• No ai pesci giganti in acquario
  • No ai pesci rossi nella boccia
  • I pesci pulitori non esistono!
  • No ai pesci colorati artificialmente
  • No ai pesci combattenti nei vasi
  • No alle tartarughe nelle mini vaschette

Etroplus

Informazioni e notizie sulla tassonomia e sulle specie del genere Etroplus, ciclidi asiatici d'acqua salmastra

Etroplus maculatus, Orange Chromide femmina nella livrea riproduttiva nel fiume Chalakudy, Kerala, India - Foto © Fishplore.com

Il genere degli Etroplus è giustamente "famoso" per essere l'unico genere tra il centinaio appartenenti alla Famiglia dei Cichlidae che abita nel continente asiatico. Gli Etroplus sono infatti gli unici ciclidi asiatici, e non i Badis badis, come mi aveva detto pomposamente un negoziante, non sapendo evidentemente che i Badis non sono neppure ciclidi!!! (ed era un negoziante di un negozio di pesci e acquari, preciso, non un fruttivendolo...)

Il genere Etroplus comprende solo tre specie, distribuite nell'India meridionale e in Sri Lanka

Sono strettamente correlati al genere Paretroplus, che vive in Madagascar, e questo sembra confermare la teoria della "deriva dei continenti", in quanto probabilmente questi due generi sono stati divisi quando alla fine del Cretaceo la Pangea ha incominciato a separarsi nelle grandi placche continentali, e la placca indiana si è ritrovata separata da quella africana e quindi dal Madagascar.

In genere in commercio si trova, anche se non molto frequentemente, Etroplus maculatus, che ha una splendida colorazione, anche se si trova sempre più spesso una forma selezionata dalla colorazione completamente gialla o giallo-arancione, che io eviterei, sono già bellissimi così senza ricorrere a selezioni.

Più difficile da trovare Etroplus suratensis, dalla colorazione tendente al verde (e per fortuna, dico io, superando i 40 cm di lunghezza), e quasi impossibile Etroplus canarensis, che è molto difficile da trovare anche in natura, essendo distribuito in un'area molto ristretta, tanto che in passato era addirittura considerato estinto. Ne sono state ritrovate nuove popolazioni, ma se li trovate in commercio NON COMPRATELI, a meno che non siate certi che sono d'allevamento e non di cattura.

In queste pagine troverete notizie della specie più comune, Etroplus maculatus, chiamato anche Orange Chromide o Chromide arancio, che è un pesce robusto, adatto a vasche medio-grandi, che se allevato in coppia è anche abbastanza facile da riprodurre, ed offre la visione delle spettacolari cure parentali dei ciclidi. In natura gli Etroplus riproducono spesso in colonie, in quanto vivono tendenzialmente in banchi, e nel periodo riproduttivo si ritrovano spesso covate affiancate accudite e ventilate dalle femmine quasi fianco a fianco, ma pre riprodurre questa situazione ci vogliono vasche molto grandi, da 130 cm di lunghezza in su.

Vivono in prossimità delle foci dei torrenti, di preferenza nelle lagune litoranee indiane, nelle zone influenzate dalle maree, sono quindi pesci d'acqua salmastra.
Anche se sembrano tollerare senza difficoltà anche l'acqua dolce, tanto che non sono infrequenti deposizioni anche in acquari d'acqua dolce, in realtà non possono vivere così per tutta la vita. Anche in natura si possono ritrovare in acqua dolce e tenera, ma la loro presenza è molto meno frequente e le loro dimensioni rimangono più piccole che in acqua salmastra.

Il mio consiglio è quindi di allevarli assolutamente in acqua salmastra, per la loro salute a lungo termine è senz'altro meglio, i periodi in acqua dolce vanno bene se sono appunto dei periodi, non tutta la vita.

La Tassonomia

Etroplus è l'unico genere di Cichlidae nativo del subcontinente indiano e dello Sri Lanka, e attualmente comprende tre specie tra le quali Etroplus canarensis è limitato unicamente all'acqua dolce e limitato nella distribuzione, mentre Etroplus maculatus e Etroplus suratensis sono eurialini e relativamente diffusi.

Etroplus maculatus può essere facilmente distinto dalle altre specie poiché le macchie scure sul corpo sono ridotte a 1-3 macchie scure appena sopra la metà del corpo (a meno che non sia stressato, quando possono apparire corte barre nella parte superiore del corpo con una grande macchia posteroventrale scura) ed è molto più chiaro nel complesso, con la maggior parte delle squame corporee aventi un centro rosso-arancio. Le due specie restanti sono in possesso di una serie normalmente di 6 barre verticali scure sul corpo (escluse quelle sulla testa e sul peduncolo caudale), ma in Etroplus canarensis le prime 3 barre tendono a biforcarsi mano a mano che il pesce matura; il colore base del corpo è grigio giallastro, e alcune squame del corpo hanno una macchia centrale giallastra, mentre in Etroplus suratensis le barre rimangono solide per tutta la vita, il colore di base del corpo è verdastro-marrone, e numerose squame corporee hanno una macchia centrale bianco perlaceo. Etroplus suratensis è anche molto più grande, essendo in grado di superare i 30 cm SL.

Il suo parente più stretto tra gli altri ciclidi è il genere endemico malgascio Paretroplus e questi due generi sono talvolta raggruppati sotto la sottofamiglia putativa Etroplinae. Sono un antico lignaggio morfologicamente distinto e rappresentano il gruppo evolutivo di tutti gli altri ciclidi (Sparks e Smith, 2004) con diversi caratteri specializzati unici (Sparks, 2001; Stiassny et al, 2001).

Il genere Etroplus può essere detto a parte Paretroplus da un certo numero di caratteri, tra cui: il possesso di denti tricuspidi (vs. unicuspidi in Paretroplus); denti presenti in più righe in entrambe le mascelle superiore e inferiore (contro una sola fila di denti in entrambe le mascelle superiore e inferiore, denti numerosi in entrambe le mascelle superiore e inferiore (vs. denti in numero limitato (<18 in mascella superiore, <14 inferiori); un elevato numero di spine nella pinna anale (Sparks, 2001; Stiassny et al., 2001).

Elenco delle Specie comprese nel Genere

Etroplus

Splendido esemplare di Etroplus canarensis - Foto © Vijendra Suryawanshi
Canara pearlspot -

In passato ha rischiato l'estinzione nei luoghi d'origine anche a causa del prelievo ai fini acquariofili mentre oggi viene riprodotto in allevamento. Contrariamente ai congeneri è una specie d'acqua dolce, che ama acque molto ossigenate.

Aspettativa di vita: 8 - 10 anni
Dimensioni massime in natura: 11.5 cm TL
Temperatura in natura: 22 - 32°C
Valori pH in natura: 6.0 – 7.5
Etroplus maculatus, maschio - Foto tratta da Cichlids.com
Orange chromide -

Etroplus maculatus appartiene all'unico genere della famiglia Cichlidae presente naturalmente nel sub-continente indiano e in Sri Lanka, ed è un pesce eurialino che per vivere a lungo e in salute necessita di essere allevato in acqua salmastra.

Aspettativa di vita: 6 - 10 anni
Dimensioni massime in natura: 8 cm TL
Temperatura in natura: 20 - 25°C.
Valori pH in natura: 8.0 - 9.0
Esemplare subadulto di Etroplus suratanensis - Foto © Hayath
Green chromide -

Questa specie non è particolarmente popolare nell'hobby acquariofilo, a causa delle dimensioni che raggiunge e del fatto che deve vivere in gruppo, cose che lo rendono adatto solo a vasche enormi; è un importante fonte di cibo in tutto il suo range di distribuzione.

Aspettativa di vita: 6 - 12 anni
Dimensioni massime in natura: 40 cm TL
Temperatura in natura: 23 - 26°C.
  • Specie d'acqua salmastra
  • Specie che viene riprodotta in cattività, ma sono spesso in commercio esemplari provenienti dalla cattura in natura. Chiedete al negoziante se i pesci che state per prendere sono d'allevamento o di cattura.
SL (Standard Lenght)
Lunghezza standard, è la lunghezza del pesce calcolata dalla punta del muso al peduncolo caudale (esclusa quindi la coda)
TL (Total Lenght)
Lunghezza totale, è la lunghezza del pesce calcolata dalla punta del muso alla punta della coda (quindi coda compresa)
Demerso
specie che vive in prossimità del fondo del mare. I pesci demersi si dividono principalmente in due tipi: Bentonici e Bentopelagici
Bentonica
specie che vive e che è legata al fondo
Bentopelagica
specie che vive sia sul fondo o vicino ad esso, sia nel livello medio dell'acqua
Pelagica
specie che vive lontano dal fondo, in acque aperte
Diadroma
specie che migrano tra acque salate e acque dolci
Anadroma
specie che che vive per la maggior parte del tempo in acque salate e si riproduce in acque dolci
Catadroma
specie che vive in acque dolci e si riproduce in acque salate
Anfidroma
specie che si muove indifferentemente da acque dolci ad acque salate
Potamodroma
specie che migra all'interno di acque dolci
Oceanodroma
specie che migra all'interno di acque salate

Aggiungi un commento

Avviso per chi vuole lasciare un commento: Questo è un sito amatoriale, che vuole diffondere una maggiore conoscenza e consapevolezza sulle specie allevate in acquario, ed è gestito da una sola persona. Se avete qualche commento da fare riguardo al sito o a questa pagina siete i benvenuti, ma per richieste d'aiuto e/o consigli per il vostro acquario è meglio rivolgervi dove ci sono più persone in grado di rispondervi, come i forum dedicati, posso consigliarvi i miei preferiti, acquariofiliafacile.it e acquarioacquadolce.it, per serietà ed attendibilità, ma ce ne sono molti altri :)

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.

Raccolta dei pesci tropicali in India (V. Kutty)

Racconto di un viaggio in India, alla ricerca dell'Etroplus canarensis, il ciclide indiano più raro e difficile da trovare. La ricerca del canarensis rimane infruttuosa, ma vengono descritti gli ambienti e le abitudini delle altre due specie del genere Etroplus e dei pesci che ne condividono l'habitat indiano - traduzione in italiano di un articolo di Vinny Kutty