• No ai pesci giganti in acquario
  • No ai pesci rossi nella boccia
  • I pesci pulitori non esistono!
  • No ai pesci colorati artificialmente
  • No ai pesci combattenti nei vasi
  • No alle tartarughe nelle mini vaschette
Tempo di lettura
11 minuti
Letto finora

Il Genere Pelvicachromis: Parte II - Pelvicachromis selvatici (G. Gussie)

Sab, 08/Nov/2003 - 00:00
Posted in:
0 comments

Descrizione del luogo d'origine e delle varie caratteristiche degli appartenenti al genere Pelvicachromis, che elenca e descrive anche le diverse varietà di colorazione.

Traduzione dell'articolo:
"The Genus Pelvicachromis: Part II - Wild Kribs" di Grant Gussie
sul sito della Calgary Aquarium Society, al link seguente nella sua versione originale in inglese.

Femmina di Pelvicachromis pulcher con avannotti - Foto di Fabio Nicora

Il mese scorso, ho parlato delle cure per l'allevamento e l'alimentazione del Pelvicachromis pulcher, un pesce delizioso e probabilmente il ciclide più popolare dopo lo Scalare.

Tuttavia, il genere Pelvicachromis raggruppa anche molte altre specie. Alcuni di questi pesci sono ancor più colorati del Pelvicachromis pulcher. E tutti sono veramente interessanti.
Alcuni di loro appaiono nei listini dei commercianti sotto il loro nome corretto, ma troppo spesso compaiono sotto il nome di Pelvicachromis "wild" o sotto certe denominazioni commerciali specifiche del commercio acquariofilo. Così ogni volta che vedete dei Pelvicachromis "wild" in vendita, a volte come Pelvicachromis "Nigerian" o Pelvicachromis "jumbo-red", osservateli con attenzione, con un libro di riferimento a disposizione, e potrete fare un affare. L'unico libro di riferimento da avere quando si stanno ispezionando dei Pelvicachromis selvatici è il libro nella biblioteca del CAS: 'Ciclidi africani I: Ciclidi dell'Africa occidentale' di Linke e Staeck. In questo libro ci sono le fotografie di tutte le specie descritte di Pelvicachromis.

Bisogna ricordarsi, tuttavia, che i Pelvicachromis selvatici, quasi senza alcuna eccezione, vengono da torrenti della foresta pluviale dall'acqua tenera e acida. Possono metterci molto tempo per acclimatarsi alle condizioni dell'acqua locali.
Anche se l'acqua di rubinetto di Calgary non è dura, è abbastanza alcalina. Possono essere una buona idea l'immissione di CO2, la torba, e/o l'acqua RO, per abbassare il pH a 6,5 circa. La maggior parte dei pesci tuttavia si adatteranno alle condizioni locali senza difficoltà.
Ma come discusso nella Parte I, il rapporto tra i due sessi degli avannotti di Pelvicachromis è dipendente dal pH, di conseguenza è meglio portare alla riproduzione i Pelvicachromis in acqua leggermente acida.

L'allevamento e la riproduzione dei Pelvicachromis selvatici sono per la maggior parte uguali a quelli per i Pelvicachromis allevati commercialmente, descritte il mese scorso. Vanno allevati in coppia, bisogna fare uso di un fondo di sabbia, fornire piante, molte caverne a misura di Pelvicachromis e un po' di compagnia, sotto forma d'una specie che formi banchi in acque aperte e non sia invadente. Bisogna usare soltanto una vasca molto grande se le coppie sono più di una.
L'alimentazione dovrebbe costituire in una dieta variata dando la precedenza a piccoli crostacei e larve di insetto, se possibile.

Le varie specie del genere Pelvicachromis possono essere ritrovate nella zona litoranea tropicale dell'Africa occidentale, in aree che vanno dalla Sierra Leone occidentale, al Camerun orientale, dove la linea costiera africana si piega ad angolo retto, verso il Congo meridionale. Nel bacino del fiume Congo il genere Pelvicachromis è sostituito dal genere Nanochromis.
Purtroppo molti dei paesi nelle zone in cui è diffuso il Pelvicachromis sono sistematicamente corrotti o politicamente a disagio, e sono attualmente in corso in Sierra Leone e Liberia guerre civili e azioni di guerriglia. Sono regioni poverissime. Raccogliere pesci in natura all'interno dei loro confini è quindi problematico. Il paese del Camerun, che si trova nell'estremità orientale, tuttavia è benedetto dalla stabilità politica, e anche la Nigeria ha visto recentemente un ritorno ad un governo democratico, e di conseguenza è da questi due paesi che sono probabilmente spediti la maggior parte dei Pelvicachromis selvatici, adesso e nell'immediato futuro.

Il problema più grande nel rifornire di Pelvicachromis selvatici i negozi locali non è tuttavia alla loro fonte, ma nella loro destinazione. I Pelvicachromis selvatici semplicemente non si vendono bene. Devono competere con i P. pulcher allevati commercialmente, ai quali, dopo tutto, assomigliano. Poiché gli esemplari selvatici devono essere venduti a $15 - $50 ciascuno, per essere remunerativi, solo gli affezionati più devoti li preferirebbero ai P. pulcher offerti nella vasca vicina a $3,99. Come tali, soltanto i negozi specializzati in acquariofilia che forniscono pesci insoliti e rari, possono farsi carico di questi esemplari, e soltanto occasionalmente.

Pelvicachromis sacrimontis

Attualmente Pelvicachromis sacrimontis è considerato un sinonimo di Pelvicachromis pulcher, non più una specie a sé stante.

A volte si trova nei negozi locali il Pelvicachromis sacrimontis, lo 'scarlet krib'. Questo pesce è catalogato come Pelvicachromis sp. aff. pulcher nel libro "Ciclidi africani I: Ciclidi dell'Africa occidentale" di Linke e Staeck. Questa indicazione significa che il pesce non era ancora descritto sistematicamente, ma è chiaramente una specie di Pelvicachromis simile al P. pulcher. Dopo la pubblicazione di 'Ciclidi africani I: Ciclidi dell'Africa occidentale', questo pesce è stato descritto correttamente sotto il nome di Pelvicachromis sacrimontis.

Gli habitat del P. pulcher e del P. sacrimontis apparentemente non coincidono. I P. sacrimontis abitano una zona più a levante del P. pulcher, essendo stati ritrovati proprio ad est del delta del fiume Niger in Nigeria, diversamente dal P. pulcher, che è stato ritrovato ad ovest del delta.

Da giovane, è molto difficile distinguere questo pesce dal P. pulcher. La prima distinzione caratteristica che può essere notata è una zona blu turchese iridescente sulle guance e sull'opercolo branchiale del P. sacrimontis. Mantengono questo colore persino quando sono stressati, di conseguenza questo può essere l'unico modo di distinguerli nella vasca del negoziante. Le femmine di P. sacrimontis inoltre hanno le pinne dorsali che sono uniformemente scure, in quanto non hanno il bordo dorato della dorsale delle femmine del P. pulcher. E quando sono pienamente colorati e in procinto di riprodursi, le due specie si distinguono facilmente l'una dall'altra. Le femmine del P. sacrimontis hanno la pancia rosso luminoso, non scuro, che dà loro il loro nome comune di "scarlet krib". E quando hanno i colori da riproduzione hanno due fasce longitudinali abbastanza scure che vanno per tutta la lunghezza dei loro fianchi. Queste bande diventano considerevolmente più chiare (quasi beige) quando il pesce sta sorvegliando gli avannotti.

I P. sacrimontis sono inoltre inconsueti in quanto i maschi sono altrettanto colorati delle femmine. Inoltre alcune popolazioni maschili dei P. sacrimontis hanno pance rosse, ed in questi esemplari il rosso si estende dalla pancia fino alla metà inferiore della faccia, il che lo rende un pesce molto bello. Altre popolazioni hanno pance gialle. La forma rossa dei P. sacrimontis deve essere considerata uno delle più belle fra tutti i Pelvicachromis.

Il negozio 'Riverfront Aquariums' occasionalmente riesce ad avere questo pesce, ma bisogna informarsi su quando è probabile che arrivi la spedizione più vicina. L'ultima volta che ero nel negozio c'era ancora un solo maschio solitario disponibile per la vendita. Era rimasto lì dalla loro ultima spedizione alcuni mesi prima, ed era rimasto invenduto perché aveva perso un occhio. Non ho mai visto questi pesci in nessun altro negozio, ma alcuni potrebbero procurarveli, se li ordinate.

Pelvicachromis taeniatus

Il Pelvicachromis taeniatus è il "wild krib" che si trova più comunemente nei negozi locali. Ha un habitat relativamente vasto, che va dalla Nigeria litoranea, al sud est del Camerun litoraneo e alla Guinea equatoriale.

Il Pelvicachromis taeniatus è un pesce più snello delle altre specie di Pelvicachromis. Inoltre ha il maschio con la taglia più piccola da adulto, ma le femmine sono di taglia quasi uguale alle femmine del P. pulcher.

Esiste un considerevole numero di varietà locali di colorazione, con una gamma di colori molto vasta. "Ciclidi africani I: Ciclidi dell'Africa occidentale" di Linke e Staeck elenca dodici varietà di colorazione ed indica il tipo di località di ciascuno. E' estremamente importante allevare ogni varietà separata nell'acquario. Ogni incrocio in vasca fra le varie forme dovrebbe essere trattato come un ibrido ed essere scartato.

Le varietà di colorazione riconosciute hanno ciascuna un nome basato sul loro habitat (solitamente quello del villaggio più vicino a dove sono stati ritrovati) o sul loro colore predominante. In ordine rispetto al luogo di ritrovamento, da nord ovest a sud est, le varietà sono:

  1. Nigeria-Giallo
  2. Nigeria-Rosso
  3. Nigeria-Verde
  4. Moliwe
  5. Muyuka
  6. Wouri
  7. Dehane
  8. Lokoundje
  9. Kienke
  10. Nange
  11. Lobe
  12. Lobe-Rosso

Le tre varietà di colorazione nigeriane di P. taeniatus prendono il nome dal colore degli opercoli branchiali dei maschi: giallo, rosso, o verde. Si noti che il colore generale del corpo dei pesci maschi o il colore delle femmine non è necessariamente lo stesso del colore dell'opercolo.

La varietà Nigeria-Giallo è originaria del litorale della Nigeria ad ovest del delta del fiume Niger, mentre le varietà Nigeria-Verde e Nigeria-Rosso apparentemente provengono proprio dall'interno del delta. La varietà; rossa apparentemente è molto localizzata e coloro che si occupano di catturare i pesci in natura stanno tenendo segreta la sua ubicazione.

Nessuna delle varietà nigeriane è particolarmente attraente. Le femmine Nigeria-Giallo non hanno la pancia colorata della maggior parte delle femmine di Pelvicachromis, e la colorazione dei maschi Nigeria-Giallo può essere definita tutt'al più come "tenue". Le femmine Nigeria-Verde sono molto più belle, con le pance rosa, ma i maschi sono spettacolarmente non spettacolari, malgrado l'iridescenza verde dei loro opercoli branchiali. La forma Nigeria-Rosso è ancora un miglioramento, con le pance piacevolmente rosse, ma anche loro, una volta confrontati con qualcuna delle varietà del Camerun, non sono molto colorate.

La varietà "Moliwe", del Camerun nord-occidentale, è un pesce molto più bello. I maschi hanno guance e pancia gialle, e rosso sulle loro pinne anali e caudale. Le femmine hanno belle pance viola, le pinne pelviche nere e parecchi spot scuri sulla coda e sulla parte posteriore della pinna dorsale.

La varietà "Muyuka" proviene anch'essa dal Camerun nord-occidentale. I maschi e le femmine di questa varietà tuttavia sono colorati molto più similmente di quelli della forma Moliwe: entrambi sono complessivamente arancione - marrone chiaro. Le femmine hanno un solo spot scuro sulla coda e né l'uno né l'altro sesso hanno spot scuri sulla pinna dorsale. La coda e le pinne anali dei maschi sono rosse con bande blu e le femmine hanno pance viola rosate.

Le femmine "Wouri", provenienti da un'unica località nel Camerun occidentale, sono le più belle tra tutti i Pelvicachromis. Hanno una macchia dorata iridescente sulla zona dorsale e questo colore dorato inoltre è 'riflesso' sulla loro pinna dorsale. Hanno pance rosso lampone, opercoli branchiali gialli, e corpi scuri. Ma i maschi, ahimé, sono di un verde oliva grigio-marrone estremamente monotono.

La varietà "Dehane" è originaria dei piccoli tributari del corso più basso del fiume Nyong nel Camerun sud-occidentale. Questa è una delle varietà più belle. I maschi sono rossi sugli opercoli branchiali, hanno la pancia gialla e la parte anteriore della pinna dorsale, le pinne anali e la pinna caudale di un notevole colore rosso,. La coda inoltre ha parecchi grandi spot ovali, bordati d'oro. Le pinne delle femmine sono prive di spot, ma hanno una pancia gradevolmente blu con una sfumatura violacea.

Simile alla varietà Dehane è un'altra forma originaria del fiume Nyong, chiamata "Lokoundje". Le femmine di questa varietà hanno una iridescente macchia bianca metallica sui fianchi che non è presente nelle altre varietà. I maschi sono simili ai maschi Dehane ma i punti neri sulle loro code sono più piccoli e più rotondi.

Più a sud vi è il fiume Kienke, che sfocia nell'Oceano Atlantico vicino alla città di Kribi. Qui è stata ritrovata un'altra varietà denominata "Kienke". I maschi hanno la pancia e gli opercoli branchiali gialli, le pinne anali rosse e un bordo rosso e dorato sulla pinna dorsale. Le femmine hanno la pancia color mirtillo, opercoli branchiali gialli e un singolo spot scuro sulla pinna dorsale gialla. Questo è il pesce a cui originalmente era stato dato il nome di specie 'kribensis' e quindi è la fonte di tutta la confusione nomenclaturale successiva.

E' originaria dell'estremo sud del Camerun (vicino al confine con la Guinea Equatoriale) la varietà "Lobe", con i suoi maschi intensamente gialli. E fra il fiume Kienke e Lobe si trova la varietà "Nange", che ha una colorazione intermedia fra il Lobe ed il Kienke. I maschi gialli Lobe sono i più caratteristici di tutti i Pelvicachromis taeniatus, con il loro colore giallo che ricopre tutto il loro corpo. Nelle altre popolazioni il colore giallo, se non è assente del tutto, sarebbe limitato agli opercoli branchiali e alla pancia. E' presente un certo colore rosso smorzato nelle pinne anali e caudale. Le femmine hanno una bella pancia blu ardesia. Un pesce molto bello.

E'incluso nell'elenco anche la varietà "Lobe-Red". I maschi di questo pesce sono grigiastro-marroni con rosso sulla coda, sulla pinna anale, sulla pinna dorsale e sugli opercoli branchiali. Staeck e Linke si interrogano se questo pesce è una forma naturale o il risultato di una ibridazione, probabilmente con il Pelvicachromis taeniatus "Dehane".

Tutti i Pelvicachromis taeniatus che ho visto per la vendita locale erano "Nigeria-Giallo" e di conseguenza erano tra i meno belli delle varie varietà di colorazione. Speriamo di vedere presto qualcuna delle forme più colorate provenienti dal Camerun.

Pelvicachromis subocellatus

Il Pelvicachromis subocellatus ha il corpo più alto della maggior parte degli altri Pelvicachromis, avendo quasi la stessa forma degli Apistogramma.

Sono originari del sud dell'habitat del Pelvicachromis taeniatus; del sud del Gabon e della Cabinda, fino alla foce del fiume Congo.

Non ho mai visto questo pesce in vendita nei negozi locali, il che è una vergogna perché è uno dei Pelvicachromis più affascinanti.

I maschi hanno la pancia gialla e le pinne anali rosso lampone e sono abbastanza attraenti. Ma quando si riproducono le femmine sono qualche cosa di speciale. Hanno pinne dorsali bianche, pance rosso lampone bordate con due larghe bande di blu mora.

Pelvicachromis roloffi

Il Pelvicachromis roloffi è strettamente imparentato con il P. subocellatus, ma ha una distribuzione molto più occidentale: Sierra Leone, Liberia e la Guinea nord-orientale.
I maschi sono pesci normali, con pance biancastre, il dorso marrone chiaro e una banda longitudinale scura lungo i fianchi. Le femmine sono molto più belle, con le pance viola, le pinne ventrali nere e piccoli spot neri orlati d'oro sulla base della pinna dorsale. Non ho mai visto questo pesce nei negozi locali.

Pelvicachromis humilis

Il Pelvicachromis humilis è molto più allungato, quasi come un pike-cichlids, ciclide con il muso lungo. E' il più grande dei Pelvicachromis, in genere raggiunge circa 10 cm. di lunghezza.

Il Pelvicachromis humilis proviene dall'estremità occidentale dell'area occupata dai Pelvicachromis: la Sierra Leone e la Liberia.

Ci sono parecchie varietà di colorazione, la più comune è la varietà "Kasawe" proveniente dalla Sierra Leone. I maschi di questa varietà hanno una macchia gialla sulla pancia e le femmine hanno pance rosa e iridescenze verde chiaro luminoso sopra le branchie e dietro le pinne pettorali.

Un'altra varietà proviene dalla Guinea orientale, a nord della Liberia. Ha del colore azzurro sulla faccia, la pancia di un colore rosso-arancione chiaro e spot neri sulle pinne dorsali e caudale.

E' stata ritrovata in Liberia una varietà sud-orientale, chiamata "Liberia-Rosso". I maschi hanno le pinne rosse e non hanno la macchia gialla dei maschi Kasawe. Le femmine non hanno il colore rosa delle femmine Kasawe, ma al suo posto hanno un colore rosso mattone pieno. Inoltre non hanno le iridescenze verde chiaro. Hanno un po' di azzurro sulle branchie e sulla pinna caudale, e un bordo nero sulla pinna dorsale. Dei bei pesci.

Il Pelvicachromis humilis è costoso. L'ultima volta che sono stato nel negozio di 'Riverfront Aquariums' era attaccato ad una vasca un cartellino con il prezzo dei Pelvicachromis humilis "Liberia-Rosso" (anche se non c'erano di pesci dentro). Il cartellino del prezzo diceva $49.95 ciascuno. E "DADA's Fishroom" (Edmonton) ha in listino una varietà "Bande River Purple" al prezzo non comune di $69.99 per una coppia.

© Grant Gussie - Calgary Aquarium Society

Elenco delle Specie comprese nel Genere

Pelvicachromis

Pelvicachromis humilis 'Liberia Red' femmina - Foto © Frank Schäfer (Aquarium Glaser GmbH)
-

Specie rara da trovare in commercio, Pelvicachromis humilis è anche la più grande specie conosciuta nel genere, ed è leggermente più difficoltosa delle altre da far riprodurre.

Aspettativa di vita: 5 - 8 anni
Dimensioni massime in natura: 12.5 cm TL
Temperatura in natura: 24 - 26°C
Valori pH in natura: 6.0 - 8.0
Coppia di Pelvicachromis pulcher
Kribensis, Rainbow krib -

E' una delle specie di ciclide più comune e popolare in acquariofilia, per robustezza ed adattabilità, la stragrande maggioranza di quelli in vendita oggi sono allevati in cattività ed hanno in genere un carattere meno aggressivo (in genere, ci sono sempre le eccezioni)...

Aspettativa di vita: 5 - 8 anni
Dimensioni massime in natura: 10 cm SL i maschi, 7.5 cm le femmine
Temperatura in natura: 24 - 25°C
Valori pH in natura: 5.0 - 8.0
Pelvicachromis roloffi - Foto © Tobias Musschoot (FishBase)
Dimensioni massime in natura: 8 cm TL
Temperatura in natura: 24 - 26°C
Valori pH in natura: 5.9 - 7.0
Pelvicachromis rubrolabiatus - Foto © Frank Teigler (FishBase)
Dimensioni massime in natura: 6.5 cm SL
Pelvicachromis signatus - Foto di Bjarne Saetrang (aquadigital.net)
Dimensioni massime in natura: 7.9 cm SL
Coppia di Pelvicachromis silviae - Foto © Ekona (Apistogramma.com)
Dimensioni massime in natura: 4.8 cm SL
Femmina di Pelvicachromis subocellatus in livrea riproduttiva - Foto © Hippocampus-bildarchiv.com
Ocellated Kribensis -

E' una delle specie di Pelvicachromis meno diffuse in acquariofiliadella quale esistono diverse forme di colore. La femmina in livrea riproduttiva non è confondibile con nessun'altra femmina delle specie di Pelvicachromis.

Aspettativa di vita: 5 - 8 anni
Dimensioni massime in natura: 8 cm SL il maschio, 6 cm la femmina
Temperatura in natura: 22 - 26°C
Valori pH in natura: 6.0 - 8.0
Pelvicachromis taeniatus 'Kienke' - Foto © Hippocampus-bildarchiv.com
-

E' una specie dalla colorazione mozzafiato, attualmente molto più facilmente disponibile di un tempo. Ci sono più di una dozzina di forme di colore disponibili, che è meglio non allevare insieme perchè si incrocerebbero tra loro.

Aspettativa di vita: 5 - 8 anni
Dimensioni massime in natura: 8 cm SL i maschi, 6 cm le femmine
Temperatura in natura: 22 - 25°C
Valori pH in natura: 6.0 - 8.0

Aggiungi un commento

Avviso per chi vuole lasciare un commento: Questo è un sito amatoriale, che vuole diffondere una maggiore conoscenza e consapevolezza sulle specie allevate in acquario, ed è gestito da una sola persona. Se avete qualche commento da fare riguardo al sito o a questa pagina siete i benvenuti, ma per richieste d'aiuto e/o consigli per il vostro acquario è meglio rivolgervi dove ci sono più persone in grado di rispondervi, come i forum dedicati, posso consigliarvi i miei preferiti, acquariofiliafacile.it e acquarioacquadolce.it, per serietà ed attendibilità, ma ce ne sono molti altri :)

By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.