• No ai pesci giganti in acquario
  • No ai pesci rossi nella boccia
  • I pesci pulitori non esistono!
  • No ai pesci colorati artificialmente
  • No ai pesci combattenti nei vasi
  • No alle tartarughe nelle mini vaschette
Tempo di lettura
3 minuti
Letto finora

Ambastaia sidthimunki - Sid The Monkey (M. Ophir)

Mer, 15/Dic/2004 - 00:00
Posted in:
0 comments

Esperienza personale d'allevamento degli Ambastaia (ex Botia) sidthimunki, chiamati confidenzialmente "Sid The Monkey"

Traduzione dell'articolo:
"Botia sidthimunki - Sid The Monkey" di Mike Ophir
tratto dal sito di Mike Ophir, non più online.

I riferimenti tassonomici nell'articolo sono ovviamente relativi a quanto si sapeva negli anni in cui è stato scritto; per avere un'idea dalla tassonomia attuale delle famiglie di Botiidae e Cobitidae visitate queste pagine.

Ambastaia sidthimunki (ex Botia sidthimunki) Foto di Klaus Grønhøj

Questo pesce è stato visto raramente nell'hobby dell'acquariofilia negli ultimi anni. Sono stato abbastanza fortunato da ottenere 3 di questi bei pesci.

Ambastaia sidthimunki, in passato conosciuto come Botia Sidthimunki, è quasi estinto nel suo habitat nativo della Thailandia, ciò è dovuto all’eccessiva pesca e all’inquinamento dell'acqua.

Personalmente non mi piace chiamare questo pesce "Dwarf Loach", Botia nano. Durante il 1999 sono state importate negli USA grandi partite di questa specie. La taglia di questa specie variava da 5 a 15 cm. di lunghezza totale! Di conseguenza penso che questi pesci non siano affatto "nani".

Gli esemplari giovanili del Botia sidthimunki presentano un disegno tipo catena, che dà altresì loro il nome di "Chained Loach“ cobitide incatenato. Anche se questo è un nome migliore di quello menzionato prima, questi pesci non presentano il disegno a catena per tutta la loro intera vita. I Botia Sidthimunki adulti o quelli di taglia da riproduzione sviluppano una lunga e larga banda nera che va lungo entrambi i fianchi dei pesci. Altri nomi con cui questo pesce è chiamato sono "Monkey Botia " e "Circle Botia".

La riproduzione in cattività non è stata ancora raggiunta al giorno d’oggi, ma è stato osservato il comportamento della deposizione delle uova.
Due dei miei tre grandi Botia sidthimunki hanno eseguito un certo tipo di comportamento riproduttivo. L’esemplare più grande si attaccava alle spine o alle branchie dell'esemplare leggermente più piccolo. Dopo di che hanno cominciato a nuotare in cerchio intorno all'acquario ed il loro colore è sbiadito completamente. Allora hanno cominciato a mordersi delicatamente sulle branchie. Questo comportamento è durato per 3-4 minuti , dopo di che tutto era tornato di nuovo normale.
Il Botia sidthimunki più piccolo era diventato molto verde nella zona della pancia, ma in un giorno più o meno, era di nuovo tornato normale.

Questa specie di Botia preferisce un pH di 6,5-6,9 e una temperatura dell'acqua di 24-28° C. Sono raccomandate le piante in quanto questo pesce gradisce nascondercisi dentro.
Gli esemplari giovanili sono un tipo molto divertente di pesci, in quanto giocano e nuotano nell'acquario. Sono raccomandati gruppi di 3 come minimo. Un gruppo di almeno 5 renderebbe i Botia sidthimunki un gruppo di pesci molto attraente nell'acquario domestico.
Sono specie molto pacifiche, che mangiano qualunque tipo di mangime per pesci che fornite loro. Gradiscono particolarmente lombrichi vivi e chironomus congelati.
Come tutti i Botia, il Botia sidthimunki ha una spina sotto ogni occhio per proteggersi dagli intrusi.

C’è inoltre una specie distinta di Botia che appare molto simile al Botia sidthimunki . È denominata Ambastaia nigrolineata, in passato Botia nigrolineata, ed è stata descritta nel 1987 come specie separata. La differenza fra le due specie è veramente minima. Una grande differenza è nel disegno. Il Botia sidthimunki acquisisce gradualmente il disegno a catena alla taglia di 3 cm., mentre il Botia nigrolineata sviluppa il disegno a catena alla taglia di 4,5 cm. Il Botia sidthimunki ha una barra nera, mentre il Botia nigrolineata ha 2 barre nere.

In latino, "Sid" significa con molte catene. Questo nome inoltre suona come "Sid The Monkey".
Qualsiasi cosa stia succedendo mai nell'acquario, questa specie rimane sempre in gruppo.
Non siate sorpresi dal prezzo di questo pesce se ne veniste mai in contatto. Questi pesci sono per niente a buon prezzo e se potete permetterveli, un piccolo banco di questi pesci sarebbe un'aggiunta deliziosa per qualsiasi acquario d'acqua dolce di comunità, piantumato o non piantumato.
I nascondigli non sono necessari, ma sono da preferire per questi pesci, per riposarsi negli intermezzi in cui non nuotano intorno all'acquario.
Porteranno ore di allegria e divertimento a tutti gli acquariofili d'acqua dolce.

© Michael Ophir - 13 gennaio 2000 - © Foto di Klaus Grønhøj

Specie nel sito
Ambastaia sidthimunki - Foto di Emma Turner (Loaches Online)
Dwarf Loach, Sid The Monkey
Aspettativa di vita: 8 - 12 anni
Dimensioni massime: 6 cm

Questa specie era scomparsa per diversi anni dal commercio acquariofilo verso della fine del secolo in quanto in pericolo di estinzione; quando è riapparsa, riprodotta commercialmente tramite stimolazione ormonale, aveva un costo molto elevato. Ora in genere è disponibile, e senza essere particolarmente economica comunque è notevolmente meno costosa.

Temperatura in natura: 24 - 28°C
Valori pH in natura: 6.0 -7.5

Aggiungi un commento

Avviso per chi vuole lasciare un commento: Questo è un sito amatoriale, che vuole diffondere una maggiore conoscenza e consapevolezza sulle specie allevate in acquario, ed è gestito da una sola persona. Se avete qualche commento da fare riguardo al sito o a questa pagina siete i benvenuti, ma per richieste d'aiuto e/o consigli per il vostro acquario è meglio rivolgervi dove ci sono più persone in grado di rispondervi, come i forum dedicati, posso consigliarvi i miei preferiti, acquariofiliafacile.it e acquarioacquadolce.it, per serietà ed attendibilità, ma ce ne sono molti altri :)

By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.