i benvenuti, ma per richieste d'aiuto e/o consigli per il vostro acquario è meglio rivolgervi dove ci sono più persone in grado di rispondervi, come i forum dedicati, posso consigliarvi i miei preferiti, acquariofiliafacile.it e acquarioacquadolce.it, per serietà ed attendibilità, ma ce ne sono molti altri :)

By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.