• No ai pesci giganti in acquario
  • No ai pesci rossi nella boccia
  • I pesci pulitori non esistono!
  • No ai pesci colorati artificialmente
  • No ai pesci combattenti nei vasi
  • No alle tartarughe nelle mini vaschette

I pesci pulitori NON ESISTONO!

I pesci non vanno comprati per la loro presunta funzione di pulitori, ma perché piacciono e perché sono interessanti da osservare. Dobbiamo essere noi a rispettare le loro esigenze, non loro a dover svolgere un lavoro in vece nostra: i pesci non sono attrezzi, e non possono sopravvivere solo con gli scarti degli altri...

Tempo di lettura
4 minuti
Letto finora

Minuscoli Mangiatori Di Alghe (L. McMullen)

Dom, 02/Nov/2003 - 00:00
Posted in:
2 comments

Allevamento in acquario dei piccoli Otocinclus, che hanno bisogno di acquari ben maturi, con acqua pulita e ben ossigenata.

Traduzione dell''articolo
"Teeny Weeny Algae Eaters" di Lynn McMullen
su Acquarticles.com, al link seguente nella versione originale in inglese.

Otocinclus macrospilus - Foto di Shane Linder (PlanetCatfish.com)

Il genere degli Otocinclus è attualmente classificato nella grande famiglia dei Loricariidae, i “sucker-mouthed catfishes” pesci dalla bocca a ventosa. Questo genere è composto da pesci molto piccoli, che solitamente allo stadio adulto non raggiungono i 5 cm. di lunghezza.

Generalmente sono colorati con tonalità di beige/crema e marrone, con sporadiche specie che esibiscono disegni scuri, quasi neri. Le specie che hanno disegni possono essere chiazzate, a macchiette o striate.
Gli Otocinclus (comunemente chiamati "oto") hanno fondamentalmente una forma ovale, con un rapido affusolarsi verso la piccola coda. Le pinne generalmente non sono degne di nota, sia nelle dimensioni che nella forma.

Questi pesci sono originari del Sud America e possono essere ritrovati in varie regioni, compresi Brasile, Paraguay, Perù e Bolivia.
Il loro habitat preferito è costituito da acque molto pulite e chiare, che vengono fortemente ossigenate da rapide correnti, e nelle zone estremamente ricche di vegetazione in torrenti a flusso veloce, solitamente in aree abbastanza poco profonde – la profondità più bassa è di circa 5 cm. (In acquario, questi pesci sono molto sensibili ai danni provocati dai nitrati, e non dovrebbero essere usati per iniziare il ciclo dell’azoto in acquari appena allestiti).
Gli Otocinclus vengono ritrovati quasi sempre sulle superfici piane delle piante, sopra le quali gradiscono pascolare per mangiare i loro alimenti preferiti, le alghe e i microrganismi che vivono nelle alghe.
Nell'acquario non è sempre possibile fornire abbastanza alghe per loro, ma possono essere alimentati con cibi supplementari quali pastiglie e tavolette di alghe secche affondanti, verdure sbucciate (compresi zucchini, broccoli, piselli o spinaci) e saltuariamente alimentati con artemia salina congelata (che deve essere stata scongelata in precedenza).

Gli Otocinclus sono piccoli pesci pacifici, che spesso si trovano meglio quando sono allevati in gruppo, anche se non sono realmente pesci da branco. Sono una scelta eccellente per un acquario popolato da altri piccoli pesci timidi.
Gli Otocinclus sono solitamente più attivi alla notte, quindi l’alimentazione nell’acquario dovrebbe essere pianificata di conseguenza - dopo lo spegnimento delle luci.
La vasca per questi pesci dovrebbe essere fittamente piantumata e dovrebbe includere dei pezzi di legno di torbiera. La luce intensa non li infastidisce particolarmente, quindi non è difficile coltivare le alghe. Se non ci sono abbastanza alghe per loro nell’acquario, possono danneggiare le nuove foglie in crescita di piante molto fragili, ma questo succede molto raramente, poiché ci sono poche piante che non sono abbastanza resistenti da sostenere l'assalto di un minuscolo otocinclus.

Questo pesce preferisce acqua con un pH da 6,0 a 7,5, ma la durezza può variare da 2 a 18 dGH. La cosa più importante è che non ci siano nitriti e pochissimi nitrati. Un acquario fatto ben maturare è fondamentale per la loro sopravvivenza. La temperatura può essere regolata fra 20 - 25°C. Dovrebbe essere assicurata una buona corrente sulla superficie per assicurare una buona ossigenazione. L'acquario dovrebbe essere almeno 60 cm. di lunghezza, anche se molti sono stati allevati con grande successo in vasche più piccole.

È possibile riprodurre questi pesci in acquario.
Le uova aderiranno alle piante ed ai vetri. Gli avannotti usciranno dalle uova dopo due - tre giorni (dipende dalla temperatura) e richiederanno inizialmente alimenti molto piccoli, quali infusori, alghe e naupli d'artemia appena schiusi.

Gli Otocinclus sono perfetti per gli acquari più piccoli e perfino per gli acquari più grandi, una volta allevati in un gruppo numeroso. Sono eccellenti pesci di comunità, facili da nutrire quando lo sviluppo delle alghe non è abbondante, e che liberano le piante dalle alghe sgradevoli senza raschiare via niente da esse.
Potrebbero essere proprio l'esempio perfetto del motto "nelle botti piccole c’è il vino buono".

© Lynn McMullen - Acquarticles.com

Elenco delle Specie presenti nel sito e appartenenti al Genere

Macrotocinclus affinis (ex Otocinclus affinis) - Foto © Stephan Hetz (Planetcatfish.com)
Golden otocinclus
Aspettativa di vita: 5 anni
Dimensioni massime: 5.0 cm SL

Sembrava che la specie Otocinclus affinis, ora Macrotocinclus affinis, fosse la specie di 'oto' più diffusa in commercio, ma in realtà è esportato dal Sud America molto raramente, la specie più in commercio è in realtà la molto simile Otocinclus vittatus.

Temperatura in natura: 20 - 26°C
Valori pH in natura: 6.0 - 8.0
Otocinclus cocama - Foto © Peter Maguire

Aspettativa di vita: 5 anni
Dimensioni massime: 4.4 cm SL

Questo splendido piccolo loricaride è diventato disponibile in commercio solo nel 2001, ed è stato descritto scientificamente nel 2004. Come per altri oto, può essere abbastanza delicato da acclimatare appena comprato, e deve poter pascolare sul film algale in continuazione.

Otocinclus macrospilus - Foto © Robert Fossum (Planetcatfish.com)
Oto
Aspettativa di vita: 5 anni
Dimensioni massime: 3.5 cm SL

E' uno dei più comuni 'oto' in commercio, ed è una specie ideale per l'acquario di piante. Purtroppo può essere molto delicato momento della prima importazione, e le perdite non sono infrequenti.

Temperatura in natura: 21 - 26°C
Valori pH in natura: 5.5 - 7.5
Otocinclus vittatus - Foto © Michael Noren (Fishbase)

Aspettativa di vita: 5 anni
Dimensioni massime: 3.3 cm TL

Piccolo loricaride, molto attivo anche di giorno. Come tutti gli otocinclus ha un carattere timido e l'acquario deve essere fittamente piantumato, perché non si senta stressato per la mancanza di ripari. Va inserito obbligatoriamente solo in acquari ben maturi.

Temperatura in natura: 21 - 26°C
Valori pH in natura: 5.5 - 7.5

Commenti

Buongiorno, ne ho comprati 5, ma 3 ne sono già morti si trovano in un acquario con discus e forse è perché la temperatura è di 32 gradi forse per questo sono morti ??

Già, visto che sopra dice: "La temperatura può essere regolata fra 20 - 25°C."

Anche a portare la temperatura per i discus a 28-29 secondo me è ancora troppo. 32 è 10 gradi più di 22. Praticamente il 50% in più. Davvero un po' troppo...

Aggiungi un commento

Avviso per chi vuole lasciare un commento: Questo è un sito amatoriale, che vuole diffondere una maggiore conoscenza e consapevolezza sulle specie allevate in acquario, ed è gestito da una sola persona. Se avete qualche commento da fare riguardo al sito o a questa pagina siete i benvenuti, ma per richieste d'aiuto e/o consigli per il vostro acquario è meglio rivolgervi dove ci sono più persone in grado di rispondervi, come i forum dedicati, posso consigliarvi i miei preferiti, acquariofiliafacile.it e acquarioacquadolce.it, per serietà ed attendibilità, ma ce ne sono molti altri :)

By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.