• No ai pesci giganti in acquario
  • No ai pesci rossi nella boccia
  • I pesci pulitori non esistono!
  • No ai pesci colorati artificialmente
  • No ai pesci combattenti nei vasi
  • No alle tartarughe nelle mini vaschette

Paracheirodon

Informazioni e notizie sulla tassonomia e sulle specie appartenenti al genere Paracheirodon, della famiglia dei Caracidi

Acquario con Neon

La Tassonomia

Il genere Paracheirodon comprende attualmente tre specie, con una storia tassonomica abbastanza complessa e controversa, due delle quali sono tra i più popolari e conosciuti pesci d'acquario: i neon e i cardinali, mentre i Paracheirodon similis sono poco diffusi e conosciuti. Nonostante la loro riproduzione in cattività non sia impossibile, sia dei neon ma soprattutto dei cardinali sono in commercio stock provenienti dalla cattura in natura, tali pesci ovviamente sono più delicati e stentano ad adattarsi alla vita in acquario, se non messi nelle condizioni in cui vivono in natura (acqua molto tenera e acida). Questo vale come detto più per i cardinali, che è ancora redditizio prelevare in natura; per i neon al contrario c'è il problema la riproduzione in massa su base commerciale li ha resi non solo più adattabili a valori dell'acqua meno estremi, ma purtroppo li ha resi anche con una linea genetica molto indebolita, che fà si che siano più soggetti a deformità e malattie.

La storia tassonomica di tutte e tre le specie ora comprese nel genere Paracheirodon è complicata, infatti gli autori precedenti, come Géry (1960, 1977) tendevano a includerli in generi separati: Hypessobrycon simulans, Cheirodon axelrodi e Paracheirodon innesi, rispettivamente; questa classificazione si basava per lo più sulla morfologia dentale seguendo il sistema proposto da Eigenmann (1915).
Altri, come Madsen (1975) collocavano sia Paracheirodon axelrodi che Paracheirodon simulans nel genere Cheirodon, mentre van Ramshorst (1981) includeva in quest'ultimo genere anche Paracheirodon innesi. Sono stati Weitzman e Fink (1983) a fornire la prima prova per la monofilia di Paracheirodon, contenente tutte e tre le specie, per via di un certo numero di caratteri osteologici più il loro distintivo disegno della livrea, costituito da una intensa striscia laterale blu o blu-verde, densa pigmentazione rossa sul corpo limitatamente alla parte ventrale fino alla striscia laterale, e una striscia di cromatofori marrone scuro o nero alla base ed estesa dorsalmente alla striscia laterale.

All'interno del sistema del Rio Purus sembrava essere stata scoperta una quarta specie di Paracheirodon, ritrovata in un unico luogo, il canale principale che entra nel Rio delle Amazzoni a monte del Rio Negro, ma attualmente non sono disponibili ulteriori informazioni.

I rapporti più stretti del genere Paracheirodon all'interno della famiglia Characidae non sono ancora stati pienamente confermati, con il raggruppamento considerato incertae sedis dalla maggioranza degli autori recenti. In base ai risultati ottenuti nell'analisi filogenetica molecolare da Oliveira et al. (2011) sembra che Paracheirodon axelrodi sia più strettamente legato ad alcune specie del genere Hyphessobrycon (in particolare Hyphessobrycon equesHyphessobrycon megalopterus) tra tutte quelle incluse nello studio.

La funzione della striscia laterale blu intenso delle specie di Paracheirodon potrebbe essersi evoluta come strategia per sfuggire ai predatori, secondo l'ipotesi di Ikeda e Kohshima (2009) pubblicata a seguito di uno studio diretto sul campo dei pesci nei torrenti d'acqua nera nei pressi di Requena nell'Amazzonia peruviana, più l'osservazione di esemplari selvatici in acquario in condizioni diverse. I ricercatori hanno scoperto che la colorazione brillante della striscia laterale in Paracheirodon innesi è meno evidente in acqua nera, tranne quando viene osservata da un angolo limitato di circa 30° sopra l'orizzonte, e che questo potrebbe aiutare a confondere i predatori per via delle immagini speculari della banda luminosa proiettate sulla parte inferiore della superficie dell'acqua. Mentre la maggior parte dei caracidi che mostra un disegno della livrea a righe sui fianchi è in possesso di una striscia laterale di colore scuro con una striscia dorsale più chiara, questo disegno è invertito nelle specie del genere Paracheirodon; questo può essere un adattamento per la proiezioni di tali immagini speculari.
I pesci sono anche in grado di cambiare in una certa misura l'intensità della loro colorazione, diventando più chiara in condizioni di elevata luminosità con substrato e/o sfondo chiaro e acqua limpida, e più scuro con una striscia laterale viola di notte, e anche questo può essere una risposta progettata per renderli meno visibili.

Elenco delle Specie comprese nel Genere

Paracheirodon

Paracheirodon axelrodi - Foto © Peter Maguire
Cardinal tetra, Neon Cardinale -

Uno dei pesci d'acquario più popolari e belli; riprodurlo in cattività è possibile ma difficile, e la maggior parte degli esemplari in commercio ai fini acquariofili sono catturati in natura, nei tributari del Rio Negro e dell'Orinoco.

Aspettativa di vita: 4 - 5 anni
Dimensioni massime in natura: 3.5 cm TL
Temperatura in natura: 23 - 27°C
Valori pH in natura: 4.0 - 6.0
Paracheirodon innesi - Foto di Bjarne Saetrang (aquadigital.net)
Neon -

E' uno dei pesci d'acquario più popolari e conosciuti, anche se la riproduzione massiva per il commercio acquariofilo ne ha indebolito molto la linea genetica e la salute.

Aspettativa di vita: 5 - 10 anni
Aspettativa di vita in acquario: + di 5 anni (Maughe)
Dimensioni massime in natura: 3.0 cm TL
Temperatura in natura: 20 - 26°C
Valori pH in natura: 5.0 - 6.5
Paracheirodon simulans - Foto © Peter Maguire
Green neon tetra, Tetra verde o Neon verde -

Non sono facili da trovare in commercio, ed essendo quasi esclusivamente catturati in natura oltre che più costosi sono anche più delicati e non facilissimi da ambientare in acquario rispetto ai congeneri.

Aspettativa di vita: 5 - 10 anni
Dimensioni massime in natura: 1.5 - 2.0 cm
Temperatura in natura: 24 - 35°C
Valori pH in natura: 5.5 - 6.0
  • Specie che vanno allevate in gruppo
  • Nonostante i Paracheirodon vengano riprodotti in cattività, vengono commercializzati anche di cattura: chiedete al negoziante se i pesci che state per comprare sono di cattura o d'allevamento.

Elenco delle Specie presenti nel sito e appartenenti al Genere

Paracheirodon axelrodi - Foto © Peter Maguire
Cardinal tetra, Neon Cardinale
Aspettativa di vita: 4 - 5 anni
Dimensioni massime: 3.5 cm TL

Uno dei pesci d'acquario più popolari e belli; riprodurlo in cattività è possibile ma difficile, e la maggior parte degli esemplari in commercio ai fini acquariofili sono catturati in natura, nei tributari del Rio Negro e dell'Orinoco.

Temperatura in natura: 23 - 27°C
Valori pH in natura: 4.0 - 6.0
Paracheirodon innesi - Foto di Bjarne Saetrang (aquadigital.net)
Neon
Aspettativa di vita: 5 - 10 anni
Dimensioni massime: 3.0 cm TL

E' uno dei pesci d'acquario più popolari e conosciuti, anche se la riproduzione massiva per il commercio acquariofilo ne ha indebolito molto la linea genetica e la salute.

Temperatura in natura: 20 - 26°C
Valori pH in natura: 5.0 - 6.5
Paracheirodon simulans - Foto © Peter Maguire
Green neon tetra, Tetra verde o Neon verde
Aspettativa di vita: 5 - 10 anni
Dimensioni massime: 1.5 - 2.0 cm

Non sono facili da trovare in commercio, ed essendo quasi esclusivamente catturati in natura oltre che più costosi sono anche più delicati e non facilissimi da ambientare in acquario rispetto ai congeneri.

Temperatura in natura: 24 - 35°C
Valori pH in natura: 5.5 - 6.0
SL (Standard Lenght)
Lunghezza standard, è la lunghezza del pesce calcolata dalla punta del muso al peduncolo caudale (esclusa quindi la coda)
TL (Total Lenght)
Lunghezza totale, è la lunghezza del pesce calcolata dalla punta del muso alla punta della coda (quindi coda compresa)
Demerso
specie che vive in prossimità del fondo del mare. I pesci demersi si dividono principalmente in due tipi: Bentonici e Bentopelagici
Bentonica
specie che vive e che è legata al fondo
Bentopelagica
specie che vive sia sul fondo o vicino ad esso, sia nel livello medio dell'acqua
Pelagica
specie che vive lontano dal fondo, in acque aperte
Diadroma
specie che migrano tra acque salate e acque dolci
Anadroma
specie che che vive per la maggior parte del tempo in acque salate e si riproduce in acque dolci
Catadroma
specie che vive in acque dolci e si riproduce in acque salate
Anfidroma
specie che si muove indifferentemente da acque dolci ad acque salate
Potamodroma
specie che migra all'interno di acque dolci
Oceanodroma
specie che migra all'interno di acque salate

Aggiungi un commento

Avviso per chi vuole lasciare un commento: Questo è un sito amatoriale, che vuole diffondere una maggiore conoscenza e consapevolezza sulle specie allevate in acquario, ed è gestito da una sola persona. Se avete qualche commento da fare riguardo al sito o a questa pagina siete i benvenuti, ma per richieste d'aiuto e/o consigli per il vostro acquario è meglio rivolgervi dove ci sono più persone in grado di rispondervi, come i forum dedicati, posso consigliarvi i miei preferiti, acquariofiliafacile.it e acquarioacquadolce.it, per serietà ed attendibilità, ma ce ne sono molti altri :)

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.

Riproduzione e crescita di Tetra, Barbus e Rasbora (R. Carey)

Lungo articolo dedicato alla riproduzione di caracidi e ciprinidi, da cui traspare l'orgoglio e la soddisfazione che si prova quando si riesce a riprodurre questi pesci con successo, perchè non fanno tutto da soli, ma richiedono da parte dell'acquariofilo un impegno attivo, forte e costante, nello stimolare la deposizione prima e nel far sopravvivere e crescere i piccoli avannotti poi - traduzione in italiano di un articolo di Randy Carey