• No ai pesci giganti in acquario
  • No ai pesci rossi nella boccia
  • I pesci pulitori non esistono!
  • No ai pesci colorati artificialmente
  • No ai pesci combattenti nei vasi
  • No alle tartarughe nelle mini vaschette

I pesci pulitori NON ESISTONO!

I pesci non vanno comprati per la loro presunta funzione di pulitori, ma perché piacciono e perché sono interessanti da osservare. Dobbiamo essere noi a rispettare le loro esigenze, non loro a dover svolgere un lavoro in vece nostra: i pesci non sono attrezzi, e non possono sopravvivere solo con gli scarti degli altri...

Tempo di lettura
4 minuti
Letto finora

I carnivori - Pseudacanthicus e Scobinancistrus (D. Stevens)

Lun, 02/Dic/2013 - 16:00
Posted in:
0 comments

Per chi è convinto che i "pesci-ventosa" siano sempre e solo dei mangia-alghe, in questo articolo vengono presentati e descritti due splendidi loricaridi brasiliani che sono prettamente carnivori, e come tali vanno alimentati in acquario, per preservarli in buona salute

Traduzione dell'articolo:
"The carnivores – Pseudacanthicus and Scobinancistrus" di Darren Stevens
sul sito della FNZAS, Federation of New Zealand Aquatic Societies, che potete leggere al link seguente nella versione originale in inglese.
Pubblicato la prima volta su Aquarium World, maggio 2010

Scobinancistrus aureatus Goldie di 7 cm di lunghezza - Foto © Darren Stevens (FNZAS.org.nz)

Sebbene la maggior parte dei cosiddetti "Pleco" siano erbivori o onnivori, ci sono alcuni Pleco che sono invece prevalentemente carnivori, tra cui due bellezze spettacolari - il "Leopard Cactus Pleco" e il "Goldie Pleco".

Questi Pleco diventano grandi e possono essere aggressivi - in particolare da adulti, e quindi sono adatti solo per le vasche grandi con abbondanza di ripari e barriere visive. I Pleco carnivori vanno alimentati con una dieta variata e ricca di proteine, insieme ad un po' di verdura. Io nutro i miei con pellets per pesci carnivori, gamberetti, pellets a base di gamberetti, pesci, cozze congelati, chironomus, wafer di alghe e zucchine.

Pseudacanthicus

Pseudacanthicus significa "false spine" in riferimento alle numerose punte simili a spine che adornano il corpo, e che hanno dato origine al nome comune di "cactus pleco". Ci sono cinque "cactus pleco" descritti scientificamente, e qualcuno ancora in attesa di un nome scientifico. I cactus pleco si trovano generalmente nelle acque più profonde dei fiumi nelle pianure del Brasile nord-orientale, anche se la maggior parte delle specie si trovano in Guyana. La maggior parte delle specie raggiungono circa 25-30 cm di lunghezza, anche se ci sono eccezioni notevoli, come Pseudacanthicus hystrix che può superare gli 80 cm. Molti cactus pleco hanno un range di distribuzione limitato e sono quindi suscettibili di sovrasfruttamento. Per questo motivo l'esportazione di molte specie brasiliane è stato vietato dalla IBAMA, l'agenzia per la protezione dell'ambiente del Brasile. Tuttavia, il Leopard cactus pleco è molto diffuso e la sua esportazione è consentita.

Leopard cactus pleco (Pseudacanthicus cf. leopardus L114, LDA07)

Maschio di Leopard cactus pleco (Pseudacanthicus cf. leopardus L114, LDA07) di 13 cm di lunghezza - Foto © Darren Stevens (FNZAS.org.nz)

Il Leopard cactus pleco è un grande pleco (arriva ai 24 cm di lunghezza standard, SL cioè coda esclusa) dal colore marrone-arancio pallido, ricoperto da grandi e irregolari macchie nere separate da uno stretto margine, il che gli dà un aspetto a nido d'ape. La pinna dorsale (superiore) e la pinna caudale (coda) sono colorate in modo variabile di arancione.
Ci sono due forme molto simili che possono rappresentare due specie separate o una variante della stessa specie.

Femmina di Leopard cactus pleco (Pseudacanthicus cf. leopardus L114, LDA07) di 17 cm di lunghezza - Foto © Darren Stevens (FNZAS.org.nz)

La maggior parte dei Leopard cactus pleco in acquariofilia sono apparentemente Demini Leopard cactus pleco (Pseudacanthicus cf. leopardus L114) provenienti dal Rio Demini in Brasile. I veri Leopard cactus pleco (Pseudacanthicus leopardus) provengono invece dai corsi d'acqua nelle vicinanze del confine tra Brasile e Guyana. Differiscono leggermente nel colore, nella forma del corpo, e sembra anche nel numero di denti. Entrambe le forme sono adatte a vasche molto grandi, con pH da 5,6 a 7,0 e temperatura di 24-28° C. Entrambe le varietà in rare occasioni sono state riprodotte in cattività.

Scobinancistrus

Gli Scobinancistrus sono strettamente correlati alle specie di Panaque xilofagi (mangiatori di legno), e alcuni ricercatori ritengono che dovrebbero essere collocati in un sottogruppo del genere Panaque. Hanno pochi denti (circa 6-8) lunghi e stretti, a forma di cucchiaio, su ogni mascella, mentre i Panaque hanno denti a forma di cucchiaio parecchio più corti e tozzi. Si pensa che la loro grande bocca con denti sporgenti sia adatta per mangiare molluschi (lumache e altri molluschi), e in effetti sono dei mangiatori di lumache molto efficaci in acquario.

Gli Scobinancistrus si trovano nei corsi d'acqua chiara del Brasile nord-orientale (Rio Xingu, Tapajos, Tocantins, Jamanxim e Cupari), dove vengono catturati da subacquei con bombole d'aria (a volte ad oltre 20 metri di profondità). Ci sono due specie di Scobinancistrus scientificamente descritte: golden cloud pleco, Scobinancistrus pariolispos e goldie o sunshine pleco, Scobinancistrus aureatus, mentre un altro paio sono in attesa di un nome scientifico. Gli Scobinancistrus pariolispos sono di colore nero con macchie bianche e sono molto rari in Nuova Zelanda, mentre gli Scobinancistrus aureatus sono regolarmente importati.

Goldie o Sunshine pleco (Scobinancistrus aureatus, L014)

Scobinancistrus aureatus Goldie di 7 cm di lunghezza - Foto © Darren Stevens (FNZAS.org.nz)

Gli Scobinancistrus aureatus sono grandi pleco (fino a 30 cm di lunghezza SL, coda esclusa) dal bellissimo corpo nero coperto da piccole macchie bianche. Negli individui giovani le pinne, la coda e la bocca a ventosa sono di colore giallo-arancio. Man mano che crescono le macchie diventano più piccole, più numerose, e si diffondono anche sulle pinne, mentre il colore giallo-arancio sulle pinne e sulla coda diventa più giallastro e sbiadisce sulle punte.

Scobinancistrus aureatus Goldie di 18 cm di lunghezza - Foto © Darren Stevens (FNZAS.org.nz)

I pleco Goldie sono relativamente tranquilli rispetto ai Pleco cactus, ma sono territoriali una vota definiti i loro spazi. Possono essere aggressivi verso gli altri pleco goldie, soprattutto se non c'è spazio sufficiente per la suddivisione dei territori, e con i loro denti possono infliggere dolorose ferite. Provengono da Rio Xingu in Brasile, dove vivono a fianco di pleco zebra (Hypancistrus zebra) e gold nugget (Baryancistrus xanthellus L018, L085). Sono adatti a vasche grandi, con pH di 5,8-7,2 e temperatura di 25-29° C. I pleco goldie sono stati riprodotti almeno una volta in acquario, anche se, date le dimensioni relativamente grandi da adulti, allevarne un gruppo richiederebbe una vasca molto grande.

Ci sono altri Pleco prevalentemente carnivori che si vedono di tanto in tanto in Nuova Zelanda, tra cui scarlet pleco (Pseudacanthicus sp. L025), blue-spotted pleco (Spectracanthicus sp. L254), galaxy or vampire pleco (Leporacanthicus galaxias, L007, L029) , e golden vampire plec (L. heterodon, L172).

Pseudacanthicus e Spectracanthicus - Foto di Darren Stevens (FNZAS.org.nz)
Leporacanthicus - Foto di Darren Stevens (FNZAS.org.nz)

Vorrei ringraziare Firenzenz e Krazy Geoff per i loro commenti e per le migliorie dalle versioni precedenti di questo articolo.

© Darren Stevens - FNZAS - Federation of New Zealand Aquatic Societies

Aggiungi un commento

Avviso per chi vuole lasciare un commento: Questo è un sito amatoriale, che vuole diffondere una maggiore conoscenza e consapevolezza sulle specie allevate in acquario, ed è gestito da una sola persona. Se avete qualche commento da fare riguardo al sito o a questa pagina siete i benvenuti, ma per richieste d'aiuto e/o consigli per il vostro acquario è meglio rivolgervi dove ci sono più persone in grado di rispondervi, come i forum dedicati, posso consigliarvi i miei preferiti, acquariofiliafacile.it e acquarioacquadolce.it, per serietà ed attendibilità, ma ce ne sono molti altri :)

By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.