• No ai pesci giganti in acquario
  • No ai pesci rossi nella boccia
  • I pesci pulitori non esistono!
  • No ai pesci colorati artificialmente
  • No ai pesci combattenti nei vasi
  • No alle tartarughe nelle mini vaschette
Tempo di lettura
4 minuti
Letto finora

Esperienze personali con i Kryptopterus vitreolus (E. Cattani)

Sab, 28/Feb/2015 - 22:31
Posted in:
0 comments

...conosciamo un po' meglio i pesci coltello di vetro asiatici

post di Enrico "pike_cichlids" sul forum di ciclidi.net

Kryptopterus vitreolus

...potrebbe essere interessante conoscere le abitudini di questo pesce visto che nei negozi risulta abbastanza comune (anche se viene venduto con altri nomi).

Fin dal mio inizio con gli acquari sono sempre stato affascinato da questo siluride, specialmente dal modo in cui si muove in gruppo. Sono partito da un gruppo di 6 esemplari presi in un ruscelletto thailandese vicino al mare e adesso ho una cinquantina di individui (vorrei arrivare a 300).
I valori dell'acqua al momento della cattura erano abbastanza bassi. Io in acquario li tengo ad un grado di pH in piu' e non ho avuto bisogno di abbassarli perche' in primavera estate e autunno si riproducono tranquillamente. Invece in inverno no per via delle temperature troppo basse (se vi ricordate io non uso termostati nelle vasche).

E' un parente del siluro ma a differenza di questo ha un'attivita' a livelli piu' alti e difficilmente mangia sul fondo. Abbastanza timido si muove spesso in gruppo con un effetto che a me piace molto. Vivono sia in acqua corrente che ferma. Al momento sono ancora in un 100 litri (mi piace vederli compatti) ma presto li spostero' in 300.

Alimentazione

L'alimentazione non e' sempre facile. Con il vivo non hanno problemi e sono voracissimi mentre con il secco sembrano non mangiare ma nutriti per mesi con secco crescono comunque per cui qualcosa mangiano di sicuro.
E' sempre problematico capire se mangiano o no, perche' uno dice che sono pesci gatto e quindi sono voracissimi ma non sempre e' cosi' e richiedono condizioni particolari per alimentarsi. Intanto il cibo deve essere a grandezza bocca, altrimenti non lo prendono in considerazione e non deve muoversi nemmeno tanto. Con dafnie o altri piccoli crostacei sarebbe meglio spegnere le pompe per dargli modo di inseguire bene la preda. Sono comunque pesci velocissimi se vogliono e quando parte la frenesia alimentare non capiscono piu' nulla, come molti caracidi, pero' hanno limiti di alimentazione. Per esempio non mangiano mai sul fondo come farebbe un qualsiasi pesce gatto o non insegono la preda per lunghi tratti. In natura, per quel poco che sono riuscito a vedere, aspettano le prede in gruppi molto compatti e la corrente gliele porta direttamente in bocca o le afferrano con lievi movimenti della testa, aiutati dai baffi (l'acqua in genere e' sempre torbida). Per vedere se mangiano puoi guardare l'intestino che si colora del cibo che hanno ingerito. L'intestino e' cortissimo per cui non mangiano tanto, anzi non ho mai visto un pesce mangiare cosi' poco, pero' devono mangiare continuamente, tante volte al giorno. Per i morti, se escludiamo la fame, possiamo prendere in considerazioni i duelli all'interno del gruppo. Alle volte si menano tanto e se le gerarchie non sono stabilite in fretta ci puo' scappare il morto perche' hanno una velocita' di attacco fulminante.

La Riproduzione

Non sono certo come i ciclidi ma qualche inseguimento e balletto per accoppiarsi lo fanno. Per il dimorfismo non riesco a capire. Riconosco maschio e femmina al momento della riproduzione solo per il comportamento o prima quando nella femmina si vedono in trasparenza le uova. Altrimenti no ma come ripeto la mia e' una vasca buia e non riesco a vedere bene i particolari.

La vasca e' senza luci e replica un po', a parte i valori dell'acqua, il posto in cui li ho trovati. Non e' arredata ed ha solo sabbia e qualche legnetto o stelo. I legnetti e gli steli sono utili per raccogliere le uova che rimangono appiccicate. Invece le uova che cadono sul fondo non sono mai riuscito a salvarle perche' marciscono. 

Ho provato sia con il mop che con il muschio ma le uova ammuffiscono subito. O almeno dovrei prelevarle all'istante e spostarle ma io non sono quasi mai in casa. Invece con gli steli posso prelevarle quando me ne accorgo e poi spostarle senza problemi di ammuffimento. Probabilmente e' un problema di circolazione d'acqua. Poi comunque adesso devo prelevarle abbastanza in fretta perche' ho messo dentro delle lumache che se le possono mangiare.

I piccoli li nutro con rotiferi, naupli di artemia, cyclops, dafnie, vermetti e ostracodi. Per la verita' gli ostracodi non li predano tanto perche' non hanno una posizione consona e preferiscono prede che si muovono in acqua libera. Poi a taglia avanzata uso anche larve di zanzara e avannotti di ciclidi che non vuole nessuno (in genere bocourti o robertsoni).

Convivenze improbabili

Veramente neanche io avrei mai pensato di farli convivere con lo mbuna piu' stressante e rompiballe, e non avrei mai osato tanto se non fosse capitato per caso. Avevo liberato la vasca da kryptopterus (erano piu' di un centinaio) e pangio (anche questi erano tantissimi) e non mi sono accorto che ce n'erano 7 nel filtro. Poi ho usato la vasca per callochromis e melanochromis (la convivenza fra questi due generi e' interessantisima perche' si vedono benissimo i limiti di aggressivita' delle relative specie) e quando i melano sono andati a staccare i tappini del filtro sono saltati fuori i kryptopterus. Me ne sono accorto che ero di fretta e stavo andando in ufficio e sono partito con l'intenzione di spostarli alla sera. Io di solito rientro verso le 23, 24 e poi mi sono dimenticato, come mi osno dimenticato nei 3 giorni successivi. Ormai li davo per morti e quando poi li ho visti belli tranquilli ho contuinuato a tenerli con callo (pleurospilus) e melano (auratus). Non ci sono particolari problemi, se non quando partono i combattimenti tremendi fra maschi di auratus. Qui si defilano perche' capiscono che tira aria brutta ma poi tornano ad avvicinarsi agli auratus. Il fatto che ci sia una femmina con le uova indica che i pesci non sono affato stressati perche' e' difficilissimo riprodurre questa specie. In malesia avevo chiesto come fanno gli allevatori a riprodurli ma sembra che sia un segreto nazionale e non te lo dice nessuno. Poi ho scoperto che si possono tranquillamente riprodurre in acquario anche se gli asiatici useranno sicuramente altre tecniche con risultati molto piu' redditizi.

post di Enrico "pike_cichlids" sul forum di ciclidi.net

Aggiungi un commento

Avviso per chi vuole lasciare un commento: Questo è un sito amatoriale, che vuole diffondere una maggiore conoscenza e consapevolezza sulle specie allevate in acquario, ed è gestito da una sola persona. Se avete qualche commento da fare riguardo al sito o a questa pagina siete i benvenuti, ma per richieste d'aiuto e/o consigli per il vostro acquario è meglio rivolgervi dove ci sono più persone in grado di rispondervi, come i forum dedicati, posso consigliarvi i miei preferiti, acquariofiliafacile.it e acquarioacquadolce.it, per serietà ed attendibilità, ma ce ne sono molti altri :)

By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.