• No ai pesci giganti in acquario
  • No ai pesci rossi nella boccia
  • I pesci pulitori non esistono!
  • No ai pesci colorati artificialmente
  • No ai pesci combattenti nei vasi
  • No alle tartarughe nelle mini vaschette
Tempo di lettura
7 minuti
Letto finora

I Saltafango (Mike & Pauk)

Mar, 15/Feb/2005 - 09:37
Posted in:
2 comments

Allevamento in acquario dei Periophthalmus, con consigli utili e molte foto, che li ritraggono in tutta la loro simpatica "bruttezza"

Traduzione dell'articolo:
"Mudskippers" di Mike - Tradotto dal Russo da Pauk
tratto da TopTropicals

Mentre nell'articolo originale i saltafango in questione vengono identificati come Periophthalmus barbarus, l'esperto Gianluca Polgar a fondopagina segnala che si tratta di Periophthalmus variabilis, senz'altro più adatti dei P. barbarus alla vita in acquaterrario.

Periophthalmus novemradiatus - Foto di TopTropicals

Le strane creature sconosciute, che trascorrono la maggior parte del tempo fuori dall'acqua, che possiedono grandi occhi, simili a periscopi, che esaminano attentamente tutto quello che succede fuori dall'acquario (a volte sembra che si divertano come guardando un film), che sanno arrampicarsi sugli alberi e sulle pareti dell'acquario, che dopo aver mangiato salgono sui palmi delle vostre mani, con i quali è possibile giocare un po’ fuori dalla vasca, sono, nondimeno, dei pesci.
I pesci più insoliti (o più rari), che possano vivere in acquario.

Periophthalmus novemradiatus - TopTropicals.com

Ci sono 35 specie appartenenti al genere Periophthalmus (la più recente è stata scoperta alla fine del 1997, ed è possibile che saranno scoperte nuove specie in futuro) vivono nel fango e camminano saltellando (meritando il nome inglese di mudskipper, italianizzato in Saltafango), nelle acque salmastre delle coste del Pacifico e nelle zone litoranee di Africa, India, Cina, Australia; è abbastanza comune in acquario.

La specie più comune in acquario è Periophthalmus barbarus, ritratto in queste immagini [in realtà si tratta di Periophthalmus variabilis, più piccolo e meno aggressivo dei barbarus].

Periophthalmus novemradiatus - TopTropicals.com

In questa foto un esemplare sta osservando attentamente attraverso il vetro dell'acquario l’ambiente circostante, con i suoi enormi occhi verdi. Sono visibili le sacche guanciali, in cui il pesce conserva l'acqua per la respirazione, come i sommozzatori, che portano con loro l'aria quando si tuffano. Poiché il pesce non ha palpebre, batte gli occhi muovendoli velocemente verso il basso. Inoltre, ogni tanto deve ritornare nell’acqua, per inumidire la pelle e rinnovare il rifornimento idrico. In questo caso i Periophthalmus inghiottono l'acqua energicamente, facendola uscire attraverso le branchie.
La loro grande bocca è della misura adatta per catturare ed inghiottire gli insetti, che sono una parte importante della loro dieta.
A volte sembra che il Periophthalmus apra la bocca, stenda le labbra ed incominci a parlare, bofonchiando una sorta di "sis'ki-masis'ki"

Periophthalmus novemradiatus - TopTropicals.com

Si spostano sulla terraferma facendo dei saltelli, con l'aiuto delle pinne, con una camminata che lo fa assomigliare ad uno zoppo con le stampelle. Puntando la coppia di pinne ventrali, simultaneamente si spingono con la caudale, facendo il salto. Se spaventati, possono fare salti fino ad un metro e mezzo di distanza. Nel negozio, quando ho comprato i miei, sono saltati fuori dalla vasca, finendo sul pavimento, ed è stato molto difficile catturarli.

Sempre con l’aiuto delle pinne si arrampicano sui tronchi e perfino sulle pareti di vetro dell'acquario.

Nella fotografia in alto a destra sono visibili le pinne, con le quali riesce a saltare. Dalla posizione assomiglia ad una recluta, alla quale il sergente ha ordinato di fare 20 flessioni... nel frattempo mastica pensoso qualche cosa di saporito.

Periophthalmus novemradiatus - TopTropicals.com

Si arrampicano sulle pareti dell'acquario molto agilmente, raggiungendo in breve tempo la copertura. Se spaventati, saltano di nuovo nell'acqua. Nella fotografia a sinistra potete vedere l’”orbo”, che si arrampica sul vetro: dopo l’acquisto mi sono accorto che uno dei pesci comprati aveva un occhio solo, l’altro o non si è sviluppato o è stato fatto fuoriuscire dall’orbita. La mancanza dell'occhio non gli impedisce affatto di mangiare e di farsi largo tra gli altri.

Acquario

Allevare questi pesci in acquario è molto semplice, anche se è necessario qualche sforzo iniziale per creare un "habitat" adatto a loro.

Periophthalmus novemradiatus - TopTropicals.com

L'acquario per i saltafango deve essere largo e poco profondo.
Il mio acquario è circa un metro di lunghezza e 50 cm di larghezza. L'altezza è circa 50 cm. Siccome i Periophthalmus passano la maggior parte del tempo sulla terraferma, bisogna fornire loro una “spiaggia”. Deve essere delicatamente in pendenza, e occupare approssimativamente la metà dell'acquario. La profondità dell’acqua nella parte più profonda non deve eccedere i 7-10 cm, farla più profonda non ha senso.

Per dare l’aspetto del litorale si possono usare ciottoli arrotondati e sabbia. Non vanno usati pietre o decorazioni appuntite o taglienti, perché, saltando, i pesci possono ferirsi. Collocate qualche pietra o tronco più grandi, perchè i Periophthalmus amano sedervi sopra. Inoltre è possibile fare delle "isole", dove alimentare convenientemente i pesci.

L'acqua deve essere salmastra, a metà strada fra salata e dolce. Ho usato sale marino fino ad ottenere una densità dell'acqua di 1.010-1.015. Non è necessaria una grande precisione, poiché in natura questi pesci vivono in ambienti dove la salinità dell'acqua varia notevolmente, influenzata dalle maree. Tuttavia, non è consigliabile allevarli in acqua dolce.

L'acqua deve essere dura ed alcalina (pH 8-8.5) per cui sarebbe meglio usare marmo, conchiglie di lumaca, ecc.

La temperatura e l'umidità sono altri due fattori importanti. Una temperatura dell’acqua (e dell’aria nell'acquario!) adeguata dovrebbe essere di 26-30°C. All'interno dell'acquario deve esserci umido, questo è possibile installando un sistema per spruzzare o vaporizzare l’acqua, sotto cui stazioneranno i pesci, con grande soddisfazione.

Nel mio acquario uso un piccolo filtro interno, che crea delle onde sulla superficie dell’acqua. All’inizio avevo fatto una “cascatella" con il tubo dell'uscita del filtro, ma i pesci erano spaventati a causa del rumore. Il riscaldatore va schermato in modo che i pesci non riescano ad arrampicarcisi sopra.

Periophthalmus novemradiatus - TopTropicals.com

L'acquario deve essere chiuso con un coperchio, sia per mantenere l'atmosfera umida internamente, sia per non dare ai Periophthalmus l’occasione per andare fare una passeggiata nell'appartamento. Possono salire facilmente lungo le pareti dell’acquario e possono rimanervi appesi a lungo.

Per le piante, sono riuscito ad usare soltanto le mangrovie. In natura questi alberi crescono con le radici affondate nell'acqua di mare. A proposito, questi alberi sono un filtro eccezionale, assorbendo dall'acqua le sostanze organiche, a volte sono usati anche negli acquari marini.

Il Microsorum pteropus, piantato nell'acquario con i Periophthalmus (seguendo i consigli di un libro sull'acquario salmastro, in cui veniva suggerito) è marcito, mentre le mangrovie crescono abbastanza bene. Nella fotografia dell'acquario sono visibili soltanto due gambi, il fogliame si trova nella parte superiore. Siccome le foglie per la loro coltivazione non sono molto importanti, contrariamente al sistema radicale, è possibile potarle molto, lasciandone soltanto un paio. Descrizioni più dettagliate sull'uso degli alberi di mangrovia in acquario si possono leggere in molti siti su Internet.

I Periophthalmus sono pesci abbastanza asociali ed aggressivi; quindi scegliere loro compagni di vasca è molto complicato. Tutti quelli delle dimensioni adatte alla loro bocca, presto o tardi lì finiranno. Anche le caratteristiche specifiche dell'acquario non permettono molte convivenze. Probabilmente, se facciamo una parte subacquea più profonda ed estesa, allora è possibile inserire altri pesci, che abitino nell'acqua salmastra. Con i miei vivono dei molly, che mangiano quanto avanzato dai Periophthalmus, che non mangiano quello che cade nell'acqua. Probabilmente, nell'acqua vedono male, in quanto i loro occhi sono fatti per vedere in aria. A volte si consiglia di tenere i Periophthalmus con i granchi, ma avendone già quattro esemplari non ci ho mai provato.

Periophthalmus novemradiatus - TopTropicals.com

Adesso allevo cinque Periophthalmus, ma in seguito, sarò costretto a lasciarne soltanto uno. Infatti diventano 10-15 cm e molto aggressivi tra di loro. Nella fotografia a sinistra è ritratto un Periophthalmus che ha la bocca completamente piena di un grosso boccone… In genere si mettono in un angolo dell'acquario per masticare tranquilli, senza fretta.

Nelle foto sottostanti un Periophthalmus è seduto di fronte alla parete di vetro e taciturno controlla tutto quello che succede intorno... Gli enormi occhi verdi e le pinne gli danno la forma di un extraterrestre – un protagonista di Guerre Stellari!

Periophthalmus novemradiatus - TopTropicals.com
Periophthalmus novemradiatus - TopTropicals.com
Periophthalmus novemradiatus - TopTropicals.com

In quest'altra foto invece un esemplare cammina lentamente da un angolo all’altro dell'acquario

Alimentazione

Alimentare i Periophthalmus è molto semplice. Non ho ancora trovato un cibo che i miei pesci rifiutino – cibo vivo, congelato, secco, insetti (grilli)...

Mangiano con piacere il mangime secco ma, spingendosi l’un l’altro, si precipitano su quello congelati. Già il terzo giorno da quando li ho comprati i pesci hanno cominciato a prendere il cibo dalla mia mano, mentre lo tenevo sul palmo.

Periophthalmus novemradiatus - TopTropicals.com

Il cibo va fornito loro su terra asciutta, per questa uso una specie di “isola” di gomma piuma dura. Solitamente si riempiono la bocca completamente, saltano in un angolo tranquillo dell'acquario e masticano quello che hanno in bocca lentamente, pensosamente.
Le “briciole” che cadono nell'acqua vengono solitamente ignorate, e, anche se cercano di afferrare quello che cadono loro vicine, in genere non ci riescono: probabilmente nell'acqua ci vedono male, e quello che cade oltre la punta del loro naso viene ignorato, essendo il cibo a disposizione sufficiente.

Ci vuole un po’ di attenzione nella forma, se li alimentate con mangime secco è meglio usare i granelli, che possono venire inghiottiti immediatamente, senza sporcare l'acqua. Per mangiare quello che avanza e che cade in acqua, io allevo nello stesso acquario dei Molly, che non ricevono nessun altro alimento.

Periophthalmus novemradiatus - TopTropicals.com
Periophthalmus novemradiatus - TopTropicals.com

Nella foto, l’intero gruppo accorre e si affolla il più presto possibile per afferrare la propria parte. Sullo sfondo, un Periophthalmus, che ha afferrato poco prima un pezzo di gambero e si sta rifugiando in un angolo, per masticarlo con calma, senza che gli altri glielo tolgano.

I Periophthalmus capiscono chiaramente quando sto per dar loro il cibo, e si riuniscono, spingendosi via l’uno con l’altro.

Conclusione

A conclusione dell’articolo, è possibile dire che l’allevamento di questi pesci divertenti è molto semplice, anche se alcuni asseriscono il contrario. I Periophthalmus possiedono indubbiamente una forte personalità e si trasformeranno in un animale domestico interessante.

In cattività i Periophthalmus non si sono riprodotti, probabilmente, perché non sono riuscito a creare nell'acquario una copia del loro ambiente di vita naturale, le paludi di mangrovia.
Può essere dovuto anche al fatto che della riproduzione in natura di questi pesci ci sono pochissime informazioni. Si sa soltanto che costruiscono nidi di grande diametro.

© Copyright - Tutte le immagini dell'articolo sono proprietà di TopTropicals.com

Specie nel sito
Periophthalmus novemradiatus - Foto © Dietmar Scholtz
Dwarf Indian Mudskipper, Saltafango
Aspettativa di vita: oltre 6 anni
Dimensioni massime: sembra che possa arrivare ai 10 cm SL ma il più grande esemplare registrato dalla scienza misurava 5.1 cm.

E' una tra le più piccole specie di Saltafango, pesci interessanti e affascinanti che hanno bisogno di un allestimento molto particolare, a loro dedicato, d'acqua salmastra con zone emerse. Sono anche incredibilmente divertenti, curiosi e intelligenti.

Periophthalmus variabilis - Foto  © Y. Ikebe; Thailandia meridionale
Pearse's mudskipper, Saltafango
Aspettativa di vita: oltre 6 anni
Dimensioni massime: 6.4 cm SL
A causa della loro natura altamente anfibia i saltafango sono tra le specie più interessanti e affascinanti che possono essere allevate in acquario. Si raccomanda però di pensare al loro allevamento solo dopo essersi documentati attivamente e abbondantemente, perchè hanno caratteristiche poco compatibili con l'allevamento stesso in acquario

Commenti

Aggiungi un commento

Avviso per chi vuole lasciare un commento: Questo è un sito amatoriale, che vuole diffondere una maggiore conoscenza e consapevolezza sulle specie allevate in acquario, ed è gestito da una sola persona. Se avete qualche commento da fare riguardo al sito o a questa pagina siete i benvenuti, ma per richieste d'aiuto e/o consigli per il vostro acquario è meglio rivolgervi dove ci sono più persone in grado di rispondervi, come i forum dedicati, posso consigliarvi i miei preferiti, acquariofiliafacile.it e acquarioacquadolce.it, per serietà ed attendibilità, ma ce ne sono molti altri :)

By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.