• No ai pesci giganti in acquario
  • No ai pesci rossi nella boccia
  • I pesci pulitori non esistono!
  • No ai pesci colorati artificialmente
  • No ai pesci combattenti nei vasi
  • No alle tartarughe nelle mini vaschette
Tempo di lettura
10 minuti
Letto finora

L'Allevamento dei Labirintidi

Ven, 26/Dic/2008 - 21:28
Posted in:
7 comments

Consigli e suggerimenti generali per allevare i pesci del gruppo dei labirintidi nella maniera più adatta, rispettando le loro esigenze

Trichogaster lalius (era Colisa laia) - Foto © cangaroojack (Flickr)

Il sottordine Anabantoidei raggruppa principalmente pesci piccoli e molto colorati, ideali per l'allevamento in acquario; ci sono però anche gli appartenenti al genere Osphronemus, che con i loro 70 cm. di lunghezza costituiscono un cibo molto apprezzato dagli abitanti locali delle zone in cui vivono in natura.

Siccome i pesci raggruppati come 'labirintidi' sono tutti respiratori d'aria atmosferica, è importante, specialmente per avannotti e giovani, che l'aria sopra l'acqua sia umida e circa della stessa temperatura dell'acqua; per questo motivo molti raccomandano per queste specie acquari chiusi (anche se devo dir la verità molte persone li allevano in vasche aperte senza particolari problemi; l'importante è che la vasca sia in un ambiente caldo, come in casa, e non ci sia troppa differenza tra la temperatura dell'acquario e quella esterna)

Nella maggior parte delle specie il labirinto è così sviluppato che prendere delle boccate d'aria atmosferica non è più facoltativo ma diventa una vera e propria necessità; infatti quasi tutti i pesci di questo sottordine potrebbero "affogare" se venisse loro impedito di raggiungere la superficie dell'acqua, senza alcun collegamento con il livello d'ossigeno presente nell'acqua.

La maggior parte delle specie non tollera acque salmastre.


Entrando un po' più nello specifico delle specie che ho allevato, un acquario allestito per i labirintidi, in particolar modo per Trichogaster e Trichopodus, deve prevedere molte piante, meglio se a foglia fine e molto ramificate, che raggiungano il pelo dell'acqua, non solo per consentire l'ancoraggio del nido di bolle, ma soprattutto per offrire riparo e nascondigli per le femmine, che in genere sono tartassate dai maschi fino allo sfinimento.
Delle belle piante che formino cespugli ben fitti consentiranno alla femmina di sottrarsi facilmente allo sguardo del maschio, e le consentiranno una vita più tranquilla.

Non è detto comunque che i maschi siano così aggressivi, però è più facile che lo siano... specialmente i Trichopodus trichopterus (ex Trichogaster trichopterus) sono famosi per la loro aggressività, con una coppia di questa specie è facile che la femmina stia nascosta per la maggior parte del tempo, così la vedrete poco; i Trichopodus leerii sono più tranquilli, in ne avevo una coppia che conviveva molto pacificamente, senza mai una scaramuccia, ma anche tra di loro si nascondono i peperini :-)

La stessa cosa vale anche per i Trichogaster lalius (ex Colisa lalia): il maschio è in genere molto aggressivo non solo con le femmine (talvolta si consiglia di metterne anche 2 o 3 di femmine, per dar loro modo di "spartirsi" le sue poco cordiali attenzioni) ma anche con i maschi della sua stessa specie: ho letto da più parti di non mettere mai due o più maschi di Colisa nella stessa vasca: ne resterà uno solo! :-)

Un'altra caratteristica che deve avere un acquario dedicato ai labirintidi, è quella di non avere un filtraggio molto veloce, ossia l'acqua in uscita dal filtro non deve formare una corrente troppo forte, ma deve essere il più possibile tranquilla, magari diretta verso il basso e non verso la superficie, perchè sono pesci che vivono i paludi e campi allagati, quindi in acque ferme, e sono quindi abituati ad acque tranquille e relativamente povere d'ossigeno (non per niente hanno il labirinto :-)). Inoltre la scarsa corrente superficiale consentirà loro di costruire il loro nido senza troppa fatica :-).

E adesso parliamo anche di dimensioni: i Trichogaster lalius (ex Colisa lalia) rimangono relativamente piccoli, ma non sono adatti ad acquari piccoli proprio per l'aggressività del maschio: in un acquario da 20 litri la femmina dove va a nascondersi?
Io cercherei di non andare sotto i 60 litri; agli acquari da 40 litri riserverei solo i (Trichogaster chuna (ex Colisa chuna) che sono più piccoli e più tranquilli dei lalia.

Per i Trichogaster più grandi e per i Trichopodus, più aggressivi nei confronti non solo della femmina ma talvolta anche verso i coinquilini, occorre considerare anche che da adulti possono raggiungere una lunghezza di 12 - 15 cm., per cui la vasca dovrebbe essere non meno di 100 litri.

Altra cosa da considerare è l'area della superficie dell'acqua, nel caso si vogliano allevare più coppie, perchè hanno bisogno di un po' di spazio per il nido di bolle, in più intorno al nido difendono il loro territorio senza far avvicinare nessuno, per cui se la superficie non è ampia è meglio tenere una coppia sola, per evitare che i due maschi si picchino fino alla morte (a volte non è che si ammazzino direttamente di botte, ma chi tra i due perde gli scontri rimane poi talmente sottomesso che in genere muore di stress).

Per quanto riguarda i valori dell'acqua, preferiscono acqua tenera e leggermente acida, la temperatura deve essere abbastanza alta, dai 24° ai 28°: non deve essere inferiore ai 22°, altrimenti crescono male. Non dimentichiamo che in natura le acque basse e stagnanti che abitano sono anche molto calde!
E' importante cambiare spesso l'acqua e mantenerla pulita, perchè i Colisa sono pesci che si ammalano facilmente in condizioni di cattiva qualità dell'acqua.

L'Atlante di Aquarium - Mergus - riferisce che i Trichogaster e i Trichopodus sono molto longevi, e raggiungono un'età di 8-10 anni.

Anabas testudineus - Foto © Zhou Hang
Climbing Perch
Aspettativa di vita: 8-10 anni
Dimensioni massime: 25 cm TL anche se alcune forme non superano i 12 cm

Questa specie non è particolarmente popolare nel commercio acquariofilo, ma è senza dubbio interessante nonostante la sua scialba colorazione. Oltre alla sua capacità di sopravvivere in assenza di acqua è anche in grado di produrre suoni udibili, anche se il loro scopo non è stato completamente studiato.

Temperatura in natura: 22 - 30°C
Belontia hasselti - Photo © Nonn Panitvong

Aspettativa di vita: 7-8 anni
Dimensioni massime: 20 cm TL

Diventa abbastanza grande ed è una specie predatrice piscivora, per cui il suo allevamento non è adatto ai comuni acquari di comunità, ma solo a vasche molto grandi dove venga allevata in compagnia di specie delle pari dimensioni.

Temperatura in natura: 25 - 30°C.
Valori pH in natura: 5.5 - 8.0
Belontia signata - Photo © Zhou Hang
Malay combtail, Java Combtail
Aspettativa di vita: 7-8 anni
Dimensioni massime: 18 cm TL

Bel pesce dalla colorazione rossastra, diventa abbastanza grande ed è un predatore, per cui il suo allevamento non è raccomandato per i comuni acquari di comunità, anche se può essere allevato insieme ad altri pesci dalle pari dimensioni in vasche molto grandi.

Temperatura in natura: 24 - 28°C.
Coppia di Betta albimarginata che sta iniziando il corteggiamento - Foto © Zhou Hang

Aspettativa di vita: 6 - 8 anni
Dimensioni massime: 2.8 cm SL

Dalla livrea inconfondibile, non è facile da trovare in commercio, ed è una specie in cui il padre incuba le uova in bocca e lì custodisce anche gli avannotti fino a che non sono indipendenti.

Betta hendra, maschio - Foto © Sumer Tiwari (reef2rainforest.com)

Aspettativa di vita: 5 anni
Dimensioni massime: 4.2 cm SL

Raramente disponibile nel commercio acquariofilo indicata come Betta sp. 'Sengalang/Palangkayara' o Betta sp. 'Sebangua', è una splendida specie di Betta che costruisce nidi di bolle.

Temperatura in natura: 22 - 28°C
Valori pH in natura: 5.5 - 7.5
Giovane esemplare di Betta midas catturato in una palude di torbavicino ad Anjugan, provincia del Kalimantan occidentale, Borneo - Foto © Michael Lo (Ibanorum.netfirms.com)

Aspettativa di vita:
Dimensioni massime: 6.6 cm SL

Questa specie è stata in passato commercializzata come Betta anabatoides e la maggior parte delle sue foto etichettate allo stesso modo; sembra quindi che in realtà foto e immagini dei veri Betta anabatoides siano abbastanza rare.

Temperatura in natura: 22 - 28°C
Valori pH in natura: 3.5 - 6.5
Betta pardalotos - Foto © Stefan Van der Voort

Aspettativa di vita:
Dimensioni massime: 7.2 cm SL

Un'altra specie di Betta molto poco conosciuta e quasi introvabile in commercio.

Temperatura in natura: 22 - 27°C
Valori pH in natura: 4.0 - 6.5
Betta prima - Foto © Nonn Panitvong

Aspettativa di vita:
Dimensioni massime: 5.0 cm SL

Specie molto rara da trovare in commercio, è stata molto spesso identificata erroneamente come Betta pugnax o Betta taeniata.

Temperatura in natura: 23 - 27°C
Valori pH in natura: 4.0 - 7.0
Betta pugnax dal fiume Lenggor, Malesia - Foto © Zhou Hang
Penang betta
Aspettativa di vita: 3 - 5 anni
Dimensioni massime: 6.7 cm SL

E' una specie che si può allevare in piccoli gruppi, e anzi è proprio così che mostra i comportamenti più interessanti; inoltre essendo anche in natura trovata in un'ampia varietà di habitat, è molto adattabile anche in acquario.

Temperatura in natura: 24 - 28°C
Valori pH in natura: 7.1 - 7.6
Betta siamorientalis - Foto © Frank Schafer (Seriouslyfish.com)

Aspettativa di vita:
Dimensioni massime: 3.6 cm SL

Considerata in passato una forma di colore di Betta imbellis, solo grazie all'analisi del DNA è stata riconosciuta come specie a se stante.

Temperatura in natura: 22 - 28°C
Valori pH in natura: 5.5 - 7.5
Maschio adulto di Betta simplex, tipo 2 con livrea aggressiva - Foto © Zhou Hang

Aspettativa di vita:
Dimensioni massime: 8.0 cm TL

Una tra le più belle specie di Betta incubatori orali, in cui il maschio custodisce le uova in bocca fino alla schiusa.

Temperatura in natura: 22 - 26°C
Valori pH in natura: 7.0 - 8.0
Betta splendens Halfmoon orange - Foto © Jerome Picard
Siamese fighting fish
Aspettativa di vita: 6 - 8 anni
Dimensioni massime: 6.5 cm TL (coda inclusa)

La forma selvatica dei Betta splendens si vede molto raramente nel commercio acquariofilo, mentre ne esistono innumerevoli ceppi ornamentali che variano enormemente in colorazione, pinne, qualità e prezzo. Come tutti gli altri pesci vanno allevati in un acquario degno di questo nome, non in bettiere o loculi inferiori ai 30 litri.

Temperatura in natura: 24 - 30°C
Valori pH in natura: 6.0 - 8.0
Ctenopoma acutirostre
Leopard Bushfish
Aspettativa di vita: 15 - 20 anni
Dimensioni massime: 15 cm TL

Specie molto robusta, che diventa abbastanza grande per i comuni acquari domestici ed è anche un abile predatore... ha un'aspettativa di vita molto lunga (può sopravvivere per oltre 15 anni, se curato adeguatamente) e mostra comportamenti molto interessanti.

Temperatura in natura: 20 - 25°C
Valori pH in natura: 6.0 - 8.0
Ctenopoma weeksii - Foto © Hippocampus-bildarchiv.com
Mottled Bushfish
Aspettativa di vita: 15 - 20 anni
Dimensioni massime: 12 cm TL

Specie tranquillama predatrice, per cui non va allevata con pesci più piccoli. Ha la capacità di cambiare colore molto rapidamente se è spaventato, quando assume un aspetto screziato.

Temperatura in natura: 24 - 28°C
Valori pH in natura: 6.2 - 7.2
Ctenops nobilis, maschio - Foto © Frank Schafer (Aquarium Glaser GmbH)
Frail gourami
Aspettativa di vita: 4 - 5 anni
Dimensioni massime: 10 cm TL

Unica specie del genere Ctenops, di solito è considerata molto difficile da allevare, mentre in realtà è abbastanza adattabile una volta acclimatata, il problema è che quelli in vendita sono spesso in cattive condizioni perché reagiscono molto male allo stress del trasporto e spedizione.

Temperatura in natura: 20 - 24°C
Esemplare adulto di Helostoma temminckii che ha raggiunto i 30 anni di età - Foto © Kjell Nilsson (Fishbase.org)
Kissing gourami
Aspettativa di vita: 25 - 30 anni
Dimensioni massime: 30 cm TL

Anche se i cosiddetti 'sbaciucchioni' sono tra i pesci più diffusi in commercio, non sono in realtà adatti alla maggior parte degli acquari domestici, a causa del loro carattere e delle dimensioni da adulti. Il fatto che si vedano così tanti giovani nei negozi e nelle vasche degli acquariofili ma nessun adulto, la dice lunga su quale sia la loro aspettativa di vita in acquario.

Temperatura in natura: 22 - 28°C
Valori pH in natura: 6.0 - 8.0
Luciocephalus pulcher (Pikehead) - Foto © Hristo Hristov
Pikehead
Aspettativa di vita: 7-8 anni
Dimensioni massime: 20 cm TL

Ha giustamente la fama di essere una specie difficile da allevare in cattività, ed è consigliato solo per gli appassionati in grado di fornirgli la dieta specializzata e le cure di cui ha bisogno per rimanere in salute a lungo termine. In realtà se ben acclimatato e ben nutrito (il cibo vivo è un pre-requisito essenziale per allevarlo con successo in acquario) si rivela molto resistente e insolito.

Temperatura in natura: 22 - 26°C
Valori pH in natura: 3.0 - 5.0
Macropodus ocellatus - Foto © Chen Hung-Jou
Roundtail paradisefish
Aspettativa di vita: 6 - 8 anni
Dimensioni massime: 6.2 cm SL

Macropodus ocellatus, così come Macropodus spechti, è abbastanza conosciuto dagli appassionati di labirintidi ma deve ancora raggiungere una più ampia popolarità, e non è facile da trovare in commercio.

Temperatura in natura: 04 - 25°C
Valori pH in natura: 6.0 - 7.5
Macropodus opercularis - Foto © Hippocampus-bildarchiv.com
Paradise fish, Pesce del Paradiso
Aspettativa di vita: 6 - 8 anni
Dimensioni massime: 7 cm SL (coda esclusa)

Chiamato "pesce del paradiso" per la bella colorazione e le lunghe pinne, è uno dei pesci che hanno fatto la storia dell'acquariofilia, secondo solo al Carassius auratus, il pesce rosso, e come lui non è adatto a molti dei comuni acquari di comunità.

Temperatura in natura: 16 - 26°C
Valori pH in natura: 6.0 - 8.0
Macropodus spechti, Black Paradise Fish, maschio

Aspettativa di vita: 6 - 8 anni
Dimensioni massime: 10 cm SL

Bella specie che si sta diffondendo in commercio soltanto ultimamente, nella letteratura acquariofila più vecchia era nota come Macropodus concolor

Temperatura in natura: 20 - 26°C
Valori pH in natura: 6.5 - 7.8

Commenti

Ho comprato da 10 ore una coppia di Colisa lalia , una di Barbus conchonius e 2 Pangio kuhli. Assieme a 6 piantine di Sinnema e ad un' altra decina di piante filiformi (di cui non mi ricordo il nome). La femmina di colisa è (ma lo era già da prima) gonfia , io ritenevo fosse una malattia ma leggendo svariati articoli ho supposto sia incinta (sarà vero?); il maschio invece ha da poco iniziato a formare raggruppamenti di bollicine in giro per l' acquario ma il filtro (ahimè a potenza assai elevata) stà spingendo tutto il suo "lavoro" lungo i bordi dell' acquario e sono disperato perchè probabilmente si stanno per accoppiare! come posso fare?

Ciao, se vuoi che il maschio possa costruire il nido, la superficie dell'acqua deve essere tranquilla. O abbassi la potenza del filtro, o dirigi il getto verso una parete vicina in modo che si smorzi, o allunghi il tubo d'uscita sempre per smorzare il flusso, o vedi tu che sai com'è il tuo acquario come fare... i labirintidi sono pesci "da risaia", da acqua tranquilla e stagnante, non vivono bene in tanta corrente, non soltanto se stanno pensando di riprodursi.

Ciao, secondo me se sei sicuro che le uova ci sono già, nella vaschetta da 10 litri va messo solo il papà, non tutti e due i genitori, perchè è solo il maschio che cura la prole, la femmina dopo la deposizione viene scacciata dal maschio, e in una vasca così piccola potrebbe vedersela brutta!!

Aggiungi un commento

Avviso per chi vuole lasciare un commento: Questo è un sito amatoriale, che vuole diffondere una maggiore conoscenza e consapevolezza sulle specie allevate in acquario, ed è gestito da una sola persona. Se avete qualche commento da fare riguardo al sito o a questa pagina siete i benvenuti, ma per richieste d'aiuto e/o consigli per il vostro acquario è meglio rivolgervi dove ci sono più persone in grado di rispondervi, come i forum dedicati, posso consigliarvi i miei preferiti, acquariofiliafacile.it e acquarioacquadolce.it, per serietà ed attendibilità, ma ce ne sono molti altri :)

By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.