• No ai pesci giganti in acquario
  • No ai pesci rossi nella boccia
  • I pesci pulitori non esistono!
  • No ai pesci colorati artificialmente
  • No ai pesci combattenti nei vasi
  • No alle tartarughe nelle mini vaschette

Iriatherina werneri

Meinken, 1974

Anche se questa specie è ampiamente commercializzata, in realtà è piuttosto delicata ed ha alcuni requisiti di cura piuttosto specifici, quindi non è adatta ai principianti. Come tutti i pesci arcobaleno mostra la migliore colorazione e i filamenti più lunghi solo una volta raggiunta la maturità, dopo diversi mesi di allevamento in acquario.

Iriatherina werneri - Foto © Gunther Schmida

nome comune
Threadfin rainbowfish
dimensioni massime in natura
4 cm SL
aspettativa di vita
2-3 anni

Anche se questa specie è ampiamente commercializzata e riprodotta su scala commerciale per l'hobby acquariofilo, in realtà è piuttosto delicata ed ha alcuni requisiti di cura piuttosto specifici, quindi non è un pesce consigliato ai principianti. E' a volte chiamato anche 'rainbowfish featherfin', pesce arcobaleno dalle pinne a piuma.
Presenta una morfologia e un disegno della livrea particolari rispetto agli altri membri della famiglia Melanotaeniidae e il genere è rimasto monotipico (che comprende una sola specie) dalla descrizione di Meinken (1974). Esistono alcune prove che indicherebbero che le popolazioni del Territorio del Nord, in Queensland, e quelle della Nuova Guinea mostrano un grado di separazione genetica abbastanza grande da giustificare il riconoscimento come taxa distinti, ma questo attualmente non è ancora stato confermato.

Il genere può essere distinto dagli altri appartenenti alla famiglia Melanotaeniidae dalla seguente combinazione di caratteri: tutte le spine della prima pinna dorsale relativamente morbide e flessibili; 11-12 raggi molli nelle pinne anali; primi raggi della seconda dorsale e pinne anali estese in filamenti nei maschi; denti intermascellari esposti ridotti a una sola fila di 7-8 canini allargata. In termini di parentela evolutiva agli altri generi della famiglia che sembra cadere tra Melanotaenia e Rhadinocentrus.

Morfologia: Spine dorsali (totale): 7 - 10; Raggi dorsali molli (totale): 7; Spine anali 1; Raggi anali molli: 10 - 12

Esiste una stretta relazione tra il gruppo dei Melanotaeniidae e la famiglia malgascia dei Bedotiidae, che può sembrare sorprendente dati i loro rispettivi modelli distributivi moderni. L'origine precisa e la successiva dispersione delle due famiglie è stata oggetto di dibattito, in quanto alcuni palentologi ritengono che i pesci d'acqua dolce del Madagascar derivino da una dispersione trans-oceanica durante il Cenozoico, ma le argomentazioni più convincenti attualmente indicano una radiazione in acqua dolce che si è verificata durante la rottura di Gondwana nel Mesozoico.

distribuzione

Asia e Oceania: Nuova Guinea centro-meridionale e Australia settentrionale

habitat

Ambiente demerso, acqua dolce, clima tropicale
Abita le paludi dei bassopiani, fosse di drenaggio e torrenti con poca corrente e con abbondante vegetazione. E' molto comune lungo gli argini fortemente vegetati di lagune e piccoli torrenti.
Mostra una preferenza per zone con meno corrente, paludi d'acqua dolce, lagune e pozze naturali contenenti acqua limpida e macrofite abbondanti. Si trova comunemente nelle zone pesantemente vegetate lungo gli argini, a meno di 1,5 m di profondità e spesso associate con ninfee galleggianti. Sul posto sono state registrate temperatura di 22-32°C e pH di 5,2-7,5.
Si è osservato che le femmine e i giovani si raggruppano in banchi mentre i maschi sessualmente attivi formano territori temporanei in acque aperte da cui si mostrano agli altri maschi e alle femmine mature. La deposizione delle uova avviene durante i mesi caldi dell'anno.

Iriatherina werneri habitat, Wenlock River - photo © Gary Moores

Iriatherina werneri habitat, Wenlock River - photo © Gary Moores

temperatura in natura
26 - 30°C
valore pH in natura
6.0 - 8.0
valori acqua in natura
dH range: 5 - 12
allevamento

Dimensioni minime dell'acquario: 80 cm di lunghezza per un gruppo di 8-10 esemplari, sono piccoli ma hanno bisogno di nuotare, come tutti i pesci arcobaleno.
Sta al meglio in una vasca densamente piantumata ed è una scelta eccellente per gli allestimenti di tipo olandese. Apprezzano molto anche l'aggiunta di piante galleggianti per schermare la luce e radici, legni o rami che danno una sensazione più naturale. Se si desidera aumentare il numero di avannotti che sopravvivono nella vasca degli adulti è consigliabile aggiungere piante a foglia fine come muschio acquatico del genere Taxiphylum. La filtrazione non deve essere particolarmente forte in quanto provengono principalmente da acque pigre e non apprezzano affatto la corrente veloce. Non inserite questi pesci in un acquario biologicamente immaturo in quanto possono reagire negativamente alle oscillazioni nella chimica dell'acqua.

Comportamento e compatibilità: E' un pesce molto tranquillo, ma non è adatto agli acquari di comunità in generale, poiché facilmente viene battuto nella competizione per il cibo, e le lunghe pinne dei maschi maturi possono essere stroncate dai morsi di alcune specie comuni. E' meglio allevarli da soli o insieme a pesci di uguali dimensioni e disposizione, come Pseudomugil, o, se la geografia non è un problema, con Microdevario, Danionella, Eirmotus, Trigonostigma, Corydoras pygmaeus, piccoli loricaridi come Otocinclus e gamberetti d'acqua dolce dei generi Caridina e Neocaridina.
E' una specie che in natura vive in banchi, e dovrebbe essere allevata in un gruppo di almeno 6 esemplari, l'ideale è di 10 o più. Allevarli in tali numeri non solo rendere i pesci meno nervosi, ma si traduce nella visualizzazione di un aspetto più effettivo e naturale. I maschi potranno anche mostrare i loro migliori colori e alcuni comportamenti affascinanti quando dovranno competere tra loro per l'attenzione delle femmine.

alimentazione

In natura si nutre di fitoplancton galleggiante o sospeso, diatomee, e altro zooplancton, e in acquario devono essere offerti alimenti di dimensioni adeguate alla sua piccola bocca. Idealmente una gran parte della dieta dovrebbe comprendere alimenti vivi come Daphnia, Moina, naupli di Artemia, microworm, copepodi, etc, anche se sono accettati anche mangimi secchi galleggianti tritati/di piccole dimensioni.

comportamento riproduttivo
Specie che rilascia le uova in acque aperte. Non si cura della prole.
dimorfismo sessuale
I maschi adulti possiedono le pinne impari e pelviche più estese, e sono più grandi e più colorati delle femmine.
riproduzione

Questa specie depone le uova in acque aperte e non presenta alcuna cura parentale, anzi si ciba delle proprie uova e avannotti se ne viene data l'opportunità.
La deposizione delle uova è più probabile quando la temperatura arriva verso i 30°C; le femmine sono in grado di deporre alcune uova al giorno per un periodo di diversi giorni. Un maschio può accoppiarsi anche con più femmine in una singola giornata, e la deposizione delle uova continua di solito durante le ore diurne dei periodi più caldi.
I maschi spesso si parano davanti alle femmine, quando sono nel periodo riproduttivo, e sembrano preferire farlo sotto la copertura della vegetazione galleggiante. Tutta la colorazione si intensifica, la prima pinna dorsale arrotondata viene tenuta eretta e i raggi filamentosi della seconda pinna dorsale e di quelle anali vengono mossi ritmicamente per invogliare una compagna. Una femmina ricettiva sceglierà un sito per la deposizione delle uova, in genere tra le radici delle piante galleggianti o un cespuglio di vegetazione a foglie fini, e quando ha scelto rimarrà a stazionare sul posto, fino a che lì entrambi i pesci espelleranno contemporaneamente uova e sperma.

Esistono due metodi di base per la riproduzione in acquario.
La prima prevede di isolare un piccolo gruppo di pesci, comprendente un singolo maschio e due o tre femmine, in un contenitore con un filtro a spugna ad aria e un supporto per la deposizione, sotto forma di mop di nylon o muschio acquatico. Il mezzo va controllato più volte al giorno e le eventuali uova rimosse e messe in un contenitore separato per l'incubazione e la schiusa.
L'alternativa è di allevare una colonia di adulti in un acquario più grande, completamente arredato, che, se ben piantumato, dovrebbe consentire ad alcuni avannotti di sopravvivere. Poiché questi ultimi trascorrono la prima parte della loro vita vicino alla superficie dell'acqua, una buona quantità di muschio acquatico di dal genere Taxiphylum attaccato agli arredi in modo che stia alto nella colonna d'acqua e vicino alla superficie, sembra produrre i risultati più favorevoli, ma vanno bene anche piante galleggianti con radici pendenti. Questo secondo approccio è normalmente meno produttivo, ma più semplice e affidabile, in quanto un acquario maturo e piantumato agevola condizioni di acqua relativamente stabili e la microfauna residente può costituire una preziosa fonte di cibo per gli avannotti. Quando si isolano le uova e si fanno crescere artificialmente gli avannotti, possono sorgere dei problemi sia con l'alimentazione che la qualità dell'acqua, a causa delle loro dimensioni incredibilmente ridotte e della loro natura delicata. L'acqua vecchia può provocare mortalità elevata tra gli avannotti, pertanto sono essenziali piccoli cambi d'acqua regolari e non dovrebbe essere consentito ai resti di cibo di accumularsi nell'acquario di accrescimento.
Gli avannotti sono anche abbastanza selettivi per quanto riguarda le dimensioni preferite per le prede man mano che crescono, quindi se si utilizza cibo vivo possono essere necessarie colture di diversi tipi. Possono anche essere allevati tramite mangimi in polvere secchi di buona qualità, alcuni dei quali sono disponibili in granulometrie incrementate gradualmente. Devono essere offerti piccoli pasti almeno due volte al giorno. Il tasso di crescita è generalmente lento per il primo paio di settimane, ma può essere migliorato con l'uso di cibo vivo, e il tasso di crescita più veloce e più lento degli avannotti può richiedere a un certo punto la separazione dei più grandi, che battono i più piccoli nella competizione per il cibo e possono considerarli delle prede.

SL (Standard Lenght)
Lunghezza standard, è la lunghezza del pesce calcolata dalla punta del muso al peduncolo caudale (esclusa quindi la coda)
TL (Total Lenght)
Lunghezza totale, è la lunghezza del pesce calcolata dalla punta del muso alla punta della coda (quindi coda compresa)
Demerso
specie che vive in prossimità del fondo del mare. I pesci demersi si dividono principalmente in due tipi: Bentonici e Bentopelagici
Bentonica
specie che vive e che è legata al fondo
Bentopelagica
specie che vive sia sul fondo o vicino ad esso, sia nel livello medio dell'acqua
Pelagica
specie che vive lontano dal fondo, in acque aperte
Diadroma
specie che migrano tra acque salate e acque dolci
Anadroma
specie che che vive per la maggior parte del tempo in acque salate e si riproduce in acque dolci
Catadroma
specie che vive in acque dolci e si riproduce in acque salate
Anfidroma
specie che si muove indifferentemente da acque dolci ad acque salate
Potamodroma
specie che migra all'interno di acque dolci
Oceanodroma
specie che migra all'interno di acque salate

Aggiungi un commento

Avviso per chi vuole lasciare un commento: Questo è un sito amatoriale, che vuole diffondere una maggiore conoscenza e consapevolezza sulle specie allevate in acquario, ed è gestito da una sola persona. Se avete qualche commento da fare riguardo al sito o a questa pagina siete i benvenuti, ma per richieste d'aiuto e/o consigli per il vostro acquario è meglio rivolgervi dove ci sono più persone in grado di rispondervi, come i forum dedicati, posso consigliarvi i miei preferiti, acquariofiliafacile.it e acquarioacquadolce.it, per serietà ed attendibilità, ma ce ne sono molti altri :)

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.