• No ai pesci giganti in acquario
  • No ai pesci rossi nella boccia
  • I pesci pulitori non esistono!
  • No ai pesci colorati artificialmente
  • No ai pesci combattenti nei vasi
  • No alle tartarughe nelle mini vaschette
Tempo di lettura
4 minuti
Letto finora

Pseudomugil furcatus, occhi blu con coda biforcuta (P. McFarlane)

Mar, 11/Feb/2014 - 16:50
Posted in:
0 comments

Note sulla scoperta e sulle vicissitudini del nome tassonomico di Pseudomugil furcatus, con indicazioni su come allevarli e su come riprodurli

Traduzione dell'articolo:
"The Forktail Blue-eye - Pseudomugil furcatus" di Paul McFarlane
sul sito della Aquarticles.com, dove lo potete leggere nella versione originale in inglese.

Pseudomugil furcatus - Foto © Hristo Hristov

Nel 1942, durante la seconda guerra mondiale, il piccolo villaggio chiamato Popondetta nel sud-est della Papua Nuova Guinea era vicino al termine della pista Kokoda, un sentiero nella giungla che portava attraverso le montagne della penisola centrale fino a Port Moseby.

Nel tentativo di espugnare questo importante centro strategico, i giapponesi avevano lanciato un'offensiva a sorpresa lungo la pista Kokoda. Dopo mesi di combattimenti nella giungla, le truppe australiane, insieme agli americani, respinsero l'offensiva. Gli sforzi giapponesi finirono con una lotta feroce che portò alla cattura dei loro capi sulla costa orientale a Gona, Buna e Sanananda - a pochi chilometri da Popondetta.

Solo 11 anni dopo, nel 1953, nella stessa area vicino al Villaggio Pumani, alcuni collezionisti di pesci che cercavano nei piccoli ruscelli scoprirono per la prima volta un pesce sconosciuto alla scienza, lungo 2,5 cm e di colore giallo brillante. Nel 1955 il pesce è stato nominato Pseudomugil furcatus (Nichols). Nel suo habitat naturale, questa specie vive in piccoli ruscelli d'acqua dolce dalla corrente veloce, nella giungla, con significativa vegetazione. Le temperature vanno da 24 a 27°C e l'intervallo di pH è da 7 a 8.

E' stato un pesce con una forte crisi di identità. Nel 1982, Allen lo rimosse dal genere Pseudomugil e ne creò un altro, con conseguente nome di Popondetta furcata (dal nome del villaggio alla fine del sentiero di Kokoda). Da quando il pesce è stato introdotto per la prima volta in acquariofilia in Australia, nel 1981, e da lì al resto del mondo, Popondetta furcata è stato il nome che gli appassionati hanno imparato a conoscere. Purtroppo, qualcuno ha scoperto che il nome Popondetta era già in uso come nome di un genere di coleotteri. Ciò significava che non poteva essere utilizzato per un pesce e Allen lo rinominò, nel 1987, come Popondichthys furcatus. Si potrebbe pensare che sarebbe stato definitivo, invece nel 1989 una revisione di tutto il gruppo degli "occhi blu" ha fatto sì che il nome di questo pesce venisse restituito al suo genere originale - Pseudomugil furcatus. Almeno non è stato cambiato da allora!

Gli Pseudomugil furcatus fecero la loro prima apparizione sulla scena dell'acquariofilia in Nord America, solo da 12 a 15 anni fa circa - almeno questo è quanto ho saputo. Con i loro due centimetri circa di lunghezza potrebbero essere allevati comodamente in un acquario da 25 litri, anche se un gruppo in un acquario più grande e piantumato, fornirà una visuale sorprendente, mostrando la brillante colorazione gialla e nera. Un ulteriore vantaggio è che si adattano molto bene a valori dell'acqua mediamente dura e pH un po' sopra 7 - il che descrive l'acqua che molti di noi hanno in questa parte del mondo.

Ho trovato, nel corso degli anni, che i Pseudomugil furcatus sono abbastanza suscettibili alla malattia del velluto (Oodinium). Questa di solito è causata dal lasciare che l'acqua del loro acquario diventi un po' troppo "vecchia" e quindi permettere che i nitrati si alzino oltre il loro livello di tolleranza. Il problema è facilmente evitabile, facendo regolari cambi parziali d'acqua e non lasciando che il filtro vada troppo a lungo senza essere sciacquato.

Questi pesci sono eccellenti abitanti degli acquari di comunità, facendo in modo che i loro compagni di vasca non siano troppo grandi o aggressivi. Dovrebbero stare bene con i Tetra più piccoli, Rasbora, Danio, ecc. Occasionalmente, soprattutto se si tengono da soli o in coppia, o in vasche troppo piccole, il maschio può diventare molto aggressivo con qualche femmina, a volte fino al punto di ferirla gravemente. Anche se questo non è comune, mettere molte piante che permettano alla femmina di nascondersi dovrebbe impedirlo del tutto. Aiuta anche tenerli in gruppi, preferibilmente con più femmine che maschi.

Pseudomugil furcatus - Foto © Hristo Hristov

Pseudomugil furcatus - Foto © Hristo Hristov

Come la maggior parte dei pesci arcobaleno, non è difficile da riprodurre. Mentre le Melanotaenia depongono un gran numero di piccole uova, gli Pseudomugil, invece, depongono solo poche uova alla volta, ma più grandi. Una femmina di Pseudomugil furcatus deporrà forse da 5 a 10 uova al giorno.

Se lasciati a se stessi depongono le uova tra piante cespugliose o sul fondo di sabbia o ghiaia, ma si rischia salvare pochi se non nessun avannotto. Io preferisco utilizzare dei mop da deposizione galleggianti del tipo usato per i killifish. Le uova sono adesive e sono deposte nel mop. Possono essere raccolte ogni giorno o due.

Le uova raccolte possono essere messe in acqua in un piccolo contenitore a cui si aggiunge un po' di funghicida. La schiusa richiede da una settimana a dieci giorni. Dopo la schiusa, gli avannotti possono essere trasferiti in un piccolo acquario con pochi centimetri d'acqua, un filtro a spugna è il dispositivo di filtraggio ideale. Un contagocce a bocca larga è utile per lo spostamento degli avannotti. Ho scoperto che non importa quello che faccio, non più di circa il 75% delle uova sono fertili, e anche questa percentuale diminuirà notevolmente se gli adulti non sono ben nutriti.

E' meglio nutrire gli avannotti con anguillule dell'aceto, microworm o qualcosa di simile al Liqui-Fry per 2 o 3 giorni prima di iniziare con naupli di artemia salina. A differenza dei pesci arcobaleno più grandi, questi pesci crescono abbastanza rapidamente - con buon cibo e cambi d'acqua - e dovrebbero essere sessati e delle dimensioni da deposizione dopo 3 o 4 mesi.

Un'altra specie molto simile, Pseudomugil conniae, si trova nelle vicinanze del villaggio di Popondetta. Anche se è stato inizialmente scambiato per un furcatus, si differenzia da quella specie per qualche dettaglio della colorazione. In particolare, manca il bordo nero sui lobi della pinna caudale. Per quanto ne so, Pseudomugil conniae non è disponibile nella nostra zona.

Riferimento: Rainbowfishes - In Nature and in the Aquarium, Dr. Gerald R. Allen, Tetra Press, 1995

© Paul McFarlane - Aquarticles

Specie nel sito
Pseudomugil furcatus - Foto © Hristo Hristov
Forktail rainbowfish
Aspettativa di vita: 1 - 2 anni
Dimensioni massime: 5 cm SL

Splendido pesce d'acqua dolce, che deve vivere in gruppo e dal comportamento molto interessante, si riproduce molto facilmente e ancora oggi è spesso chiamato con il vecchio nome di Popondetta furcata.

Temperatura in natura: 24 - 26°C
Valori pH in natura: 6.0 - 8.0

Aggiungi un commento

Avviso per chi vuole lasciare un commento: Questo è un sito amatoriale, che vuole diffondere una maggiore conoscenza e consapevolezza sulle specie allevate in acquario, ed è gestito da una sola persona. Se avete qualche commento da fare riguardo al sito o a questa pagina siete i benvenuti, ma per richieste d'aiuto e/o consigli per il vostro acquario è meglio rivolgervi dove ci sono più persone in grado di rispondervi, come i forum dedicati, posso consigliarvi i miei preferiti, acquariofiliafacile.it e acquarioacquadolce.it, per serietà ed attendibilità, ma ce ne sono molti altri :)

By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.