• No ai pesci giganti in acquario
  • No ai pesci rossi nella boccia
  • I pesci pulitori non esistono!
  • No ai pesci colorati artificialmente
  • No ai pesci combattenti nei vasi
  • No alle tartarughe nelle mini vaschette
Tempo di lettura
2 minuti
Letto finora

No alle Bettiere-loculo

Mar, 13/Lug/2010 - 17:26
Posted in:
0 comments

NO! ai Betta nei vasi e nelle "bettiere"

Perchè per essere creativi bisogna torturare dei pesci?

Se alle persone più sensibili non riesce difficile credere che un Betta chiuso in un vaso tappato da una pianta non possa vivere bene ed in salute, risulta molto più difficile però non credere a simili pubblicità:

Bettiera con bambu

Marina Betta Kit soddisfa tutte le voglie di colore, creatività, stile e semplicità che si cercano in un regalo. E’ un piccolo acquario che incornicia un frammento di natura meravigliosa. Non necessita né di accessori tecnici né di collegamenti elettrici ed è pensato per ospitare un inquilino veramente speciale, in grado di vivere anche in un bicchiere d’acqua: il pesce combattente.

E' vero, il pesce combattente è in grado di sopravvivere anche in un bicchiere d'acqua, grazie alla sua capacità di respirare aria atmosferica. Però sopravvive, non vive... c'è una bella differenza... Anche chi è costretto in prigione sopravvive, ma a nessuno verrebbe in mente di pubblicizzare un hotel o un residence dicendo "Venite! Starete bene come in galera!" :-)
La Askoll fa l'opposto: pubblicizza una prigione, dicendo che i Betta staranno bene come in un hotel a 5 stelle. Purtroppo loro sono muti, non possono ribattere che pure il cesso di un albergo a 5 stelle sarebbe più grande di quella galera...

Bettiera con calla

Il Betta splendens, più comunemente pesce combattente, è il bello e impossibile dell’acquario. Elegante, colorato e vaporoso non accetta di condividere il suo territorio con altri maschi: li attacca fino ad ucciderli. Un vero solitario. Un monolocale è quello che fa per lui!

Basta informarsi un po' sui pesci, su fonti serie, per capire che non è esattamente così... Il Betta non sopporta la presenza di altri maschi DI BETTA, cioè suoi consimili, con i quali combatte duramente per il territorio, ma convive pacificamente con moltissimi altri pesci, come rasbore, tanichthys, danio, ecc. tanto per restare nel suo "biotopo", ma anche con molti altri. E in un acquario molto grande e fittamente piantumato si possono benissimo allevare anche due maschi assieme, senza che si uccidano.

Marina Betta Kit è contemporaneamente contenitore di vita e complemento d’arredo. E’ un regalo adatto a chi ama la natura ma anche il design, a chi adora gli animali ma ha problemi di spazio, a chi ha tanto spazio e vuole riempirlo di emozioni. Permette di sorprendere chi lo riceve senza cadere nel “già visto!”. E ha il vantaggio di essere piccolo sia nelle dimensioni che nel prezzo.

Certo, a questo porta la voglia di essere originali a tutti i costi, e il "trend" è purtroppo un acquariofilo che guarda solo a spendere meno, a stupire e impressionare gli altri, non alla qualità di ciò che compra... Senz'altro costerà molto meno di un vero acquario, ma chi ha allevato un Betta in un vero acquario sa quanto sia affascinante osservarlo nuotare per la vasca, con le grandi pinne che fluttuano elegantemente nell'acqua... nello spazio di 2-3 litri, tanto sono grandi i loculi della Askoll, un combattente riuscirà a stento a girasi, altro che nuotare elegantemente, e sarà condannato ad una breve vita di stress, che lo porterà ad ammalarsi spesso e a morire molto prima del tempo... uno spettacolo molto emozionante per chi verrà a trovarvi!

SCHEDA TECNICA MODELLO 2L
Capienza: 2 litri
Dimensioni: cm 13,7 larghezza X 14,8 altezza X 14,8 profondità

SCHEDA TECNICA MODELLO 3L
Capienza: 3 litri
Dimensioni: cm 20,2 larghezza X 21,3 altezza X 11 profondità

Queste le dimensioni dei loculi... parlano da sole, e aggiungerei che essendo proibito in moltissimi Comuni italiani (vedi la pagina sul maltrattamento degli animali) allevare pesci in acquari della capienza inferiore a 30 litri e senza i dovuti accessori (filtro, riscaldatore ecc.) la Askoll sta pubblicamente incitando a violare i Regolamenti comunali, a rischio di sanzioni anche pesanti.

La Askoll non ama i "Betta"?
articolo sul sito del CIR, in cui si stigmatizza il fatto che anche una grande azienda itaiana come la Askoll si adegui al trend che vuole i Betta come "oggetti" d'arredamento che possono essere tenuti anche in poco più che bicchieri, senza neppure lo spazio per nuotare.
Micro-contenitori per i pesci? No Grazie!
Articolo di ValerioSub in cui si segnala perchè le microvaschette non sono adatte all'allevamento a lungo termine dei pesci
betta in a vase displays
articolo in inglese che spiega perché tali vasi sono un'aberrazione...

Aggiungi un commento

Avviso per chi vuole lasciare un commento: Questo è un sito amatoriale, che vuole diffondere una maggiore conoscenza e consapevolezza sulle specie allevate in acquario, ed è gestito da una sola persona. Se avete qualche commento da fare riguardo al sito o a questa pagina siete i benvenuti, ma per richieste d'aiuto e/o consigli per il vostro acquario è meglio rivolgervi dove ci sono più persone in grado di rispondervi, come i forum dedicati, posso consigliarvi i miei preferiti, acquariofiliafacile.it e acquarioacquadolce.it, per serietà ed attendibilità, ma ce ne sono molti altri :)

By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.