• No ai pesci giganti in acquario
  • No ai pesci rossi nella boccia
  • I pesci pulitori non esistono!
  • No ai pesci colorati artificialmente
  • No ai pesci combattenti nei vasi
  • No alle tartarughe nelle mini vaschette
Tempo di lettura
4 minuti
Letto finora

L'Allevamento degli Etroplus, i Ciclidi d'acqua salmastra

Mar, 30/Dic/2008 - 23:43
Posted in:
0 comments

consigli e suggerimenti generali per allevarli nella maniera più adatta, rispettando le loro esigenze

Coppia di Etroplus maculatus - Foto di (Cichlids.com)

Acqua dolce o salmastra?

Etroplus maculatus e' un ciclide sicuramente molto adattabile e poco problematico, perche' come tutti gli animali che vivono in natura in zone salmastre sono abituati e temprati dalle grandi variazioni di questi ambienti, per cui anche in acquario si adattano sia all'acqua dolce che a quella salmastra.

Non solo vivono senza problemi in acqua dolce ma si riproducono anche con successo, ed anzi si sono registrate deposizioni andate a buon fine anche in acqua tenera e acida.
Nonostante questo però io consiglio sempre a chi li vuole allevare di cercare di imitare il più possibile il loro ambiente naturale, e di allevarli quindi nel "loro" elemento, l'acqua salmastra (densità 1.004 - 1.006), dove comunque i pesci vivranno più a lungo e più sani. Infatti i periodi in acqua dolce vengono tollerati di buon grado, se sono e rimangono dei periodi, non per tutta la vita del pesce: gli Etroplus tenuti permanentemente in acque dolci crescono meno e muoiono prima di quelli allevati in acqua salmastra.

La vasca

Gli Etroplus in natura vivono in banchi, per cui consiglio di allevarne un gruppetto di almeno 8 esemplari in una vasca di minimo 120 cm di lunghezza e larga almeno 50cm. Devono essere in buon numero, perchè si crei una loro naturale scala gerarchica; se allevati in pochi esemplari, oltre al fatto che gli individui sottomessi saranno continuamente vessati dai dominanti, c'è anche il rischio che i pesci non riescano a stabilire un ordine gerarchico, il che li renderebbe molto nervosi e stressati.

L'acqua deve essere salmastra, quindi con aggiunta di sale marino sintetico apposta per acquario (NO sale da cucina, nè grosso, nè fino, nè iodato... voi cucinereste usando il sale per acquario?), fino a raggiungere una densità da 1.004 - 1.006.

Vanno previsti molti ripari e nascondigli, costituiti da cespugli folti di piante (ce ne sono molte che si adattano alla coltivazione in acqua salmastra) rocce, legni, radici, messi in modo da formare caverne e nascondigli.

Anche in genere ha un comportamento pacifico con le altre specie, nel periodo riproduttivo diventa invece molto territoriale ed aggressivo, allontanando e attaccando violentemente i compagni di vasca per difendere il territorio della covata, ed alcuni pesci potrebbero aver problemi, in particolare se la vasca non è abbastanza grande.

Come compagni di vasca sono adatti piccoli pesci rassicuranti, adatti alle condizioni d'acqua salmastra: Poecilia sphenops, Poecilia latipinna, Poecilia velifera, Marosatherina ladigesi, Chanda...

Anche se onnivoro, non sono rari i casi in cui rivolge le sue attenzioni alle piante, mangiandone specialmente le foglie più tenere, in particolare se nutriti con una dieta povera di vegetali. In tal caso l'unica è dotarsi di piante dalle foglie coriacee e resistenti, come Anubias e Microsorum.

Simbiosi

A Cleaning Symbiosis between the Cichlid Fishes Etroplus maculatus and Etroplus suratensis resoconto di una particolare simbiosi che avviene in natura tra Etroplus maculatus, con i suoi 10-11 cm di lunghezza, e l'enorme a suo confronto Etroplus suratensis (40 cm la lunghezza massima), e che nel resoconto in questione è stata osservata e filmata anche in acquario.

Etroplus maculatus pulisce la pelle degli Etroplus suratensis di ogni età da funghi e/o parassiti spiluccandone le squame, in un rapporto simbiontico il cui vantaggio che ne ricava non è il nutrimento fornito dai parassiti, ma quello di mantenere bene in salute gli Etroplus suratensis, che così stanno più bene, vivono più a lungo e... si riproducono più spesso. Infatti il vantaggio degli Etroplus maculatus è quello di predate uova e/o avannotti degli Etroplus suratensis.

Questo comportamento istintivo degli Etroplus maculatus se viene replicato in acquario può renderli inadatti agli acquari di comunità, perchè mentre gli Etroplus suratensis sono dei bestioni e non hanno problemi, se quest'attivita' viene rivolta verso pesci più piccoli, potrebbe avere effetti disastrosi e provocare ferite o malattie.

Elenco delle Specie presenti nel sito e appartenenti al Genere

Splendido esemplare di Etroplus canarensis - Foto © Vijendra Suryawanshi
Canara pearlspot
Aspettativa di vita: 8 - 10 anni
Dimensioni massime: 11.5 cm TL

In passato ha rischiato l'estinzione nei luoghi d'origine anche a causa del prelievo ai fini acquariofili mentre oggi viene riprodotto in allevamento. Contrariamente ai congeneri è una specie d'acqua dolce, che ama acque molto ossigenate.

Temperatura in natura: 22 - 32°C
Valori pH in natura: 6.0 – 7.5
Etroplus maculatus, maschio - Foto tratta da Cichlids.com
Orange chromide
Aspettativa di vita: 6 - 10 anni
Dimensioni massime: 8 cm TL

Etroplus maculatus appartiene all'unico genere della famiglia Cichlidae presente naturalmente nel sub-continente indiano e in Sri Lanka, ed è un pesce eurialino che per vivere a lungo e in salute necessita di essere allevato in acqua salmastra.

Temperatura in natura: 20 - 25°C.
Valori pH in natura: 8.0 - 9.0
Esemplare subadulto di Etroplus suratanensis - Foto © Hayath
Green chromide
Aspettativa di vita: 6 - 12 anni
Dimensioni massime: 40 cm TL

Questa specie non è particolarmente popolare nell'hobby acquariofilo, a causa delle dimensioni che raggiunge e del fatto che deve vivere in gruppo, cose che lo rendono adatto solo a vasche enormi; è un importante fonte di cibo in tutto il suo range di distribuzione.

Temperatura in natura: 23 - 26°C.

Aggiungi un commento

Avviso per chi vuole lasciare un commento: Questo è un sito amatoriale, che vuole diffondere una maggiore conoscenza e consapevolezza sulle specie allevate in acquario, ed è gestito da una sola persona. Se avete qualche commento da fare riguardo al sito o a questa pagina siete i benvenuti, ma per richieste d'aiuto e/o consigli per il vostro acquario è meglio rivolgervi dove ci sono più persone in grado di rispondervi, come i forum dedicati, posso consigliarvi i miei preferiti, acquariofiliafacile.it e acquarioacquadolce.it, per serietà ed attendibilità, ma ce ne sono molti altri :)

By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.