• No ai pesci giganti in acquario
  • No ai pesci rossi nella boccia
  • I pesci pulitori non esistono!
  • No ai pesci colorati artificialmente
  • No ai pesci combattenti nei vasi
  • No alle tartarughe nelle mini vaschette
Tempo di lettura
13 minuti
Letto finora

Stagioni secche e stagioni delle piogge in acquario (K.Adolfsson)

Ven, 17/Ott/2003 - 00:00
Posted in:
4 comments

Descrizione dettagliata di quello che accade in natura quando inizia e progredisce la stagione delle piogge nelle foreste pluviali tropicali. Viene quindi spiegato come si può simulare questo avvicendarsi di stagione secca e stagione delle piogge in acquario, per stimolare la deposizione delle uova nei pesci che sono difficili da riprodurre.

Traduzione dell'articolo:
"Dry and Rainy Seasons in the Tank" di Kristian Adolfsson
sul sito di Aquarticles, al link seguente nella versione originale in inglese.

Fiume Kimanis in Borneo, dove abitano i balitoridi; acqua estremamente chiara scorre sopra un substrato di rocce e ghiaia - Foto di Marco Endruweit

Molti pesci delle aree tropicali depongono le uova stagionalmente, a causa dei cambiamenti nel loro ambiente naturale. Depongono le uova molto più spesso quando comincia la stagione delle piogge, perché questa porta un incremento della disponibilità di cibo e un incremento delle possibilità per gli avannotti di trovare cibo e riparo.

Ricreare tutti i cambiamenti possibili tra quelli che si presentano durante la stagione delle piogge potrebbe essere il primo passo per trovare il modo di far deporre le uova alle specie che sono al contrario molto difficoltose da riprodurre. Molte specie sono così facili da riprodurre che non avrete bisogno di usare i metodi, spesso scomodi, che sono descritti qui sotto, ma determinate specie e gruppi di specie potrebbero averne bisogno.

In primo luogo, per la riproduzione di una specie o di un gruppo determinato di specie, provate ad usare le regole generali, ma se non riuscite, provate i suggerimenti qui sotto.

Quello che segue è un insieme di modi per riprodurre i pesci che provengono da zone con un profondo divario tra stagione delle piogge e stagione secca, per esempio le zone dell’Amazzonia e del Rio Negro nel Sud America. I dati e le idee sono stati raccolti da molte fonti differenti; compresi libri, amici ed Internet, e sono basati sulle mie proprie esperienze di riproduzione dei Corydoras e dei Tetra del Sud America.

Questo ciclo simulato di stagione delle piogge e stagione secca richiede circa 4 settimane per essere portato a termine. Usando un metodo semplice e naturale alcune persone hanno potuto riprodurre Panaque nigrolineatus, Sturisoma sp. e Crossocheilus siamensis, che sono considerati molto difficili da riprodurre.

Stimoli alla riproduzione presenti in natura:

Quella che segue è una lista dei diversi cambiamenti che possono presentarsi in natura durante l'inizio della stagione delle piogge e che potrebbero stimolare una specie a deporre le uova. Non sono elencati in un ordine particolare, e non si sa perfettamente quali di questi cambiamenti siano necessari per una determinata specie perchè si riproduca.

1. Bassa pressione
Dopo un lungo periodo di alta pressione al termine della stagione secca, la pressione barometrica scende rapidamente in relazione alla prima pioggia.
2. Incremento della disponibilità di cibo
Dopo un periodo di fame durante la fine della stagione secca, la disponibilità di cibo aumenta drasticamente. Determinate specie sembrano degli scheletri al termine della stagione secca e forse sono state senza cibo per più di un mese. Alcune specie mangiano persino i detriti per procurarsi del nutrimento.
3. Cambiamento nei tipi di cibo
Durante la stagione secca lo scarso cibo potrebbe consistere in insetti residenti sul fondo (larve rosse di zanzara) e parti deteriorate delle piante. Quando comincia la stagione delle piogge il cibo cambia in insetti che cadono sulla superficie: larve di zanzara (particolarmente bianche e forse nere) ed altri insetti d'acqua, polline dei fiori, semi, frutti, foglie ed uova fresche, ed avannotti di altre specie che hanno iniziato a deporre le uova più presto.
4. Aumento del flusso dell'acqua
La pioggia ha come risultato un incremento nel flusso dell’acqua. I pesci diventano più attivi. Alcune specie migrano a monte per raggiungere zone di deposizione delle uova più calme e più adatte.
5. Aumento del livello d'ossigeno
La pioggia che cade sulla superficie dell'acqua aumenta il livello d'ossigeno nell'acqua. Anche l’incremento del flusso dell'acqua fa aumentare il livello d'ossigeno. In molti casi un livello elevato d'ossigeno è una condizione perché le uova e gli avannotti riescano a farcela durante i loro primi giorni.
6. Diluizione delle sostanze dissolte nell'acqua
Più a lungo continua la stagione secca, più i sali, le sostanze umiche ed il materiale organico sono concentrati nell'acqua che rimane. Quando inizia la pioggia la concentrazione di queste sostanze diminuisce, a causa della diluizione. Il fiume, il torrente, ecc. sono diluiti con acqua piovana che ha durezza zero, che abbassa la durezza e spesso anche il pH.
7. Variazioni nella temperatura dell'acqua
La temperatura dell'acqua spesso si abbassa, a causa della nuvolosità e dell'acqua piovana fredda. Più in alto, in collina e montagna, le differenze di temperatura sono spesso più grandi che più in basso nelle pianure (10°C. nel primo caso, paragonati ai pochi gradi nel secondo caso).
8. Cambiamenti nella profondità dell'acqua
L’incremento del volume dell'acqua causa l’aumento della sua profondità. La pressione dell'acqua sul fondo aumenta ed i pesci hanno uno spazio verticale più grande per nuotare. La distanza fino alla superficie dell'acqua sarà più lunga per le specie che vanno alla superficie per prendere aria.
9. Diventano disponibili luoghi per la deposizione delle uova
Al termine della stagione secca spesso c’è acqua soltanto nel mezzo dei fiumi o dei torrenti e ci sono molte poche piante o posti per nascondersi. Con l'aumento della profondità dell'acqua, i pesci possono trovare, appena inondate e sommerse, zone con piante, radici, tronchi d'albero e posti ombreggiati, in cui nascondere le uova e dare agli avannotti una migliore possibilità di nascondersi.
10. Cambiamenti nella luce
La quantità di luce e la sua durata diminuisce, a causa della nuvolosità connessa alla pioggia. Determinate parti del giorno possono essere molto scure durante la pioggia più intensa. Con più nubi nel cielo ci vuole più tempo alla mattina prima che faccia luce e diventa scuro più velocemente alla sera.
Persino gli angoli di rifrazione della luce variano da una parte dell'anno all'altra. Più si è distanti dall'Equatore, più è grande la variazione.
Si noti che determinate specie vogliono un’oscurità quasi completa per deporre le uova (vivono sotto una fitta vegetazione, fra radici d'albero ed in acque nere).
11. Aumenta il livello del plancton vegetale
Quando arriva la stagione delle piogge, in certe acque aumenta la disponibilità di plancton. Anche questo è un segnale per i pesci adulti di deporre le uova, poiché c’è cibo per gli avannotti più piccoli.
12. Giusto periodo dell'anno
Certe specie hanno un "orologio biologico" molto forte che è in relazione a quando si presentano stagione delle piogge e stagione secca nella loro zona di distribuzione naturale.
13. Altri pesci che depongono
Gli ormoni nell'acqua, prodotti dalle riproduzioni di altri pesci, possono spingere un'altra specie a deporre le uova.
14. Suoni
Anche la pioggia che schizza contro la superficie può essere un segnale per la riproduzione. Forse anche il suono dei tuoni.

Come simuliamo queste cose nell’acquario?

Sotto ci sono alcuni suggerimenti su come simulare in acquario i diversi stimoli elencati sopra. Quale scegliere dipende da quale specie deve riprodursi. Determinate specie possono richiederne soltanto alcuni, per esempio una buona alimentazione e un cambio d'acqua con temperatura più bassa, mentre altre hanno bisogno di quasi tutte le voci della lista.

La lista seguente ha lo stesso ordine di quella precedente:

1. Bassa pressione
Molti hanno scritto sul fatto che i loro pesci depongono le uova durante i periodi di bassa pressione. Tuttavia, la stessa specie potrebbe in molti casi deporre le uova durante il periodo di alta pressione se fossero presenti le circostanze giuste. La bassa pressione è naturalmente impossibile da simulare in un acquario, quindi date uno sguardo ai bollettini meteorologici ed iniziate una stagione delle piogge simulata durante il passaggio di un periodo di bassa pressione. Può essere utile avere sottomano un barometro per controllare l’andamento della pressione dell'aria.
2. Incremento della disponibilità di cibo
Se i pesci sono in buone condizioni quando si avvicina il periodo adatto alla deposizione, possono riuscire a digiunare per parecchie settimane. Quando comincerete ad alimentarli di nuovo, questo stimolerà il loro istinto alla procreazione.
3. Cambiamento nei tipi di cibo
Un cambiamento del cibo può stimolare la deposizione. In alcune acque del Sud America la quantità di larve di zanzara aumenta (particolarmente larve bianche di zanzara) all'inizio della stagione delle piogge. Se voi non alimentate con larve di zanzara prima di portare una specie alla deposizione, e in seguito cominciate ad alimentarle con esse durante l’inizio simulato della stagione delle piogge - questo simulerà il cambiamento.
4. Aumento del flusso dell'acqua
Può essere risolto facilmente con differenti tipi di pompe e di filtri. Determinate specie depongono le loro uova vicino alla corrente d'acqua più grande nella vasca - per esempio davanti all'uscita del filtro.
5. Aumenta il livello d'ossigeno
Usate un aeratore e pietre porose. Si può inoltre lasciare l’uscita del filtro in modo che “spruzzi" contro la superficie, per aumentare la quantità di ossigeno. Può anche essere utilizzato un diffusore d'aria.
6. Diluizione delle sostanze dissolte nell'acqua
Provvedere un elevato livello di sostanze umiche (per esempio torba e pignette d'ontano) e di sali (fertilizzante, CaCO3 , MgSO4) durante la stagione secca simulata. Successivamente, diluite con acqua più tenera possibile (preferibilmente acqua RO), quando incomincia la stagione delle piogge.
7. Variazioni nella temperatura dell'acqua
Utilizzate i termoriscaldatori per mantenere la temperatura alta durante la stagione secca. Fate attenzione che certe specie possono non tollerare temperature troppo alte o troppo basse e che certe specie preferiscono le alte temperature per deporre le uova. Queste specie forse cercano zone erbose sommerse per deporre le uova, dove il sole riscalda le acque poco profonde.
Per abbassare la temperatura, diminuite a poco a poco la regolazione del termoriscaldatore fino a che possa essere spento. Per abbassare ulteriormente la temperatura si potrebbe arieggiare la stanza o mettere un blocco di ghiaccio nella vasca. [n.d.t.: alcuni lo fanno anche d’estate, per non far alzare troppo la temperatura dell’acqua; a me sembra sconsigliabile, perché si creano delle correnti d’acqua fredda che possono far danni ai pesci].
8. Cambiamenti nella profondità dell'acqua
Abbassate il livello d'acqua del 25% rispetto al normale, durante la stagione secca. Aumentatela al livello normale in un paio di giorni quando comincia la stagione delle piogge.
9. Diventano disponibili luoghi per la deposizione delle uova
Cambiate le piante e le decorazioni. Se non usate ghiaia, piantate le piante in vasetti e spostate le caverne e le radici per creare un nuovo ambiente più adatto alla deposizione delle uova.
10. Cambiamenti nella luce
- intensità della luce: Con parecchie lampade sulla vasca, è facile spegnerle tutte tranne una (o forse usare soltanto la luce naturale del giorno).
- durata della luce: All'Equatore la durata di luce è di circa 12-14 ore per tutto l’anno. Più si va lontano dall'Equatore e più grande è la differenza fra le stagioni. Accorciate il fotoperiodo di 1-2 ore sia al mattino che alla sera. Usate un timer!
- Angolo di rifrazione della luce: Difficile da simulare in vasca.
11. Aumenta il livello del plancton vegetale
Non è possibile simularlo facilmente nella vasca, si può provare con gli infusori. Anche se questo non stimola la deposizione delle uova, potrebbero essere un buon primo alimento per certe specie con avannotti molto piccoli.
12. Giusto periodo dell'anno
I pesci catturati in natura potrebbero richiedere che ci sia la stagione delle piogge nella zona da dove vengono, per deporre le uova nei nostri acquari. Controllare esattamente da dove proviene la specie e quando si verifica la stagione delle piogge là.
I pesci allevati in cattività hanno generalmente perso il loro senso di quando è la stagione delle piogge e quando non lo è, e possono spesso essere riprodotti durante tutto l’anno. Lo stesso si può dire per i pesci giovani che sono catturati in natura. Se non hanno esperienza di una stagione delle piogge potrebbe essere più facile riprodurli in un periodo differente da quello in cui depongono normalmente in natura.
13. Altri pesci che depongono
Lasciare che una specie che si riproduce facilmente deponga le uova nella stessa vasca in cui vi è la specie che si riproduce più difficilmente. Questo funziona come cura ormonale naturale.
Un'alternativa può essere quella di lasciare che la specie facile da riprodurre deponga le uova in una vasca separata, ed aggiunge l'acqua di questa vasca all’acquario della specie più difficile.
14. Suoni
Aggiungere l'acqua tramite una piastrina dl plexiglas con molti fori molto piccoli. Le gocce che vi cadono attraverso simulano lo scrosciare della pioggia sulla superficie dell'acqua.

Ulteriori idee che vengono usate dai riproduttori sono:

•   Filtrare con materiale calcareo durante la stagione delle piogge simulata. Questo rende l'acqua più dura, ma può essere il cambiamento nella chimica dell'acqua che fa deporre le uova a determinate specie.

•   Spostare i pesci ben nutriti da una vasca senza condizioni ottimali (nessun substrato di deposizione delle uova, parametri "errati" dell'acqua, molti pesci che "disturbano", ecc.) ad una vasca con buone condizioni per deporre le uova. Lo spostamento in se stesso, insieme a tutti i cambiamenti che avvengono, potrebbe convincere i pesci a riprodursi (buon modo per riprodurre molti Tetra).

Suggerimenti per un programma di riproduzione:

Preparativi e consigli:

Scegliere una vasca delle giuste dimensioni per la specie in questione. La vasca dovrebbe avere un volume che sia sufficiente quando è riempito di acqua soltanto il 25% dell'acquario. La questione più importante è che il livello dell'ossigeno sia mantenuto abbastanza alto senza filtro e pietre porose. Assicurare i nascondigli ed alcune piante. La vasca dovrebbe simulare la conclusione della stagione secca.

  • Substrato del fondo
    Se usare materiale di fondo o no può essere dibattuto. La scelta più comune è di usare alcuni tipi di ghiaia, ma si possono usare torba o lana di perlon. Quando si usa il materiale da fondo questo contribuirà ad aumentare la superficie disponibile per la moltiplicazione dei batteri buoni.

Vantaggi del materiale di fondo:

  1. Alcune specie preferiscono un fondo scuro, altre chiaro. Alcuni Corydoras albini preferiscono un fondo chiaro.
  2. Molte specie "amano" grufolare in giro per fondo, alla ricerca di cibo.
  3. Minor rischio di fungosi per gli avannotti che risiedono sul fondo (per esempio Corydoras).
  4. I genitori avranno più difficoltà a trovare e mangiare le uova che cadono su un qualche materiale da fondo.
  5. Dal fondo non provengono riflessi.

Svantaggi del materiale da fondo:

  1. Difficoltà nel vedere se tutto il cibo è stato mangiato.
  2. Difficoltà nel pulire senza sifonare.

 

  • Se non sapete come si riproducono i vostri pesci dovete allestire la vasca con un poco di tutto. Le piante possono variare dalle piante con foglie grandi (Microsorum pteropus, Echinodorus, Anubias e Hydrocotyle), con foglie fini (Myriophyllum, Cabomba ed Egeria), con foglie strette (Vallisneria) ed altre (muschio di Giava, Najas). Le piante grandi possono essere piantate in vasi per una facile rimozione. Usare radici, tubi di plastica di diametri differenti, ecc. Si possono usare piante di plastica al posto di quelle vere. Esse possono essere disinfettate, essere ripulite facilmente delle lumache, ecc.
  • La vasca dovrebbe essere riempita con acqua della vasca in cui vivevano prima i pesci ed avere la stessa temperatura. Assicurarsi che l'acqua sia stata cambiata recentemente (bassi livelli di nitrati e di nitriti).
  • Dovrebbe essere utilizzato un filtro con flusso regolabile.
  • Il parco luci dovrebbe poter dare un alto livello di luce.
  • Il riscaldatore dovrebbe essere montato lungo la parete posteriore, e dovrebbe essere facile da regolare. Assicuratevi che sia un riscaldatore di buona qualità che può essere completamente sommerso.
  • Ricoprite i lati e la parte superiore di carta per evitare di spaventare i pesci quando vi state muovendo in giro per la stanza.
  • Non alimentare con larve bianche o nere di zanzara prima dei tentativi per far deporre le uova.
  • Assicuratevi di avere torba (la torba nera è preferibile), pignette d'ontano, foglie di quercia, estratto di torba o qualunque cosa desiderate usare.
  • Scegliete animali sani e maturi con il giusto rapporto tra maschi e femmine, secondo la specie, e metteteli nella vasca da riproduzione. Dovrebbero essere ben nutriti, per potere sopravvivere ad un periodo di due settimane di stagione secca.

Schema Di Simulazione

Conclusione della stagione delle piogge: Vi è ancora qualche tipo di cibo ed il livello d'acqua non ha ancora iniziato ad abbassarsi.

Giorno 1
Alimentazione circa 1/10 del normale. Le luci ora dovrebbero avere un livello fra piena luce e "nuvoloso", circa 14 ore. Filtro che funziona a piena velocità.
Giorno 2
Abbassare il livello d'acqua di circa il 10%, alimentare 1/10 del normale. Aggiungere un po’ di calcio carbonato e magnesio solfato per aumentare la durezza totale e la durezza carbonatica di 1 grado ciascuna (un'alternativa è di togliere il 20% dell'acqua ed aggiungerne la metà d'acqua di rubinetto dura, se è disponibile). Aggiungere una dose di fertilizzante per le piante secondo le istruzioni per il vostro prodotto (dà più sali dissolti nell'acqua).
Giorno 3
Abbassare il livello d'acqua del 10% circa, non dare nulla da mangiare. Aumentare la temperatura di circa un grado.
Giorno 4
Abbassare il livello d'acqua del 10 % circa. Aumentare la durezza totale e carbonatica di 1 grado ciascuna. Alimentare 1/10 del normale. Mettere torba, pignette d’ontano, foglie, ecc. nell'acqua. I tannini e gli altri acidi umici ed organici di questi elementi saranno rilasciati lentamente nei giorni successivi.

Inizio della stagione secca: La disponibilità di cibo diminuisce e cessa. Diminuzione del livello dell'acqua e della corrente. La temperatura dell'acqua restante aumenta.

Giorno 5
Abbassare il livello d'acqua del 10% circa, non dare cibo. Aumentare la temperatura di un grado circa. Fare diminuire la corrente dell’acqua regolando il filtro. Controllare il pH.
Giorno 6
Abbassare il livello d'acqua del 10% circa, alimentare 1/10 del normale.
Giorno 7
Abbassare il livello d'acqua del 10% circa. Aumentare la durezza totale e carbonatica di 1 grado ciascuna. Smettere di dare cibo fino al giorno 21. Aumentare la temperatura di circa un grado.
Giorno 8
Abbassare il livello d'acqua del 10% circa.
Giorno 9
Abbassare il livello d'acqua del 10% circa. Aumentare la durezza totale e carbonatica di 1 grado ciascuna. Spegnere gli aeratori a pietra porosa. Togliere il filtro e pulirlo. Lasciare il filtro funzionare in un altra vasca, in modo da lasciare le colture batteriche funzionanti per quando sarà necessario dopo una settimana.
Giorno 10
Abbassare il livello d'acqua del 10% circa. Il livello d'acqua dovrebbe essere ridotto al 25% della capienza della vasca. La temperatura dovrebbe essere intorno ai 28 gradi. Mettere torba, pignette d’ontano, foglie, ecc. nell'acqua. Aggiungere il fertilizzante per piante. Aumentare l'illuminazione al massimo. Togliere tutte le piante galleggianti. Iniziare una coltura di infusori. Controllare il pH.
Giorni 11-19
Lasciare i pesci in pace.

Inizio della stagione delle piogge: Si possono vedere nel cielo le prime nubi, ma non inizia ancora a piovere.

Giorno 20
Pulire il filtro che sta funzionando in un altra vasca. Diminuire l'illuminazione, sia in intensità che in lunghezza del fotoperiodo (abbassarlo a circa 10 ore). Eliminare la torba, le foglie, ecc. Controllare il pH.

Prima pioggia:

Giorno 21
Rimettere dentro le piante galleggianti. Aggiungere più piante del tipo che i pesci preferiscono per deporre le uova. Aggiungere acqua pulita, più tenera che è possibile (è preferibile l’acqua RO), circa il 20% del volume della vasca. La temperatura dell'acqua aggiunta dovrebbe essere di circa 3 gradi più bassa di quella della vasca. Mettere il filtro e farlo funzionare a media velocità, se possibile. Si può anche provare a spegnere la luce per un paio di ore nel mezzo del giorno per simulare fitte nubi. Abbassare la temperatura del riscaldatore di 2 gradi. Alimentare poco, con larve di zanzara e naupli d'artemia appena schiusi. Aggiungere infusori in modo che l'acqua diventi leggermente opaca.
Giorno 22
Aggiungere l'equivalente del 20% del volume della vasca, con acqua dalla temperatura più bassa rispetto a quella della vasca di circa 5 gradi. Fare funzionare il filtro a piena velocità e farlo "spruzzare" contro la superficie. Abbassare la temperatura del riscaldatore di 2 gradi. Alimentare molto e spesso. Aggiungere gli infusori in modo che l'acqua diventi leggermente opaca. Aggiungere un prodotto vitaminico e fertilizzante per piante secondo le istruzioni del vostro prodotto.
Giorno 23
Aggiungere l'equivalente del 20% del volume della vasca. La temperatura dell'acqua aggiunta dovrebbe essere di circa 5 gradi più bassa di quella della vasca. Azionare l'aeratore ad un basso livello. Abbassare la temperatura del riscaldatore di 2 gradi. Alimentare molto. Aggiungere infusori in modo che l'acqua diventi leggermente opaca.
Giorno 24
Spegnere il riscaldatore se i pesci possono tollerare tali basse temperature. Aerazione a media velocità. Riempire la vasca fino al livello normale. La temperatura dell'acqua aggiunta dovrebbe essere circa 5 gradi più bassa di quella della vasca. Se necessario, aprire una finestra durante la notte per abbassare ulteriormente la temperatura. Alimentare molto. Aggiungere infusori in modo che l'acqua diventi leggermente opaca.

Culmine della stagione delle piogge:

Giorno 25
Aerazione a piena velocità. Cambiare il 50% del volume dell'acqua. Alimentare molto.
Giorni 26, 27...
Continuare come il giorno 25 fino a che non si riproducono!

© Kristian Adolfsson - Aquarticles

Commenti

E' da valutare in modo centrale, l'importanza della tranquillita' sulla quale incide fortemente cio' che vibile da dentro l'acquario, principale innaturalezza. Oscurare due o tre lati, certamente aiuta il pesce a ridurre il campo di attenzione ed a riconoscere un'area sicura, favorevole alla protezione della prole.

Aggiungi un commento

Avviso per chi vuole lasciare un commento: Questo è un sito amatoriale, che vuole diffondere una maggiore conoscenza e consapevolezza sulle specie allevate in acquario, ed è gestito da una sola persona. Se avete qualche commento da fare riguardo al sito o a questa pagina siete i benvenuti, ma per richieste d'aiuto e/o consigli per il vostro acquario è meglio rivolgervi dove ci sono più persone in grado di rispondervi, come i forum dedicati, posso consigliarvi i miei preferiti, acquariofiliafacile.it e acquarioacquadolce.it, per serietà ed attendibilità, ma ce ne sono molti altri :)

By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.