• No ai pesci giganti in acquario
  • No ai pesci rossi nella boccia
  • I pesci pulitori non esistono!
  • No ai pesci colorati artificialmente
  • No ai pesci combattenti nei vasi
  • No alle tartarughe nelle mini vaschette
Tempo di lettura
12 minuti
Letto finora

Gnathonemus, i Pesci Elefante: Tutto Quello Che...

Lun, 16/Mar/2015 - 17:40
Posted in:
0 comments

Tutto Quello Che Avreste Sempre Voluto Sapere Ma Non Avete Mai Osato Chiedere... i messaggi più interessanti di it.hobby.acquari

Gnathonemus petersii - Foto tratta da Fishtankforum.com

Ecco qui come al solito le domande e le risposte più interessanti e più frequenti in cui mi sono imbattuta frequentando il Newsgroup it.hobby.acquari riguardanti i pesci elefante. E come al solito rinnovo i miei ringraziamenti a tutti i partecipanti :-)

Stai pensando di comprarli?
Vai alla pagina con i pro e contro dell'allevamento dei pesci elefante, i Gnathonemus

Per iniziare questo post di Michele Ralli, che sintetizza bene quello che penso anch'o a proposito dei Gnathonemus:

Michele Ralli (14 feb 1999)
I pesci "elefante", come ho già detto numerose volte, per le loro caratteristiche anatomiche, necessitano di una vasca allestita SOLO per loro.
La migliore soluzione per il loro allevamento consiste nel NON COMPRARLI, in modo che, prima o dopo, smettano di essere commercializzati proprio.
Tutti, o quasi gli esemplari che non abbiano specifiche cure e allestimento, sono destinati comunque a morte lenta e a sofferenze ingiustificate.
LASCIAMOLI AL NEGOZIO! che prima o poi farà i suoi conti, e smetterà di proporceli, povere bestie! (I pesci, non offenderei certo i negozianti....) ;-))

L'Allevamento

Silicius (7 gen 2001)
Pesce elefante
Mi sono innamorato di un pesce che ho visto e comprato di "getto"  (non sgridatemi) In realtà non so nulla di lui: Il negoziante mi ha detto che e' un pesce "elefante" ma non conosco il nome "tecnico" nè ho trovato informazioni su di lui.... Il suddetto negoziante mi ha solo detto che vuole un ph basso (acido) che e' un pulitore e che e' molto timido
In realta sono preoccupato perche si e' messo sotto una pianta ed esce di rado, fa una nuotata e poi si rimette al suo posto... (che esca solo di notte ? )
Giovanni Gardini
Il suo nome è Gnatonemus Petersii, fa parte della famiglia dei pesci elettrici in quanto non avendo sviluppato sufficientemente l'organo della vista emette delle piccole scariche elettriche, circa 1volt, che gli servono per orientarsi.
Come condizioni dell'acqua sta bene ad un Ph neutro, con durezze medie.
L'alimentazione iniziale sarà a base di chironomus congelati, ma presto si abituerà a mangiare anche scaglie e granuli.
E' prevalentemente notturno, a volte può essere territoriale con altri della sua stessa specie.
Una raccomandazione: se devi curare fai attenzione al dosaggio perchè mal sopporta blu di metilene e verde malachite.
Paolo Lombardi
Da quanto letto (Ginx non me ne vorrà se non ricordo le fonti:-))), si consiglia di allevarlo esclusivamente con fondi soffici, meglio se sabbiosi, appunto per non rischiare di rovinare la "proboscide" piuttosto delicata.
Biblioteca Canal San Bovo (16 nov 1999)
DOLCE- nessuno ha mai allevato il pesce elefante?
Vorrei fargli un acquario dedicato con fondo sabbioso qualche ciottolo levigato radici qualche pianta ma anche molto spazio libero per nuotare 2 esemplari in 130 litri.
Per l'alimentazione so che accettano solo vivo o surgelato.....voi ne sapete qualcosa? Vogliono anfratti? Che tipo di abitudini hanno?
ho letto su aquarium che non vogliono parametri particolari dell'acqua è vero? Assieme volevo solo mettere delle caridine  pulitori piccoli e alcuni apteronotus albifrons.
Marco
Io non ne so molto, salvo che un mio amico lo teneva in un acquario per ciclidi e, ovviamente, e' morto.
Ho pensato anch'io di fargli un acquario a posta, magari con ciclidi africani.
Comunque nel mio libercolo ho il Gnathonemus petersi, ci dicono che viene dal Niger, arriva fino a 25 cm, non si sa nulla sul dimorfismo sessuale,
T 22-28 °C,
pH 6.5-7.5,
dGH 6-18°,
e' un pesce territoriale pacifico ma aggressivo verso gli esemplari piu' deboli della sua stessa specie.
Abbisogna di fitta vegetazione con molti nascondigli, dopo un periodo di acclimatazione, in cui e' attivo principalmente di notte, esce anche di giorno.
Rovistando nel materiale di fondo e' indispensabile sabbia fine.
Predilige acqua stagionata.
Non e' stato riprodotto, finora, in cattivita'.
C'e' un bell'articolo sul sito della Sera, aspetta che ti do le coordinate: www.seaitalia.com/articoli/gnathonemus.html
Stefania (13 giu 2007)
alimentazione dello gnathonemus petersii  
>Per quanto riguarda il mio Gnathonemus posso dirti che la sua attività è quasi esclusivamente notturna...
E' da tanto che ce l'hai? Il mio all'inizio stava un po' rintanato, ma dopo pochi giorni ha perso ogni traccia di timidezza... ed ora ficca il suo "nasino" ovunque (compreso il diffusore di CO2).  
>Secondo te, esistono altri cibi congelati adatti per il nostro beniamino?
Non so, nel negozio dove vado credo abbiano solo i chironomus. Ho trovato pero' dei vasetti di cibo "fresco" (?) - dopo aperti vanno conservati in frigo e consumati entro un mese -  dell'Aquaristica: alcuni non sono eccessivamente apprezzati, ma uno (zooplancton, se non ricordo male - e' un vasetto piu' grosso degli altri) sembra essere considerato una vera prelibatezza da tutti i pesci... (slurp)  
angelo.alex
vorrei approfittare dell'occasione per porvi una domanda:
I vostri gnatonemus non presentano (o hanno mai presentato) occasionalmente delle piccole macchiette bianche (lievemente in rilievo) regolarmente poste alla base delle pinne ventrali e pettorali?
La prima volta che il mio le ha avute mi sono spaventato ed ho provato a chiedere in giro ma... di gnatonemus non s'intende molta gente.
Visto che sono sparite senza conseguenze, e vista la loro regolare ricomparsa periodica sempre allo stesso posto (specialmente dalla primavera all'estate) mi chiedo e vi chiedo: Non è che lo gnatonemus presenta questi tubercoli quando è in estro? (come i maschi di molti ciprinidi: i comuni carassius auratum o leuciscus idus ad esempio).
E se fosse così non potrebbe essere un modo per distinguere i sessi di questa particolare specie che a dimorfismo sta proprio messa male?
E ancora: può essere possibile che un pesciotto (o pesciotta visto che la mia è solo una remota ipotesi) abbia certi "pensieri" pur non avendo alcuna compagna (compagno) in vasca?
Coraggio: basta un NO secco e tutte le ipotesi si disfano in una volta sola! Ed io dovrò tornare a preoccuparmi dei tubercolini bianchi.
Nicola
>E' da tanto che ce l'hai?
Ce l'ho da più di un anno, ma è cresciuto poco, perchè ha sofferto terribilmente la concorrenza alimentare di un trichogaster furbissimo e di un gamberetto vorace e violento. Da qualche mese vive in compagnia di alcuni guppy e di tre kryptopterus bicirrhis,che gli lasciano cibo sufficiente per crescere...
>Ho trovato pero' dei vasetti di cibo "fresco" (?) ... sembra essere considerato una vera prelibatezza da tutti i pesci... (slurp)
Credo proprio che se lo trovo lo proverò!
Nicola
>vorrei approfittare dell'occasione per porvi una domanda: I vostri gnatonemus non presentano (o hanno mai presentato) occasionalmente delle piccole macchiette bianche (lievemente in rilievo) regolarmente poste alla base delle pinne ventrali e pettorali?
No, non è mai successo.
> E se fosse così non potrebbe essere un modo per distinguere i sessi di questa particolare specie che a dimorfismo sta proprio messa male?
Se fosse vero sarebbe una scoperta scientifica di livello notevole! Purtroppo non penso che sia così, visto che in tutta la letteratura specializzata non c'è traccia di questo particolare cambiamento di livrea, comunque....
>E ancora: può essere possibile che un pesciotto (o pesciotta visto che la mia è solo una remota ipotesi) abbia certi "pensieri" pur non avendo alcuna compagna (compagno) in vasca?
Questo è sicuramente possibile, visto che è un comportamento dettato dal patrimonio genetico: ad esempio, è capitato spesso che un betta splendens si mettesse a costruire un nido di schiuma in una vasca in cui era l'unico pesce ospitato.
Rick# (6 dic 2002)
pesce elefante
Qualcuno sa darmi maggiori informazioni su questo pesce???? L'ho visto da mio pescivendolo e devo dire che mi attira molto.
Vorrei sapere se puo' vivere in un acquario di comunita' dolce  170 litri netti con ph 7,5 o se bisogna avere un ph + basso.
Ed eventalmente qualsiasi altra cosa che mi faccia desistere dall'idea (vorrei che stesse bene nell'acquario).
E' un pesce delicato???
Fatemi sapere se qualcuno di voi lo ha mai allevato.
Valle Cataldo
E' tutto nero con una striscia bianca prima dell'attacco della caudale ? Se è cosi è un pesce africano, che vive in ambienti con pochissima luce, cibandosi di prede che trova smucinando con la bocca prensile nel fondo, non ricordo le caratteristiche del biotopo, ma so per certo che ha bisogno di una vasca "oscurata" o con zone molte ombreggiate.
eccolo http://www.seraitalia.com/educational/articoli/gnathonemus.htm ricordavo più o meno che fosse un mormiride, in effetti è un pesce estremamente particolare, e di interesse, ma forse in 70 litri è difficile dargli un ambiente adeguato, in quanto è abbastanza grandarello.
Andrea (22 apr 2002)
Biotopo Camerun occidentale
Alla fine ho acquistato una vasca delle dimensioni di 150x50x60 ed avrei intenzione di ricreare un biotopo dei fiumi del Camerun Occidentale (tipo Congo).
L'acqua del mio rubinetto proviene da un pozzo ed ha i seguenti valori:
Ph 7.2-7.4
GH 8-10
KH 4
Vorrei utilizzarla cosi' com'e' ed abbassare poi in vasca il Ph tramite immissione di CO2 e portarlo a valori intorno a 7
In questa vasca vorrei allevare:
4-6 Pelvicachromis Taeniatus var. MOLIWE
4-6 Chromidotilapia Finleyi var. MOLIWE
4 Gnathonemus Petersii
Cosa ne pensate dell'ambiente, dell'abbinamento dei pesci e della loro numerosita'? Sono pesci facilmente reperibili (potrei recarmi a Milano ad acquistarli)
EC
> 4-6 Pelvicachromis Taeniatus var. MOLIWE - 4-6 Chromidotilapia Finleyi var. MOLIWE
Adesso si chiama Benitochromis nigrodorsalis.
> 4 Gnathonemus Petersii Cosa ne pensate dell'ambiente, dell'abbinamento dei pesci e della loro numerosita'?
La vasca e' grande, pero' potresti avere problemi con il pesce elefante perche' e' molto piu' lento dei ciclidi nel mangiare.
> Sono pesci facilmente reperibili (potrei recarmi a Milano ad acquistarli)
Io non li ho mai visti, compreso il taeniatus che e' comune.
Charlie 1 (27 mag 2001)
pesce elefante
Ho acquistato un pesce elefante, da quando l'ho messo in acquario non sono riuscito a vederlo una volta: è perennemente nascosto.
Non mi sono documentato ma ho il presentimento che si tratti di un pesce notturno anche se di notte rimane comunque nascosto.
E' normale questo comportamento?
Lake Malawi Mbuna
Sì è normale, perchè lo Gnathonemus Petersii (pesce elefante) ha abitutuni notturne ma, se l'illuminazione è attenuata (folta vegetazione, piante galleggianti ecc.) lo si può vedere anche di giorno.
Tiene conto che in natura vive nei fiumi e lungo le rive dei laghi (dalla Nigeria al Camerun) in acque torbide per il fango , quindi non ama la luce intensa.
Odorizzi Roberto (3 mar 1998)
Pesce elefante
Da alcuni giorni ho acquistato un esemplare di "Pesce elefante" (cosi' l'ha chiamato il rivenditore) e noto che sta tutto il giorno rintanato ed immobile tra le piante del mio acquario da 200 lt.
E' normale questo comportamento?
Perche' nella vasca del negozio era molto vivace assieme ai suoi compagni.
Devo forse comprarne altri?
Maurizio Vitale
Per quello che ne so sui pesci elefante o Gnathonemus petersi (non li ho mai allevati ma ho letto qualcosa su di essi) sono pesci di branco di abitudini notturne.
Nessuna meraviglia quindi che il tuo, di giorno e da solo, non esca molto.
Di recente ho letto un articolo che ne descriveva il comportamento: pare che siano di intelligenza straordinaria.
Varrebbe quasi la pena di allevarli in un acquario dedicato...
Tra l'altro mi pare che, come le torpedini, emetta delle scariche elettriche (non tali da farti l'elettroshock, comunque).
Claudio De Maio
Si è un pesce di banco , mangia prevalentemente surgelati anzi solo quelli, vive in acqua tenera.
EDIPRINT (17 mar 2006)
Cibo per Pesce Elefante Aggressivo
Ho nel mio acquario un pesce elefante, che era tranquillissimo fino a ieri. Ora ha iniziato ad aggredire selvaggiamente tutti gli altri pesci rovinando pinne e squame alla maggior parte. Notavo che il pesce elefante non mangiava mai niente per parecchi giorni! Ora avrà fame e cerca di papparsi i suoi coinquilini? Che devo fare? Che cibo posso dargli per calmarlo?
EC
> Che devo fare? Che cibo posso dargli per calmarlo?
Prova a dargli choronomus e pezzetti di gamberetti. Comunque lui preferisce sicuramente il vivo e vista la taglia che raggiunge sara' sempre un pericolo per gli altri.
d...@libero.it
Ciao, giusto per curiosità mi sono letto le caratteristiche di questo interessante pescetto: è scritto in diversi siti che è territoriale ed agressivo.
Curiosità mie: Da quanto tempo lo avevi? Quanti litri ha la vasca? Vegetazione?
EDIPRINT
Lo avevo da circa 2 settimane e rimaneva sempre rifugiato sotto un tronchetto senza mangiare uscendo solo a fare un giretto di notte. La vasca credo sia da 100 litri (100x24x35). La vegetazione è scarsissima, quasi inesistente
d...@libero.it
Mmm...   in questa pagina: http://www.pianetablu.info/educational/articoli/mio_acquario/gnathone... parlano di diverse specie di "Pesce elefante", alcune aggressive altre meno.... è una sorta di "pesce elettrico"!
Ha bisogno di abbondante vegetazione..
mi sà che è il pesce sbagliato nell'acquario sbagliato! :-(
EC
> parlano di diverse specie di "Pesce elefante", alcune aggressive altre meno.... è una sorta di "pesce elettrico"!
Quello venduto comunemente nei negozi e' G. petersii. Le altre specie diventano molto piu' grosse e alcune superano abbondantemente il metro di lunghezza.
EDIPRINT
gli ho dato per cena dei chroronomus se li è pappati tutti e finalmente si è calmato, Peccato pero' che 5 minuti prima che arrivassi con la nuova cena di vermetti vivi il mio simpatico pesce elefante si è letteralmente sbranato un pesciolino di cui neanche conoscevo il nome (comunque piccolino poco piu' grande di un neon). Testa e coda mozzate, il resto del corpicino... giaceva sul fondo!
EC
> gli ho dato per cena dei chroronomus se li è pappati tutti e finalmente si è calmato,
Comunque e' un pesce che deve crescere parecchio per cui o lo tieni sempre a panza piena o ti fa una strage.
> Testa e coda mozzate, il resto del corpicino... giaceva sul fondo!
Se non l'ha mangiato tutto dubito che sia fame quanto piuttosto aggressivita' e spazi ristretti.

Malattie

Mario De Lucia (2 gen 1999)
Pesce elefante questo sconosciuto!!!!!!!!
Qualcuno mi sa dire qualcosa riguardo questo individuo? Giace da due giorni sul fondo, sembra morto ma non lo è!!
Michele Ralli
Credevo di aver già risposto, tempo addietro, ad un altro messaggio circa lo stesso pesce...
Mi dispiace di "Suonare" eventualmente antipatico ma ... Gli elefante, SI LASCIANO AL NEGOZIO! Oppure si allestisce una vasca SOLO per loro.
Hanno, infatti, un apparato buccale molto piccolo, al di sotto di quella che sembra una proboscide (da cui il nome) con la quale scavano nel fondo dei loro luoghi di origine (esclusivamente limaccioso e quindi non particolarmente adatto a vasche "Comuni") per poi succhiare il cibo.
Se il fondo invece, come capita nella maggior parte dei casi nelle vasche dei nostri pesci, spesso "Di comunità", presenta delle asperità anche minime, le povere bestioline si feriscono, provocandosi delle irritazioni che impediscono loro di mangiare, per il dolore che avvertono, provocandone quasi invariabilmente la morte per inedia.
Da un consiglio datomi da un negoziante che mi pare di poter valutare "Esperto" (numerosi articoli scritti su varie riviste del settore) sembra che si possa far qualcosa, disponendo di fondo a granulometria particolarmente fine, fermando il filtro per il tempo necessario alla somministrazione del cibo e mettendo vicino al fondo cibo congelato di qualità e di dimensioni adatte. (larve bianche di zanzara, ad esempio) Sperando che possa servire ....
Eta Beta
>Qualcuno mi sa dire qualcosa riguardo questo individuo?
Esistono diversi pesci che portano questo nome, ma il piu' noto e facilmente reperibile e' Gnathonemus petersi, che come i suoi cugini arriva dai fiumi africani.
Ama vasche pacifiche, ben piantate ed ombreggiate, con un fondo MOLTO soffice (sabbia di fiume fine, terra, torba) dove andare in cerca di cibo con i suoi organi elettrici, piccoli gamberetti e vermi, sostanzialmente.
Di piu' non saprei, se non che tutti quelli che ho visto in vasche di comunita' con ghiaietto quarzoso come fondale hanno avuto vita breve (lo hanno gia' scritto comunque).
EC:
Di solito vendono Gnathonemus petersii ma in africa ci sono molti mormiridi e alcuni dei laghi africani superano agevolmente il metro di lunghezza e non sono tranquillissimi.
La proboscide praticamente e' il labbro inferiore ed e' un organo che gli serve per muoversi e cacciare (e' notturno).
Fra l'altro i mormiridi hanno il piu' grande cervello in rapporto al peso corporeo nel mondo animale.
Mauro S. (11 dic 1997)
Pesce elefante ammalato ed altre domande
1) ho un problema con un pesce elefante.. (di cui mi piacerebbe conoscere il nome reale): Dopo un attacco di ictiofiriasi all' acquario che lo contiene, 'lui' ha cominciato ad 'ammuffire' sul dorso, sul muso e sulla punta del naso, io ho inserito dell' I-cillin ed un coadiuvante Tetra di cui purtroppo ora non ricordo il nome, la domanda ovvia è: c'entra qualcosa il problemino con i puntini bianchi?? se si o no come posso risolverlo?? ...
Marco Armondi
> 1) ho un problema con un pesce elefante.. (di cui mi piacerebbe conoscere il nome reale):
Gnathonemus petersi.
>Dopo un attacco di ictiofiriasi all' acquario che lo contiene, 'lui' ha cominciato ad 'ammuffire'
Questo fenomeno l'ho notato anch’io. Si tratta di una specie di patina biancastra mucillaginosa. Secondo me non si tratta di un problema batterico, penso si tratti di una iper-secrezione di muco (caratteristica nei pesci privi di squame) dovuta all'attacco di qualche parassita della pelle.
Solitamente risolvo la questione trattando l'acqua con OCTOZIN un medicinale contro svariati protozoi.
Mauro S. (12 dic 1997)
Pesce elefante... epilogo
Ieri sera ho rilevato che le mucillagini erano completamente sparite dal pesce; ma nonostante l'aspetto apparentemente sano, ha cominciato a vagare come un cieco nella parte alta dell'acquario, questa mattina infine mi sembrava del tutto a posto, frequentava i soliti livelli bassi etc.etc. ma ecco che alle 14,00 rientrando a casa me lo sono trovato 'infilzato' sotto un legno che tentava di penetrare in una cavità inesistente per le sue dimensioni.... dopo averlo fatto uscire sollevando il legno ho notato un peggioramento totale, si muove lentissimamente, nuota a pancia in su e da 5/10 minuti prima che uscissi di casa non si è mosso quasi più! sigh-
Ing. Cane© (12 apr 2004)
Comportamento anomalo pesce elefante
ho da diverso tempo un pesce elefante, oggi, mentre stavo dando da mangiare ai pesci  è schizzato fuori dalla sua tana cominciando a nuotare capovolto, facendo strane evoluzioni, poi si è fermato capovolto come se fosse morto, è rimasto fermo per diversi minuti e poi ha ripreso a nuotare in modo strano!
Ora alterna momenti di "lucidità" in momenti in cui si deposita come morto.... che stia passando a miglior vita? Avete qualche idea su questo strano comportamento?
Armand Federico
Beh, spero di no, ma sinceramente non ho mai visto un elefante nuotare capovolto. Magari vuole farsi grattare come gli elefanti al circo?
Ing. Cane©
Purtroppo no! L'ho trovato morto stamattina!
Renato Zamboni
Questo tipo di pesci sono di difficile ambientamento essendo pesci di cattura, cioe' vengono prelevati nei luoghi di origine. Io sconsiglio sempre l'acquisto di questi pesci che nella maggioranza dei casi muore di fame in quanto mal si adattano ai cibi artificiali. Purtroppo la loro strana forma fa' si' che vengano richiesti e commercializzati in grande numero. :(
Ing. Cane©
Fantastico il mio negoziante, quando gli ho chiesto se era un pesce difficile da allevare mi ha detto : "stai tranquillo! che una volta venivano prelevati dai luoghi d'origine ora sono tutti d'allevamento e sono MOLTO piu resistenti..." infatti mi è durato 1 mese!!!
EC
> infatti mi è durato 1 mese!!!
Anche fosse d'allevamento e mangiasse il secco sarebbe da tenere da solo perche' molto piu' lento di qualsiasi coinquilino.
Renato Zamboni
> infatti mi è durato 1 mese!!!
Penso pero' che vengano allevati in Africa nei luoghi d'origine, usando acque e mangimi che si trovano in natura. Questi tipi di allevamento non rendono piu' forti i pesci allevati, diminuiscono solo il prelievo in natura, cosa molto importante ma che per la sopravvivenza del pesce in oggetto non ne aumenta le probabilita'di vita. :(

Elenco delle Specie presenti nel sito e appartenenti alla Famiglia

Gnathonemus petersii - Foto © Luiz Costai (Flickr)
Elephantnose fish, Pesce elefante
Aspettativa di vita: 10 anni
Dimensioni massime: 35 cm SL

Questa affascinante specie è quella che più comunemente viene venduta come 'pesce elefante', e purtroppo, come spesso accade, la sua popolarità non significa affatto che sia semplice da allevare, ma anzi ha bisogno di vasche e allestimenti adeguati alle sue esigenze, che non lo rendono affatto adatto ai comuni acquari di comunità.

Temperatura in natura: 22 - 28°C.
Valori pH in natura: 6.0 - 8.0

Aggiungi un commento

Avviso per chi vuole lasciare un commento: Questo è un sito amatoriale, che vuole diffondere una maggiore conoscenza e consapevolezza sulle specie allevate in acquario, ed è gestito da una sola persona. Se avete qualche commento da fare riguardo al sito o a questa pagina siete i benvenuti, ma per richieste d'aiuto e/o consigli per il vostro acquario è meglio rivolgervi dove ci sono più persone in grado di rispondervi, come i forum dedicati, posso consigliarvi i miei preferiti, acquariofiliafacile.it e acquarioacquadolce.it, per serietà ed attendibilità, ma ce ne sono molti altri :)

By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.