• No ai pesci giganti in acquario
  • No ai pesci rossi nella boccia
  • I pesci pulitori non esistono!
  • No ai pesci colorati artificialmente
  • No ai pesci combattenti nei vasi
  • No alle tartarughe nelle mini vaschette
Tempo di lettura
9 minuti
Letto finora

Ctenopoma ansorgei (B.Lynch)

Lun, 11/Mar/2013 - 15:14
Posted in:
0 comments

Racconto di un'esperienza di riproduzione della specie che oggi è stata rinominata come Microctenopoma ansorgii, con indicazioni utili per l'allevamento e la deposizione.

Traduzione dell'articolo:
"Ctenopoma ansorgei" di Barry Lynch
sul sito di Aquarticles.com, che potete leggere al link seguente nella versione originale in inglese

Microctenopoma ansorgii - Foto di Lorenzo Bardotti (Gafonline.it)

Ci sono circa 15 specie di Ctenopoma, che sono tutti originari dell'Africa. I Ctenopoma, come i Betta e i gourami, sono pesci labirintidi - nel senso che possiedono un organo respiratorio supplementare (il "labirinto") che permette loro di integrare l'ossigeno che assumono dall'acqua, prendendo ossigeno direttamente dall'aria. Sono anche costruttori di nidi di bolle.

Quella del Ctenopoma ansorgei, attualmente Microctenopoma ansorgii (a volte indicato come "Ctenopoma Ornato" - un nome che non ha mai preso piede davvero) è, a mio parere, la più caratteristica e bella di tutte le specie di Ctenopoma. I maschi raggiungono i 7,5 cm, le femmine rimangono molto più piccole. Entrambi i sessi hanno corpi ben proporzionati, evidenziati da pinne dorsale ed anale che si estendono in modo uniforme dalla testa alla coda. A seconda del loro stato d'animo, la colorazione di base può essere di colore verde, arancione o marrone, o più spesso una combinazione di questi tre colori. Inoltre, ci sono sei larghe strisce marroni verticali che attraversano il corpo e si estendono anche attraverso le pinne dorsale ed anale. Quando sono in parata, i maschi sono particolarmente sensazionali.

Antefatto:

Molti anni fa, stavo sfogliando le pagine del mio primo libro di pesci tropicali - probabilmente un Innes book - quando mi sono imbattuto in una foto di un Ctenopoma ansorgei. Ricordo di aver pensato a quel tempo: "Perché nei negozio di animali non hanno mai pesci belli come questo?" La mia richiesta di alcuni esemplari di questa specie al titolare del negozio di animali locale è stato salutato da uno sguardo vuoto. Nel corso degli anni, si sono diffusi in acquariofilia molti bellissimi pesci e molte bellissime varietà - cardinali, killi, betta, discus e molte varietà di Xiphophorus helleri, per citarne alcuni. Tuttavia, torno periodicamente alla domanda: "Dove sono i Ctenopoma ansorgei?"

All'inizio della scorsa primavera, stavo conversando con Joe Mulvey presso la House of Fins su diverse questioni. Abbiamo avuto modo di parlare dei nostri pesci "da sogno" - i pesci che abbiamo sempre voluto, ma che non abbiamo mai avuto. Naturalmente, ho menzionato i Ctenopoma ansorgei. Con mia grande sorpresa, Joe mi ha detto che i pesci erano casualmente disponibili presso il grossista. Una settimana più tardi Joe mi ha chiamato con la notizia che ne aveva trovato una decina in un piccolo acquario del grossista e ne aveva raccolto sei per me - quattro maschi e due femmine. Sono subito corso al negozio per prenderli. Non sono rimasto deluso. Anche nel sacchetto di plastica, mostravano subito la loro caratteristica livrea.

Allestimento dell'Acquario:

Ho pensato che un acquario da 90 litri avrebbe fornito spazio abbondante. Dopo aver letto che l'acqua da cui provengono è calda, leggermente acida e spesso povera di ossigeno, ho deciso di imitare queste condizioni. La temperatura è stata mantenuta sui 26,5°C, il pH a 6.8. Un piccolo filtro a spugna forniva una minima aerazione. Oltre a della ghiaia e parecchie piante artificiali, la vasca conteneva un po' di muschio di Giava e di Ceratopteris. Anche se i pesci sembravano a loro agio in questo ambiente, erano raramente visibili. Una settimana dopo, ho introdotto alcuni guppy adulti come pesci rassicuranti. Questo ha funzionato meravigliosamente, in quanto nel giro di un'ora i Ctenopoma erano fuori e giravano per la vasca.

Alimentazione:

I Ctenopoma accettano facilmente sia il cibo vivo che il congelato. I miei hanno sempre prosperato con un regime di chironomus congelati al mattino e artemia congelata viva o congelata alla sera. I Ctenopoma integravano la loro dieta banchettando anche con gli avannotti di guppy prodotti da quattro robuste femmine.

Nota: Dimenticatevi del mangime secco. La prima volta che ho offerto mangime secco, qualcuno lo ha assaggiato e subito sputato. In seguito è stato ignorato del tutto. D'altra parte, anche se non ci ho mai provato, in base alla mia esperienza con un Ctenopoma acutirostre (che ho nutrito anche di krill liofilizzato), probabilmente avrebbero accettato alimenti liofilizzati.

Riproduzione:

Una sera, circa un mese dopo aver ricevuto i pesci, ho notato che tutti e quattro i maschi erano in parata. La loro colorazione era brillante. Sembravano tutti in parata davanti ad una delle femmine con la pancia carica di uova. La mattina dopo ho allestito una vasca da riproduzione di 45 litri (con valori simili alla vasca da 90 litri eccetto per il pH, più acido, che era a 6.5) e ci ho trasferito la femmina e un maschio scelto a caso.

Nel giro di un giorno, il maschio aveva avviato la costruzione di un nido di bolle. I suoi sforzi in un primo momento sembravano casuali - cioè le bolle erano sparse qua e là per tutta la Ceratopteris. Infine ha optato per un angolo posteriore della vasca. Sfortunatamente, la posizione rendeva il nido molto difficile da vedere. E purtroppo, ho anche perso la deposizione delle uova. La mia prima indicazione che la deposizione era avvenuta, è stata la scoperta, tre giorni dopo, che il maschio aveva spinto la femmina nell'angolo opposto della vasca. Secondo la letteratura, questo significava che avevano deposto e che il maschio stava proteggendo il nido da tutti gli intrusi, inclusa la femmina. Ho subito tolto la femmina e ho lasciato il maschio a guardia del nido e, speravo, di un po' di avannotti.

Il giorno dopo (il quinto dall'introduzione dei ctenopoma nella vasca) ho visto il mio primo avannotto. Stava nuotando in modo anomalo - forse non si era completamente districato dall'uovo. Mentre stavo osservando, è arrivato il maschio e se lo è mangiato. Avevo capito che il maschio in genere protegge gli avannotti. Forse il maschio aveva capito che l'avannotto non era sano. In ogni caso, ho scelto di non correre rischi e ho rimosso il maschio.

Gli avannotti di Ctenopoma:

Nei giorni successivi periodicamente mi sedevo davanti della vasca sperando di intravedere degli avannotti di Ctenopoma - senza alcun risultato. Anche se frustrato, non ero particolarmente preoccupato dato il numero di possibili nascondigli (ghiaia, muschio di Giava, Ceratopteris, ecc.). Ho iniziato ad aggiungere un po' di naupli di artemia salina per integrare gli infusori presenti in vasca. Dopo una settimana in cui alimentavo pesci invisibili (il solo avannotto che avevo visto era quello mangiato dal padre), la mia pazienza si era esaurita. Dovevo sapere se avevo degli avannotti.

In sostanza, questo significava tirare giù la vasca - un processo che mi ha preso più di tre ore (la rimozione della ghiaia senza far del male agli avannotti che avrebbero potuto esserci è stata quella che mi ha preso più tempo). La fatica ne è valsa la pena. Alla fine, ho trasferito 36 avannotti (due minuscoli puntini neri per gli occhi e un piccolo corpo trasparente) in una vasca senza ghiaia da 20 litri contenente un piccolo filtro a spugna, muschio di Giava e Ceratopteris.

Nel corso delle successive due settimane, gli avannotti tendevano ancora ad essere invisibili. Di tanto in tanto, quando mi avvicinavo alla vasca, ne scorgevo qualcuno o più tra il muschio di Giava. Ma nel tempo che raggiungevo la vasca erano scomparsi. Finalmente stanco, mi sono deciso ad aspettarli. Dopo circa cinque minuti di attesa seduto di fronte all'acquario con il naso quasi schiacciato contro il vetro, una minuscola testa è emersa dal muschio di Giava, e poi un'altra, e poi un'altra ancora. La cosa successiva che ho saputo è che c'erano 30 e più paia di occhi che mi fissano dal muschio di Giava. Non facevano alcun movimento. Erano curiosi su di me come io lo ero di loro. Dopo altri cinque minuti, lentamente mi sono alzato e me ne sono andato - la sensazione era che finalmente ci eravamo presentati. Può essere stata una coincidenza, ma da quel momento in poi, i pesci si alimentavano apertamente e nuotavano di fronte a me.

Come gli avannotti sono cresciuti, una cosa è diventata molto evidente - il tasso individuale di crescita varia tremendamente. A un certo punto, i più grandi erano da dieci a quindici volte più grandi dei più piccoli! Mi sono allarmato del fatto che potevo avere un numero considerevole di individui rimasti nani. Fortunatamente, nel corso del tempo la differenza nelle dimensioni corporee scompare. Ho il sospetto, ma non posso affermarlo con certezza, che quelli più grandi diventino dei maschi adulti e quelli più piccoli delle femmine, più piccole.

L'acquario da 90 litri che in origine ospitava i sei adulti (che ho venduto insieme a dieci dei loro piccoli all'asta NAS di ottobre) è servita come vasca d'accrescimento per i Ctenopoma rimanenti. Gli avannotti si sono dimostrati molto resistenti - 35 degli originari 36 sono sopravvissuti fino all'età adulta. In otto mesi, i giovani sono diventati più grandi dei sei adulti che ho venduto all'asta. i restanti 25 insieme con i loro compagni guppy sembrano a casa nella loro vasca da 90 litri. Non c'è stata però nessuna costruzione del nido di bolle. Questo potrebbe far pensare che l'acquario potrebbe essere troppo affollato per alcune normali attività. Nel corso dei prossimi mesi, spero di trovare nuova casa per molti dei Ctenopoma.

Comportamento:

Ho discusso del comportamento degli ansorgei con diverse persone che li hanno allevati. I tre termini che vengono pronunciati più spesso sono "inattivi", "nascosti" e "aggressivi".

  1. Inattivi: c'è del vero in questo. I Ctenopoma non nuotano senza meta. Dopo ogni pasto, si ritirano in una zona isolata della vasca a digerire il loro pasto in perfetta privacy. Dopo circa un'ora riemergono. Alcuni riposano sul o vicino al fondo. Alcuni nuotano / planano a testa in giù come a tendere un agguato. Possono mostrarsi periodicamente. Alcuni vagano attraverso la Ceratopteris, forse alla ricerca di possibili siti per il nido di bolle. In ogni momento, i Ctenopoma presentano un aspetto di estrema vigilanza. Naturalmente, gli avannotti dei guppy galvanizzano l'attività. Una femmina carica di uova farà lo stesso.
  2. Nascosti: come indicato in precedenza, anch'io inizialmente ho sperimentato che stavano sempre nascosti. Ma, l'uso di guppy come pesci rassicuranti ha eliminato questa situazione sia con gli adulti che con i giovani mentre si avvicinavano all'età adulta. In un'occasione, pensando che per i giovani adulti non fossero più necessari i pesci rassicuranti, ho rimosso i guppy. I Ctenopoma sono subito scomparsi e sono rimasti così (tranne durante i pasti) per diversi giorni. Ho ceduto e restituito i guppy. Nel giro di due ore, i Ctenopoma erano di nuovo attivi per tutta la vasca. Sembra che i pesci rassicuranti siano essenziali se volete veramente godervi i vostri Ctenopoma.
  3. Aggressivi: francamente, io semplicemente non mai ho visto un comportamento aggressivo. Nei nove mesi che li ho allevati, non ho visto nè risse nè pinne morsicate. (Nota: prima di introdurre i guppy , ho stupidamente usato i Portaspada. Come molti pesci, i Ctenopoma non sono stati in grado di resistere alle spade e li ho dovuti sostituire con guppy normali; da allora non ho più visto pinne morsicate). Anche quando i quattro maschi sono stati in lizza per l'attenzione dell'unica femmina carica di uova, si limitavano a fare parate e non combattimenti.

Suppongo che il loro comportamento alimentare possa apparire aggressivo, ma si rivela innocuo. Quando il cibo viene introdotto, i pesci non rimangono amabili e tranquilli. Al contrario, la maggior parte (sia maschi che femmine) immediatamente vedono e attaccano il cibo. Ogni pesce piomba sulla preda, afferra un verme o un gamberetto, si allontana in picchiata, per poi piombare indietro per un altra preda. Vedere 25 ctenopoma farlo allo stesso tempo è uno spettacolo indimenticabile.

Gli ansorgei come pesci da acquario di comunità:

Non ci ho mai provato, per cui quello che dico qui è una mera ipotesi. A un certo punto, ho pensato di inserirne un paio in un acquario di comunità da 140 litri, ma ho abbandonato l'idea a causa della presenza dei Colisa chuna [ora Trichogaster chuna]. Temevo una competizione per i posti in cui costruire i nidi di bolle, che i Colisa avrebbero chiaramente perso. Tuttavia, sulla base della buona esperienza con i guppy come pesci rassicuranti, credo che i Ctenopoma andrebbero bene per una vasca di comunità appropriata. Tale vasca non dovrebbe avere pesci abbastanza piccoli da essere inghiottiti interi. Non dovrebbe inoltre avere pesci più aggressivi, che potrebbero indurre i Ctenopoma a nascondersi permanentemente.

Gli ansorgei come pesci da mostra:

Ho deciso di inserire tre degli adulti nella mostra NAS di ottobre - un maschio nella categoria "Altri Anabantoidei" e una coppia nella categoria "Coppie Varie". Nessun esemplare si è qualificato. Questa non è stata una grande sorpresa. Ero un po' preoccupato per quanto riguarda il passaggio da un allestimento fortemente piantumato ad una vasca nuda. Quello che hanno fatto è stato semplicemente posarsi sul fondo con colori sbiaditi. Mi era stato consigliato da un amico con notevole esperienza negli show di abituare i ​​pesci isolandoli in vasche nude per 30 giorni prima della mostra. Anche se sono sicuro che questo avrebbe aiutato, non era una cosa che ero disposto a fare.

Quello che ho avrei potuto fare è di mettere un po' di Ceratopteris nelle vasche dello show (è ammissibile ai sensi delle norme dello show). Senza dubbio li avrebbe fatti sentire più a casa. E, che spettacolo sarebbe stato se il maschio avesse iniziato la costruzione di un nido di bolle e le parate per la femmina! Comunque, mentre i Ctenopoma non hanno fatto nessuna impressione ai giudici, di certo hanno catturato l'attenzione dei partecipanti alla successiva asta NAS. Ho felicemente utilizzato i proventi per l'acquisto di alcuni tetra imperatore (Nematobrycon palmeri) e Limia vittata - entrambi i quali, sono contento di dire che mi hanno prodotto degli avannotti belli e sani.

© Barry Lynch - Aquarticles.com

Specie nel sito
Microctenopoma ansorgii - Foto © Anabantidaeaquariumfish.blogspot.it
Ornate ctenopoma
Aspettativa di vita: 5-6 anni
Dimensioni massime: 8.0 cm TL

E' il più colorato degli Anabantoidei africani ed è molto ricercato dagli acquariofili. Un maschio con la livrea nuziale è veramente uno spettacolo da vedere.

Temperatura in natura: 20 - 27°C
Valori pH in natura: 5.5 - 7.5

Aggiungi un commento

Avviso per chi vuole lasciare un commento: Questo è un sito amatoriale, che vuole diffondere una maggiore conoscenza e consapevolezza sulle specie allevate in acquario, ed è gestito da una sola persona. Se avete qualche commento da fare riguardo al sito o a questa pagina siete i benvenuti, ma per richieste d'aiuto e/o consigli per il vostro acquario è meglio rivolgervi dove ci sono più persone in grado di rispondervi, come i forum dedicati, posso consigliarvi i miei preferiti, acquariofiliafacile.it e acquarioacquadolce.it, per serietà ed attendibilità, ma ce ne sono molti altri :)

By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.