• No ai pesci giganti in acquario
  • No ai pesci rossi nella boccia
  • I pesci pulitori non esistono!
  • No ai pesci colorati artificialmente
  • No ai pesci combattenti nei vasi
  • No alle tartarughe nelle mini vaschette

Puntius

Informazioni e notizie sulla tassonomia e sulle specie appartenenti al genere Puntius

Puntius titteya - Foto © Zhou Hang

E' già da una decina di anni che molte specie che erano ascritte al genere Barbus, i più famosi in acquariofilia sono Barbus tetrazona e Barbus pentazona, sono stati trasferiti dagli studiosi prima nel genere Puntius, poi in Systomus, e quindi nel 2013 da Kottelat rispettivamente in Puntigrus e Desmopuntius... Però come al solito oltre al fatto che non è detto che ci sia accordo tra tutti gli studiosi, prima che un nome cambiato prenda totalmente il posto di quello vecchio possono passare altro che decenni... c'è sempre chi tira fuori il nome vecchio, magari letto su qualche pubblicazione di carta stampata che ovviamente non può essere cambiata alla velocità con cui si cambia una pagina internet... ma che si chiami Barbus, Puntius, Systomus o Puntigrus tetrazona, in fondo non è importante, l'importante è conoscerne le caratteristiche e le esigenze, in modo da poterlo allevare correttamente.

La Tassonomia

Il genere Puntius per un certo numero di anni è stato visto come un raccoglitutto polifiletico, ed era arrivato a contenere oltre 100 specie di ciprinidi di piccole e medie dimensioni, fino a che Pethiyagoda et al. (2012) ha pubblicato una revisione parziale, che copriva i membri originari dell'Asia meridionale. La maggior parte delle specie di Puntius sub-himalayani sono stati riclassificati e sono stati eretti nuovi generi per accoglierne alcuni,  come Dawkinsia, DravidiaPethia, con il resto o rimasto in Puntius o spostato nel genere Systomus già esistente. Successivamente divenne chiaro che il nome Dravidia era già usato per un genere di mosche, quindi è stato messo a disposizione da Pethiyagoda (2013) il nome di Haludaria in sostituzione.

Puntius titteya è stata mantenuto nel genere Puntius sensu stricto, i cui i membri sono definiti dalla seguente combinazione di caratteri: dimensioni adulte di solito inferiori a 120 mm SL; barbigli mascellari assenti o presenti; barbigli rostrali assenti; raggi della pinna dorsale 3-4 non ramificati e 8 ramificati; raggi della pinna anale 3 non ramificati e 5 ramificati; ultimo raggio non ramificato della pinna dorsale esile o robusto e non seghettato; linea laterale completa di 22-28 squame; archi branchiali semplici e acuminati (non ramificati o laminati); nessun raggio spinoso antrorso predorsale; fontanelle post-epifisaria normalmente presenti; denti faringei 5 + 3 + 2; 12-14 vertebre addominali e 14-16 vertebre caudali; disegno della livrea con una (a volte debole) macchia nerastra sul peduncolo caudale.

Tuttavia Puntius titteya e Puntius bimaculatus differiscono da questa definizione, in quanto tra l'altro possiedono solo 7 raggi ramificati della pinna dorsale, 3½ (vs. 4½-5½) righe di squame tra l'origine della pinna dorsale e la linea laterale; linea laterale incompleta e in Puntius bimaculatus di tanto in tanto interrotta. Entrambe le specie hanno anche un disegno della livrea dei maschi con un'ampia striscia rossastra sul corpo.
Se queste due specie fossero inserite entrambe nel genere Puntius, questo lo renderebbe un genere parafiletico, per cui gli autori ha dichiarato che è necessaria una ulteriore analisi di una vasta gamma di esemplari prima di trarre una qualsiasi conclusione definitiva.

Nessuna specie originaria di Indocina, Cina, o Indonesia è stata inclusa nello studio, il che significa che alcuni ex Puntius sono attualmente classificati come 'sedis incertae', cioè di incerta collocazione tassonomica. Molti di questi problemi sono stati risolti da Kottelat (2013) che ha eretto nuovi generi per un certo numero di specie del sud-est asiatico.

Elenco delle Specie comprese nel Genere

Puntius

Dimensioni massime in natura: 7.5 cm TL
Scarlet-banded barb
Dimensioni massime in natura: 20 cm TL
Dimensioni massime in natura: 6.1 cm TL
Dimensioni massime in natura: 10 cm SL
Dimensioni massime in natura: 6 cm SL
Dimensioni massime in natura: 12.4 cm SL
Dimensioni massime in natura: 10.8 cm SL
Redside barb
Dimensioni massime in natura: 7 cm TL
Spotted barb
Dimensioni massime in natura: 20 cm SL
Dimensioni massime in natura: 12 cm SL
Dimensioni massime in natura: 10 cm TL
Dark mahseer
Dimensioni massime in natura: 66 cm TL
Swamp barb
Dimensioni massime in natura: 15 cm TL
Dimensioni massime in natura: 23.5 cm TL

Elenco delle Specie presenti nel sito e appartenenti al Genere

Puntius semifasciolatus - Foto © Fred Hsu (Wikipedia)
Chinese barb
Aspettativa di vita: 5 - 7 anni
Dimensioni massime: 7 cm TL

La forma dorata di questa specie è tra i più popolari pesci d'acquario d'acqua dolce, ed è così onnipresente che molti appassionati non sono neanche consapevoli del fatto che non è la forma naturale, che in commercio è praticamente inesistente.

Temperatura in natura: 18 - 24°C
Valori pH in natura: 6.0 - 8.0
Coppia di Puntius titteya, cherry barb (il maschio a sinistra) - Foto © Hristo Hristov
Cherry barb
Aspettativa di vita: 5 - 7 anni
Dimensioni massime: 5.0 cm TL

Specie molto robusta, è un'ottima scelta per i principianti ed è tra i più diffusi piccoli ciprinidi in acquariofilia, anche per la bella livrea dei maschi in riproduzione. La stragrande maggioranza dei pesci in vendita sono allevati su base commerciale e ne sono state selezionate diverse ferme ornamentali.

Temperatura in natura: 23 - 27°C
Valori pH in natura: 6.0 - 8.0

Aggiungi un commento

Avviso per chi vuole lasciare un commento: Questo è un sito amatoriale, che vuole diffondere una maggiore conoscenza e consapevolezza sulle specie allevate in acquario, ed è gestito da una sola persona. Se avete qualche commento da fare riguardo al sito o a questa pagina siete i benvenuti, ma per richieste d'aiuto e/o consigli per il vostro acquario è meglio rivolgervi dove ci sono più persone in grado di rispondervi, come i forum dedicati, posso consigliarvi i miei preferiti, acquariofiliafacile.it e acquarioacquadolce.it, per serietà ed attendibilità, ma ce ne sono molti altri :)

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.
Riferimenti

Raccolta dei pesci tropicali in India (V. Kutty)

Racconto di un viaggio in India, alla ricerca dell'Etroplus canarensis, il ciclide indiano più raro e difficile da trovare. La ricerca del canarensis rimane infruttuosa, ma vengono descritti gli ambienti e le abitudini delle altre due specie del genere Etroplus e dei pesci che ne condividono l'habitat indiano - traduzione in italiano di un articolo di Vinny Kutty