• No ai pesci giganti in acquario
  • No ai pesci rossi nella boccia
  • I pesci pulitori non esistono!
  • No ai pesci colorati artificialmente
  • No ai pesci combattenti nei vasi
  • No alle tartarughe nelle mini vaschette
Tempo di lettura
5 minuti
Letto finora

Introduzione al genere Cryptocoryne

Gio, 17/Nov/2005 - 00:00
Posted in:
0 comments

Panoramica delle specie più diffuse di Cryptocoryne, con indicazioni per la loro coltivazione in acquario.

Traduzione dell'articolo:
"Introduction to the Cryptocoryne genus (fam. Araceae)" di Xema
su Aquarticles che potete leggere al link seguente nella versione originale in inglese.

Biotopo di Cryptocoryne auriculata - Foto © Michael Lo

Introduzione

Le Cryptocoryne sono tra le più popolari piante coltivate in acquario, ma ma sono anche le più sconosciute e davvero sottovalutate.
Queste piante si coltivano nel loro stato emerso, e raggiungono gli acquariofili in questa forma. Dopo l'introduzione in acquario, le foglie emerse lasciano posto a quelle sommerse, con una particolare marcescenza, uno scioglimento velocissimo, tipico di questo genere. Osservando questo fenomeno, la maggior parte degli acquariofili pensa che la pianta stia morendo, ed hanno una piacevole sorpresa qualche settimane più tardi, quando la pianta riappare. Ma spesso sono considerate morte e gettate via.

Questo intero processo è tipico delle Cryptocoryne, non soltanto quando cambia dalla forma emersa a quella sommersa, ma anche quando avvengono improvvisi cambiamenti ambientali, come una variazione nell'illuminazione, o una diminuzione della concentrazione del CO2.... E’ quello che chiamiamo "marcescenza delle cripto" - una rapida risposta dalla pianta alle nuove condizioni. I suoi sintomi si osservano facilmente: fori molto piccoli sulle foglie, che aumentano le loro dimensioni, mentre la foglia intera letteralmente si disintegra. Non c’è niente che possiamo fare, se non aspettare che crescano le nuove foglie.

Marcescenza in Cryptocoryne wendtii

“Marcescenza delle cripto” in Cryptocoryne wendtii

 

Ci sono 58 specie conosciute di Cryptocoryne. Le ricerche su questo genere non sono state molto ampie, e ci sono probabilmente molte altre specie ancora da scoprire dai botanici nelle foreste pluviali. Sono sparse ampiamente, dall'India alla Nuova Guinea, includendo posti come Vietnam, Malesia e Indonesia. Il numero delle specie conosciute è aumentato considerevolmente durante gli ultimi anni, grazie alla ricerca cromosomica di Neil Jacobsen, il quale ha provato che le varietà erano in effetti nuove specie o membri di nuovi gruppi simili, quali crispatula e cordata.
Le Cryptocoryne sono piante erbacee perenni, dallo sviluppo basale. Sono membri della famiglia delle Araceae, molte delle quali sono ben note agli acquariofili, quali le Anubias, la Pistia e molte altre che sono ben note come piante d’appartamento.

Il genere è stato descritto per la prima volta da Fisher, 1828. La parola Cryptocoryne deriva dalla parola greca krypto (= nascosto) e koryne (= bastone, clava), che si riferiscono allo spadice (infiorescenza a spiga con asse principale carnoso, circondata da una grande brattea) nascosto dalla parete basale.

Cryptocoryne

foto tratta da Wakwak.ne.jp

 
Cryptocoryne

Struttura idealizzata del fiore di Cryptocoryne
(in Spagnolo)

Lo spadice, una struttura del fiore tipica della famiglia, ha la forma di un bastone, o di una clava, che contiene gli organi riproduttivi maschili e femminili. Gli stami sono posizionati nella parte superiore dello spadice e lo stigma nella parte inferiore, vicino all'alloggiamento.

All'interno di questa cavità si trova lo spadice, accanto ai produttori di polline e ovuli, così come cellule speciali che generano i colori per attrarre gli insetti all'interno di questo alloggiamento, in modo che possa avvenire l'impollinazione. Il frutto è prodotto dalla maturazione dei pistilli, che genera la capsula segmentata del seme.

A causa del grande numero di varietà di alcune specie (per esempio C. wendtii), l'unico modo per identificare una particolare specie è quello di osservarne la fioritura.
Su queste specie ci sono poche informazioni, ma per la loro somiglianza ad un genere indigeno ben noto (Arisarum vulgare), possiamo supporre che la tecnica di impollinazione sia molto simile. Un insetto viene attratto dal profumo, ma a causa della valvola non può fuoriuscire, quindi provoca l'impollinazione durante gli sforzi per uscire dal fiore.

Cryptocoryne in natura

La maggior parte della specie facilmente coltivabili e disponibili provengono dall'isola di Sri Lanka, comprese Cryptocoryne wendtii (varietà e ibridi) C. walkerii (= C. lutea), C. undulada e C. becketii (comprese la triploide “petchii” così come le forme diploidi). Si sviluppano in piccoli corsi d'acqua, in terreni di vari tipi (sabbia, argilla, giacimenti di foglie marcie, ecc.) e principalmente in acque tenere ed acide.

Recentemente alcune nuove specie sono state presentate agli acquariofili, indigene della Malesia e dell’Indonesia, che possono essere coltivate abbastanza facilmente in acquario, comprese Cryptocoryne cordata e C. ciliata (in particolare). Altre provengono da Sumatra e dal Borneo, come C. pontederiifolia, alcune varietà di C. cordata e C. crispatula con le sue varietà.

 
Cryptocoryne

Cryptocoryne wendtii parzialmente sommersa

Cryptocoryne

Cryptocoryne griffithii completamente sommersa

Cryptocoryne

Cryptocoryne pontederiifolia completamente emersa

 

Come in Sri Lanka, la maggior parte di queste specie crescono lungo piccoli corsi d'acqua nella foresta pluviale (così come nei dintorni durante la stagione delle piogge) sia in canali artificiali che naturali. Le acque sono tenere ed acide ed i terreni variano secondo la specie.

Cryptocoryne in acquario

Le Cryptocoryne sono molto popolari tra gli acquariofili. Per i più esperti, le piante disponibili nei negozi locali sono facili da coltivare. Tuttavia, dato che per i principianti ogni crypto può essere complessa da mantenere viva, principalmente a causa della mancanza di conoscenze su queste piante. Come detto precedentemente, le crypto sono ben note a causa della loro marcescenza, una fase provvisoria dovuta all’adattamento ambientale. Una volta che questo è superato, possiamo godercele per molti anni senza alcuna esigenza particolare.

Come altre piante, le crypto hanno bisogno di luce e di nutrienti per crescere e sviluppare la loro bellezza più completa. Di conseguenza, ogni acquario degno di loro deve essere dotato di una luce adeguata. Ma la qualità di luce è importante tanto quanto la quantità. Come la maggior parte delle piante, si adatteranno ad un alto spettro di luce. Anche se sono considerate piante sciafile, cioè bisognose di poca luce, possono essere coltivate in ogni acquario fortemente illuminato. Tecnicamente, possiamo usare luci fluorescenti da 4000 a 10000.K senza problemi, scegliendole in base al gusto personale (se si preferisce un colore, ecc.). Possono anche essere usati altri sistemi, quali HQI agli alogenuri metallici e le HQL.

Un altro fattore da considerare è il terreno. Come la maggior parte delle piante a forte sviluppo basale e radicale, le cryptocoryne naturalmente cresceranno più vigorose e più sane in terreni fortemente nutrienti. I tipici terreni sabbiosi neutri risulteranno inutili per ottenere una pianta dalla bellezza completa. Un buon terreno, con una quantità notevole di argilla e di residui organici, coperta da uno strato sottile di sabbia fine, è un must per ottenerne lo sviluppo completo.

La CO2 è di importanza basilare se desideriamo coltivare piante in acquario, e naturalmente anche le crypto ne hanno bisogno. Ne è sempre richiesto un flusso continuo. La CO2 è la fonte principale di carbonio per le nostre piante, e poiché l'acqua dell'acquario sarà tenera e leggermente acida, non possono estrarre questo elemento direttamente dai carbonati dell'acqua. Inoltre sono importanti anche i macronutrienti (azoto, potassio e fosfato). Se abbiamo un terreno altamente nutriente, l'esigenza di questi macronutrienti non è così alta, e questo ci permette di usare dosaggi più bassi che se avessimo piante dal metabolismo più veloce. Nondimeno, dobbiamo avere tutte le tecniche di fertilizzazione bene sotto controllo, per evitare invasioni di alghe.

Cryptocoryne

Cryptocoryne wendtii

Dopo tutto questo, possiamo dire che un acquario di crypto non necessita di un’attrezzatura maggiore di quella che serve per un acquario mediamente piantumato. Prestate una particolare attenzione al terreno, e accertatevi di avere sempre in acquario un ambiente costante, poiché i cambiamenti improvvisi di condizioni sono i nemici più pericolosi di queste piante.

Per coloro che scoprono che questo genere li attrae, c’è anche la possibilità di coltivare le crypto nella loro forma emersa....ma per questo ci vuole un altro capitolo.

© Testi e foto di Xema e Roland Seah - Aquarticles

Elenco delle Specie presenti nel sito e appartenenti al Genere

Cryptocoryne crispatula var. balansae - Foto © Jeffrey Setiawan Sutanto

Aspettativa di vita:
Dimensioni massime:

Una delle tante specie di Cryptocoryne diffuse in acquariofilia, ha una crescita lenta ed un imponente apparato radicale. Come tutte le crypto soffre però molto i cambiamenti dei valori chimico-fisici dell'acqua dell'acquario, in particolare quando viene piantata in un acquario nuovo.

Cryptocoryne undulata - Foto © Tula Top (Aquaticplantcentral.com)

Aspettativa di vita:
Dimensioni massime:

E' una delle tante specie di Cryptocoryne diffuse in acquariofilia, ha una crescita lenta ed un imponente apparato radicale, che contribuisce ad ossigenare e ripulire il substrato di fondo. Come tutte le crypto soffre però molto i cambiamenti dei valori chimico-fisici dell'acqua dell'acquario, in particolare quando viene piantata in un acquario nuovo.

Cryptocoryne wendtii var. "brown"

Aspettativa di vita:
Dimensioni massime:

Una delle tante specie di Cryptocoryne diffuse in acquariofilia, ha una crescita lenta ed un imponente apparato radicale, che contribuisce ad ossigenare e ripulire il substrato di fondo. Come tutte le crypto soffre però molto i cambiamenti dei valori chimico-fisici dell'acqua dell'acquario, in particolare quando viene piantata in un acquario nuovo.

Aggiungi un commento

Avviso per chi vuole lasciare un commento: Questo è un sito amatoriale, che vuole diffondere una maggiore conoscenza e consapevolezza sulle specie allevate in acquario, ed è gestito da una sola persona. Se avete qualche commento da fare riguardo al sito o a questa pagina siete i benvenuti, ma per richieste d'aiuto e/o consigli per il vostro acquario è meglio rivolgervi dove ci sono più persone in grado di rispondervi, come i forum dedicati, posso consigliarvi i miei preferiti, acquariofiliafacile.it e acquarioacquadolce.it, per serietà ed attendibilità, ma ce ne sono molti altri :)

By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.