• No ai pesci giganti in acquario
  • No ai pesci rossi nella boccia
  • I pesci pulitori non esistono!
  • No ai pesci colorati artificialmente
  • No ai pesci combattenti nei vasi
  • No alle tartarughe nelle mini vaschette

Phenacogrammus

Informazioni e notizie sulla tassonomia e sulle specie del genere Phenacogrammus

Phenacogrammus interruptus - Foto © Peter Maguire

etimologia

Phenacogrammus: dal greco phenax-akos = falso, ingannevole + gramma = lettera, segno

Il rappresentante più noto del genere Phenacogrammus è sicuramente Phenacogrammus interruptus. Appartiene alla famiglia degli Alestidi, dell'ordine dei Characiformes, ed è uno dei più bei Caracidi africani, essendo originario appunto dell'Africa centrale.
In passato la Famiglia degli Alestidae era compresa nel sottordine Characoidei della famiglia dei Cypriniformes, mentre attualmente tutte le famiglie del sottordine sono considerate facenti parte dell'ordine dei Characiformes. In qualche testo (Aquarium Atlas di Baensch) la famiglia degli Alestidae è considerata invece una sottofamiglia di quella dei Characidae.

La Tassonomia

Alla famiglia degli Alestidi appartengono attualmente 18 generi, per un totale di 109 specie; comprende tutti i caracidi detti "tetra" africani.
Con l'eccezione del genere Hydrocynus, possono essere allevati in acquari diciamo normali: hanno dimensioni accettabili, un comportamento pacifico e sono abbastanza tolleranti per quanto riguarda i valori dell'acqua. Il genere Hydrocynus invece, come indicano i nomi comuni di "tiger characin" e "wolf tetra", comprende pesci dal carattere veramente feroce: predatori dalle grandi dimensioni (da 40 a 150 cm) e dalla dentizione impressionante (già i Phenacogrammus, per quanto tranquillissimi, mi hanno stupito per la loro dentatura da piranha...) devono essere allevati da soli o con compagni di vasca dalla grandezza e dal carattere adeguato; tuttavia le sole dimensioni dovrebbero essere sufficienti a sconsigliarlo per gli acquari casalinghi.

Elenco delle Specie comprese nel Genere

Phenacogrammus

Dimensioni massime in natura: 6.5 cm TL
Temperatura in natura: 24 - 27°C
Aspettativa di vita: 5 anni
Dimensioni massime in natura: 7.5 cm TL
Temperatura in natura: 24 - 28°C
Valori pH in natura: 6.02 - 6.05
Phenacogrammus aurantiacus - Foto © Frank Schäfer (Aquarium Glaser GmbH)
Aspettativa di vita: 5 anni
Dimensioni massime in natura: 10.0 cm TL
Aspettativa di vita: 5 anni
Valori pH in natura: 6.05 - 6.2
Aspettativa di vita: 5 anni
Dimensioni massime in natura: 10.0 cm TL
Temperatura in natura: 24 - 27°C
Aspettativa di vita: 5 anni
Dimensioni massime in natura: 5.0 cm SL
Phenacogrammus interruptus - Foto © Peter Maguire
Congo tetra, tetra del Congo -

Splendidi pesci dalla livrea iridescente, se allevati in gruppo offrono uno spettacolo sensazionale, anche se date le dimensioni che raggiungono sono adatti solo ad acquari grandi.

Aspettativa di vita: 5 anni
Dimensioni massime in natura: 8.0 cm TL il maschio, 6.0 cm la femmina
Temperatura in natura: 23 - 26°C
Valori pH in natura: 6.0 - 8.0
Aspettativa di vita: 5 anni
Dimensioni massime in natura: 8.2 cm TL
Aspettativa di vita: 5 anni
Dimensioni massime in natura: 3.2 cm TL
Aspettativa di vita: 5 anni
Dimensioni massime in natura: 5.4 cm TL
Aspettativa di vita: 5 anni
Dimensioni massime in natura: 4.0 cm SL
Aspettativa di vita: 5 anni
Dimensioni massime in natura: 7.0 cm TL
  • Specie che vanno allevate in gruppo: non meno di 6-8 esemplari
  • Specie che diventano abbastanza grandi
  • Specie riprodotta in cattività, tuttavia possono essere presenti in commercio stock provenienti dalla cattura in natura. Chiedete al negoziante se i pesci che state per prendere sono d'allevamento o di cattura.

Elenco delle Specie presenti nel sito e appartenenti al Genere

Phenacogrammus interruptus - Foto © Peter Maguire
Congo tetra, tetra del Congo
Aspettativa di vita: 5 anni
Dimensioni massime: 8.0 cm TL il maschio, 6.0 cm la femmina

Splendidi pesci dalla livrea iridescente, se allevati in gruppo offrono uno spettacolo sensazionale, anche se date le dimensioni che raggiungono sono adatti solo ad acquari grandi.

Temperatura in natura: 23 - 26°C
Valori pH in natura: 6.0 - 8.0
SL (Standard Lenght)
Lunghezza standard, è la lunghezza del pesce calcolata dalla punta del muso al peduncolo caudale (esclusa quindi la coda)
TL (Total Lenght)
Lunghezza totale, è la lunghezza del pesce calcolata dalla punta del muso alla punta della coda (quindi coda compresa)
Demerso
specie che vive in prossimità del fondo del mare. I pesci demersi si dividono principalmente in due tipi: Bentonici e Bentopelagici
Bentonica
specie che vive e che è legata al fondo
Bentopelagica
specie che vive sia sul fondo o vicino ad esso, sia nel livello medio dell'acqua
Pelagica
specie che vive lontano dal fondo, in acque aperte
Diadroma
specie che migrano tra acque salate e acque dolci
Anadroma
specie che che vive per la maggior parte del tempo in acque salate e si riproduce in acque dolci
Catadroma
specie che vive in acque dolci e si riproduce in acque salate
Anfidroma
specie che si muove indifferentemente da acque dolci ad acque salate
Potamodroma
specie che migra all'interno di acque dolci
Oceanodroma
specie che migra all'interno di acque salate

Aggiungi un commento

Avviso per chi vuole lasciare un commento: Questo è un sito amatoriale, che vuole diffondere una maggiore conoscenza e consapevolezza sulle specie allevate in acquario, ed è gestito da una sola persona. Se avete qualche commento da fare riguardo al sito o a questa pagina siete i benvenuti, ma per richieste d'aiuto e/o consigli per il vostro acquario è meglio rivolgervi dove ci sono più persone in grado di rispondervi, come i forum dedicati, posso consigliarvi i miei preferiti, acquariofiliafacile.it e acquarioacquadolce.it, per serietà ed attendibilità, ma ce ne sono molti altri :)

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.

Riproduzione e crescita di Tetra, Barbus e Rasbora (R. Carey)

Lungo articolo dedicato alla riproduzione di caracidi e ciprinidi, da cui traspare l'orgoglio e la soddisfazione che si prova quando si riesce a riprodurre questi pesci con successo, perchè non fanno tutto da soli, ma richiedono da parte dell'acquariofilo un impegno attivo, forte e costante, nello stimolare la deposizione prima e nel far sopravvivere e crescere i piccoli avannotti poi - traduzione in italiano di un articolo di Randy Carey