• No ai pesci giganti in acquario
  • No ai pesci rossi nella boccia
  • I pesci pulitori non esistono!
  • No ai pesci colorati artificialmente
  • No ai pesci combattenti nei vasi
  • No alle tartarughe nelle mini vaschette
Tempo di lettura
4 minuti
Letto finora

Distinguere Ambastaia sidthimunki da Ambastaia nigrolineata (Udomritthiruj & Tejavej)

Mer, 15/Dic/2004 - 00:00
Posted in:
0 comments

Spiegazione con foto esplicative delle differenze tra i due Botia, Botia sidthimunki e Botia cf. nigrolineata, oggi riclassificati nel genere Ambastaia

Traduzione dell'articolo:
"Telling Yasuhikotakia sidthimunki apart from Y. nigrolineata" di Kamphol Udomritthiruj e Anuratana Tejavej
sul sito di Loaches Online, che potete leggere al link seguente nella versione originale in inglese.

I riferimenti tassonomici nell'articolo sono ovviamente relativi a quanto si sapeva negli anni in cui è stato scritto; per avere un'idea dalla tassonomia attuale delle famiglie di Botiidae e Cobitidae visitate queste pagine.

Comparazione tra Botia sidthimunki e Botia cf. nigrolineata Foto di Anuratana Tejavej

Sei anni fa, dietro suggerimento dell’ittiologo Tyson Roberts, partecipai con un amico ad una spedizione verso il torrente spartiacque ed il villaggio chiamati Nam Wa nella provincia di Nan, nella Thailandia nordorientale. Era dicembre e nell’acqua fredda che ci arrivava al ginocchio abbiamo osservato per qualche attimo quelli che noi ritenevamo una popolazione non ancora scoperta di Yasuhikotakia sidthimunki. Senza le reti da pesca, abbiamo chiesto agli abitanti del villaggio locale di catturare qualcuno dei botia per noi. Incredibilmente, gli abitanti locali catturavano i botia con le mani, intrappolandoli sotto le pietre. E’ così iniziata la pesca stagionale (d’inverno) che continua fino ad oggi, di questi "sidthimunki".

È diventato sempre più evidente che questi non erano sidthimunki, per ben tre motivi.

Il primo è la marcata banda laterale orizzontale dalla larghezza costante esibita dalla maggior parte di questi Botia di Nan, di tutte le dimensioni (2,5 – 10 cm).

In secondo luogo, gli esemplari del tipo originario di Botia sidthimunki e quelli pescati prima di quelli giganti a Nan 6 anni fa, non si erano mai cresciuti oltre i 5 – 6 cm. Diventavano grassi, oppure gravide, e li ho visti vecchi di 10 anni, ma erano sempre botia nani.

In terzo luogo, i sidthimunki originali provengono dalla provincia di Kanchanaburi dal sistema del fiume Kwai nella Tailandia occidentale. Le dighe sul sistema del fiume hanno causato la loro supposta estinzione in natura. Tutti i veri Botia sidthimunki in commercio oggi provengono da un singolo allevatore commerciale (riproduzione indotta) ed ecco perchè sono rari in commercio.

I sidthimunki giganti di Nan risalgono a monte i torrenti durante la stagione secca (inverno) per riprodursi. Nel momento in cui sto scrivendo, le dimensioni di questi botia si ridurrà significativamente e nelle prossime due o tre settimane, le spedizioni negli Stati Uniti conterranno pesci più piccoli (5 cm) che sono catturati più a valle.
I botia di Nan inoltre condividono la distribuzione zoogeografica dei Yasuhikotakia nigrolineata, che vengono descritti nel sistema del fiume Mekong.
Senza una verifica scientifica, i botia di Nan possono essere definiti nel migliore dei modi come Botia cf. nigrolineata. Comunque non sono definitivamente sidthimunki, a causa del disegno della livrea e delle dimensioni, se non della distribuzione.

I botia di Nan sono inoltre molto più difficili da allevare, nel senso di far aumentare il loro peso corporeo. Non appena catturati, le teste sono in proporzione piccole, confrontate con i loro corpi pieni e arrotondati, e le loro code spesse. In cattività, dimagriscono lentamente e le loro teste diventano sproporzionatamente più grandi della loro profondità del corpo. È un aspetto del veloce metabolismo di questi botia, che vivono in acque correnti fredde e veloci.

E per rispondere alla domanda di Mike Ophir, sì, dopo avere esaminato i miei esemplari conservati di Botia di Nan cf. nigrolineata, c’è un quarto paio di barbigli vestigiali sul mento, un mero paio di tronconi appena accennati.

Le immagini sottostanti mostrano un confronto tra “veri” Botia sidthimunki di Kanchanaburi pienamente sviluppati e dei Botia di Nan cf. nigrolineata, a 4 cm, a 5 cm e, a partire dall’alto, evidenzianti le costanti differenze nelle loro striature dorsali.

Comparazione tra Botia sidthimunki e Botia cf. nigrolineata - Foto di Kamphol Udomritthiruj

Comparazione tra Botia sidthimunki e Botia cf. nigrolineata - Foto di Kamphol Udomritthiruj

Comparazione tra Botia sidthimunki e Botia cf. nigrolineata - Foto di Kamphol Udomritthiruj

Comparazione tra Botia sidthimunki e Botia cf. nigrolineata - Foto di Kamphol Udomritthiruj

Comparazione tra Botia sidthimunki e Botia cf. nigrolineata - Foto di Kamphol Udomritthiruj

Comparazione tra Botia sidthimunki e Botia cf. nigrolineata - Foto di Kamphol Udomritthiruj

Di: Kamphol Udomritthiruj - 8 marzo 2000


Queste sono alcune immagini di bassa qualità di Botia sp. cf. nigrolineata per complementare il confronto fra di loro e i Botia sidthimunki.

La prima immagine mostra uno dei Botia di Nan più estesamente disegnati.
La seconda immagine mostra uno dei Botia di Nan dal corpo più arrotondato.
La terza immagine mostra un “allineamento” per confrontare le differenze del disegno e delle dimensioni fra il “grande” Botia sidthimunki in primo piano ed i Botia di Nan in secondo piano, delle dimensioni di circa 9 cm.

Comparazione tra Botia sidthimunki e Botia cf. nigrolineata - Foto di Anuratana Tejavej

Comparazione tra Botia sidthimunki e Botia cf. nigrolineata - Foto di Anuratana Tejavej

Comparazione tra Botia sidthimunki e Botia cf. nigrolineata - Foto di Anuratana Tejavej

Comparazione tra Botia sidthimunki e Botia cf. nigrolineata - Foto di Anuratana Tejavej

Comparazione tra Botia sidthimunki e Botia cf. nigrolineata - Foto di Anuratana Tejavej

Comparazione tra Botia sidthimunki e Botia cf. nigrolineata - Foto di Anuratana Tejavej

Di: Anuratana Tejavej - 9 aprile 2000


Foto di Graeme Robson che evidenzia le differenze tra Yasuhikotakia sidthimunki, in alto, e Yasuhikotakia nigrolineata, in basso

Yasuhikotakia sidthimunki in alto, Yasuhikotakia nigrolineata in basso - Foto di Graeme Robson (Loaches Online)

Yasuhikotakia sidthimunki in alto, Yasuhikotakia nigrolineata in basso - Foto di Graeme Robson

Ulteriori foto di Dave Rinaldo:

Nella prima un gruppo di Yasuhikotakia sidthimunki adulti dalle strisce scure veramente marcate, molto scure.

Yasuhikotakia sidthimunki - Foto di Dave Rinaldo (Loaches Online)

Yasuhikotakia sidthimunki - Foto di Dave Rinaldo

Qui invece un folto gruppo di Yasuhikotakia nigrolineata. Notate la marcata striscia laterale con le piccole striscette verticali sotto e l'effetto molto ridotto a "catena" tra la striscia laterale e quella dorsale .

Yasuhikotakia nigrolineata - Foto di Dave Rinaldo (Loaches Online)

Yasuhikotakia nigrolineata - Foto di Dave Rinaldo

Specie nel sito
Ambastaia nigrolineata - Foto © Emma Turner (Loaches Online)
Black-Lined Loach
Aspettativa di vita: 8 - 12 anni
Dimensioni massime: 10 cm

Relativamente rara nel commercio acquariofilo, dopo essere stata separata dal genere Botia e assegnata al nuovo genere Yasuhikotakia, nel 2012 è stata separata anche da questo genere dall'ittiologo Dr. Kottelat che l'ha assegnata a un nuovo genere, Ambastaia, che comprende oltre ad Ambastaia nigrolineata anche Ambastaia sidthimunki

Temperatura in natura: 15 - 25°C
Valori pH in natura: 6.0 - 7.0
Ambastaia sidthimunki - Foto di Emma Turner (Loaches Online)
Dwarf Loach, Sid The Monkey
Aspettativa di vita: 8 - 12 anni
Dimensioni massime: 6 cm

Questa specie era scomparsa per diversi anni dal commercio acquariofilo verso della fine del secolo in quanto in pericolo di estinzione; quando è riapparsa, riprodotta commercialmente tramite stimolazione ormonale, aveva un costo molto elevato. Ora in genere è disponibile, e senza essere particolarmente economica comunque è notevolmente meno costosa.

Temperatura in natura: 24 - 28°C
Valori pH in natura: 6.0 -7.5
Riferimenti
Riferimenti & Link
FAQ - Domande e Risposte

Tutto Quello Che Avreste Sempre Voluto Sapere Ma Non Avete Mai Osato Chiedere...
i messaggi più interessanti tratti da it.hobby.acquari

Aggiungi un commento

Avviso per chi vuole lasciare un commento: Questo è un sito amatoriale, che vuole diffondere una maggiore conoscenza e consapevolezza sulle specie allevate in acquario, ed è gestito da una sola persona. Se avete qualche commento da fare riguardo al sito o a questa pagina siete i benvenuti, ma per richieste d'aiuto e/o consigli per il vostro acquario è meglio rivolgervi dove ci sono più persone in grado di rispondervi, come i forum dedicati, posso consigliarvi i miei preferiti, acquariofiliafacile.it e acquarioacquadolce.it, per serietà ed attendibilità, ma ce ne sono molti altri :)

By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.