• No ai pesci giganti in acquario
  • No ai pesci rossi nella boccia
  • I pesci pulitori non esistono!
  • No ai pesci colorati artificialmente
  • No ai pesci combattenti nei vasi
  • No alle tartarughe nelle mini vaschette
Tempo di lettura
5 minuti
Letto finora

I Dario dario

Mar, 27/Feb/2007 - 00:00
Posted in:
0 comments

Racconto di un'esperienza di allevamento dei Dario dario, ex Badis badis bengalensis, con descrizione e foto di come è stata allestita una vasca dedicata a loro, scritto da Matteo Montalto, socio GAEM presente anche su it.hobby.acquari

L'acquario dei Dario dario - Foto di Matteo Montalto

Questo Mirabello da 30 litri é stata la mia prima vaschetta in assoluto, e a causa del silicone dopo anni divenuto cedevole, per un buon periodo é rimasta inutilizzata. Di recente l'ho riportata sulla scrivania, e la foto che vedete a sinistra é stata scattata il giorno successivo all'allestimento.

I più attenti avranno notato uno schiuditoio per naupli d'artemia in basso a destra... ;-) In effetti, questa vaschetta ospita proprio dei piccoli ospiti; e non perché si tratti di avannotti... Son proprio dei pesci piccolini! :-)

Vi presento quindi gli ospiti di questa vaschetta:

Ho trovato questi DARIO DARIO (ex Badis badis bengalensis) in un negozio di fiducia dove spesso passo per "curiosare" sulle ultime novità. E devo dire che ne sono subito rimasto affascinato. E' un pesce particolare, parente del ben più famoso (ma non per questo facilmente reperibile, almeno a Milano) BADIS BADIS.

Originario del continente asiatico, e in particolare dell'India e del Bangladesh, questo piccolo pesce (la taglia adulta non supera i 3 cm!) presenta tanti aspetti interessanti. Innanzitutto ha una colorazione che varia dal rosato al rosso fuoco, a seconda dell'umore e del "grado gerarchico" che il singolo pesce ha all'interno del gruppo. Sebbene infatti il pesce sia piuttosto piccolo, manifesta sin da giovanissimo una marcata indole territoriale, che lo spinge spesso e volentieri a confrontarsi coi suoi simili; questo ha portato a consigliare, per il suo allevamento, vasche da 60 cm circa. Oggi la vaschetta dove vengono ospitati due giovani maschi si é riempita di vegetazione(prevalentemente riccia e muschio di giava), e posso assicurare che in presenza di rifugi, due coppie secondo me possono stare senza problemi in 30 litri.

Dario dario - Foto di Matteo "KaylorD" Montalto

Dario dario
Foto di Matteo Montalto

Dicevo, due coppie... ;-(
Purtroppo ho acquistato questi pesci quando erano molto giovani (pratica che gradisco e consiglio, meglio pesci da svezzare che adulti vissuti in negozio). Con la crescita, giunsi alla conclusione di avere 2 maschietti e una femmina sola, la quale peraltro é morta in brevissimo tempo (forse per idropisia). I due maschi restanti invece sono cresciuti sani e vivaci, e in vasca si alternano a ricoprire il ruolo del dominante, assumendo una colorazione rossa più accesa e viva, e "fintando" di rincorrersi per un paio di cm... Sto attendendo attualmente di ricevere un paio di femmine, con le quali farli sfogare in maniera più sana e naturale... :-)

Bene, detto quanto sopra passerei a descrivere l'acqua che utilizzo nel Mir30. Questi pescetti asiatici richiedono un'acqua piuttosto tenera, personalmente taglio dell'osmotica con una percentuale del 15% di acqua del rubinetto lasciata a decantare. E l'acqua del rubinetto di casa mia non épropriamente dura... Quel che si ottiene é che con un pH di 6,5 - 6,8 i pesci sono iperattivi, felici e contenti. Alcuni - prevalentemente giapponesi su internet - riportano valori di pH che si estendono da 6,5 a 7,5. I miei stanno a 6,8 e godono.. :-) Per il resto, KH a 3 o 4 e temperatura costantemente sui 23 gradi. Anche qui, c'é un range piuttosto ampio: di certo, la temperatura in natura varia da un minimo di 20 gradi ad un massimo di 25, ma c'é chi testimonia di averli allevati a 18 come a 27 gradi... Mah!

Dario dario - Foto di Matteo "KaylorD" Montalto

Dario dario
Foto di Matteo Montalto

Parliamo di cibo; i piccoli Dario dario, date le loro minute dimensioni, si nutrono prevalentemente con cibo molto piccolo... Le loro esigenze alimentari le paragonerei tranquillamente a quelle dei killi: si possono far vivere con granulato/scaglie e surgelato ogni tanto, ma vivono MEGLIO se si va di vivo. Personalmente, non avendo mai molto tempo a disposizione, di tanto in tanto schiudo un pò di naupli d'artemia (che vengono divorati in pochi secondi), e per il resto somministro surgelato vitaminizzato (Artemia, chironomus rossi "piccoli" o sminuzzati, Bosminae Longirostris ecc.). Di tanto in tanto, faccio sbollentare una fetta di zucchina e ne spappolo quantitativi minimi in vasca; i Dario ringraziano, e quando non lo fanno loro, lo fanno le caridine. Proprio a tal riguardo consiglio fortemente di accoppiare caridine e Dario; le mie caridina femmine rilasciano ogni mesetto un sacco di larve, che sono diventate il cibo preferito dei piccoli dario...

Finirei il discorso sui Dario dario parlando di riproduzione; sembra infatti che questa non sia particolarmente difficile da ottenere.

Ma la gabola c'é...:-) Le larve sono davvero piccolissime, é molto difficile identificarle e isolarle. A causa delle loro piccolissime dimensioni (che rendono il mangiare un problema) e della loro sensibilità all'inquinamento, da quanto si legge dai pochi siti degli appassionati sembra che la mortalità degli avannotti sia davvero tremenda... Per ora, vi sono notizie discordanti sul fatto che i genitori predino la prole; c'é chi dice di sì, chi dice di no... C'è da dire che l'atteggiamento tenuto dai maschi di Badis badis di curare per i primi tempi la prole, sembra non essere mantenuto dai Dario dario. Sembra, dalle diverse testimonianze di appassionati che ho raccolto, che i genitori spesso e volentieri snobbino completamente la prole; viene pertanto consigliato generalemente di trasferire i genitori altrove dopo l'accoppiamento.

Dove riproducono? Anche su questo c'é un pò di confusione... Generalmente i Badis badis sono dei "cave spawner", ovvero depongono in cavità o grotte, come molti ciclidi nani sudamericani. Tuttavia, sembra che i Dario dario gradiscano molto di più la vegetazione come substrato di riproduzione. L'allestimento, in fase di preparazione, dovrà tener conto di questo fatto; sarà perciò nostra premura provvedere a piantumare fittamente la vasca e a introdurre in particolare vesicularia dubyana e riccia fluitans, le quali fungono da rifugio per pesci non dominanti e forniscono un substrato per la riproduzione molto gradito. Non dimentichiamo poi che queste piante diventeranno la principale "ancora di salvezza" delle larve, fornendo riparo e cibo (infusori prevalentemente).

Aggiornamento

Primo aggiornamento della pagina: sono riuscito a rintracciare una giovane e bellissima femmina per i miei Dario, e c'é da dire che le cose nel mirabellino, come prevedevasi, si sono "movimentate" un pò.

Ho notato sin dai primi giorni che i due pesci che si alternavano come dominanti hanno smesso di tenere questo comportamento. In effetti, uno ha preso definitivamente il sopravvento sull'altro, mostrando una livrea più colorata e appariscente e scacciando il poverello sottomesso ogni volta che quest'ultimo si avvicina al territorio del dominante.

Ciononostante, il sottomesso sembra godere di ottima salute e crescita regolare; la mia opinione personale é che questo aspetti i momenti di distrazione per "divertirsi" un pò con la femmina, più di una volta li ho beccati vicini... :-)))))
La femmina, almeno per ora, sembra "flirtare" maggiormente col dominante, anche se credo sia difficile capire se copulano o meno, poiché le ridottissime dimensioni delle larve ne rendono difficile l'identificazione e per ora ho potuto solo assistere ad alcuni "rituali di corteggiamento".

A questo riguardo, il corteggiamento pre-riproduttivo di questi pesci sembra esser molto simile a quanto ho osservato con i Nothobranchius: il maschio rincorre forsennatamente la femmina, la quale non disdegna le attenzioni del patner, ma neanche gli si concede (per ora.. :-). Di tanto in tanto ho notato che maschio e femmina si "girano intorno", nuotando, ed esibendo la livrea con pinne aperte all'inverosimile. Il maschio fa davvero il "pavone", e di tanto in tanto "scoda" un pò muovendo l'acqua intorno alla femmina.

Questi preliminari per ora sono soltanto interessanti dal punto di vista comportamentale, spero che si risolvano presto in una riproduzione vera e propria. Quando ciò accadrà, non mancherò di mettere online foto e informazioni nel prossimo aggiornamento di questa pagina.

© Matteo Montalto

Specie nel sito
Coppia di Dario dario - Foto © Nonn Panitvong
Scarlet dario, Dario scarlatto
Aspettativa di vita: 3-5 anni
Dimensioni massime: 2 cm TL il maschio, 1.3 cm TL la femmina

In acquariofila questa specie è tra quelle dei Badidae più note, in quanto è una scelta sempre più popolare per i piccoli acquari. Non è adatto alle comuni vasche di comunità, ma a causa della sua territorialità e del temperamento aggressivo, non è adatto neanche a vasche troppo piccole.

Temperatura in natura: 18 - 26°C

Aggiungi un commento

Avviso per chi vuole lasciare un commento: Questo è un sito amatoriale, che vuole diffondere una maggiore conoscenza e consapevolezza sulle specie allevate in acquario, ed è gestito da una sola persona. Se avete qualche commento da fare riguardo al sito o a questa pagina siete i benvenuti, ma per richieste d'aiuto e/o consigli per il vostro acquario è meglio rivolgervi dove ci sono più persone in grado di rispondervi, come i forum dedicati, posso consigliarvi i miei preferiti, acquariofiliafacile.it e acquarioacquadolce.it, per serietà ed attendibilità, ma ce ne sono molti altri :)

By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.