• No ai pesci giganti in acquario
  • No ai pesci rossi nella boccia
  • I pesci pulitori non esistono!
  • No ai pesci colorati artificialmente
  • No ai pesci combattenti nei vasi
  • No alle tartarughe nelle mini vaschette

Tetraodontidae

I pesci palla attirano molti appassionati acquariofili, per il loro aspetto simpatico e insolito e la livrea molto accattivante, e purtroppo perché spesso consigiati come "pesci mangialumache" per debellare le infestazioni di lumache... attenzione! In realtà prima di comprare un pesce palla bisognerebbe pensarci non due volte ma anche di più :-) per un motivo fondamentale: nessuna specie di pesce palla è adatta ad un acquario di comunità, inteso nel senso comune del termine...

Arothron hispidus, dell'Ordine dei Tetraodontiformes, che sta "baciando" la fotocamera del fotografo, alle Hawaii - Foto di Brocken Inaglory (Wikipedia)

nome comune
Pesci palla

I pesci palla più diffusi sono senz'altro quelli del genere Tetraodon, che attirano molti appassionati acquariofili, per il loro aspetto insolito e la livrea molto accattivante. Accade anche di sentirli consigliare come "pesci mangialumache" per debellare le infestazioni di lumache d'acqua dolce negli acquari più disparati, d'acqua dolce e non...

In realtà prima di comprare un pesce palla bisognerebbe pensarci non due volte ma anche di più :-) per un motivo fondamentale: nessuna specie di pesce palla è adatta ad un acquario di comunità, inteso nel senso comune del termine.

In primo luogo, molte delle specie che i negozianti tengono (e purtroppo vendono) in acqua dolce sono in realtà d'acqua salmastra, per cui in acqua dolce vivono poco e male; in secondo luogo anche le specie d'acqua dolce, come quelle salmastre e marine, sono specie predatorie e piscivore, per cui attaccano gli altri pesci considerandoli cibo, e i conspecifici considerandoli dei pericolosi concorrenti, e andrebbero quindi tenuti in una vasca dedicata solo a loro.
Ho già letto su forum e gruppi di discussione di persone che li hanno messi in acquario di comunità e dicono di non avere problemi, ma in genere se si chiede da quanto tempo, la risposta va da qualche settimana a qualche mese, al massimo un anno... ma sono specie che possono vivere anche 18-20 anni, e mentre da giovani i Tetraodon sono più tolleranti, quando diventano adulti mostrano appieno il loro carattere aggressivo e feroce... alcune specie sono meno aggressive, come Tetraodon biocellatus e Colomesus asellus, ma altre, come i Tetraodon fahaka, non tollerano assolutamente la vista di nessun'altra creatura vivente nelle loro vicinanze; da non dimenticare poi che i pesci palla hanno forte personalità, e ci possono essere diversissime reazioni ai compagni di vasca anche tra individui della stessa specie.

Anche i "pea puffer", i Carinotetraodon, per quanto molto piccoli (non superano i 2-3 cm) non sono adatti alle vasche di comunità, primo perché piccoli e con pesci grossi soffrirebbero la fame, secondo perché hanno spesso il loro bel caratterino e con morsi alle pinne e alle squame possono diventare molto fastidiosi, se non pericolosi, per gli altri pesci.

State pensando di comprare dei pesci palla?
Pro e contro del loro allevamento

In queste pagine troverete molte informazioni sull'allevamento e anche la riproduzione dei pesci palla in generale e di alcune specie in particolare; vi raccomando di leggervele bene se state pensando di allevarli, e di cercare altre esperienze in rete, perché a fronte delle difficoltà di allevamento che impongono, se trattati bene ripagano con un comportamento assolutamente unico, da passarsi le ore ad osservarli: sono i pesci che danno le maggiori soddisfazioni, quelli che sembrano accorgersi di quello che accade "al di là del vetro" :-)

Fatemi un piacere, se qualcuno ve li consiglia per il vostro acquario di comunità da 40 litri con guppy e platy come mangiatori delle inoffensive lumachine d'acqua dolce, tirategli un calcio negli stinchi da parte mia :-)

Inoltre non è da dimenticare, per chi si pone problemi di "etica", che gli esemplari in commercio sono quasi esclusivamente provenienti dalla cattura in natura, in quanto portarli alla riproduzione in acquario non è per niente semplice, per la maggior parte non è stata mai ottenuta; il commercio dei pesci catturati in natura si svolge al prezzo della mortalità altissima dei pesci prima che arrivino alle nostre vasche, facciamo in modo di informarci bene sulle loro esigenze per non farli morire o dovercene disfare perché non siamo in grado di allevarli al meglio...


Un grande problema è dato dal fatto che nell'identificazione dei pesci palla regna la confusione più assoluta: molti Tetraodontidi si scambiano facilmente l'uno per l'altro, ma il fatto grave è che sono state pubblicate foto di pesci palla con il nome dalla specie sbagliata anche da fonti molto autorevoli, e questi errori si sono moltiplicati via via che le informazioni venivano riportate senza essere controllate, cosa che abitualmente succede in internet e purtroppo anche nella carta stampata.
Cercando le specie di Tetraodon sul web mi si drizzano i capelli in testa a vedere foto di Tetraodon biocellatus con indicato nella didascalia invece "Tetraodon nigroviridis", foto di Tetraodon fluviatilis indicati come Tetraodon palembangensis, e così via... pochissime sono le identificazioni corrette... e non si confondono solo pesci molto simili, come possono essere Tetraodon nigroviridis e Tetraodon fluviatilis, ma pesci completamente diversi, che dovrebbero essere riconoscibili a prima vista anche da chi si è appena avvicinato all'affascinante mondo dei tetraodontidi...
Il che è tanto più grave quanto più si confondono specie diversissime per quanto riguarda le esigenze d'allevamento (pesci d'acqua dolce confusi con pesci d'acqua salmastra o marina, e viceversa) e le dimensioni che raggiungono da adulti (pesci palla che rimangono piccoli, sotto i 10 cm, con pesci palla che diventano enormi, da 20 cm fino ai 70 cm di Tetraodon mbu) il che si traduce immancabilmente in una drastica discesa dell'aspettativa di vita dei pesci male identificati.

PER L'IDENTIFICAZIONE DEI PESCI PALLA

Fonti più attendibili:

The PufferPedia
l'enciclopedia con tutte le specie di pesce palla, dai dolci ai marini, con foto ed informazioni chiare ed attendibili sul loro allevamento, grazie ad uno dei migliori e dei più "seri" forum sui pesci palla, d'acqua dolce, salmastra e marina.
"The Puffers of fresh and brackish waters".
di Klaus Ebert, Aqualog con tantissime foto dei pesci palla sia d'acqua dolce che d'acqua salmastra, scattate sia a pesci giovani che vecchi, in modo da rendere più facile l'identificazione degli esemplari in nostro possesso.

I pesci palla devono il loro nome alla capacità di gonfiarsi come dei palloncini, inspirando acqua o anche aria, in genere in caso di pericolo, ma a seconda delle specie anche per altri motivi ad esempio durante il corteggiamento o nella cura della prole; il rigonfiamento è accompagnato da un rumore tipo "pernacchia" provocato dallo sfregamento dei denti del pesce fra loro, e dall'erezione delle spine, normalmente nascoste, incuneate nella pelle. Questo processo è generato dalla potente muscolatura della pelle dei pesci palla, muscolatura che esiste solo in questi pesci.

Nella maggior parte dei casi il pesce si gonfia in caso di pericolo, per far desistere il "nemico" dall'attaccarlo e dal mangiarlo, ma spesso questo si risolve con la morte di entrambi i contendenti, come si può vedere dal ritrovamento nel loro habitat di predatori come Gymnothorax morti, con gli aculei del pesce palla conficcati nel palato...

In questo caso i pesci palla si gonfiano per l'enorme paura di trovarsi di fronte ad un pericolo di vita imminente, va da sé che battere sui vetri dell'acquario o cercare di spaventarli in altri modi per il gusto di vederli gonfi è quanto meno esecrabile, se non altro per lo stress atroce che si procura loro.
Inoltre se i pesci palla si gonfiano d'acqua, poi riescono da soli ad espellerla e tornare all'assetto normale; ma se disgraziatamente si gonfiano d'aria, ad esempio nel trasporto da una vasca all'altra fatto da persone incompetenti che li prendono con un retino, sono il più delle volte condannati ad una morte lenta ma inesorabile, perché non riescono più ad espellerla da soli e rimangono a galla, nell'impossibilità di nuotare e nutrirsi, fino alla morte.


Le specie comprese nella famiglia Tetraodontidae sono principalmente d'acqua marina. Molte poi quelle che vivono in habitat salmastri o d'acqua dolce.
La famiglia è distribuita nelle aree tropicali e subtropicali degli oceani Atlantico, Indiano e Pacifico.

Delle circa 150 specie di pesce palla conosciute ad oggi, appartenenti alla famiglia dei Tetraodontidae, sono circa 36 quelle d'acqua dolce o salmastra, e 39 quelle d'acqua marina che si ritrovano talvolta anche in acque salmastre.

La Tassonomia

Nel documento Taxonomy and systematics of tetraodontiform fishes: a review focusing primarily on progress in the period from 1980 to 2014 Keiichi Matsuura riporta la rinnovata classificazione sistematica dell'ordine dei Tetraodontiformes e della famiglia dei Tetraodontidae, che riporto:

Genere Numero delle specie
Amblyrhynchote 1
Arothron 11
Auriglobus 5
Canthigaster 36
Carinotetraodon 5
Chelonodontops 2
Colomesus 3
Contusus 2
Dichotomyctere 6
Ephippion 1
Feroxodon 1
Guentheridia 1
Javichthys 1
Lagocephalus 11
Leiodon 1
Marilyna 3
Omegophora 2
Pao 14
Pelagocephalus 2
Polyspina 1
Reicheltia 1
Sphoeroides 20
Takifugu 25
Tetractenos 2
Tetraodon 6
Torquigener 20
Tylerius 1
Numero totale di specie 184

Kottelat (2013) ha studiato nel dettaglio la posizione nomenclaturale dei Tetraodontidae del sud-est asiatico. Ha stabilito il nuovo genere Pao (specie tipo Tetraodon leiurus Bleeker 1850) che include 13 specie comprese in precedenza nei generi Tetraodon e Monotrete, e che si differenziano dagli altri pesci palla per il loro unico disegno della livrea e per un peduncolo premascellare molto allungato che crea uno spazio aperto notevolmente ampliato tra i bordi dorsomediali. Quindi il nome generico Tetraodon viene ora applicato solo sei specie di pesci palla africani d'acqua dolce.

Kottelat (2013) ha anche riconosciuto Leiodon Swainson 1839 come genere valido, che comprende Tetrodon cutcutia Hamilton 1822, distribuito nelle acque dolci dell'Asia meridionale.

Kottelat (2013) ha riconosciuto valido il genere Dichotomyctere Duméril 1855 per sei specie: Dichotomyctere erythrotaenia (Bleeker 1853), Dichotomyctere fluviatilis (Hamilton 1822), Dichotomyctere kretamensis (Inger 1953), Dichotomyctere nigroviridis (Marion de Proce 1822), Dichotomyctere ocellatus (Steindachner 1870) e Dichotomyctere sabahensis (Dekkers 1975). Saenjudaeng et al. (2013) descrissero Tetraodon palustris come una nuova specie dal bacino del Mekong in Thailandia. Alla data della pubblicazione, luglio 2013, gli autori non erano a conoscenza del lavoro di Kottelat (2013), che proponeva genere Pao, però è chiaro dalla descrizione originale di Tetraodon palustris, che è una specie di Pao, il che porta il numero totale di specie in quel genere a 14.

Kottelat (2013) aa commentato anche i generi di pesci palla marini. Sebbene Tetrodon patoca Hamilton 1822 sia stato da tempo collocato nel genere Chelonodon Muller 1841, Kottelat sottolinea che Tetrodon cutcutia Hamilton 1822 , la specie tipo di Chelonodon, era stato collocato nel stesso genere di Tetraodon fluviatilis Hamilton 1822 e specie affini da Tyler (1980). Tyler chiamò questo gruppo Chelonodon, ma Kottelat ha sottolineato che il più antico nome disponibile per il genere che comprende Tetraodon fluviatilis era Dichotomyctere. Tetrodon patoca e Tetraodon fluviatilis presentano un numero sufficiente di differenze di caratteri essere posti in generi diversi.

La specie tipo di Chelonodontops Smith 1958 è Chelonodontops pulchellus Smith 1958, un sinonimo junior di Chelonodon pleurospilus (Regan 1919) e congenere con Tetraodon patoca (Vedi Smith 1986). Quindi, Tetraodon patoca è un specie di Chelonodontops (Kottelat 2013). Matsuura (2002) esamina due specie di Chelonodon, Chelonodon laticeps Smith 1948, e Chelonodon patoca, entrambi appartenenti al genere Chelonodontops.

Kottelat (2013) ha mostrato che Gastrophysus Muller 1843 è obiettivamente un sinonimo di Takifugu Abe 1949, in quanto la specie tipo dei due generi è Tetrodon oblongus Bloch 1786. Tuttavia, Siccome questo può creare confusione non solo nella tassonomia dein pesci palla, ma anche nelle attività commerciali di pesca dell'Asia orientale, dove sono i pesci palla sono importanti e costosi (ad esempio, varie specie di Takifugu costano circa 100 $ al chilo al mercato ittico). Siccome poi questi pesci palla hanno una tossina fatale nei loro visceri, i nomi scientifici sono molto importanti per la gestione della sicurezza alimentare in Asia orientale. Come suggerito da Kottelat e Matsuura, Gastrophysus può essere soppresso dal Codice internazionale di nomenclatura zoologica (ICZN 1999).

Ci sono stati grandi progressi nella definizione della tassonomia dei Tetraodontidae negli ultimi decenni, soprattutto nel periodo che va dalla metà 1970 ad oggi. Tuttavia, permangono diversi problemi tassonomici in generi come Arothron, Chelonodontops, Lagocephalus, Pao, Takifugu, Torquigener, in cui molte specie attendono una descrizione morfologica dettagliata e confronti molecolari per essere classificate nei gruppi appropriati. La tassonomia dei pesci palla del sud-est Asia è importante non solo per la comprensione della diversità ittica della regione, ma anche per il benessere e la gestione del cibo per gli esseri umani. Dao et al. (2012) hanno riferito che il numero delle vittime di intossicazioni alimentari causate dall'ingestione di pesci palla sono state 737, con 127 vittime dal 1999 al 2003. A causa della mancanza di conoscenza sui pesci palla e la loro tossicità, questi ultimi si trovano ancora nei mercati ittici del sud-est asiatico, anche se i governi locali e statali dei paesi in tutto il Mar Cinese Meridionale hanno proibito la loro vendita come cibo.

La famiglia Tetraodontidae è il gruppo più specioso tra i Tetraodontiformes e i suoi membri popolano le acque costiere di Sud America, Africa Centrale e Sud-Est asiatico. E' l'unica famiglia dei Tetraodontiformes in cui è presente un certo numero di membri che vivono e si riproducono esclusivamente in acqua dolce, e prove genetiche confermano che i tempi della loro espansione nelle zone di distribuzione differiscono, si verificarono in tutto 0-10 milioni di anni fa in America del Sud, 17-38 milioni di anni fa in Africa Centrale e 48-78 milioni di anni fa nel Sud-Est asiatico.

I Tetraodontidae sono spesso indicati collettivamente come "Pesci palla" in riferimento alla loro capacità di gonfiare rapidamente i loro stomaci elastici con acqua o aria. Questa è di solito una risposta ad un qualche tipo di minaccia, anche se in acquario molti esemplari sembrano gonfiarsi per nessun motivo apparente. Il pesce diventa due o tre volte la sua dimensione normale, grande abbastanza per spaventare molti potenziali predatori, o per sembrare troppo difficile da ingoiare. I pesci palla sono anche uno dei pochi pesci che può effettivamente ammiccare o chiudere gli occhi.

Diverse specie sono tra i vertebrati più velenosi al mondo, in quanto i loro organi interni, in particolare fegato e gonadi, contengono quantità letali di una sostanza nota come tetrodotossina, un veleno potenzialmente mortale che in alcuni casi può accumularsi nelle gonadi durante la stagione riproduttiva. La tossina non è prodotta dai pesci stessi, ma da batteri simbiotici che abitano i visceri, che sono stati registrati anche in un certo numero di altri animali, tra cui tritoni, stelle marine e polpi. E' la stessa neurotossina trovata anche nel famigerato polpo ad anelli blu. Quando ingerita in quantità sufficiente può causare la paralisi e la morte. E' circa 100 volte più potente del cianuro di potassio, l'ingestione di circa 25 mg è sufficiente ad uccidere un uomo di 75 kg, e non esiste attualmente alcun antidoto. Grottescamente, la vittima di solito rimane cosciente mentre viene paralizzata. La carne dei pesci palla è considerata una prelibatezza in Giappone, dove è conosciuta come fugu. E' preparato solo da chef altamente qualificati, e anche con questo un certo numero di persone sono morte dopo averlo mangiato.

Elenco dei Generi compresi nella Famiglia

Tetraodontidae

Carinotetraodon imitator nell'habitat naturale- Foto © Fishplore.com
-

Informazioni e notizie sulla tassonomia e sulle specie appartenenti al genere Carinotetraodon, i pesci palla nani d'acqua dolce

Colomesus asellus - Foto tratta da free-pet-wallpapers.com
-

Informazioni e notizie sulla tassonomia e su tutte le specie appartenenti al genere Colomesus

Dichotomyctere ocellatus (ex Tetraodon biocellatus) - Foto © Frank Schafer (Aquarium Glaser GmbH)
-

Informazioni e notizie sulla tassonomia e sulle specie appartenenti al genere Dichotomyctere, pesci palla d'acqua salmastra.

17 - Leiodon

Leiodon cutcutia (ex tetraodon cutcutia) Foto © tsamisaquarium.gr
-

Informazioni e notizie sulla tassonomia e sulle specie appartenenti al genere Leiodon, pesci palla d'acqua dolce

Elenco delle Specie presenti nel sito e appartenenti alla Famiglia

Maschio adulto di Carinotetraodon borneensis, dal bacino superiore del Batang Sadong, Sarawak, Malaysia (Borneo) © Michael Lo
Bornean red eye puffer
Aspettativa di vita: 5 - 8 anni
Dimensioni massime: 4.4 cm SL

Questa specie è relativamente rara nel commercio acquariofilo, ma è disponibile occasionalmente, a volte mescolato tra spedizioni del congenere Carinotetraodon salivator. Le sue esigenze d'allevamento sono simili a quelle degli altrì congeneri.

Temperatura in natura: 23 - 26°C
Valori pH in natura: 6.0 - 7.8
Carinotetraodon imitator - Photo by Fishplore.com
Imitating dwarf puffer
Aspettativa di vita: 5 - 8 anni
Dimensioni massime: 2,2 cm

Viene importato dall'India insieme a Carinotetraodon travancoricus, con il quale spesso viene confuso. L'allevamento in acquario è abbastanza semplice, l'aggressività intraspecifica è relativamente bassa.

Carinotetraodon irrubesco maschio - Foto © Thepufferforum.com
Red-tailed Red-eye puffer
Aspettativa di vita: 5 - 8 anni
Dimensioni massime: 4.5 cm SL

Questa specie non è molto comune nel commercio acquariofilo, presumibilmente perché nei suoi fiumi nativi non viene praticata la pesca ai fini del commercio per gli acquari. E' simile comunque come esigenze d'allevamento ai congeneri Carinotetraodon borneensis e Carinotetraodon lorteti

Temperatura in natura: 23 - 26°C
Valori pH in natura: 6.0 - 7.8
Carinotetraodon lorteti - Foto © Enrico Richter
Redeye puffer
Aspettativa di vita: 5 - 8 anni
Dimensioni massime: 6.0 cm SL

Nonostante siano abbastanza popolari nel commercio acquariofilo, sono probabilmente la specie più aggressiva e territoriale tra i Carinotetraodon, e possiedono la capacità di cambiare colore a seconda dell'ambiente circostante e del loro stato d'animo.

Temperatura in natura: 24 - 28°C
Valori pH in natura: 6.5 - 7.0
Carinotetraodon salivator maschio - Foto © Browncloud (Thepufferforum.com)
Striped Redeye Puffer
Aspettativa di vita: 8 - 10 anni
Dimensioni massime: 4.0 cm SL

Questo pesce palla nano d'acqua dolce è molto difficile da trovare in commercio, in genere viene confuso con Carinotetraodon irrubesco e Carinotetraodon lorteti con i quali è strettamente correlato.

Temperatura in natura: 23 - 26°C
Valori pH in natura: 6.0 - 7.8
Carinotetraodon travancoricus - Foto © Myaj (Thepufferforum.com)
Malabar puffer, Pesce palla nano
Aspettativa di vita: 5 - 8 anni
Dimensioni massime: 3.5 cm TL; è tuttavia difficile che superino i 2,5 cm di lunghezza

E' probabilmente la più piccola specie di pesce palla, ed è sicuramente uno dei pesci più piccoli in commercio. Ha un aspetto carino, divertente e simpatico e un'affascinante stile di nuoto, che lo rendono giustamente popolare, anche se è fin troppo spesso venduto senza le informazioni corrette necessarie per la sua salute e cura a lungo termine.

Temperatura in natura: 22 - 28°C
Valori pH in natura: 7.5 - 8.3
Colomesus asellus - Foto di Damien Wagaman (The Puffer Forum)
Amazon puffer, SAP
Aspettativa di vita: 10-15 anni
Dimensioni massime: 13 cm TL

Il pesce palla d'acqua dolce sudamericano, Colomesus asellus, è abbastanza semplice da allevare rispetto agli altri pesci palla della famiglia Tetraodontidae, purchè si abbia una vasca grande, si allevino in gruppo e si tenga presente che sono come tutti i pesci palla vivaci, aggressivi, mangiatori di pinne e squame altrui.

Temperatura in natura: 22 - 28°C.
Valori pH in natura: 5.5 - 7.2
Tetraodon fluviatilis - Foto © JJPhoto (Thepufferforum.com)
Green puffer, Ceylon puffer
Aspettativa di vita: 15 - 20 anni
Dimensioni massime: 17 cm TL

Meglio conosciuti con il loro vecchio nome di Tetraodon fluviatilis, questi pesci nonostante vengano spesso venduti come pesci palla d'acqua dolce, sono in realtà una vera specie salmastra, che può vivere anche in acqua pienamente marina. Diventano però grandi e sono molto aggressivi e mordaci, per cui non sono adatti agli acquari di comunità.

Temperatura in natura: 24 - 28°C
Valori pH in natura: 7.8 - 8.4
Dichotomyctere nigroviridis (ex Tetraodon nigroviridis) - Foto © Guérin Nicolas (Wikipedia)
Green puffer, Pesce palla
Aspettativa di vita: 15 - 20 anni
Dimensioni massime: 17.0 cm TL

Meglio conosciuto con il vecchio nome di Tetraodon nigroviridis, è uno dei pesci palla d'acqua salmastra più diffusi in commercio, grazie alla bella colorazione e all'aspetto simpatico, ma non è certamente un pesce per gli acquari di comunità in generale, anche se purtroppo è spesso venduto come tale; inoltre la bella colorazione si perde con l'età.

Temperatura in natura: 24 - 28°C
Valori pH in natura: 7.5 - 8.0
Dichotomyctere ocellatus (ex Tetraodon biocellatus) - Foto di Emiliano Spada
Figure eight puffer
Aspettativa di vita: 15-20 anni
Dimensioni massime: 8 cm TL

Meglio conosciuto con il vecchio nome di Tetraodon biocellatus, è uno dei pesci palla che si trovano più comunemente in commercio, ma non è decisamente adatto a tutti, per le sue esigenze alimentari e la necessità di acqua salmastra e di altissima qualità. Quando allevato correttamente è un piccolo e affascinante pesce che può mostrare vera personalità.

Temperatura in natura: 22 - 26°C
Valori pH in natura: 6.5 - 7.5
Leiodon cutcutia (ex Tetraodon cutcutia) - Foto © Balaram Mahalder
Ocellated puffer
Aspettativa di vita: 10 - 20 anni
Dimensioni massime: 9 cm TL (secondo Fishbase sono stati però registrati T. cutcutia di 15 cm TL)

Leiodon cutcutia (ex Tetraodon cutcutia) è un pesce palla d'acqua dolce, che come altri pesci palla, nonostante le relativamente piccole dimensioni, non è affatto adatto ad acquari piccoli, nè tantomeno ad acquari di comunità, in quanto è una specie molto aggressiva, sia con i consimili che con gli altri pesci.

Temperatura in natura: 24 - 28°C
Valori pH in natura: 7.0 - 7.5
Coppia di Pao baileyi (ex Tetraodon baileyi) - Foto © Frank Schäfer (Aquarium Glaser GmbH)
Hairy Puffer
Aspettativa di vita: 15 - 20 anni
Dimensioni massime: 12 cm SL

Abbastanza raro da trovare il commercio, l'Hairy puffer, pesce palla peloso, deve il suo nome comune ai "cirri", escrescenze simili a peli che ne ricoprono il corpo. Come molti altri pesci palla, è una specie aggressiva e intollerante, che va allevata da sola.

Pao cochinchinensis (ex Tetraodon cochinchinensis) - Foto © Johnny Jensen - JJPhoto (ThePufferForum.com)
Brown puffer
Aspettativa di vita: 10 - 20 anni
Dimensioni massime: 7 cm SL

Si trova in commercio abbastanza frequentemente, offerto come pesce palla che si riproduce facilmente, anche se in realtà il suo allevamento andrebbe riservato ad acquariofili esperti, in quanto è molto aggressivo, intollerante, antisociale, predatore, e mangiatore di pinne e di squame.

Temperatura in natura: 24 - 28°C.
Valori pH in natura: 7.0 - 7.5
Pao palembangensis (ex Tetraodon palembangensis) - Foto di Ian Jefferies, AKA Rocker (The Puffer Forum)

Aspettativa di vita: 10 - 20 anni
Dimensioni massime: 21 cm SL

E' un pesce palla d'acqua dolce predatore d'agguato, che passa tutto il tempo fermo e immobile, nascosto da qualche parte nella vasca, muovendosi solo quando viene offerto del cibo. Adatto solo ad ammiratori entusiasti del suo stile.

Temperatura in natura: 24 - 28°C
Pao suvattii (ex Tetraodon suvattii) - Foto © Dietmar Scholtz (FishBase)
Pignose puffer, Mekong puffer
Aspettativa di vita: 10 - 20 anni
Dimensioni massime: 15 cm SL

E' una specie molto aggressiva e predatrice piscivora d'agguato, per cui non è raccomandabile per le vasche di comunità, ma dovrebbe essere allevata solo chi ha un vero interesse per questa specie ed i suoi comportamenti interessanti.

Tetraodon mbu,  Mbu puffer: lo stesso pesce  da giovane e da adulto
Congo puffer, Giant puffer
Aspettativa di vita: 10 - 20 anni
Dimensioni massime: 67 cm TL

E' una specie dal comportamento straordinario, paragonabile a quello di un animale domestico, ma a causa delle sue dimensioni finali e della sua aggressività, è veramente adatto solo ai grandi acquari pubblici o quei pochi appassionati capaci di ospitarlo per tutta la vita in un acquario opportunamente dimensionato.

Temperatura in natura: 24 - 26°C
Tetraodon miurus - Foto © Rocker (ThePufferForum.com)
Dwarf Congo puffer
Aspettativa di vita: 15 - 20 anni
Dimensioni massime: 15 cm SL

E' una specie davvero inconsueta, che a causa del pessimo carattere e del fatto che è un predatore d'agguato piscivoro che passa la maggior parte del tempo sepolto nella sabbia, è raccomanabile solo ad acquariofili esperti e che apprezzano il suo stile di vita.

Temperatura in natura: 24 - 28°C
Tetraodon schoutedeni - Foto © Hippocampus-bildarchiv.de
Leopard puffer
Aspettativa di vita: 10 - 20 anni
Dimensioni massime: 9 cm TL

E' un pesce palla d'acqua dolce che non si trova spesso in commercio, le informazioni su carattere ed esigenze sono poche e spesso contraddittorie.

Temperatura in natura: 22 - 26°C
Valori pH in natura: 6.5 - 7.5
SL (Standard Lenght)
Lunghezza standard, è la lunghezza del pesce calcolata dalla punta del muso al peduncolo caudale (esclusa quindi la coda)
TL (Total Lenght)
Lunghezza totale, è la lunghezza del pesce calcolata dalla punta del muso alla punta della coda (quindi coda compresa)
Demerso
specie che vive in prossimità del fondo del mare. I pesci demersi si dividono principalmente in due tipi: Bentonici e Bentopelagici
Bentonica
specie che vive e che è legata al fondo
Bentopelagica
specie che vive sia sul fondo o vicino ad esso, sia nel livello medio dell'acqua
Pelagica
specie che vive lontano dal fondo, in acque aperte
Diadroma
specie che migrano tra acque salate e acque dolci
Anadroma
specie che che vive per la maggior parte del tempo in acque salate e si riproduce in acque dolci
Catadroma
specie che vive in acque dolci e si riproduce in acque salate
Anfidroma
specie che si muove indifferentemente da acque dolci ad acque salate
Potamodroma
specie che migra all'interno di acque dolci
Oceanodroma
specie che migra all'interno di acque salate

Aggiungi un commento

Avviso per chi vuole lasciare un commento: Questo è un sito amatoriale, che vuole diffondere una maggiore conoscenza e consapevolezza sulle specie allevate in acquario, ed è gestito da una sola persona. Se avete qualche commento da fare riguardo al sito o a questa pagina siete i benvenuti, ma per richieste d'aiuto e/o consigli per il vostro acquario è meglio rivolgervi dove ci sono più persone in grado di rispondervi, come i forum dedicati, posso consigliarvi i miei preferiti, acquariofiliafacile.it e acquarioacquadolce.it, per serietà ed attendibilità, ma ce ne sono molti altri :)

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.

Report di riproduzione dei Pesci palla nani (F. Stopper)

Il susseguirsi delle riproduzioni dei pesci palla nani d'acqua dolce, i Carinoteraodon travancoricus, dà modo al loro allevatore di fare molte osservazioni sulla schiusa delle uova e la crescita dei piccoli, e di correggere il tiro mano a mano per ottenere una percentuale sempre più alta di sopravvissuti - traduzione in italiano di un articolo di Frank Stopper