• No ai pesci giganti in acquario
  • No ai pesci rossi nella boccia
  • I pesci pulitori non esistono!
  • No ai pesci colorati artificialmente
  • No ai pesci combattenti nei vasi
  • No alle tartarughe nelle mini vaschette

Symphysodon aequifasciatus

Pellegrin, 1904

Tra i pochissimi pesci le cui esigenze non sono sottovalutate, ma anzi ben conosciute e difese a spada tratta da ogni acquariofilo: persino i negozianti sanno che diventano grandi e che sono molto delicati se non tenuti nelle condizioni adatte :)

Discus "Red turquise" - Foto di Hristo Hristov

nome comune
Discus
dimensioni massime in natura
13.7 cm SL
aspettativa di vita
15 - 20 anni

Ebbene sì, ho ricavato un posticino anche per i Discus, tra i più famosi e conosciuti pesci d'acquario. Sono stati tra le ultime specie aggiunte al sito, non perché non mi piacciano, anzi, ma perché l'equazione discus=pesci grandi e delicati è conosciuta da praticamente tutti gli acquariofili, persino dai negozianti, per cui mi pareva tempo perso ribadirla anche qui :)

Pochi neofiti cadono nell'errore di prendere dei discus per buttarli in piccole ed affollate vasche di comunità, sia per il prezzo elevato, che fa suonare il primo campanello d'allarme, sia perché è risaputo  che diventano grandi e che sopravvivono davvero poco tempo se non tenuti nelle condizioni adatte.
Anzi, a differenza di altri pesci, le cui esigenze di spazio vengono sottovalutare anche dai cosiddetti "esperti" (vedi i Carassius, che molte 'autorevoli' fonti considerano lodevole tenere in acquari da poche decine di litri), in genere i discus vengono sempre difesi a spada tratta, probabilmente (anzi sicuramente) perché muoiono, invece di sopravvivere mesi e magari anni rimanendo atrofizzati come i pesci rossi.

Ragion per cui non mi dilungherò sul loro allevamento, ricorderò solo le basi fondamentali: sono ciclidi territoriali che stabiliscono delle ferree gerarchie, il minimo indispensabile per allevarli è una vasca da almeno 150 cm di lunghezza per un gruppo di 5 esemplari, con pochissimi e ben ponderati compagni di vasca, meglio da soli.
Come per tutte le specie d'acquario, sono delicati solo se allevati in condizioni non adeguate: come non mi stancherò mai di ripetere, non esistono pesci delicati, esistono solo pesci allevati senza rispettare le loro necessità.

Vi segnalo comunque questi articoli: Discus: istruzioni per l'uso molto utili perché danno le basi fondamentali per chi vuole iniziare questa entusiasmante esperienza; più sotto troverete dei link a qualcuno degli innumerevoli siti dedicati interamente ai discus, le informazioni su di loro non mancano di sicuro, basta cercare :)

Un piccolo cenno lo devo fare per quanto riguarda la tassonomia, che come sapete mi è molto cara, e che naturalmente anche nel caso dei discus non poteva che essere controversa. I discus appartengono al genere Symphysodon, questa è l'unica certezza :) A questo genere infatti generalmente si considerano appartenenti due specie, quasi identiche, Symphysodon aequifasciatus e Symphysodon discus, ma c' anche chi, viste le notevoli somiglianze, li considera due varianti della stessa specie, Symphysodon aequifasciatus. Infatti l'unica differenza visibile sono le 8-9 barre scure verticali della livrea, che sono tutte uniformi nell'aequifasciatus, mentre nel discus quella centrale è molto più marcata delle altre. La scoperta che però le due specie si incrociano spontaneamente dando prole sana e fertile sembra dare più credito all'ultima ipotesi.

A rimescolare un po' le carte in tavola ci si sono messi però quelli del Swedish Museum of Natural History e dell'Instituto Nacional de Pesquisas da Amazonia (INPA), che hanno considerato valida una terza specie, Symphysodon tarzoo, che a detta di Kullander ha il DNA molto diverso da quello delle due specie precedentemente conosciute, che presentano al contrario un DNA pressoché identico. Per approfondire l'argomento vi segnalo questo articolo "Son of Tarzoo" su Tropicalfish Magazine.

distribuzione

Sud America: Rio delle Amazzoni orientale, ramificazioni inferiori e affluenti ad est della confluenza tra Rio Negro e Rio Solimões.

habitat

Ambiente: Acqua dolce; clima tropicale; bentopelagico.
Abita acque profonde, in zone rocciose e tra fessure e radici. Normalmente vive in grandi banchi, ma durante la stagione riproduttiva diventa territoriale.

temperatura in natura
26 - 30°C
valore pH in natura
5.0 - 8.0
valori acqua in natura
dH range: 2 - 12
allevamento

Dimensioni minime dell'acquario: 150 cm di lunghezza per un gruppo di minimo 5 individui.
Possono arrivare ai 14 cm di lunghezza, e sono tanto alti quanto lunghi per cui hanno bisogno anche di una certa altezza della colonna dell'acqua; inoltre l'acquario deve essere ben piantumato, con piante galleggianti che schermino la luce, perché tendono ad essere timidi e schivi.

alimentazione

Si nutre di larve di insetti, insetti e invertebrati planctonici.

  • Specie che diventa grande: 14 cm di lunghezza per altrettanti di altezza
  • Specie che va allevata in gruppo, ma che diventa territoriale in riproduzione
  • Specie che è possibile trovare in commercio sia d'allevamento che di cattura: chiedete sempre al negoziante se i pesci che state per prendere sono d'allevamento o di cattura, e soprattutto da dove provengono: ci sono progetti di cattura equo-solidale molto interessanti
SL (Standard Lenght)
Lunghezza standard, è la lunghezza del pesce calcolata dalla punta del muso al peduncolo caudale (esclusa quindi la coda)
TL (Total Lenght)
Lunghezza totale, è la lunghezza del pesce calcolata dalla punta del muso alla punta della coda (quindi coda compresa)
Demerso
specie che vive in prossimità del fondo del mare. I pesci demersi si dividono principalmente in due tipi: Bentonici e Bentopelagici
Bentonica
specie che vive e che è legata al fondo
Bentopelagica
specie che vive sia sul fondo o vicino ad esso, sia nel livello medio dell'acqua
Pelagica
specie che vive lontano dal fondo, in acque aperte
Diadroma
specie che migrano tra acque salate e acque dolci
Anadroma
specie che che vive per la maggior parte del tempo in acque salate e si riproduce in acque dolci
Catadroma
specie che vive in acque dolci e si riproduce in acque salate
Anfidroma
specie che si muove indifferentemente da acque dolci ad acque salate
Potamodroma
specie che migra all'interno di acque dolci
Oceanodroma
specie che migra all'interno di acque salate

Aggiungi un commento

Avviso per chi vuole lasciare un commento: Questo è un sito amatoriale, che vuole diffondere una maggiore conoscenza e consapevolezza sulle specie allevate in acquario, ed è gestito da una sola persona. Se avete qualche commento da fare riguardo al sito o a questa pagina siete i benvenuti, ma per richieste d'aiuto e/o consigli per il vostro acquario è meglio rivolgervi dove ci sono più persone in grado di rispondervi, come i forum dedicati, posso consigliarvi i miei preferiti, acquariofiliafacile.it e acquarioacquadolce.it, per serietà ed attendibilità, ma ce ne sono molti altri :)

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.

L'orgoglio del fiume Purus: un reddito iridescente dai pesci ornamentali (A.Cooper)

Nel progetto Piagaçu Purus le popolazioni locali lavorano con esperti esterni per sviluppare metodi sostenibili di pesca e sviluppare rapporti di "commercio equo" con gli acquirenti, ricavando un reddito aggiuntivo - Traduzione in italiano di un articolo di Annie Cooper