• No ai pesci giganti in acquario
  • No ai pesci rossi nella boccia
  • I pesci pulitori non esistono!
  • No ai pesci colorati artificialmente
  • No ai pesci combattenti nei vasi
  • No alle tartarughe nelle mini vaschette

Poecilia latipinna

(Lesueur, 1821)

La larga pinna dorsale a forma di vela del maschio è la caratteristica più distintiva di questa specie, della quale ne esistono in commercio molte forme di colore; come per tutti i Molly, l'ideale per loro è l'allevamento in acqua salmastra.

Poecilia latipinna, maschio wild - Foto © Hippocampus-bildarchiv.com

nome comune
Sailfin molly
sinonimi
Poecilia lineolata; Poecilia multilineata; Mollienesia latipinna
dimensioni massime in natura
Maschio 15.0 cm TL (in genere 12 cm), femmina 11.0 cm TL
aspettativa di vita
5 anni

La larga pinna dorsale a forma di vela del maschio è la caratteristica più distintiva di questo pesce; la colorazione può variare da verde, grigio a nero inchiostro; sono comuni anche delle forme maculate. Poecilia latipinna è stato riprodotto selettivamente per ottenere diverse forme di colore per il commercio acquariofilo, ed è stato anche incrociato con altre specie di Molly, in particolare Poecilia sphenops. Si possono incrociare facilmente anche in acquario, per evitarlo si consiglia di allevare una sola specie di Molly per acquario. Ne esiste anche una grottesca varietà 'balloon', in cui il corpo è arrotondata, per avere un aspetto simile ad un palloncino. Questa forma può causare problemi digestivi e alla vescica natatoria, e può provocare la morte prematura dei pesci.
Anche i pesci selvatici possono presentare diversi tipi di disegno e colore della livrea, anche se raramente si trovano in vendita.
L'ideale è allevarli in acqua salmastra, perché non si ammalino, e l'importante è che l'acqua sia almeno dura e basica, è assolutamente sconsigliato allevarli in acqua tenera e acida.

Poecilia latipinna può essere distinto dal simile Poecilia velifera grazie alla presenza di macchie scure rettangolari nella pinna dorsale. Anche in Poecilia velifera sono presenti queste macchie, ma sono tonde e di colore chiaro.

E' un'altra delle specie di livebearer, ovovivipari, che è stata introdotta in molti paesi in cui spesso batte le specie autoctone nella competizione alimentare e ne sconvolge l'equilibrio ecologico.

distribuzione

America del Nord: Bacini di drenaggio di Cape Fear nella Carolina del nord, negli U.S.A., fino a Veracruz, in Messico.
Introdotto in molti paesi. Parecchi paesi hanno riportato un effetto ecologico negativo dopo l'introduzione. Presenti anche nel Golfo del Messico.

habitat

Ambiente: bentopelagico; non migratori; acqua dolce e acqua salmastra; Clima: subtropicale
Si presenta in stagni, laghi, paludi, canali, fossati e negli specchi d'acqua calmi dei torrenti, tra la fitta vegetazione che cresce lungo gli argini, ed anche nelle acque costiere. Abbonda nelle fosse provocate dalle maree e nei canali salmastri. E' particolarmente associato agli habitat salmastri dove è presente una grande quantità di alghe e altro fitoplancton.

temperatura in natura
20 - 26°C
allevamento

Dimensioni minime dell'acquario: 80 cm di lunghezza per un gruppo di minimo 5-6 esemplari.
L'ideale è un acquario fittamente piantumato con spazio aperto per il nuoto. E' un pesce spiccatamente vegetariano, per cui le le piante con le foglie più tenere rischiano di essere distrutte a morsi. Per farli vivere sani e a lungo bisogna allevarli in acqua salmastra, mentre in acqua dolce sviluppano malattie (principalmente fungosi) e vivono meno, anche se l'acqua è dura e basica.

Comportamento e compatibilità: in genere sono adatti alla convivenza con altri pesci che hanno bisogno delle stesse condizioni d'acqua dura/salmastra, ma mano a mano che matura può prendersela con i pesci più piccoli. I maschi possono essere aggressivi tra di loro, in particolare quando in periodo riproduttivo. Buoni compagni di vasca possono includere altri Poecilia e alcuni pesci arcobaleno.

alimentazione

I pesci selvatici sono quasi esclusivamente erbivori, nutrendosi di alghe e altro materiale vegetale. I pesci riprodotti commercialmente di oggi sono lontane reminescenze dei loro antenati, e accettano senza problemi la maggior parte dei mangimi secchi offerti, ma perché vivano più a lungo dovrebbero essere incluse nella dieta delle sostanze vegetali, come spinaci scottati o fiocchi vegetali. Se l'apporto di vegetali è insufficiente può essere compromesso lo sviluppo della grande pinna dorsale dei maschi.

  • Specie d'acqua salmastra
  • Specie che va allevata in gruppo, con 2-3 femmine per ogni maschio
  • Specie che diventa abbastanza grande: il maschio può raggiungere i 14 cm
  • Specie riprodotta in cattività, talvolta attraverso tanti incroci tra consanguinei da indebolire il loro patrimonio genetico e la loro stessa salute.
comportamento riproduttivo
Specie ovovivipara, fecondazione interna.
dimorfismo sessuale
I maschi possiedono un gonopodio e una grande e lunga pinna dorsale a vela.
riproduzione

La riproduzione è molto facile se viene allevato con le condizioni dell'acqua corrette. Si riproduce nel modo comune ai pesci vivipari.
Come per altre specie i maschi possono essere un po' stressanti nella loro ricerca delle femmine, per cui è sempre consigliabile allevare diverse femmine per ogni maschio per suddividere tra loro le sue attenzioni. Aiuteranno anche aree fittamente piantumate.
La gestazione dura un po' più a lungo che nelle altre specie, circa 2 mesi, dopo di che le femmine possono partorire fino a 50 avannotti. Gli avannotti sono abbastanza grandi e accetteranno naupli d'artemia, gamberetti o mangime in fiocchi polverizzato già dalla nascita.
I pesci adulti, genitori compresi, predano i piccoli, per cui il metodo migliore per farne crescere un buon numero è quello di rimuovere la femmina gravida in un acquario separato e permetterle di partorire lì prima di rimetterla nell'acquario principale. L'utilizzo di sale parto o sale nido non è raccomandabile, in quanto le loro piccole dimensioni non sono adatte per l'allevamento degli avannotti.
Da notare è che i pesci selvatici (catturati in natura) tendono molto meno a mangiare i loro figli rispetto alle forme domestiche (riprodotte in cattività).

SL (Standard Lenght)
Lunghezza standard, è la lunghezza del pesce calcolata dalla punta del muso al peduncolo caudale (esclusa quindi la coda)
TL (Total Lenght)
Lunghezza totale, è la lunghezza del pesce calcolata dalla punta del muso alla punta della coda (quindi coda compresa)
Demerso
specie che vive in prossimità del fondo del mare. I pesci demersi si dividono principalmente in due tipi: Bentonici e Bentopelagici
Bentonica
specie che vive e che è legata al fondo
Bentopelagica
specie che vive sia sul fondo o vicino ad esso, sia nel livello medio dell'acqua
Pelagica
specie che vive lontano dal fondo, in acque aperte
Diadroma
specie che migrano tra acque salate e acque dolci
Anadroma
specie che che vive per la maggior parte del tempo in acque salate e si riproduce in acque dolci
Catadroma
specie che vive in acque dolci e si riproduce in acque salate
Anfidroma
specie che si muove indifferentemente da acque dolci ad acque salate
Potamodroma
specie che migra all'interno di acque dolci
Oceanodroma
specie che migra all'interno di acque salate

Aggiungi un commento

Avviso per chi vuole lasciare un commento: Questo è un sito amatoriale, che vuole diffondere una maggiore conoscenza e consapevolezza sulle specie allevate in acquario, ed è gestito da una sola persona. Se avete qualche commento da fare riguardo al sito o a questa pagina siete i benvenuti, ma per richieste d'aiuto e/o consigli per il vostro acquario è meglio rivolgervi dove ci sono più persone in grado di rispondervi, come i forum dedicati, posso consigliarvi i miei preferiti, acquariofiliafacile.it e acquarioacquadolce.it, per serietà ed attendibilità, ma ce ne sono molti altri :)

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.